Sala bingo sotto sequestro per Camorra

27 aprile 2009 0 Di redazione

La sala Bingo di Ferentino è stata posto sotto sequestro dai Finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Frosinone, nell’ambito di una vasta operazione antimafia condotta dal GICO di Napoli e dallo SCICO di Roma, nel corso di una operazione che ha portato all’arresto di trenta persone in tutta Italia. Con questa ulteriore, sostengono gli inquirenti, sarebbe stata colpita un’organizzazione di camorristi, mafiosi e imprenditori collusi che controllavano le imprese nel settore dei giochi pubblici, come le sale Bingo e le scommesse sportive ed avevano esteso i propri interessi anche in Ciociaria. I reati contestati vanno dall’associazione a delinquere di tipo mafioso, all’estorsione, alla truffa ai danni dello Stato, al riciclaggio di denaro, alla corruzione di pubblici ufficiali. L’indagine vede coinvolte 87 persone indagate a vario titolo, oltre al sequestro di 39 società, 23 ditte individuali, 100 immobili, tra cui 8 sale Bingo, 104 veicoli, 140 quote societarie, 220 rapporti bancari, per un valore complessivo pari ad oltre 150 milioni di euro. L’attività di contrasto operata nei confronti della criminalità organizzata dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Frosinone è finalizzata ad evitare la penetrazione di interessi illeciti nel sistema economico del frusinate, perseguendo l’obiettivo primario di incidere sui flussi di denaro sporco e di privare le organizzazione criminali delle risorse economiche.