Giorno: 8 giugno 2009

8 giugno 2009 0

Guidava sotto gli effetti della droga, patente ritirata

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

La Guardia di Finanza di Cassino , nel corso di un apposito servizio di controllo del territorio, finalizzato al contrasto dei reati in materia di sostanze stupefacenti e Codice della Strada, ha fermato un soggetto alla guida di un’autovettura, in evidente stato confusionale. I militari, hanno constatato che , il soggetto incappato nel controllo stradale, era in uno stato di alterazione psico-fisica, da assunzione di stupefacenti. L’automobilista, pur manifestando il proprio diniego ad eventuali esami tossicologici (poi effettuati) dichiarava di essersi recato a Napoli, dalla sua città di residenza – Balsorano( AQ) – per acquistare una dose di cocaina e una di eroina. Al conducente, quindi, è stata ritirata la patente di guida e segnalato alla Prefettura di Frosinone così come prevede l’ex articolo 75 D.P.R. 309/90. La capillare presenza sul territorio della Guardia di Finanza, permette il contrasto al traffico della droga, contribuendo come in questo caso ad evitare il triste fenomeno degli incidenti stradali, causati da stati di ebbrezza per alcolici e stupefacenti, che si concentrano soprattutto nel sabato sera.

8 giugno 2009 0

Drammatico impatto, muore una giovane madre

Di redazione

Tragedia sulla superstrada Sora – Avezzano. Una giovane mamma di 30 anni, Fiorina Tuzzi di Balsorano è deceduta a seguito di un drammatico incidente stradale. La donna sposata, e madre di due figli, viaggiava in direzione Sora a bordo della sua fiat grande punto quando ha impattato contro un altro mezzo, una C3 che viaggiava in direzione Balsorano. Uno scontro violentissimo, la fiat punto completamente sventrata nell’impatto frontale. Per la giovane Fiorina Tuzzi sono risultati vani i soccorsi. Sembra che la donna sia deceduta sul colpo. Con lei sulla fiat grande punto viaggiava un’altra persona, la cognata, rimasta ferita. Nell’altro mezzo, la C3, il conducente e il passeggero sono rimasti anch’essi feriti e trasportati al santissima trinità di sora. Sulle di dinamiche che hanno causato la morte della giovane donna indagano i carabinieri di sora. Da una prima ricostruzione sembra che l’automobilista della Citroen c3 abbia perso il controllo del mezzo invadendo la corsia opposta dove si trovava in viaggio Fiorina Tuzzi. Da qui l’impatto terribile. E’ stato necessario l’intervento dei vigili del fuoco per liberare i feriti dalle lamiere.

8 giugno 2009 0

Fotografa il “voto”, donna denunciata dai carabinieri

Di redazione

Evidentemente la parola data non bastava al candidato cui aveva promesso il voto, per questo, ieri, una donna di Aquino, ha fotografato con il telefonino, all’interno della cabina elettorale, la scheda su cui aveva scritto il nome del candidato. Il flash del telefonino però ha insospettito il presidente di seggio che ha chiamato i carabinieri. Il pronto intervento degli uomini del capitano Pier Francesco Di Carlo, ha permesso di trovare sul telefonino, due foto scattate all’interno della cabina. Per questo è stata denunciata per non aver ottemperato al divieto di portare nella cabina elettorale telefonini o apparecchi utli alla riproduzione di immagini.

8 giugno 2009 0

Si toglie la vita tra le fiamme distruggendo anche la casa

Di redazione

Una morte terribile quella che ha scelto di fare un anziano di Coreno Ausonio dilaniato, questa notte, dalle fiamme che, oltre ad ucciderlo, hanno anche distrutto la sua abitazione. All’arrivo dei vigili del fuoco di Cassino, coordinati dal caposquadra Antonio Carocci, le Fiamme in via Tasso a Coreno, erano già altissime. Nonostante le esplosioni, i vigili, informati che all’interno della palazzina su tre livelli c’era un anziano, si sono precipitati in suo soccorso. Lo hanno trovato sul divano carbonizzato. Una morte premeditata sotto ogni aspetto quella voluta da F.D. 80 anni di Coreno Ausonio. Ad innescare le fiamme sarebbe stato lo stesso uomo utilizzano un gran numero di taniche di benzina. Taniche che l’uomo avrebbe distribuito nell’abitazione, dal seminterrato, al primo piano. Poi, dopo aver scritto alcuni biglietti, avrebbe appiccato il fuoco e si è lasciato morire sopra al divano, ucciso dalle esalazioni e, poi, divorato dalle fiamme. Il motivo del gesto sarebbe riconducibile a dissidi familiari. Della vicenda se ne sono occupati i carabinieri della compagnia di Pontecorvo agli ordini del capitano Pier Francesco Di Carlo.