Giorno: 1 aprile 2009

1 aprile 2009 0

Ubriaco al volante investe un pedone

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Un pedone di 50 anni è rimasto gravemente ferito ieri sera a Sant’Elia dopo essere stato investito in Via Roma. L’uomo stava attraversando la strada quando una Fiat Punto lo ha letteralmente travolto lasciandolo agonizzante sull’asfalto. Un’ambulanza del 118 si è portata sul posto e gli operatori hanno prestato le prime cure al ferito che poi è stato trasportato in ospedale a Cassino. I medici hanno scongiurato emorragie interne ed hanno giudicato le ferite dell’uomo guaribili in trenta giorni. Gli agenti della polizia stradale del distaccamento di Cassino agli ordini del comandante Roberto Donatelli hanno effettuato i rilievi del caso ed hanno sottoposto l’automobilista alla guida dell’utilitaria all’etilometro; l’esito è stato positivo. L’uomo, anch’egli di 50 anni è stato denunciato per guida in stato di ebbrezza alcolica.

1 aprile 2009 0

Droga e soldi falsi sullo stesso canale di spaccio

Di admin

Soldi falsi sullo stesso canale di spaccio della droga. E’ quanto emerso a Cassino in eguito all’arresto di due noti pregiudicati del post. Antonio Spada, 30 anni ed Emiliano Marsiglia 33 anni, sono stati arrestati dai carabinieri a Capua perchè trovati in possesso di un chilo di haschisch e 2000 euro falsi in banconote di vario taglio. I due avevano fatto “spese” a Secondigliano e stavano tornando a Cassino dove avrebbero poi spacciato sia la droga che la valuta contraffatta. Per questo i due sono stati arrestati ma l’episodio testimonia un particolare fenomeno e cioè che la diffusione della valuta falsa sembra accompagnarsi sempre più spesso con lo spaccio della droga. I carabinieri della compagnia di Cassino agli ordini del capitano Adolfo Grimaldi hanno perquisito a lungo le abitazioni dei due uomini arrestati.

1 aprile 2009 0

Atterraggio d’emergenza a Fiumicino

Di admin

E’ bastato sostituire un led, ma la paura è stata tanta. Il boeing 763 decollato alle 11 e 40 da Malpensa e diretto a New York ha chiesto l’atterraggio di emergenza alla torre di controllo dell’aeroporto più vicino, il Leonardo da Vinci, a Fiumicino. A bordo infatti le spie segnalavno avarie all’impianto elettrico e agli aerofreni del velivolo. Sulla pista numero 16 di Fiumicino è stato immediatamente attivato il piano di emergenza, ma,fortunatamente l’aereo con 185 passeggeri e 12 membri dell’equipaggio, è atterrato senza alcun problema. I tecnici hanno accertato che il problema era solo un led bruciato. Il velivolo ha poi proseguito il viaggio per gli Usa.

1 aprile 2009 0

Cassino Calcio, match verità contro l’Andria senza Mezgour

Di redazione

Niente “pesci d’aprile” ma ordinaria doppia seduta per gli azzurri di mister Enzo Patania. La truppa cassinate ha effettuato, infatti, in mattinata la consueta sessione di palestra agli ordini del prof. Albarella, all’interno del vicino Palazzetto dello Sport. Nel pomeriggio invece la squadra cassinate ha lavorato sulla terra battuta del “Salveti2”, ove si è prodotta prima in una partitella a ranghi misti ed a campo ridotto, poi nelle prove di alcuni particolari schemi sia d’attacco che di difesa. Buone nuove giungono dall’infermeria: Manuele Guzzo, che ieri era stato fermo a causa di un attacco influenzale, ha ripreso ad allenarsi con i compagni; già nella seduta del martedì era invece tornato in gruppo Vianello, anche lui ormai ristabilitosi. L’unico elemento, oltre a Lorusso, che non sarà quindi disponibile per l’importante sfida del “Degli Ulivi” è Adil Mezgour, che come previsto ieri è stato fermato per un turno dal giudice sportivo, causa recidività in ammonizione. Nessuna squalifica invece per mister Patania che è stato solo diffidato e che quindi in terra pugliese sarà regolarmente in panchina.

1 aprile 2009 0

Maxi evasione, 65 le persone denunciate

Di redazione

La maxi evasione da 150 milioni di euro si arricchisce di nuovi particolari emersi nel corso della conferenza stampa di oggi. Si tratta dell’ultimo colpo inferto dalla guardia di finanza alla famiglia di Sora, facente capo a Aladino SAIDI. Il promotore delle attività illegali che, nel corso degli anni, al fine di conseguire facili arricchimenti, ha evaso sistematicamente le imposte. Ci si tratta della “Nik car Export S.r.l., Unipersonale e Saidi Aautoimport S.r.l., per lo più operanti nel settore del commercio di autoveicoli. Altissimo il numero dei denunciati, ben 65 le persone che devono rispondere di “associazione a delinquere e riciclaggio”. L’entità della frode fiscale accertata, ha generato i presupposti per l’attivazione dell’A.G. di Cassino, – P.M. dr. Carlo Morra – per esperire più appropriate ed incisive indagini penali di natura finanziaria e patrimoniale, in ambito nazionale, nei confronti dei soci delle aziende e dei loro familiari, le cui risultanze hanno portato alla denuncia di diversi soggetti. Nello specifico, gli accertamenti hanno dato modo di individuare la società, che ha svolto funzioni di “cassaforte”, la “Alaimmobiliare Srl”. La stessa è risultata proprietaria di beni immobili riconducibili direttamente a Aladino Saidi (attualmente in regime di detenzione). L’ingente evasione fiscale è stata perpetrata con il sistema delle frodi carosello all’Iva.Compravano macchine all’estero senza pagare l’iva, che però facevano pagare, al 20 per cento, ai clienti italiano consegnando loro anche la fattura da scaricare con ulteriore danno per l’erario. Le accurate investigazioni condotte dagli uomini del Nucleo di Polizia tributaria e della Brigata di Ceprano hanno consentito di appurare fatture false per oltre 56 milioni di euro e scovare redditi nascosti pari a 37 milioni di euro nonché violazioni all’Iva di oltre 28 milioni di euro. Ben 22 le persone denunciate all’Autorità giudiziaria per i reati che vanno dall’associazione per delinquere finalizzata al riciclaggio ed all’evasione fiscale, interposizione fittizia di beni e falso ideologico. Complessivamente l’intera attività investigativa condotta nello stesso contesto nella Provincia negli ultimi due anni ha permesso agli uomini delle Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Frosinone di scoprire come il mercato delle autovetture in Ciociaria fosse distorto da un giro illecito di fatture fittizie che è stato quantificato in 151 milioni di euro, sono stati individuati redditi sottratti al fisco pari a 92 milioni di euro nonché un IVA evasa pari a 61 milioni. Tale situazione ha palesato reati di natura tributaria legati all’evasione fiscale oltre che al riciclaggio e alla fittizia intestazione di beni ed ha consentito la denuncia all’autorità giudiziaria di complessivamente 65 soggetti.

1 aprile 2009 0

Alberi con radici inadatte al centro città: il lettore segnala

Di redazione

Alberi non adatti a vivere nel centro di una città creano disagi e danneggiamenti ai beni di pubblica utilità. Un problema segnalato da un nostro lettore. Pasquale P. ha inviato una mail corredata da foto sostenendo quanto segue: “L’invasione delle radici. Si nutrono, prolificano, rovinano marciapiedi, spaccano le soglie di marmo di accesso ai negozi di Cassino, riempiono i tombini con il loro filamento, creano danni all’acquedotto, generano costi di manutenzione molto alti, per il comune di Cassino. In particolare alcuni giorni fa, è stato necessario l’intervento di una ruspa che ha sollevato un grosso coperchio di cemento, per facilitare l’accesso di tre operai manutentori che per ore hanno ripulito il tombino da radici e terra. Non conviene tagliare le pianta e magari ripiantare un altro albero che abbia struttura radicea più adatta ai marciapiedi cassinati?”

1 aprile 2009 0

Maxi evasione, smembrata un’organizzazione di stampo… familiare

Di redazione

Un’intera famiglia dedita all’evasione fiscale. Si tratta di fratelli, o parenti prossimi ad un commerciante di auto di Sora gia agli arresti. Le fiamme gialle del comado provinciale di Frosinone, hanno tolto il coperchio ad una “pentola” che celava 151 milioni di euro. A tanto ammonterebbe le false fatturazioni calcolate in circa due anni di indagini dagli uomini del colonnello Giancostabile Salato e del capitano Giovanni De Luca. Una decina di società riconducibili allo stesso commerciante di auto sarebbero i mezzi con i quali l’organizzazione “familiare” avrebbe messo insieme ricchezze enormi eludendo il fisco. Nell’intera provincia infatti, le indagini svolte dalle fiamme gialle parlano di 151 milioni di euro, di cui 92 milioni dii redditi non dichiarati e 61 milioni d’iva evasa. Per questo sono stati sequestrati 27 terreni e 9 fabbricati tra le province di Roma e Frosinone, oltre a quote societarie, tutto per un valore di circa 10 milioni di euro.

1 aprile 2009 0

Finto dentista scoperto con le mani… in bocca

Di redazione

I Finanzieri della Tenenza di Sessa Aurunca, a seguito di accurate indagini info–investigative, hanno individuato uno studio dentistico privo di ogni autorizzazione in località Roccamonfina. L’attività era gestita da un falso medico che non aveva mai conseguito alcun titolo per l’esercizio della professione di odontoiatra, il quale, all’atto del controllo delle Fiamme Gialle, era intento a curare un ignaro paziente, al quale stava prescrivendo anche specifici farmaci. Le prestazioni assicurate dal fantomatico specialista – noto come dentista ai propri clienti – erano tutte quelle normalmente rientranti nel campo odontoiatrico. S. L., di trentasei anni, è stato denunciato alla competente A.G. per l’esercizio abusivo della professione e tutte le attrezzature presenti nello studio sono state sottoposte a sequestro.Il laboratorio era completamente sprovvisto delle necessarie autorizzazioni e, pertanto, è stato richiesto l’intervento dei tecnici della locale ASL, i quali hanno rilevato numerose irregolarità di specifica competenza, anche con riguardo allo smaltimento dei rifiuti “speciali”. Sono in corso ulteriori accertamenti riguardanti il settore tributario, finalizzati a determinare il periodo in cui è stata esercitata la professione abusiva, nonché l’ammontare delle imposte sottratte alle casse dello Stato.