Dalla Regione Lazio i criteri per le borse di studio

8 agosto 2009 1 Di redazione

La Regione Lazio ha individuato i criteri per il riparto ai Comuni dei fondi destinati alla concessione degli assegni di studio a favore degli alunni residenti nel Lazio demandando ad apposita circolare della competente Direzione Regionale la definizione degli indirizzi per l’emanazione dei relativi Bandi
1. Descrizione misura
Con DGR 465/09 la Regione Lazio ha riservato delle risorse per la concessione di assegni di studio a favore degli alunni residenti nel territorio regionale, nell’ambito delle politiche mirate a garantire la fruizione del diritto allo studio e valorizzare il merito, in favore delle famiglie meno abbienti .
2. Requisiti richiesti
Possono accedere al contributo gli studenti di seguito individuati, residenti nella Regione Lazio, il cui nucleo familiare abbia un Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) non superiore a € 15.000,00.
– Gli assegni di studio, di durata annuale e di importo di € 500,00, saranno conferiti agli studenti che nell’Anno Scolastico 2009/10 si iscrivono:
1) Al primo anno di scuola secondaria di secondo grado statale o paritaria e che nell’anno scolastico 2008/09 hanno conseguito il diploma di scuola secondaria di I grado con una votazione di almeno 7/10;
2) Al terzo anno di scuola secondaria di II grado, statale o paritaria, avendo conseguito la promozione con una media di almeno 7/10;
3) Al quarto anno di scuola secondaria di II grado, statale o paritaria, provenienti dai percorsi triennali dell’istruzione e formazione professionale validi per l’obbligo scolastico, che nel primo trimestre/quadrimestre del suddetto quarto anno abbiano conseguito una votazione media di almeno 7/10.
3. Presentazione delle domande e documentazione
I richiedenti in possesso dei requisiti richiesti e residenti in questo Comune, possono presentare domanda di concessione dell’assegno di studio legato al merito scolastico entro le ore 12,00 del 20 settembre 2009, su uno dei seguenti modelli:
– Mod. A1 per studenti che nell’Anno Scolastico 2009/10 si iscrivono al primo anno di scuola secondaria di secondo grado statale o paritaria e che nell’anno scolastico 2008/09 hanno conseguito il diploma di scuola secondaria di I grado con una votazione di almeno 7/10;
– Mod A2 per studenti che nell’Anno Scolastico 2009/10 si iscrivono al terzo anno di scuola secondaria di II grado, statale o paritaria, avendo conseguito la promozione con una media di almeno 7/10;
– Mod A3 per studenti che nell’Anno Scolastico 2009/10 si iscrivono al quarto anno di scuola secondaria di II grado, statale o paritaria, provenienti dai percorsi triennali dell’istruzione e formazione professionale validi per l’obbligo scolastico, che nel primo trimestre/quadrimestre del suddetto quarto anno abbiano conseguito una votazione media di almeno 7/10. La compilazione del modello costituisce una manifestazione di interesse rispetto alla concessione dell’assegno di studio la cui erogazione è condizionata alla votazione conseguita nel I trimestre/quadrimestre del suddetto quarto anno scolastico con una votazione media di almeno 7/10, che il richiedente si impegna a dichiarare entro 31/3/2010 a questo Comune.
Le domande devono essere corredate da:
Attestazione ISEE del nucleo familiare (relativo all’anno 2008);
Fotocopia della pagella.
4. Individuazione degli aventi diritto
Al fine di individuare i beneficiari, una volta acquisite le domande presentate sugli appositi modelli e attribuito il codice identificativo domanda, verrà effettuata istruttoria valutativa e verranno
 stilate le graduatorie finali per i beneficiari di cui al paragrafo 2) punti 1 e 2 ordinando le domande per votazione conseguita. A parità di votazione le domande verranno ordinate secondo il valore ISEE più basso;
- compilato l’elenco delle richieste ordinate in base all’ISEE, per i beneficiari di cui al paragrafo 2) punto 3 riservandosi di stilare la graduatoria una volta acquisite le valutazioni conseguite nel I trimestre/quadrimestre dell’A.S. 2009/10
Successivamente le due graduatorie e l’elenco saranno trasmessi alla Regione Lazio che redigerà le relative graduatorie regionali.
– Per gli studenti che nell’Anno Scolastico 2009/10 si iscrivono al primo anno di scuola secondaria di secondo grado statale o paritaria e che nell’anno scolastico 2008/09 hanno conseguito il diploma di scuola secondaria di I grado con una votazione di almeno 7/10, la graduatoria regionale verrà redatta ordinando le domande per la votazione conseguita e, a parità di voto, per valori crescenti di ISEE. Verranno finanziate domande in tutta la Regione fino alla concorrenza di € 2.200.000,00 e la graduatoria verrà pubblicata entro il 10/11/09 sul sito www.sirio.regione.lazio.it
– Per gli studenti che nell’Anno Scolastico 2009/10 si iscrivono al terzo anno di scuola secondaria di II grado, statale o paritaria, avendo conseguito la promozione con una media di almeno 7/10 la graduatoria regionale verrà redatta ordinando le domande per la votazione conseguita e, a parità di voto, per valori crescenti di ISEE. Verranno finanziate domande in tutta la Regione fino alla concorrenza di € 1.500.000,00 e la graduatoria verrà pubblicata entro il 10/11/09 sul sito www.sirio.regione.lazio.it
– ;Per gli studenti che nell’Anno Scolastico 2009/10 si iscrivono al quarto anno di scuola secondaria di II grado, statale o paritaria, provenienti dai percorsi triennali dell’istruzione e formazione professionale validi per l’obbligo scolastico, che nel primo trimestre/quadrimestre del suddetto quarto anno abbiano conseguito una votazione media di almeno 7/10 la graduatoria regionale verrà redatta ordinando le domande per la votazione conseguita nel primo trimestre/quadrimestre e, a parità di voto, per valori crescenti di ISEE. Verranno finanziate domande in tutta la Regione fino alla concorrenza di € 300.000,00 e la graduatoria verrà pubblicata entro il 20/5/10 sul sito www.sirio.regione.lazio.it
In caso di alunni che nello stesso anno scolastico siano titolari della borsa di studio a sostegno della spesa delle famiglie per l’istruzione prevista dalla L. 62/2000, il relativo importo verrà detratto dall’assegno di studio di € 500,00 di cui al presente avviso
5. Tipologia di spese
Lo studente può utilizzare l’assegno di studio per spese riconducibili alla piena fruizione del diritto allo studio:
 Libri;
 Materiali didattici anche in formato elettronico;
 Abbigliamento previsto per le attività di educazione fisica;
 Gite scolastiche e viaggi di istruzione.
La spesa non va rendicontata ma è vincolata alla suddetta tipologia di spesa come da impegno dichiarato nella domanda presentata.
6. Cerimonia di premiazione regionale
I primi cento studenti che figurano nella graduatoria regionale verranno premiati dal Presidente della Regione Lazio e dall’Assessore regionale all’istruzione e formazione in un’apposita cerimonia che si terrà presso la sede della regione Lazio.
7. Modalità di accesso e termini
I soggetti che intendono accedere agli interventi previsti dalla DGR 465/2009 devono inoltrare domanda redatta su apposito modulo reperibile presso l’ufficio Servizi Sociali.
L’istanza ha valore di dichiarazione sostitutiva ai sensi degli artt. 46 e 47 DPR 445/2000;
Le domande per ottenere l’assegno di studio devono essere inoltrate all’ufficio protocollo di questo Ente ovvero a mezzo posta (fa fede il timbro di accettazione) entro le ore 12,00 del 20 settembre 2009 allegando la documentazione di seguito riportata:
 Fotocopia della pagella
 Attestazione ISEE del nucleo familiare (relativo all’anno 2008);
 Certificato di residenza;
 Fotocopia di un documento di riconoscimento valido;
Le copie suddette devono essere conformi all’originale con dichiarazione del richiedente ai sensi degli artt. 18 e 19 DPR 445/2000;
Costituirà motivo di esclusione dal beneficio la mancanza, l’incompletezza o l’irregolarità della documentazione richiesta dal presente avviso.

10. Accertamenti e verifiche
L’Amministrazione comunale provvederà
, ai sensi degli artt. 43 e 71 del DPR 28.12.2000 n 445 effettuerà controlli diretti ad accertare la veridicità delle dichiarazioni rese nell’apposito modello di domanda nonché in tutti i casi in cui sorgano fondati dubbi sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutive presentate e si riserva la facoltà di chiedere eventuale documentazione aggiuntiva.