Il Cassino vince in trasferta nella prima di campionato

24 agosto 2009 0 Di redazionecassino

Il Cassino sfrutta due  errori  della difesa  del  Manfredonia. La squadra di Pellegrino scende al “Miramare” con ben quattro difensori e altrettanti centrocampisti davanti alla porta difesa da Indiveri. Unico riferimento in avanti è Croce che, nel bisogno coadiuvato da Romeo e Mezgour. Il Manfredonia è ordinato, veloce nel fraseggio, anticipa e aggredisce ma difetta di precisione.
Prima occasione per i padroni di casa. Mignogna taglia per Arigò che inciampa sulla palla e non riesce a concludere tutto solo davanti a Indiveri. Al 7’ Pirrone ci prova da lontano, ma il tiro è fuori. Trascorrono quattro minuti che l’estremo laziale è chiamato agli straordinari prima su Arigò, che tira da posizione defilata, e poi su Arcuri che raccoglie la respinta del portiere. I sipontini reclamano un rigore al 13’ perchè Arigò viene atterrato in area da Badan, ma l’arbitro non concede la massima punizione né ammonisce l’attaccante bianco celeste. La prima azione laziale si registra al 20’ con Croce che, da distanza ravvicinata, non può altro che tirare su Groppioni che gli ha chiuso lo specchio. Risponde Arcuri che non riesce a girare in porta un angolo di Mignogna. Al 36’ Indiveri si deve distendere per deviare una punizione diretta calciata da Mignogna. Il Cassino prende coraggio ma è goffo e impreciso sotto porta. Al 40’ Croce incoccia un ottimo traversone di Giannone, ma il tiro è centrale e Groppioni è ben piazzato. La più ghiotta occasione finisce sui piedi di Arcuri ma il tiro angolato lambisce la base del palo. Allo scadere Arigò scende sulla fascia, mette fuori causa Indiveri ma la palla si stampa sul palo.
Nella ripresa il Cassino si affaccia dalle parti di Groppioni con Croce. Mister Bucaro deve correre ai ripari rinvigorendo il centrocampo con l’innesto dei più freschi Napoli e Napolitano ma è il Cassino an andare in vantaggio al quarto d’ora. Uno svarione difensivo del Manfredonia mette Gemmiti solo davanti a Groppioni che nulla può contro l’attaccante laziale. Mister Bucaro inserisce Marchano che subito si mette in evidenza anticipando Indiveri in uscita servendo la testa di Arcuri che mette alto. Dopo tre minuti Arigò, Arcuri e Marchano non riescono a correggere in rete una palla che vagava. Al 26’ il tiro di Arigò è forte ma centrale e di facile presa per Indiveri. Pessima la conclusione di Bardeggia al 36’ che tutto solo davanti a Groppioni mette alto. Sulla rimessa Marchano tenta dal limite ma il portiere laziale è attento e devia in angolo. Nel recupero Giannone raddoppia con una punizione diretta che lascia immobile Groppioni.
MANFREDONIA (4-4-2): Groppioni 6; Di Pasquale 5.5, Parisi 6.5, Nossa 6, Sabatino 6; Mignogna 5.5 (11’ st. Napoli 6.5), Vitiello 6 (11’ st. Napolitano 6 ), Stella 6, Arcuri 6.5; Giglio 5 (18’ st. Marchano 6), Arigò 6. (Fortunato, Carrieri, Pisa, Luppi). All. Bucaro 5
CASSINO (4-1-4-1): Indiveri 7; Badan 5.5, Agius 6, Bianciardi 6, Martinelli 5.5; Giannone 6; Mezgour 7 (36’ st. Bonacquisti s.v.), Conti 6, Scappaticci 5 (31’ st. Bardeggia 6), Romeo 5 (10 st. Gemmiti 6.5); Croce 7. (Amadio, Morello, Oliva, Bordone). All. Pellegrino 6.5
Arbitro: Aloisi di Avezzano.
Reti: 16’ st. Gemmiti, 46’ st. Giannone.

L