Commercianti di Cassino nell’obiettivo dei falsari campani

10 agosto 2009 0 Di redazione

Ha tentato di fare spesa al mercato dell’abbigliamento a Cassino e pagare con una banconota da 100 euro falsa. Il fenomeno della valuta falsa, a Cassino, sembra essere in forte espansione. Vittime, nella maggior parte dei casi, sono commercianti che vedono insospettabili clienti pagare con banconote di grosso taglio, ma a volte anche da 20 euro, per poi accorgersi di aver ricevuto soldi falsi. Sabato scorso, una donna di 45 anni di Napoli, con precedenti specifici, è stata denunciata dalla polizia del commissariato di Cassino. La campana ha pagato il conto, 10 euro, con una banconota da cento falsa ricevendo, oltre la merce, anche 90 euro buone. La segnalazione fatta dal commerciante è servita a mettere in moto gli agenti di polizia che hanno rintracciato la donna e l’hanno denunciata dato che aveva altre 3 banconote da 100 ovviamente false. Ormai sembra essere prassi consolidata, o meglio, per alcuni napoletani, venir a spacciare banconote false a Cassino, sembra essere diventato un lavoro a tutti gli effetti. Comprano la valuta contraffatta al 30% circa del valore che (30 euro per una banconota da 100) e acquistando qualcosa, principalmente nei bar, le piazzano ad ignari commercianti. L’avvertenza, oltre a prestare attenzione, è allertare le forze dell’ordine non appena si hanno sospetti.
Ermanno Amedei