Giorno: 27 aprile 2009

27 aprile 2009 0

Muri lesionati, scuola media chiusa

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Le lesioni sui muri fanno paura tanto che a protestare stamattina davanti la scuola media Conte c’erano circa un centinaio di genitori. Chiedevano verifiche strutturali che scongiurassero il rischio di crolli. Con una ordinanza il sindaco ne ha sancito la chiusura da oggi fino al 2 maggio per permettere ai tecnici del comune di effettuare verifiche. Per questo, in seguito ad un sopralluogo svolto questa mattina anche dal genio civile, i 530 alunni sono stati fatti uscire. Un gruppo di genitori aveva protestato ritenedo che il pericolo fosse stato sottovalutato. Le crepe sui muri, alcune nuove altre vecchie ma “allargate” dalle scosse di terremoto, spaventano tanto che molti genitori avevano già smesso di mandare i figli a scuola.

27 aprile 2009 0

Sala bingo sotto sequestro per Camorra

Di redazione

La sala Bingo di Ferentino è stata posto sotto sequestro dai Finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Frosinone, nell’ambito di una vasta operazione antimafia condotta dal GICO di Napoli e dallo SCICO di Roma, nel corso di una operazione che ha portato all’arresto di trenta persone in tutta Italia. Con questa ulteriore, sostengono gli inquirenti, sarebbe stata colpita un’organizzazione di camorristi, mafiosi e imprenditori collusi che controllavano le imprese nel settore dei giochi pubblici, come le sale Bingo e le scommesse sportive ed avevano esteso i propri interessi anche in Ciociaria. I reati contestati vanno dall’associazione a delinquere di tipo mafioso, all’estorsione, alla truffa ai danni dello Stato, al riciclaggio di denaro, alla corruzione di pubblici ufficiali. L’indagine vede coinvolte 87 persone indagate a vario titolo, oltre al sequestro di 39 società, 23 ditte individuali, 100 immobili, tra cui 8 sale Bingo, 104 veicoli, 140 quote societarie, 220 rapporti bancari, per un valore complessivo pari ad oltre 150 milioni di euro. L’attività di contrasto operata nei confronti della criminalità organizzata dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Frosinone è finalizzata ad evitare la penetrazione di interessi illeciti nel sistema economico del frusinate, perseguendo l’obiettivo primario di incidere sui flussi di denaro sporco e di privare le organizzazione criminali delle risorse economiche.

27 aprile 2009 0

Un distributore di carburante ad uso personale

Di redazione

In una operazione anticontrabbando di carburante, ieri la guardia di Finanza ha sequestrato un deposito commerciale di prodotti petroliferi a Pontecorvo. L’operazione rientra nell’ambito di specifici servizi di controllo a tutela della pubblica sicurezza e del contrabbando di prodotti petroliferi, (garantita dal rispetto delle norme in tema di stoccaggio/vendita di prodotti petroliferi). Il deposito si trova nelle immediate adiacenze di fabbricati adibiti a civile abitazione e dispone addirittura di una colonnina del tipo stradale utilizzata per il rifornimento di automezzi di uso privato senza la prescritta licenza. L’attività investigativa posta in essere ha inoltre consentito di rilevare che all’interno del deposito mancano totalmente le manichette antincendio e che gli estintori in dotazione sono inadeguati e sprovvisti della regolare revisione periodica. Nel piazzale sono inoltre detenuti diversi serbatoi per lo stoccaggio del GPL in evidente stato di abbandono, creando un grave pericolo per la sicurezza e incolumità pubblica, in quanto non inertizzati e degassificati. Il servizio ha portato al sequestro di circa 24.000 kili di gasolio, nonché dell’intera area ove è situato il deposito, e la denuncia all’autorità giudiziaria di F.G., un noto imprenditore di Gaeta. Sono ancora in corso accertamenti relativi alla normativa ambientale in quanto presso il sito sono detenuti materiali ferrosi in disuso.

27 aprile 2009 0

Avevano sequestrato assessore per portarlo al cospetto del boss

Di redazione

Avevano sequestrato un assessore ai lavori pubblici per portarlo al cospetto del loro boss. Da quel gesto, che vide protagonista suo malgrado l’amministratore del comune di Poggio Marino, è partita un’indagine della procura antimafia di Napoli che ha portato all’arresto circa 20 persone che costituivano il clan di Antonio Giuliano detto “‘o Savariello”. Davanti al capoclan all’assessore venne imposto di comunicare alla cosca i nomi di tutte le ditte aggiudicatrici degli appalti pubblici. Alle ditte il clan Giuliano imponeva l’aquisto del calcestruzzo della ditta “Stella Calcestruzzo srl”, sequestrata nel corso dell’operazione denominata ‘Gustò, che imponeva un sovraprezzo di due euro al metro cubo come tangente a favore al clan. Oltre ai venti arresti la Dia ha sequestrato beni per 10 milioni di euro.

27 aprile 2009 0

Prove di democrazia; votano anche le donne… forse

Di redazione

Il vice ministro degli affari locali Arabo ha annunciato che è allo studio del Governo una proposta che possa permettere alle donne di votare nelle prossime elezioni municipali che ci saranno quest’anno. Un probabile passo avanti però ma lo stesso vice ministro ha anche assicurato che non sarà possibile per appartenenti al gentil sesso arabo, candidarsi a cariche politiche. Le elezioni di amministratori però, nel Paese mediorientalke rappresentano di per sé una novità. Infatti le prime indette, dalal nascita della nazione, risalgono al 2005 ed hanno avuto un effetto limitato considerando che solo gli uomini al voto, potevano eleggere solo la metà dei consigli comunali; l’altra meà rimane nominata dal governo.

27 aprile 2009 0

Vivono come animali tra i torpi e gli escrementi

Di redazione

Vivono come gli animali, con i topi che gli camminano addosso mentre dormono, mangiano nello stesso posto dove defecano. Il loro ricovero, un capannone in via Garigliano prima sequestrato e poi confiscato alla camorra, è diventata una vera bomba chimica e i residenti chiedono alle istituzioni di intervenire. Sono due stranieri, probabilmente polacchi, che passano la giornata chiedendo l’elemosina per poter comprare vino o birra. Quello che era un chiosco per la vendita di frutta è diventato un vero immondezzaio a pochi passi dalle abitazioni e vicino alla scuola media Di Biasio. Attorno alla tenso struttura, le “pareti” di teli, strappate in più punti, nascondono una stomachevole situazione. Siamo entrati ed abbiamo visto un uomo che dorme profondamente con i topi che gli camminano addosso; una cucina, il tavolo realizzato con cartoni sospesi su una struttura di ferro, secchi di lamiera per sedie, un piatto sporco e un succo di frutta sul tavolo e a fianco, la cloaca che emana un fetore impossibile. Immagini che nessuno può scorgere dal vicino marciapiedi dove transitano centianaia di studenti di ogni età diretta alla stazione o alle fermate degli autobus. I residenti della zona non sopportano più la situazione e chiedono l’intervbento delle istituzioni. Con l’aumento delle temperature, infatti, prolifereranno topi e aumeterà il rischio di malattie.

27 aprile 2009 0

Abusa della figlia minorenne, 40enne in manette

Di redazione

E’ stato sorpreso dalla polizia mentre abusava della figlia minorenne ed è stato arrestato. Si tratta di un albanese di 40 anni residente a Boville Ernica. Da tempo gli agenti della Squadra Mobile della questura di Frosinone lo avevano sotto controllo. A innescare le indagini sarebbe stata la segnalazione di un conoscente. Sabtato sera gli agenti sono intervenuti nell’appartamento dove presumibilmente si consumavano le violenze. L’uomo è stato arrestato e nei prossimi giorni verrà sottoposto all’udienza di convalida dell’arresto.