La cocaina nella cenere non sfugge al fiuto di Omex

25 maggio 2009 0 Di redazione

Un nascondiglio ingegnoso per la cocaina, ma nulla sfugge al fiuto di un cane antidroga ben addestrato come Omex. Il pastore tedesco dell’unità cinofila dei carabinieri del comando di Chieti, è riuscito a trovare la droga che un 39enne di Lanciano (Ch) aveva nascosto in un vecchia stufa tra la cenere. Un nascondiglio perfetto per gli uomini ma non abbastanza per Omex. I carabinieri del nucleo operativo e radiomobile di Lanciano, nella notte tra sabato e domenica, hanno fermato due uomini del posto, un 21enne e un39enne. Poco prima i militari avevano notato che i due si erano passati qualcosa. La perquisizione personale e domiciliare ha permesso di trovare circa 50 grammi di hashish, due bilancini di precisione, altra attrezzatura e materiale per il confezionamento delle dosi. L’esperienza dei carabinieri consigliava loro di insistere nei controlli ritenendo che tutta quella attrezzatura potesse servire per lavorare un maggior quantitativo di stupefacente rispetto a quello trovato. Un sospetto che ha trovato fondatezza grazie all’intervento dell’unità cinofila. Quando il pastore tedesco ha annusato la stufa, ha segnalato al suo operatore la presenza dello stupefacente. E’ stato così arrestato Massimo Adriani. Poche ore prima, invece, un collega di Omex, Black, un esemplare di labrador sempre in servizio nei carabinieri, sempre a Lanciano, ha permesso di scovare 12,5 grammi di hashish. Il labrador ha “annusato” alcuni ragazzi al parco e, a casa di un 17enne che è finito agli arresti domiciliari, è stato trovato lo stupefacente.