Giorno: 27 luglio 2009

27 luglio 2009 0

Stazioni, nuovi parcheggi a Ferentino, Isola Liri e Roccasecca

Di redazionecassino
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

“ La Giunta regionale ha approvato una importante delibera che regola gli indirizzi per la progettazione e la realizzazione di 26 parcheggi di scambio a servizio delle stazioni, con l’obiettivo di consentire e soprattutto favorire l’integrazione del traffico veicolare privato con quello pubblico su gomma e ferro.”Lo ha detto il consigliere regionale Wanda Ciaraldi che ha aggiunto:” Una parte di queste opere sarà realizzata nella provincia di Frosinone. La Direzione Regionale Trasporti ha infatti individuato un elenco nel quale figurano un parcheggio multipiano di 200 posti auto a Ferentino e uno a Isola Liri di 120 posti, inoltre un parcheggio a raso per 80 posti a Roccasecca, per un ammontare complessivo di 3.700.000 euro. In questo modo sarà più semplice per i cittadini poter usufruire del treno per i loro spostamenti su Roma. Tutti i lavori dovranno essere appaltati entro dicembre 2009.Da gennaio 2010 è previsto l’avvio dei primi cantieri”.

27 luglio 2009 0

Lazio, riqualificazione per 75 stazioni ferroviarie

Di redazionecassino

Migliorare la vivibilità delle stazioni e dare più sicurezza a chi deve spostarsi quotidianamente con i treni. È l’obiettivo della delibera approvata  su proposta dell’Assessorato alla Mobilità, dalla Giunta Regionale che lancia il progetto di sicurezza e riqualificazione di 75 stazioni su tutto il territorio regionale; progetto che vede già impegnati 55 milioni di fondi POR 2007 – 2013. Via libera dunque all’autorizzazione di bandi per project financing per le aree che la Regione ha preso in comodato d’uso secondo quanto stabilito dal protocollo d’intesa dell’aprile 2008 sottoscritto dalla Regione Lazio e da Rfi – Rete Ferroviaria Italiana. Gli interventi prevedono, in primo luogo, l’istallazione di sistemi di protezione e sicurezza (colonnine Sos e videosorveglianza), l’illuminazione e la sistemazione delle aree interne ed esterne con particolare attenzione alle nuove tecnologie. Tra le priorità spicca il miglioramento dei servizi alla clientela con attività non strettamente legate al servizio ferroviario, come bar, asili o esercizi commerciali. Dopo i sopralluoghi effettuati nei mesi scorsi dalla Direzione Regionale Trasporti sono state, infatti, individuate aree in cui nasceranno attività commerciali e servizi pubblici aperti anche fino a tarda sera. Le stazioni diventeranno così presidi funzionanti tutto il giorno, luoghi di aggregazione che rispondono all’esigenza di integrare il più possibile le stazioni nella vita dei centri abitati; non solo luoghi riservati a pendolari e viaggiatori occasionali, quindi, ma anche a disposizione di persone impegnate in diverse attività. A tale proposito è prevista l’integrazione di sistemi informativi e interattivi, con la possibilità di beneficiare di postazioni wi-fi. Il funzionamento delle attrezzature sarà garantito da impianti a basso impatto ambientale, con l’uso di pannelli fotovoltaici, o solari, o altri sistemi energetici alternativi. Fonti di energia rinnovabile che saranno affiancati da altri sistemi ecocompatibili che prevedano, ad esempio, il recupero delle acque piovane o l’uso di materiali riciclati. Il progetto include anche la presenza di presidi della Protezione Civile con postazioni 118 nelle stazioni di Pianabella di Montelibretti (FR1) Palombara-Marcellina (FR2), Santa Maria delle Mole (FR4), Pavona (FR4) e Anzio (FR8). Individuate anche le stazioni di particolare pregio storico o architettonico per le quali sono previsti interventi di restauro e consolidamento strutturale delle parti degradate e l’eliminazione o sostituzione delle aggiunte architettoniche senza qualità. L’apertura dei primi cantieri è attesa entro dicembre 2009. “Le stazioni ferroviarie – ha dichiarato l’assessore alla Mobilità Franco Dalia – tornano finalmente a vivere e si fanno luogo di aggregazione sociale. Ai presidi di sicurezza che installeremo si aggiungono attività commerciali e sociali che restituiscono queste aree alla comunità e, allo stesso tempo, ne fanno luoghi ancora più sicuri. Anche attraverso questi interventi restituiamo ai cittadini del Lazio il diritto alla mobilità e un servizio più decoroso”. Questo l’elenco delle 75 stazioni:

FR1 Orte – Fiumicino 1    Civita Castellana, 2    Stimigliano, 3    Fara Sabina, 4    Piana Bella di Montelibretti, 5    Monterotondo

FR2 Avezzano Roma: 6    Roviano 7    Mandela-Sambuci 8    Vicovaro 9    Bagni di Tivoli 10    Guidonia 11    Palombara-Marcellina, 12    Castel Madama, 13    Tivoli

FR3 Viterbo Capranica Roma: 14    Vigna di Valle 15    Anguillara 16    Viterbo P.F. 17    Oriolo, 18    Manziana 19    Vetralla 20    Cesano 21    Bracciano

FR4: (Albano-Roma) 22    Villetta 23    Pantanella 24    Sassone 25    Acqua Acetosa 26    Albano 27    Castel Gandolfo 28    Marino

FR4: (Velletri-Roma) 29    Velletri 30    S. Eurosia 31    S. Gennaro 32    Lanuvio 33    Cecchina 34    Cancelliera 35    Casabianca 36    S.Maria delle Mole 37    Pavona

FR4: (Frascati -Roma) 38    Frascati

FR5: Civitavecchia Roma 39    Marina di Cerveteri 40    Maccarese-Fregene 41    Tarquinia 42    Torre in Pietra-Palidoro 43    Ladispoli 44    Palo Laziale 45    S.Severa 46    Civitavecchia 47    Santa Marinella

FR6:Cassino Roma 48    Colleferro 49    Valmontone 50    Labico 51    Colonna Galleria 52    Tor Vergata 53    Zagarolo 54    Colle Mattia 55    Roccasecca 56    Ciampino

FR7:Formia Roma 57    Itri, 58    Cisterna 59    Campoleone, 60    Pomezia S. Palomba 61    Torricola 62    Latina

FR8:Nettuno Campoleone 63    Marechiaro 64    Anzio 65    Anzio Colonia 66    Campo di Carne 67    Lido di Lavinio 68    Padiglione 69    Villa Claudia 70    Nettuno 71    Aprilia

ROCCASECCA-AVEZZANO: 73    Isola Liri 73    Sora

RIETI – ROMA 74    Antrodoco 75    Antrodoco Borgovelino

27 luglio 2009 0

Operazione “Easy Bancomat”, tre hacker arrestati

Di admin

Una importante operazione è stata effettuata dai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Giulianova. Nei giorni scorsi i militari avevano ricevuto diverse denunce sporte da cittadini locali e da turisti, di clonazione di carte di credito e bancomat, relativamente a fatti verificatisi in diversi comuni della provincia di Teramo ed Ascoli Piceno, a seguito delle quali erano partite le prime indagini. La sera del 24.07.2009, verso le ore 22.00 giungono alcune segnalazioni al centralino dei Carabinieri di persone che non riescono ad effettuare prelievi di contante presso lo sportello bancomat di un noto Istituto di credito a livello nazionale, in quando vi sono tre persone che occupano lo sportello da diverso tempo. Immediatamente l’autoradio del pronto intervento si reca sul posto. I tre alla vista dei militari fuggono. Inizia l’inseguimento a piedi e con le autovetture, che si conclude anche dopo una breve colluttazione, con il fermo di tre persone, di cui una donna. Si tratta di DIMITROVA Ireneta, GANUSHEV Kiril e YONCHEV Dimitar, rispettivamente di anni 41 la prima e 31 gli altri due, tutti di nazionalità bulgara. La perquisizione eseguita sulle persone e sull’autovettura in loro possesso permette di rinvenire un vero e proprio “arsenale telematico”, composto da nr.14 carte di credito intestate, nr.8 carte di credito prive di logo ed intestazione, nr.2 computer portatili, nr.7 telefono cellulari, nr.2 hardisk portatili, nr.4 penne usb, nr.2 micro-sd ed alcuni manufatti necessari per i collegamenti con l’impianto bancomat necessario per la cattura dei codici segreti e la lettura delle bande magnetiche, la somma contante di € 4.025,00 ed appunti manoscritti riportanti codici segreti, tutti sottoposti a sequestro. Emergeva subito un dato inconfutabile: “Si trattata di professionisti del crimine informatico, specializzati nella clonazione di carte di credito”. I militari hanno quindi effettuato una serie di indagini tecniche, che attraverso una attenta attività di ricerca e di riscontri incrociati, sono state determinanti per rinvenire i primi riscontri circa la colpevolezza dei fermati, nonché per il prosieguo dell’attività che si preannuncia lunga e complessa e che interesserà tutto il territorio nazionale. Infatti tra gli appunti rinvenuti dai Carabinieri vi sono anche elenchi relativi alla dislocazione sul territorio nazionale di bancomat di un noto Istituto di credito nazionale, di cui alcuni già oggetto di prelievi di denaro contante. Il Capitano Dellegrazie, Comandante della Compagnia Carabinieri di Giulianova ha sottolineato l’importanza dell’operazione, che getta le basi per poter scoprire numerosi crimini dello stessa tipologia, commessi in tutt’Italia, precisando che si tratta certamente di criminali organizzati dell’est che operano senza confini e grande capacità organizzativa. I tre arrestati, si trovano attualmente presso la Casa Circondariale di Teramo a disposizione della competente A.G., a cui dovranno rispondere dei reati Associazione a delinquere finalizzata all’utilizzo di carte clonate alterando il funzionamento del sistema informatico ed intervenendo senza diritto con qualsiasi modalità su dati, informazioni o programmi del sistema informatico previsti dagli art. Art.416 – 640 ter del Codice penale ed art.12 D.L. 143/1991.