Autunno nero per i lavoratori della Sevel

31 agosto 2009 0 Di redazione

Se a Cassino i lavoratori Fiat si aggrappano alla speranza che il un nuovo modello possa allontanare finalmente il continuo ricorso alla Cassa Integrazione, nello stabilimento Sevel di Atessa (Ch), dove la Fiat produce il Ducato per se e furgoni per Peugeot e Citroen, gli operai, almeno per il momento, non sanno in cosa sperare. La crisi porterà 40 di loro a trasferirsi nello stabilimento di Termoli, e questo significa che i circa mille lavoratori precari che attendevano di essere reintegrati, difficilmente torneranno in azienda.
Le ferie di agosto sono finite il 24, ma solo una parte degli operai è tornata a costruire furgoni, per l’altra parte, le ferie si sono agganciate direttamente alla cassa integrazione fino all’8 settembre. Ma non è finita: a partire dal 25 settembre fino al 4 ottobre, lo stop riguarderà tutti.