Gli notificano lo sfratto e lei si dà fuoco

24 febbraio 2009 0 Di redazione

Una donna di 65 anni, questa mattina si è data fuoco davanti all’ufficiale giudiziario che stava eseguendo lo sfratto dell’appartamento di Olevano Romano (Roma). La commerciante ambulante era morosa da molti mesi perchè, senza pensione, vive facendo mercatini di abiti usati e non riesce a far fronte alle spese. Il padrone di casa, quindi, alla fine le ha dato lo sfratto che è stato rinviato già altre volte, ieri però sarebbe stato effettuato senza deroghe. Per questo la donna aveva comprato alcune bottiglie di alcool e alla vista dell’ufficiale giudiziario se l’è versato addosso e al no proferito dall’ufficiale giudizairio alla richiesta di rinvio, ha innescato le fiamme che si sono propagate in un attimo all’appartamento pieno di stracci. Sul posto sono accorsi carabinieri e vigili del fuoco che l’hanno soccorsa ed è stata trasportata al in gravi condizioni all’ospedale S. Eugenio di Roma. L’appartamento è andato distrutto.