Dopo la gaffe del “panino ciociaro” Mc Donald’s fa pace con il Frusinate

4 maggio 2009 2 Di redazione

“Esprimiamo grande soddisfazione per aver dato seguito alla nostra promessa di conoscere meglio il ricco territorio della Ciociaria e le sue numerose ricette tradizionali. Non escludiamo un impiego di un ingrediente tipicamente locale in una nostra futura ricetta”. Così i responsabili della Mc Donald’s che hanno incontrato nei giorni scorsi, a Frosinone, l’assessore regionale alle risorse umane, demanio e patrimonio della Regione Lazio, Francesco Scalia, insieme all’On. Alessandro Foglietta. Nelle scorse settimane la Mc Donald’s era stata chiamata in causa proprio da Scalia che si era rivolto all’autorità del garante della concorrenza e del mercato, segnalando il caso della pubblicità del “panino ciociaro” che aveva definito ingannevole richiedendo un intervento. Subito dopo Scalia anche il direttore della Coldiretti di Frosinone, Gianni Lisi, aveva richiesto, anche lui tramite un esposto, di verificare la bontà del messaggio invitando i responsabili della multinazionale a rimediare rivedendo una promozione che non faceva emergere la bontà del territorio frusinate. Ora, dopo la riunione di qualche giorno fa, a Scalia e Foglietta è stato assicurato che a breve si potrà programmare un ulteriore riunione alla presenza dei responsabili oltre che di Coldiretti anche delle altre associazioni agricole provinciali per verificare la possibilità di intraprendere, in perfetta sinergia e collaborazione, un percorso di promozione del nostro territorio e di qualche nostro prodotto. “Ringrazio i responsabili della Mc Donald’s – ha detto tra l’altro Scalia – che oltre a scusarsi per aver offerto sensazioni poco piacevoli accostate al nostro territorio, ora hanno garantito di voler provare ad intraprendere un percorso di promozione. Mi adopererò affinché nel breve periodo si possa programmare l’incontro con i responsabili delle associazioni agricole di categoria presenti in Ciociaria. Durante l’incontro ho ribadito – ha concluso Scalia che dalle nostre terre ha origine una cucina genuina, fatta dai prodotti della terra e che l’enogastronomia ciociara offre prodotti di altissima qualità che, da un lato, si devono preservare nella loro tradizione,  dall’altro far conoscere e valorizzare direttamente ai consumatori”.