Giorno: 18 agosto 2009

18 agosto 2009 0

Trovato un villaggio protostorico, tracce dei primi Cassinati

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Resti di un villaggio protostorico risalente a circa 3 mila anni fa sono stati scopert a Villa Santa Lucia (Fr). Probabilmente sono le prime tracce archeologiche lasciate dai cassinati e sono venute fuori in questi giorni grazie ad una indagine archeologica effettuata dai tecnici della Sovrintendenza. Gli archeologi stavano ispezionando, a Villa Santa Lucia, un’area su cui devono essere realizzati dei marciapiedi. Improvvisamente, alzando la terra è venuta fuori la storia. Si tratta dei pavimenti di capanne la cui epoca sarebbe databile tra il XIV e il X secolo a. C. Numerosi sono stati anche i suppellettili rinvenuti, in larga parte vasellame, tutto oggetto di studio della Sovrintendenza. Un ritrovamento importantissimo che sposterebbe le lancette del tempo a molto tempo prima in cui si pensava fosse arrivato l’uomo nel Cassiante. Insomma, si tratterebbe dell’insediamento dei cassinati più antichi di cui si ha notizia. Il ritrovamento è stato effettuato in località Santa Scolastica in linea con la via Pedemontana. Una zona non nuova a ritrovamenti archeologici di epoca romana ma anche precedenti alla venuta di Cristo. La sovrintendenza quindi effettuerà ulteriori indagini per stabilire l’esatto confine del villaggio la cui importanza è dettata anche dal fatto che si tratterebbe di un insediamento stanziale, in una zona per lo più di transito, almeno in quell’epoca. Ermanno Amedei

18 agosto 2009 0

Protezione civile alle prese con 55 incendi

Di redazione

Oggi sono stati 55 gli episodi che hanno richiesto l’intervento della Protezione Civile regionale, 6 in provincia di Frosinone, 15 in provincia di Latina, 1 nel reatino, 27 nella provincia di Roma e 6 nella Tuscia viterbese. La situazione più critica si è registrata a Morlupo, in provincia di Roma, dove un incendio di vaste dimensioni divampato in località Santa Lucia sta impegnando in queste ore Vigili del Fuoco, Protezione Civile regionale e Corpo Forestale dello Stato; la presenza, nella zona interessata dal fuoco, di alcune case ha richiesto l’intervento di 2 elicotteri della Protezione Civile del Lazio, di 1 elicottero della Forestale e di 1 Canadair della Protezione Civile nazionale. Altri incendi molto impegnativi per i soccorritori sono scoppiati a Vallerotonda (dove sono dovuti intervenire 1 Canadair e due aerei leggeri della Protezione Civile nazionale), Pico (intervenuti ben 2 Canadair), Pastena (dove è stato necessario il supporto di un Canadair), Roccagorga e Artena. Inoltre, a Roma, sulle pendici di Monte Mario un rogo di ragguardevoli dimensioni ha richiesto l’intervento della Protezione Civile del Lazio che ha utilizzato uno dei suoi nuovi mezzi, un’autobotte da 14 mila litri. Riassumendo, per quanto riguarda il sistema regionale di Protezione Civile, in tutto oggi sono stati operativi 340 volontari di 109 associazioni, ci sono stati 21 interventi di elicotteri, 7 di autobotti e 120 di pick up.

18 agosto 2009 2

Scarcerato il sindaco Riccardo Roscia

Di redazione

Da due mesi agli arresti domiciliari, il sindaco di Pontecorvo, Riccardo Roscia, è tornato oggi in libertà. La Corte di Cassazione ha accolto l’istanza di scarcerazione presentata dall’avvocato Ivan Caserta. Il 9 giugno scorso i carabinieri hanno notificato al primo cittadino un’ordinanza che lo costringeva agli arresti domiciliari in seguito all’attività di indagine della procura di Cassino che lo vede indagato per tentata concussione e falso ideologico insieme a due dipendenti del comune di Pontecorvo. La richiesta di rinvio a giudizio avanzata dalla procura di Cassino sarà discussa davanti al Gup il 24 settembre. Ma la carica di sindaco di Roscia è sospesa in virtù della condanna in primo grado relativa al primo processo sempre per il reato di concussione. La sentenza di colpevolezza è di sei anni e l’interdizione perpetua dai pubblici uffici. In attesa del terzo grado di giudizio, la sua carica è stata affidata al suo vicesindaco Tommaso Del Signore. Ermanno Amedei

18 agosto 2009 0

Cassino Calcio ha un nuovo sponsor

Di redazione

Un nuovo ed importante accordo commerciale è stato siglato questa mattina presso la sede sociale del club azzurro in Corso della Repubblica. La nota impresa EDIL BASTIANELLI, impegnata con successo nei settori immobiliare, ricettivo e del benessere, ha infatti sposato il progetto Cassino Calcio contrattualizzando l’intesa che la fa divenire main sponsor di tutto il settore giovanile azzurro nonché un top sponsor per quel che concerne la prima squadra. “Mediante questo accordo – analizza l’amministratore Verdone – la Edil Bastianelli avrà la massima visibilità possibile. Il materiale tecnico delle squadre del settore giovanile verrà marchiato con il logo della società e verranno inoltre apposti cartelloni pubblicitari sui vari campi dove le nostre compagini affronteranno i loro incontri casalinghi. Inutile sottolineare la nostra enorme soddisfazione per aver completato questo tassello mancante del main sponsor del settore giovanile inserendo nel nostro progetto un’impresa importante come la Edil Bastianelli”. “Ho scelto di investire nella squadra azzurra – ci dice il numero uno dell’azienda, Giandomenico Bastianelli – perché gran parte della mia attività gravita su Cassino e volevo restituire qualcosa a questa città. Seguivo la compagine cassinate da tifoso e sono rimasto colpito dall’organizzazione palesata dalla società sia dentro che fuori dal campo, davvero degna di palcoscenici più prestigiosi. Per me è inoltre importante anche la valorizzazione della Valle di Comino e di Atina, la mia città, che tramite questo accordo potranno trovare sempre più visibilità”. Grande la soddisfazione anche da parte del presidente Clodomiro Murolo: “Sono felice che il Cassino Calcio abbia un partner come la Edil Bastianelli. Puntiamo molto sul settore giovanile ed il fatto che le imprese investano su di esso quale veicolo pubblicitario ci conferma che stiamo lavorando bene. Nel giro di venti giorni completeremo organici e staff tecnici delle nostre compagini ed indiremo una conferenza per presentare il tutto a stampa e tifosi”.

18 agosto 2009 0

Rapina in banca, bottino da 25 mila euro

Di redazione

Rapina in banca da 25 mila euro. Alle ore 13.30 circa di oggi tre individui, travisati con occhiali da sole e bandane, armati taglierino, sono entrati nella filiale della Banda TERCAS (Cassa di Risparmio della Provincia di Teramo), ubicata in Giulianova Lido (Te), Via Nazionale Adriatica, e dopo aver minacciato gli impiegati, si sono fatti consegnare danaro contante, per un valore di circa 25 mila Euro. I malviventi poi si sono dileguati a bordo di due motocicli, entrambi oggetto di furto, rinvenuti poco dopo dai militari del Nucleo Operativo, in Piazza Marà. Sono in corso accurate indagini per identificare i responsabili. Nel corso della rapina nessuno ha riportato lesioni.

18 agosto 2009 0

Diritto allo studio, 23 milioni dalla Regione

Di redazione

La scuola e il diritto allo studio si riconfermano priorità assolute negli investimenti della Regione Lazio. La Giunta regionale, infatti, nella sua ultima seduta prima della pausa estiva, ha approvato uno stanziamento di complessivi di 22 milioni e 686 mila euro destinato al Piano annuale degli interventi per il diritto allo studio e per l’educazione permanente. Il provvedimento, proposto dall’assessore all’Istruzione uscente, Silvia Costa, prevede l’attuazione del Piano regionale per il diritto allo studio relativo all’anno scolastico 2009/2010, che stanzia a 17 milioni di euro a favore delle Province e dei Comuni del Lazio destinati a promuovere interventi tesi a garantire il diritto allo studio, a sostenere le azioni di integrazione scolastica e di orientamento, a potenziare i servizi collettivi (come gli scuolabus) e a contrastare il fenomeno dell’abbandono scolastico. Questa la ripartizione delle risorse fra le Province: FROSINONE 2.856.000 LATINA 2.040.000 RIETI 1.870.000 ROMA 8.636.000 VITERBO 1.598.000 Totale 17.000.000

La delibera prevede, inoltre, la cifra di 1.349.702,13 euro di cui circa la metà serve alla copertura delle spese assicurative per gli infortuni degli alunni e il resto è destinato a interventi diretti della Regione. Ad esempio, la convenzione con il Policlinico Umberto I per fornire alle scuole del Lazio un servizio di prevenzione dei disturbi del comportamento o quella con l’Università di Scienze Motorie del Foro Italico per educare alla corretta alimentazione e allo sport gli alunni delle scuole elementari della provincia di Roma. Tra gli altri obiettivi: la promozione dell’integrazione scolastica e del diritto allo studio attraverso interventi mirati per bambini con disabilità e disturbi specifici dell’apprendimento (dislessia, disgrafia, discalculia), la prevenzione e il contrasto di situazioni di disagio esistenziale e sociale e di effetti quali il bullismo, il potenziamento dell’offerta formativa, il sostegno alla conoscenza delle lingue straniere, in particolare dell’inglese. Vi sono poi 700.000 euro destinati all’istituzione nella Provincia di Roma di una Ausilioteca, che costituirà un centro riferimento a livello regionale per l’informazione e la consulenza su presidi e ausili tecnologici per alunni con disabilità. Uno specifico ulteriore stanziamento di 1.800.000 euro alle Province è destinato all’acquisto di scuolabus ecologici. Infine, 1.050.000 euro sono stati destinati al funzionamento delle “Sezioni Primavera” per bambini di età tra i 2 e i 3 anni per l’anno scolastico 2009/10. Nell’ambito degli interventi per il diritto allo studio, lo stanziamento deliberato si aggiunge ai 7.322.000 euro destinati ai contributi per la fornitura, totale o parziale, di libri di testo per le scuole dell’obbligo e per le superiori e ai fondi per 8.671.000 di euro per le borse di studio destinate a studenti il cui nucleo familiare abbia un Indicatore di situazione economica equivalente (Isee) non superiore a 10.632,93 euro.” “La Regione Lazio – ha dichiarato il presidente Piero Marrazzo – in controtendenza rispetto alle scelte operate a livello nazionale e in un contesto come quello attuale, in cui le famiglie già soffrono pesantemente gli effetti della crisi economica, ha deciso di investire notevoli risorse a sostegno delle alunne e degli alunni del Lazio. Da quest’anno, come è noto, abbiamo aggiunto nella Finanziaria 2009 altri 7 milioni di euro destinati in parte (4 milioni) ad assegni di studio per ragazzi meritevoli, il cui reddito familiare sia inferiore a 15 mila euro, ed in parte (3 milioni) al sostegno, da parte dei Comuni, delle esperienze di comodato d’uso di libri scolastici nelle scuole, per ridurre il costo dei libri nelle famiglie.”

18 agosto 2009 0

Terremoto a L’Aquila, nuove risorse per case e monumenti

Di redazione

Risorse per gli interventi di messa in sicurezza dei monumenti colpiti dal sisma ma anche per la riparazione degli immobili di edilizia residenziale pubblica e per quelli concessi in affitto, nonché facilitazioni per l’accesso ai contributi per gli edifici classificati in categoria B e C. Sono alcune delle principali misure contenute in una nuova ordinanza di protezione civile, firmata lo scorso 15 agosto dal Presidente del Consiglio. In particolare, per far fronte con la massima urgenza alle esigenze alloggiative della popolazione colpita dal terremoto, i contributi per la riparazione di alloggi danneggiati dal sisma con esito A, B o C sono estesi ai proprietari di appartamenti che alla data del 6 aprile erano concessi in locazione, a condizione che rinnovino i contratti di affitto alle medesime condizioni precedenti al terremoto per una durata di almeno 4 anni. Allo stesso modo un indennizzo, non superiore al 75% del costo stimato e fino ad un massimo di 30.000 euro, è previsto anche in favore delle imprese, per la riparazione e il miglioramento sismico di edifici da adibire ad uso abitativo che, alla data del 6 aprile, risultavano già realizzati e accatastati o in via di accatastamento. L’ordinanza prevede inoltre uno stanziamento di 150 milioni di euro destinati ai necessari interventi di ricostruzione e riparazione degli immobili di proprietà dell’Azienda Territoriale Edilizia Residenziale pubblica regionale (ATER). Agli interventi provvede, con procedure accelerate e avvalendosi di deroghe alla normativa vigente, il Presidente della Regione Abruzzo in qualità di soggetto attuatore attraverso l’ATER, presentando al Commissario delegato un apposito Piano degli interventi. Gli assegnatari che hanno già riscattato gli alloggi possono inoltre affidare i lavori all’Azienda, che provvede in qualità di amministratore di condominio. Per consentire il rientro dei cittadini nelle abitazioni classificate in categoria A, B e C l’ordinanza mette in campo ulteriori facilitazioni: in particolare i Comuni sono autorizzati a concedere il contributo per la riparazione anche a titolo provvisorio entro 30 giorni dalla data di presentazione della domanda al Sindaco e a titolo definitivo entro ulteriori 30 giorni. A supporto dei comuni è previsto il contributo di Fintecna SpA nelle attività connesse all’istruttoria amministrativa delle domande di contributo, nonché del Consorzio Universitario per l’ingegneria nelle assicurazione (Cineas) e del Consorzio Rete dei Laboratori universitari di ingegneria sismica (ReLuis) ai fini dell’istruttoria tecnica ed economica. Rientrano tra le spese ammissibili a contributo anche i compensi spettanti agli amministratori di condominio per le attività connesse alle richieste di contributi per la riparazione degli immobili danneggiati. L’ordinanza mette, infine, a disposizione della struttura di supporto del Vice-Commissario per il recupero del patrimonio culturale 20 milioni di euro, nonché la possibilità di avvalersi di contributi da parte di sponsor, per completare le attività di messa in sicurezza e recupero dei beni di interesse artistico e culturale danneggiato dal sisma.

18 agosto 2009 0

Quando la frutta… porta alla galera

Di redazione

Golosi di frutta attenzione; se l’idea è quella di rinfrescarvi, durante una passeggiata in campagna, assaporando qualche fico preso da un albero o dell’uva da un vigneto, il rischio è che la frescura possa diventare quella delle carceri. E’ notizia di stamattina che, a Barletta, due uomini di 33 e 39 anni sono stati arrestati dai carabinieri per furto aggravato in concorso. I militari, su segnalazione telefonica, sono giunti in un campo in contrada ‘Piscinè dove le guardie forestali hanno sorpreso e bloccato due uomini mentre stavano caricando alcune cassette di uva appena raccolta nel bagagliaio della loro auto lì parcheggiata.