Camorra, autosaloni e conti correnti sotto sequestro

12 febbraio 2009 0 Di redazione

Non si spegne il clamore della maxi inchiesta sul mercato delle auto che, nel Basso Lazio, era gestito da una organizzazione vicina al clan dei Casalesi. Lunedì i carabinieri hanno notificato 73 avvisi di garanzia tra Lazio, Campania e Abbruzzo, 40 indagati  sono stati arrestati, 18 erano della provincia di Frosinone.  Mentre sono iniziati gli interrogatori di garanzia nelle varie carceri in cui i coinvolti sono detenuti in regime di arresti cautelari, continuano i sequestri svolti dalla guardia di finanza. Ieri, dopo immobili ed aziende sequestrate a Castrocielo, a San Vittore del Lazio è stato sequestrato un altro autosalobne con un parco mezzi dal valore superiore ai 700 mila euro. I finanzieri sono arrivati mentre le auto stavano per salire su una bisarca (camion adibito a trasporto macchine). Sequestrati anchje oltre 300 conti correnti in diverse banche della zona maanche in Lombardia. Individuate obbligazioni per centinaia di migliaia di euro. Le operazioni di sequestro andranno avanti per altri giorni e ci si aspettano importanti novità.