Giorno: 29 aprile 2009

29 aprile 2009 1

La scuola in una tendopoli

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

La scuola media ed elementare di San Pietro Infine (Ce) è chiusa per verifiche da almeno una settimana. Per evitare di perdere altre lezioni, la protezione civile ha montato nei pressi del plesso di piazza Risorgimento, sette tende che sostituiranno le aule, i cui i circa ragazzini potranno tornare tra i banchi. Una soluzione ovviamnete provvisoria, che se dovesse prolungarsi, la vedia sarà trasferita a Roccadevandro, (Ce) e l’elementare a Mignano Montelungo.

29 aprile 2009 0

Un paesino “lesionato”, evacuata una casa

Di redazione

Una casa di Belmonte Castello (Fr) è stata evacuata a cuasa delle preoccupanti lesioni su muri e sui solai. L’anziana coppia che abita nella struttura di via Spedina ha dovuto lasciare la scorsa notte la propria casa dopo un sopralluogo dei vigili del fuoco di Cassino. Le lesioni sono presenti su ogni muro, portante o tramezzo, finanche sui soffitti. Quella della casa di via Spedina non è l’unica situazione di pericolo a Belmonte. Il piccolo centro fa registrare i maggiori danni ad ogni scossa di terremoto, come quella di febbraio dell’anno scorso quando è stata resa inagibile la scuola e la chiesa. Da allora sarebbero almeno 150 le case i cui proprietari hanno denunciato danneggiamenti. Danni però non nosolo causati dal terremoto ma anche da un sinistro fenomeno che vede un lato della montagna che sovrasta il paese, scendere lentamente verso valle. Un movimento impercettibile all’occhio umano ma che lascia i segni sulle case e sulle strade. Al momento la coppia di anziani coniugi si è trasferita nella vicina casa della figlia ma già altri sono allarmati.

29 aprile 2009 0

I segreti di due vite spezzate dalla follia

Di redazione

In poche ore di follia si è consumata una tragedia che ha distrutto la vita di Bruno Condelli di 32enne e di Grazia Gioviale di 18 anni entrambi di Potenza. La verità (Guarda la video notizia) di cosa sia realmente accaduto, probabilmente, non emergerà mai dato che i due sono entrambi, drammaticamente morti, lei a Tito, in provincia di Potenza, lui tre ore dopo sull’A1 a Castrocielo (Fr) in seguito ad un rocambolesco incidente. Quello che resta sono solo la certezza della loro morte e che ad uccidere la ragazza siano state coltellate alla gola; il resto sono solo ipotesi. Ipotesi che sia stato lui a sferrare quelle coltellate nella mansarda di Tito dove i due fidanzati si incontravano, (e per questo i carabinieri di Potenza lo stavano cercando), ipotesi che lui, dopo aver tamponato il tir a Castrocielo, sia uscito dalla sua auto per cercare la morte gettandosi sotto un altro camion. Per questa vicenda, le procure, quella lucana e quella cassinate, hanno aperto due distinti fascicoli: a Potenza la magistratura lavora sul caso di omicidio volontario della ragazza; a Cassino invece è stati indagato per omicidio colposo il conducente del camion che si è trovato di fronte il 32enne investendolo ed uccidendolo. Il corpo di lui è nell’obitorio di Cassino ed oggi verrà sottoposto ad autopsia.