Giorno: 25 marzo 2009

25 marzo 2009 0

Centauro contro auto, è grave

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

[flashvideo file=http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/wp-content/uploads/2009/03/incidente_25-3-2009.flv /]

25 marzo 2009 0

L’ESITO DEL SONDAGGIO NON MI PIACE!

Di redazione

Insomma, ve ne rendete conto …voi che avete votato… che siete nettamente in controtendenza? Devo dirvelo io che i matrimoni con rito religioso sono ampiamente in calo? Perché, poi, il dato che dovete andare a vedere non è solo quello relativo a quanti lo scelgano, ma sarebbe interessante sapere quanti siano i matrimoni che si rivelino effettivamente resistenti nel tempo. Cioè, dovreste dirmi quanti, su una media di ..diciamo.. dieci anni, non arrivino a chiedere l’annullamento alla Sacra Rota. Guardiamo la cosa a monte: cos’è il matrimonio? Non è forse un contratto? Adesso, che lo si voglia fare con un abito bianco e con la chiesa bene addobbata, il riso e i confetti, il banchetto nuziale ed il lancio dei fiori, senza tralasciare le terribili bomboniere, il risultato non è comunque sempre quello di assumersi tutta una serie di impegni con il proprio …“mezzo limone” (riferimento ad una battuta tratta da un film di Aldo, Giovanni e Giacomo, ndr)?! E per far questo, non è sufficiente recarsi al Palazzo Comunale, con un paio di testimoni, e sancire un impegno duraturo? Tanto, infedeli e spergiuri di natura non sarà l’acqua benedetta a modificarli geneticamente e redarguirli! E, considerati i comportamenti ormai troppo leggeri che vanno per la maggiore di questi tempi, non è meglio lasciare da parte Dio, evitando di fargli promesse di cui potremmo chiedere l’annullamento subito dopo, e scegliere, invece, di “contrattualizzare” l’unione? Adesso che si è sentito ancor più confortato dal vostro voto, sarà una dura impresa convincere il mio fidanzato che sia più conveniente una cerimonia civile piuttosto che il matrimonio in chiesa. Avete visto che bel guaio mi avete combinato?!..  🙁

25 marzo 2009 0

Il vino “parlante” si racconterà direttamente dalla bottiglia

Di redazione

Basterà avvicinare una penna all’etichetta della bottiglia di vino e il produttore ci accoglierà direttamente con la registrazione della sua voce: è quanto verrà presentato alla prossima edizione di Vinitaly. Identica a tutte le altre etichette, da queste si differenzia solo per una particolare spalmatura di inchiostro, resa leggibile attraverso un piccolo lettore a forma di penna, che verrà fornito insieme al vino. Chissà che tra qualche anno – volendo guardare un tantino oltre – sulle etichette non sarà possibile trasmettere, su una sorta di video, la cronistoria di quel vinello da quando era grappolo in poi.

25 marzo 2009 0

In arrivo le badanti… robot

Di redazione

Ormai, di cosa vogliamo stupirci ancora? E se la notizia arriva dal Giappone, spesso lo stupore è davvero assicurato. Questa volta pare, infatti, che il rimedio escogitato contro una società – quella nipponica – in rapido invecchiamento, con conseguente scarseggio di forza lavoro, sia la produzione di robot tuttofare. Stando a quanto previsto dalla commissione di studio del governo, pare che l’arrivo sia atteso entro i prossimi 5 anni, e il tempo di attesa sarebbe così lungo poiché, oltre alla tecnologia già pronta da tanto, ora occorre stabilire regole precise per quanto concerne gli standard di sicurezza dei nuovi lavoratori bionici. E se davvero, poi, dovessero rivelarsi utili per le faccende di casa, giuro che andrò fino in Giappone a comprarmene uno!

25 marzo 2009 0

Trovato l’antitodo per rughe e cellulite

Di redazione

Alterazione della matrice interstiziale, con conseguente riduzione della microcircolazione e relativo aumento dell’acidità cutanea: ecco cosa ci sarebbe alla base degli inestetismi più detestati e combattuti dal gentil sesso. L’antidoto consisterebbe in microvibrazioni compressive di sfere di silicone. Nel nostro Paese, attualmente ci sono ben 20 milioni di donne che, a partire dai 15 anni, si ritrovano a dover fare i conti con la cellulite, contro la quale non sempre creme e lozioni risultano efficaci. “Endospheres” – questo l’innovativo sistema – invece, permetterebbe di arrivare laddove tutti gli altri normalmente falliscono: ideato presso la Scuola di Chirurgia dell’Università di Siena, sarebbe stato già testato su un campione di circa 8 mila donne. L’effetto sarebbe quello di riattivare quei processi metabolici in grado di migliorare l’attività vascolare e la rigenerazione dei nuovi tessuti; inoltre, stimolerebbe l’attivazione delle endorfine, causa del dolore tipico della cellulite comunemente detta “a buccia d’arancia”. Non solo: pare che questo rivoluzionario sistema sia indicato, oltre che per panniculiti cellulitiche, anche per il trattamento delle patologie flebolinfatiche (gonfiori alle gambe) e nelle alterazioni del microcircolo venoso. E in vista della “prova costume” questa notizia non può che confortare..

25 marzo 2009 0

LA MOGLIE LAVORA TROPPO. E LUI L’AVVELENA

Di redazione

Un gesto simile lo si sarebbe, forse, compreso per gelosia verso un altro uomo, ma verso la campagna e la dedizione al lavoro bucolico diventa un tantino fuori luogo. A pagarne le spese, la moglie di un vendicativo 51enne della provincia di Digione, tale Jacky Chatelain, proprietario di un vigneto, oggi sotto accusa per aver tentato di avvelenare sua moglie, poi ammalatasi a causa degli effetti estremamente nocivi dell’arsenico. A termine di una lunga indagine, durata ben quattro anni, l’uomo sarebbe stato arrestato, e pare abbia ammesso di aver tentato la strada dell’avvelenamento poiché si sentiva trascurato. Intanto, la coppia aveva divorziato tre anni fa.

25 marzo 2009 0

Le impongono un rapporto sessuale a tre, scatta l’arresto

Di redazione

Ha rifiutato l’amplesso a due e per questo è stata minacciata con una pistola. E’ accaduto a Ceccano (Fr) dove un a prostituta nigeriana di 21 anni ha concordato il prezzo per una prestazione sessuale con due quarantenni del posto. S. D. e M.F. pagando la somma di 100 euro, chiedevano di “congiungersi simultaneamente” con la prostituta. Non è ben chiaro se l’accordo era stato fatto prima o se le intenzioni sono cambiate successivamente, sta di fatto che la donna si sarebbe rifiutata prostituirsi con entrambi contemporaneamente e, uno dei due clienti ha estratto la pistola vera (non con il tappo rosso). Anche la minaccia di usare l’arma non è servita per ottenere la prestazione richiesta, pertanto i due hanno preteso la restituzione dei soldi. Mentre i tre si recavano dalla collega alla quale la 21enne aveva consegnato la somma, la ragazza è riuscita a lanciare l’allarme ai carabinieri i quali, intervenuti, hanno bloccato i due uomini e li hanno arrestati con l’accusa di estorsione aggravata.

25 marzo 2009 0

L’altra faccia di Internet: vetrina per prostituzione e armi

Di redazione

Favoreggiamento della prosituzione e istruzioni per realizzare armi chimiche da guerra. Erano le attività svolte da due siti internet oscurati ieri dalle forze dell’ordine tra Verona e Catania. Il primo era un  importante sito di annunci che promuoveva incontri con prostitute. Lo spazio webè stato oscurato dalla squadra mobile di Verona, che ha anche denunciato 15 persone per sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione. All’operazione hanno partecipato anche le questure squadre di Treviso, Padova, Udine, Bologna e Mantova. L’indagine ha accertato che gli indagati favorivano lo sfruttamento e il favoreggiamento della prostituzione attraverso l’intermediazione volta a procurare clienti a migliaia di giovani prostitute del Nord Italia. Il sito era stato registrato in Slovenia. Un’altra indagine, svolta invece dalla Procura di Catania ha individuato un gruppo di cinque persone che getivano un sito per la divulgazione su internet di istruzioni su come realizzare e utilizzare ordigni esplosivi. Mettevano on line anche manuali multimediali che spiegavano come costruire armi da guerra, attuare attacchi chimici con sostanze batteriologice nocive o pericolose. Disposte quindi perquisizioni in diverse città italiane: oltre a Catania anche, Roma, Bergamo, Terni, Salerno e Potenza. Squestrati proiettili a pallettoni, munizioni per armi da guerra, oltre al sequestro amministrativo di due fucili e sette pistole. Trovato molto materiale informatico e cartaceo con istruzioni per la costruzione di ordigni e la manomissione di cabine telefoniche. Durante gli accertamenti sono state denunciate altre due persone per detenzioni di armi. Le indagini non hanno evidenziato collegamenti tra gli indagati ed ambienti politici o terroristici.

25 marzo 2009 0

Largo Don Bosco inaugura la stagione delle “Passioni Viventi”

Di redazione

La Passione di Gesù Cristo ricostruita domenica scorsa nella contrada Solfegna Cantoni di Cassino. Ad organizzarla è stata l’associazione “Largo a Don Bosco”, cooperatori salesiani Adma e Gesù risorto; ad officiarla invece è stato il parroco della chiesa di San Pietro don Fortunato Tamburrini. Hanno partecipato all’iniziativa i residenti della zona ma in particolare tanti giovanissimi ai quali è stato affidato il compito della lettura dei passi della Bibbia. La Via Crucis è terminata dinnazi al gruppo statuario sito in Largo Don Bosco con la lettura della Resurrezione di Gesù affidata a Martina Capraro. Il parroco dopo aver le benedetto i presenti ha rimarcato la massiccia presenza di giovani.

25 marzo 2009 0

Cento cammelli per la vita di un uomo

Di redazione

La vita di un uomo vale cento cammelli. Lo ha stabilito un tribunale islamico somalo condannando un miliziano armato, accusato di aver ucciso un responabile della Fao, a risarcire gli eredi della sua vittima con ben 100 cammelli. I giudici avevano chiesto alla famiglia di scegliere tra la pena di morte e un risarcimento ed i congiunti della vittima hanno scelto il riscatto economico. Il processo si è svolto nella città di Bardhubo, nella regione di Gedo, controllata dai guerriglieri islamici al Shabab e dai loro alleati locali. Bell’esempio di civiltà!