Giorno: 11 febbraio 2009

11 febbraio 2009 0

Calcio, il Cassino prepara la sfida con il Gela

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Doppia sessione del mercoledì per la compagine di mister Enzo Patania in vista della sfida con il Gela. I cassinati sono tornati quest’oggi ad allenarsi sul terreno del “Salveti”, sulla cui superficie comunque insistono i lavori di un pool di esperti. Nella giornata di ieri sono state posizionate le nuove porte: i benefici dovrebbero già essere visibili sin dall’incontro con i siciliani. In mattinata la squadra azzurra ha effettuato una seduta prevalentemente improntata sulla parte atletica; diversa impostazione invece per la sessione pomeridiana che ha visto Patania ed il suo staff tecnico far sudare i giocatori nell’ambito di alcune prove tecnico-tattiche. Padovani è ormai recuperato: ha ripreso ad allenarsi, seppure con moderazione, con i compagni e sarà a disposizione dell’allenatore per la sfida di domenica. Out Molinaro, Cunzi e Lo Russo assieme allo squalificato Kone. Rientra rispetto alla sfida di Avezzano anche Mucciarelli mentre è plausibile anche il debutto dell’ultimo colpo del mercato invernale Rocco Giannone.

11 febbraio 2009 0

Maxi evasione fiscale, imprenditore “dimentica” di dichiarare 15 milioni

Di redazione

Avrebbe omesso di dichiarare un reddito pari a 15 milioni di euro. E’ la risultanza di una indagine svolta dalla guardia di finanza di Frosinone fatta a carico di un importante imprenditore edile di Frosinone. L’imprenditore ha posto in essere comportamenti attivi e omissivi propri di una frode fiscale finalizzata all’evasione dell’IVA nonché all’occultamento di ricavi. Le indagini fiscali condotte si sono sviluppate anche grazie al ricorso degli  accertamenti bancari. Si è accertato che l’impresa oggetto di controllo si avvantaggiava anche della compicità di ulteriori società operanti nell’area commerciale di Roma che, operando nello stesso settore, con l’ausilio di amministratori societari fittizi al soldo dell’imprenditore ciociaro, omettevano la presentazione delle dichiarazioni fiscali annuali; inoltre mettevano anche  a disposizione del denunciato i propri conti bancari in cui venivano fatti transitare parte dei proventi occultati al fisco, al fine di sfuggire così ai controlli. In sintesi, la complessa attività ha consentito di contestare che in 5 anni non sono stati dichiarati circa 15 milioni di euro di ricavi per un’evasione IVA per oltre 1 milione di euro.

11 febbraio 2009 0

Mangia un panino e il camion… se ne va

Di redazione

La fame annebbia la vista e offusca la ragione. Lo sa bene un  camionista campano che ieri ha pagato a caro prezzo gli avidi morsi dati ad un panino comprato sulla superstrada Cassino Formia nel territorio di Castelnuovo Parano. Alle 13 circa ha parcheggiato il suo camion carico di tubi in ferro e si è diretto verso un’attività commerciale per comprare il suo desiderato panino. Probabilmente non ha fatto in tempo a dare neanche un morso dato che le urla provenienti dall’esterno del negozio lo hanno distolto dal suo intento. Ad urlare erano le persone che vedevano il suo camion muoveri, diretto verso le due corsie della superstrada, senza nessuno alla guida. Lo aveva lasciato senza freni o, per un guasto meccanico, il mezzo si era sfrenato. Una folle corsa per cercare di raggiungerlo ma il tir ormai aveva preso velocità e, uscendo dal piazzale in cui era parcheggiato, ha attraversato le due corsie ed è finito su un terreno privato. Per fortuna non ha travolto nessuna delle auto in transito.

11 febbraio 2009 0

Guerra ai randagi, il sindaco li vuole abbattere

Di redazione

Il sindaco di San Donato Val Comino ha dichiarato guerra ai cani randagi che circolano nei boschi nelle appendici del parco nazionale D’Abbruzzo Lazio e Molise. Il primo cittadino Antonello Antonellis ritiene necessario pensare ad un piano di abbattimento dei branchi di randagi. Un piano che non escluda alcuni sistema, anche quelli più cruenti e spiccioli purché efficace. L’iniziativa si sarebbe resa necessaria a causa delle continue aggressioni ai caprioli che, dal parco, si sipingono verso la zona preparco costituita dal territorio comunale di San Donato. In circa tre anni sarebbero una decina gli animali selvatici uccisi dai branchi. Un’iniziativa che ha sollevato le polemiche delle associazioni animaliste ed in particolare dell’Enpa.