Giorno: 27 giugno 2009

27 giugno 2009 0

Cassonetto tossico, l’allarme rientra

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Allarme rientrato a Ceccano. I vigili del fuoco e i carabinieri hanno accertato che non voi sono pericoli per la cittadinanza. Inoltre sono stati dimessi con pochi giorni di prognosi i tre operai addetti alla raccolta dei rifiuti che, questa mattina hanno avvertito un malore mentre svuotavano un cassonetto nei pressi del campo sportivo. L’allarme lanciato ha fatto giungere sul posto i mezzi di soccorso di carabinieri e vigili del fuoco ma, dopo accurate indagini si è ipotizzato che qualcuno possa aver gettato nel cassonetto un acido inorganico, che unito alla fermentazione, ha creato condizioni tali da causare il malore agli operai. er. Amedei

27 giugno 2009 0

Non gli danno da bere e sequestra un bimbo di due anni

Di redazione

Attimi di vero terrore quelli vissuti ieri sera da una coppia di Atri (Te) che hanno visto il loro figlio di due anni prelevato dal box in cui stava e sequestrato da un uomo completamente ubriaco. I fatti sono accaduti poco prima della mezzanotte nell’abitazione dei coniugi 45. A quell’ora ha bussato alla loro porta un uomo di 34 anni polacco e visibilmente ubriaco. Si saprà dopo che si trattava di Nowak Bogdan Wieslaw. L’uomo chiedeva insistentemente di avere alcolici. Dinnanzi al fermo diniego della coppia ad accontentarlo, lo straniero è andato in escandescenza e con una mossa repentina ha afferrato con forza dall’interno del box il figlio di due anni portandolo via in tutta fretta. Dopo l’incredulità iniziale i familiari del piccolo lo hanno inseguito e raggiunto in strada liberando il bambino non con poche difficoltà. A quel punto l’uomo si è allontanato ma lungo la strada ha iniziato a danneggiare alcune auto in sosta rompendo i finestrini, lunotti e parabrezza. Nel frattempo era stato lanciato l’allarme ai carabinieri di Atri, comandanti dal Maresciallo Antonio Talamo che giunti subito sul posto unitamente ai militari della Stazione di Val Vomano di P.S.A., hanno raccolto la descrizione dell’uomo, provvedendo ad attuare il collaudato piano di “cinturazione della zona”, bloccando le principali arterie stradali con tutte le pattuglie in circolazione. Nella circostanza i militari sono stati fattivamente collaborati nella ricerca del malvivente da una pattuglia del Corpo Forestale dello stato di Atri in servizio. Poco dopo il polacco finiva nella rete della giustizia e dopo le formalità di rito veniva dichiarato in stato di arresto con gravi e pesanti accuse: sequestro di persona, violazione di domicilio e danneggiamenti aggravati. L’uomo è stato associato al Carcere di Castrogno a disposizione della competente Autorità Giudiziaria. Er. Amedei

27 giugno 2009 0

Un convegno dei Giovani di Federlazio su: efficienza energetica e competitività aziendale

Di redazionecassino1

Si svolgerà lunedì 29 giugno, presso la sala Convegni della Federlazio di Frosinone, con inizio alle ore 17, un convegno dal titolo: “Efficienza Energetica e Competitività Aziendale”. L’incontro, organizzato da Federlazio Giovani, è patrocinato dall’Università di Cassino e dall’Ordine degli Ingegneri. Gli interventi al centro del seminario di studio verteranno proprio sui temi delle energie rinnovabili ed alternative, sugli studi di fattibilità ed incentivi all’utilizzo delle energie alternative. ‘Energie al quadrato’ è lo slogan dell’incontro dei giovani imprenditori aderenti alla Federlazio, un modo nuovo di intendere il vivere quotidiano delle imprese. Risparmiare e comprendere quanto incida sui costi di gestione l’ottimizzazione dei consumi. In altre parole, auto produrre per coprire il proprio fabbisogno. Autoproduzione e fotovoltaico, termini sempre più presenti nel futuro delle grandi, ma delle piccole e medie imprese. Scopo del convegno proprio quello valutare il coniugio tra efficienza energetica e competitività aziendale attraverso l’utilizzo delle energie alternative, con particolare riguardo al fotovoltaico. di Felice Pensabene

27 giugno 2009 1

Movida notturna, lettera di protesta al Sindaco

Di redazione

Le varie feste patronali e le iniziative estive mantengono svegli i residenti delle zone di piazza Campo Miranda e Piazza Green. Angelo Spallino, presidente del circolo Italia Nostra scrive al sindaco di Cassino. “Caro Amico Sindaco, sono le 1.15 del 9/6/2009 e ti scrivo in amicizia ma con la massima determinazione sapendo di interpretare il pensiero di moltissimi abitanti di Piazza Benedetto XVI e piazza Nicholas Green : dopo il concerto Rock, i gravi disagi per la collocazione del mercato e la mancanza di parcheggi per la venuta del Santo Padre, i quattro giorni di musica assordante e di rumorosissimi quad che hanno lasciato la zona rombando alle 4 del mattino…. Ci risiamo! In questa ora che in ogni societa’ civile e’ dedicata al riposo molti cittadini sono svegli perche’ i mezzi dei giostrai stanno manovrando da due ore per sistemare le giostre: ogni circa dieci minuti si ode, per maggior strazio, la tromba di un camion…mica di continuo! Allora penso di fare cosa utile ricordando che dal sano riposo notturno e dall’evitamento dell’inquinamento da rumore ,i cui effetti dannosi sono ormai acclarati,dipende il buon stato di salute del cittadino tutelato dalla Costituzione e dalle Leggi dello Stato Italiano…e che Tu sei la massima autorita’ sanitaria garante della nostra salute. Ritengo di fare cosa utile ricordando che tutti i pronunciamenti giuridici sono a favore della tutela del diritto al riposo notturno anche di un solo cittadino e che questo diritto e’ stato riconosciuto sempre prioritario rispetto alle aspettative di svago e di gioco anche di masse di persone.Inoltre ti ricordo che in alcune sentenze si fa specifico riferimento al fatto che raggruppamenti di persone in una pubblica piazza , anche con il solo vociare, costituiscono disturbo e danno fisico anche senza musica assordante.Ed in particolare non trova alcun fondamento autorizzativo la regola del termine 24-24.30 della espressione musicale,che essa possa entrare nelle nostre case,che si possa bere birra su di una pubblica piazza sulla carta fino alle 2 ma di fatto ad libitum(filmati a iosa) con i noti pericoli per i guidatori. Domani sera , probabilmente, le giostre inizieranno a tormentarci con musica da discoteca ad altissimo volume ed ognuna di essa suonera’ una assordante e tambureggiante musica che costituira’, come sempre, una forma di esercizio di violenza privata. Certo , qualcuno dira’, non pretenderai che le giostre suonino musica melodica? No! Ma nessuno puo’ pretendere di essere nel giusto quando autorizza manifestazioni altamente rumorose ed in orari notturni all’interno di insediamenti abitativi; a Formia erano al porto. Oltretutto con questa frequenza e con queste durate…come quella della cosidetta “Festa della Birra” che prossimamente ci deliziera’ per quasi tre settimane Tutto quanto sopra ricordato cioe’: Musica assordante che entra con violenza pulsante nelle abitazioni ,traffico caotico e parcheggio selvaggio, rumori da cantiere metalmeccanico per montaggio e smontaggio notturno di impalcature ed attrezzature, vociare e sgommate e strombazzate fino alle cinque del mattino innaffiate da fiumi di birra alle ore in cui normalmente il lavoratore prende il cappuccino, cabine ed androni dei palazzi adibiti a wc… e’ accaduto quest’anno ,negli anni scorsi, ed riaccadra’ puntualmente. Come e’ probabile che una iniziativa culturale e sociale come la Notte Bianca venga puntualmente usata per fare musica tecno a 20.000 watt ,in piazza, alle tre del mattino. Quante riunioni abbiamo fatto!quante assicurazioni che le cose sarebbero cambiate abbiamo ricevuto!sempre siamo rimasti, in molti, ostaggio nelle nostre case dell’interesse di pochi. Per carita’, non ci si prenda in giro con l’interesse culturale della festa della Birra! .Quanto su scritto ,chiaramente, ha valore in ogni piazza e spazio pubblici . Sig. Sindaco noi cittadini comprendiamo la complessa realta’ sociale e politica che preme sulla tua persona e che ci circonda, e’ alla fonte di tutto: non possiamo pero’ permettere che si attenti ancora di piu’ alla nostra salute psico-fisica. Per cui, avendo aspettato per anni ,invano, di vedere cambiare le cose dopo aver tempestato di telefonate vigili urbani, 113,112 non vorremmo che l’ultima cosa da fare sia una denuncia civile e penale per veder tutelati i nostri legittimi diritti alla salute ed ottenere un giusto risarcimento Cordialmente” Angelo Spallino Presidente di Italia Nostra Cassino

27 giugno 2009 0

Allarme tossico, netturbini avvertono malore vicino cassonetto

Di redazione

Allarme tossico a Ceccano nei pressi dello stadio comunale. Personale dipendente dell’aziende che raccoglie rifiuti, avrebbe avvertito malori mentre svuoitava un cassonetto delle immondizie. Sul posto è stata fatta intervenire la squadra Nbcr (Nucleo battereologico, chimico e radiattivo) dei vigili del fuoco. Vi manterremo informati. Er. Am.