Quanto costa un sogno?!

15 gennaio 2009 1 Di redazione

Dipende.. Se si tratta di un sogno indispensabile per andare avanti, come per esempio un lavoro; oppure di uno che appaghi un desiderio antico, tipo diventare velina o letterina, e questi normalmente costano di più. Un vero e proprio tariffario non esiste; diciamo che il prezzo è proporzionale all’esigenza. E l’appetito di chi vi intravede un guadagno può essere fortemente tentato dalla buona fede di chi è disposto a credere a chiunque e a qualunque cosa pur di non dover rinunciare ad una recondita speranza.
Poi, in periodi come questo, quando tutto sembra meno raggiungibile del solito, quella buona fede aumenta in modo esponenziale, e si rischia di pagare un prezzo ancora più alto. Non sta a me stabilire chi, in questa brutta storia di cronaca, sia la vittima e chi il carnefice, perché molto spesso il confine è talmente sottile che l’esito di una riflessione potrebbe risultare addirittura sorprendente.
Piuttosto, mi intristisce pensare che la tendenza sia quella di dare un prezzo ai sogni, e di rischiare di finire per farlo anche con i sogni che facciamo ad occhi aperti …quelli che ci aiutano a sperare di poter cambiare ciò che della nostra realtà non ci piace… quelli che diventavano obiettivi da perseguire con caparbietà e ostinazione, fino a vederli diventare talmente reali da non poterci credere.
Domani, potremmo arrivare a scegliere di raggiungerli, senza più fatiche né emozioni, ma semplicemente pagando. Un prezzo per ogni sogno. E una banconota sul comodino, caso mai ce ne scappasse uno durante il sonno..
Vittoria