Impennata del lavoro nero, una ditta trovata con 22 operai non assunti

4 giugno 2009 2 Di redazione

Maxi operazione nel cassinate della guardia di finanza contro il lavoro a nero. Gli uomini del capitano Vincenzo Ciccarelli, nel controllare una azienda che opera ad Esperia (Fr) nel settore dell’edilizia, hanno trovato ben 22 persone che lavoravano completamente in nero. L’attività di prevenzione e repressione, che si è estrinsecata attraverso interventi sui luoghi di lavoro e successivi approfondimenti investigativi condotti attraverso verifiche fiscali. Nel corso di controlli effettuati questa settimana, si è riscontrato quello di una ditta edile sita in Esperia (Fr), presso la quale i militari della Guardia di Finanza, in sede di verifica fiscale, hanno individuato 22 lavoratori impiegati completamente “in nero”, senza alcuna formalizzazione della posizione d’impiego e senza tutela dal punto di vista assistenziale e infortunistico. Gli interventi di controllo della Guardia di Finanza, hanno una doppia finalità: da un lato, sono volti a garantire ai lavoratori una maggiore sicurezza, sia sociale che contro gli infortuni, attraverso la vigilanza dei cantieri edili, che permette di controllare la regolare attuazione delle disposizioni che concernono la sicurezza sui luoghi di lavoro; dall’altro, permettono di tutelare il copioso gettito fiscale, contributivo,previdenziale ed assicurativo derivante all’erario dalla corretta applicazione della normativa in materia.