Coltivava droga da vendere ai vacanzieri

29 agosto 2009 0 Di redazione

Il Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Frosinone hanno individuato, in una zona boschiva di Frosinone, Bosco Faito, una porzione di un fondo, apparentemente in stato di abbandono, ove effettivamente risultavano messe a coltura piante di marijuana. Dopo un attento servizio di appostamento per sorprendere “sul fatto” i responsabili dell’illecita coltivazione gli uomini del Capitano Giovanni De Luca dopo aver circondato la zona, sono entrati in azione avendo sorpreso un individuo, intento ad annaffiare la piantagione. Dall’approfondita ricognizione del sito hanno scoperto una vera e propria foresta di piante di marijuana, moltissime delle quali alte quasi tre metri, per un peso complessivo di circa 32 Kg. Alcune piante risultavano già avviate verso l’essicazione e pertanto pronte per l’ottenimento di marijuana da destinare al mercato ciociaro. La piantagione, che è stata estirpata e sottoposta a sequestro, avrebbe consentito la produzione di vari chilogrammi di sostanze stupefacenti da immettere sul mercato locale dello spaccio, per un ricavato di svariate migliaia di euro che sarebbero finite nelle tasche dei “pusher” della zona. L’operazione riveste una particolare valenza, tenuto conto che al maggiore afflusso di persone nella provincia ciociara, tipico del periodo estivo, consegue la maggiore possibilità di smercio di sostanze stupefacenti. A finire in manette è stato un 50enne del luogo sorpreso, dagli uomini del Colonnello Giancostabile Salato mentre innaffiava la coltura illegale. La sostanza stupefacente dopo le analisi di rito sarà destinata al macero a cura degli Enti a ciò preposti.