Animali abbandonati, l’Anpana chiede aiuto per risalire agli autori

9 agosto 2009 1 Di redazione

“Leggo con amaro piacere la notizia della denuncia per abbandono di animali da affezione, articolo 727 del codice penale che prevede la pena dell’arresto fino ad un anno o l’ammenda da 1.000 a 10.000 euro”. A parlare è Francesco Altieri presidente provinciale dell’Anpana Frosinone che fa riferimento alla notizia dell’uomo denunciato a Castelliri dai carabibinmieri di Isola del Liri, dopo aver abbandonato il suo cane sulla strada. “L’incivile abbitudine degli abbandoni non si ferma, nemmeno davanti al rischio di tali pene. Infatti sono decine i casi di animali abbandonati che ci vengono segnalati, alcuni riusciamo a gestirli ma molti finiscono al canile o restano per strada. Quel che è peggio però è che fino ad oggi, non era mai stato possibile risalire a nessuno dei responsabili. Ecco perché sono compiaciuto che finalmente qualcuno paghi, l’amarezza c’è sempre perché si perpetra l’ennesimo abbandono. Vi invito ha seguire la questione ed aggiornarci. Puntuale l’interessamento delle amministrazioni in questo periodo che però non fanno prevenzione e controllo. Gli abbandoni, le nascite incontrollate, sono fenomeni di tutto l’anno che quindi vanno continuamente tenuti sotto controllo. Noi dal canto nostro, abbiamo anche in corso una campagna di sensibilizzazione, per ora solo nostra, cioè dell’ANPANA e della FATAA, ma in attesa di patrocinio del Comune di Cassino e della ASL. Non possiamo fare miracoli, ma se avete un problema fateci sapere al 3396590331 o frosinone@anpana.it”. Francesco Altieri Presidente e Coordinatore GEZ (Guardie EcoZoofile) ANPANA, provinciale.