Mese: settembre 2009

30 settembre 2009 0

Tenta di rubare un’auto e pesta il proprietario

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Tenta di rubare l’auto ad un agente di polizia penitenziaria, viene scoperto e pesta il proprietario della vettura. E’ accaduto a Trevi nel Lazio (fr) e l’autore del gesto è un nigeriano di 23 anni. Il giovane, mentre provava ad asportare un’autovettura mediante l’effrazione della serratura dello sportello lato guida, è stato sorpreso dal proprietario, un assistente capo della polizia penitenziaria del posto che, dopo essersi qualificato, ha tentato di bloccare il malfattore, venendo però colpito da quest’ultimo con calci e pugni. Ad immo0bilizzare il ladro sono stati i carabinieri che lo hanno immobilizzato e lo hanno tratto in arresto. Il proprietario del mezzo nella colluttazione ha riportato lesioni giudicate guaribili dai sanitari del pronto soccorso dell’Ospedale “San Benedetto” di Alatri in giorni 5 (cinque). L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato associato presso la Casa Circondariale di Frosinone.

30 settembre 2009 0

Avviso Moratoria, aspetti tecnici e modalità operative in un incontro con le banche

Di redazione

Nelle scorse settimane è stato sottoscritto da Confindustria insieme al Ministero dell’Economia, ABI e altre associazioni imprenditoriali, l’Avviso comune per la sospensione dei pagamenti delle piccole e medie imprese nei confronti del sistema bancario. Al fine di approfondire gli aspetti tecnici e le modalità operative del suddetto accordo, Confindustria Frosinone ha organizzato un incontro con gli Istituti Bancari che già hanno avviato convenzioni con l’Associazione. L’appuntamento è fissato per domani, giovedì 1 ottobre 2009, alle 16.30 presso la sede di Confindustria Frosinone. Tra gli obiettivi dell’Avviso, quello di favorire l’afflusso di credito al sistema produttivo, fornendo alle piccole e medie imprese con adeguate prospettive economiche e che possano provare la continuità aziendale, liquidità sufficiente per superare la fase di miglior difficoltà e arrivare al momento della ripresa economica nelle migliori condizioni possibili. A ciò si aggiunge l’intento di promozione del processo di patrimonializzazione delle piccole e medie imprese, che avranno così la possibilità di rafforzare la capacità finanziaria, per meglio cogliere le opportunità dell’attesa inversione del ciclo economico. “L’Avviso – dichiara Gianpiero Canestraro, Presidente del Comitato Piccola Industria di Confindustria Frosinone – è un importante risultato, frutto di un ampio confronto dettato dalla necessità di contemperare diverse e talvolta opposte esigenze delle parti interessate. Da tale confronto sono scaturite soluzioni che certamente non risolvono i gravi problemi causati dalla crisi economica e finanziaria, ma che sono in grado di dare sollievo immediato a molte PMI in termini di maggiore liquidità”.

30 settembre 2009 0

Convegno diocesano a Cassino

Di redazionecassino

Si è svolto  dal 27 al 29 settembre a Cassino, l’annuale Convegno Pastorale diocesano di inizio anno, un convegno necessario per mettere a punto priorità e obiettivi, per confrontarsi e armonizzarsi all’interno della comunità diocesana, in unità con il proprio Pastore. Così sacerdoti, religiosi/e, catechisti, insegnanti di Religione, operatori pastorali e fedeli, sotto la guida di Dom Pietro Vittorelli, Abate di Montecassino, hanno affollato l’Aula Pacis per tre pomeriggi di ascolto e di dibattito. Tema centrale: non le iniziative, non il “fare”, ma LA PREGHIERA. Può sembrare strano che, dopo aver tanto parlato di emergenze sociali, nel campo dell’educazione, del lavoro e dell’occupazione, questi temi vengano un po’ messi da parte per dare spazio ad un tema spirituale come la preghiera. Ma per i cristiani è proprio questa la scelta giusta: i mali della società possono essere curati se chi si appresta a farlo impregna la propria vita di Vangelo, di “buona notizia”, e affida al Signore ogni opera. Preghiera, beninteso, non intesa come atto devozionale meccanico, ripetitivo e distaccato dalla vita, ma come contatto vivo – attraverso la Parola – con Dio. Ecco perché il titolo parlava di preghiera “nutrita dalla Parola”; esso riprendeva un passaggio dell’omelia del S. Padre Benedetto XVI a Cassino lo scorso 24 maggio: “Possa l’attento ascolto della Parola divina nutrire la vostra preghiera e rendervi profeti di verità e di amore in un corale impegno di evangelizzazione e di promozione umana”. Dopo una solenne Concelebrazione eucaristica nella Chiesa Madre, l’assemblea ha vissuto i successivi momenti nell’Aula Pacis. I relatori intervenuti (i salesiani Don Cesare Bissoli e Don Giorgio Zevini, e l’Abate benedettino Dom Ildebrando Scicolone) hanno saputo, giorno dopo giorno, comunicare in maniera interessante, brillante e profonda – davvero accattivante – tre diverse angolazioni molto utili per il cammino di quest’anno, mirante a conoscere il Vangelo secondo Luca attraverso la pratica della lectio divina. Piacevoli e costruttivi sono stati anche i momenti di pausa e convivialità e in particolare lo spettacolo offerto la prima sera dai ragazzi del gruppo teatrale “Attori per caso”, un recital dal titolo “Preghiera… amare fino all’ultimo respiro” ispirato alle figure di Madre Teresa di Calcutta, del Santo Curato d’Ars e di S. Pio da Pietrelcina; monologhi, dialoghi e canzoni sono stati eseguiti con bravura e soprattutto con passione, creando un’atmosfera di grande suggestione. Nel corso del Convegno è stato annunciato il Corso di formazione per genitori, che prossimamente avrà inizio in diocesi per aiutare educatori, insegnanti, catechisti, medici di famiglia e in genere adulti responsabili e attenti ai giovani, a capire meglio i bisogni di giovani e ragazzi ed essere capaci di relazionarsi meglio con loro per accompagnarli in una crescita positiva.

30 settembre 2009 0

Montecassino ricorda l’Abate Bonifacio Krug

Di redazionecassino

Sabato 3 ottobre, presso l’abbazia di Montecassino, si svolgeranno le celebrazioni in onore dell’Abate Bonifacio M. Krug da Huenfeld presso Fulda, abate di Montecassino dal 1897 al 1909, fine artista nel campo musicale che riportò a un alto livello il canto gregoriano e fu anche compositore di musica sacra. Sarà un pomeriggio dedicato in suo onore alla musica. Alle 16.00, infatti, ci sarà in basilica la celebrazione dei Primi Vespri della XXVI domenica del Tempo Ordinario e l’Adorazione Eucaristica con canti composti dall’Abate Bonifacio Krug, animati dalla corale di S. Ambrogio sul Garigliano diretta dal M° Annibale Messore, e quella di S. Giovanni B. Città di Cassino, diretta dal M° Fulvio Venditti. Poi nel salone S. Benedetto Don Luigi D’Elia presenterà alcune Meditazioni musicali dell’Abate Krug che saranno eseguite dal pianista M° Michele D’Agostino.

30 settembre 2009 0

Tre nuovi monaci a Montecassino

Di redazionecassino

Momento di grande gioia nell’abbazia di Montecassino per tutta la comunità monastica come pure per tutta la Chiesa diocesana. Giovedì 1° ottobre, nella solennità della Dedicazione della Basilica Cattedrale, tre giovani emetteranno la Professione temporanea, dopo un lungo percorso di discernimento e di studio. Si tratta di Anselmo Preiti, Francesco Sotgiu e Giovanni Pischedda, che consacreranno il loro impegno nelle mani dell’Abate di Montecassino Dom Pietro Vittorelli. “È  un momento di grazia, è detto in una nota del monastero benedettino,  segno che la Regola del grande Padre Benedetto e la vita monastica, dedicata al Signore e imperniata su preghiera, lavoro e cultura, come ha sottolineato il Santo Padre Benedetto XVI nella sua recente visita  pastorale, continua a parlare al cuore di giovani e ad attrarli, come vera risposta ai bisogni e alle domande dell’uomo.  “

30 settembre 2009 0

Spaccio di droga, ancora sequestri e arresti

Di redazione

I carabinieri di Giulianova hanno aggiunto un altro tassello all’operazione “Scacco alla Rocca” che ha già portato all’arresto di 14 ROM del luogo. Dopo il sequestro di tre libretti postali intestati a Adelina Di Rocca, 36enne del luogo, arrestata nell’ambito dell’operazione, dell’importo di 45mila euro perché ritenuto provento dell’illecità attività di spaccio, i militari del N.O.R., ieri, le hanno notificato in carcere a Teramo una ulteriore Ordinanza di Misura Cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Teramo su richiesta del P.M. Dott.ssa Laura Colica, che concordavano pienamente gli esiti delle ulteriori istanze investigative acquisite in merito ad altra attività di spaccio posta in essere nei confronti di tossicodipenti del luogo. In tale contesto gli stessi militari hannmo sottoposto a sequestro un’autovettura Mercedes C220 del valore di 10mila euro di proprietà di Daniel Di Rocco anch’egli arrestato nel corso della stessa operazione, disposta su decreto del Giudice, in quanto ritenuta provento dell’illecità attività di spaccio. Intanto i carabinieri della stazione di Silvi Marina, con la collaborazione di quelli di Pineto e Giulianova, alle prime ore dell’alba di oggi hanno arrestato con l’accusa di spaccio e detenzione di sostanza stupefacente Stefano D. L., 32enne di Silvi, già noto alle Forze dell’Ordine. Il giovane, nel corso di uno specifico servizio in Silvi, è stato colto proprio nel momento in cui cedeva due dosi di “cocaina” (del peso complessivo di gr. 2) ad un tossicodipendente del luogo che sarà segnalato alla Prefettura di Teramo per uso personale di droga. Nel corso della successiva perquisizione personale e domiciliare, il 32enne è stato trovato in possesso di ulteriori altri 2 grammi della stessa sostanza, di materiale per il confezionamento, di un bilancino di precisione e della somma contante di 340 euro, verosimile provento dell’illecità attività di spaccio, il tutto sottoposto a sequestro. Per l’uomo, quindi, si sono aperte le porte del Carcere di Castrogno.

30 settembre 2009 0

Si dicono in perdita ma comprano Ferrari, scoperta evasione da 5 milioni

Di redazione

sembrava una società immobiliare in pessima salute economica, invece comprava, oper il proprio parco auto, auto di grossa cilindrata tra cui anche una Ferrari. questo aspetto ha incuriosito i finanzieri di frosinone che hanno dato inizio alle indagini scoprendo che la società in questione non aveva dichiarato un fatturato di oltre 5 milioni di euro e, quindi, aveva evaso dall’Iva circa un milione di euro. La società in questione ha sede ad Alatri (Fr) e l’amministratrice è una rumena di 30 anni e risultava aver presentato dichiarazioni dei redditi irrisorie. Sulla base degli elementi acquisiti i finanzieri al comando del colonnello Giancostabile Salato, hanno svolto ulteriori accertamenti contabili dai quali è risultato che la società negli anni sottoposi al controllo fiscale, seppure in perdita, movimentava ingenti quantità di denaro, che venivano immesse sui conti societari da una società estera con sede in un paradiso fiscale. L’attività ispettiva intrapresa, ha consentito quindi di riportare alla luce, 5 milioni di euro di ricavi non dichiarati, ed un 1 milione di euro di IVA evasa. Una ingente quantità di denaro, occultata al fisco ed utilizzata dalla titolare dell’impresa di ostentare uno stile di vita sproporzionato rispetto alle effettive capacità economiche. Le ulteriori indagini dei finanzieri della Tenenza di Fiuggi hanno permesso di segnalare quindi, la società e gli amministratori che si sono succeduti nel tempo all’A.G. competente, per le violazioni relative all’ingente evasione perpetrata in materia fiscale.

30 settembre 2009 0

Trovato morto in casa, si indaga su macchie di sangue

Di redazione

E’ mistero, a Vasto, per il ritrovamento di alcune macchie di sangue sul corpo esanime di un 65enne, L.R.. Il cadavere è stato ritrovato in avanzato stato di decomposizione all’interno del suo appartamento. Le forze dell’ordine, allertate dai vicini di casa allarmati dal cattivo odore che fuoriusciva dall’alloggio, sono intervenute entrando nell’appartamento e individuando la salma. Potrebbe essere una morte naturale, ma la presenza di alcune macchie sospette di sangue lasciano aperte tutte le ipotesi. Per questo si contiunua ad indagare grazie all’intervento di un nucleo di polizia scientifica.

30 settembre 2009 0

Maxi sequestro di tagliandi gratta e vinci irregolari

Di redazione

Continuano a ripetersi nel Lazio, riconducibili però al Cassinate, il sequestro di tagliandi di lotterie istantanee illegali. Le forze dell’ordine avrebbero sequestrato in questi giorni, ben 600 mila tagliandi pronti per essere distribuiti nelle ricevitorie abilitate. Alla testa della società sotto inchiesta ci sarebbe un cassinate di 50 anni, più volte indagato per lo stesso reato. Ci inoltre altre 25 proprietari di ricevitorie denunciati. Se l’operazione di vendita dei 600mila tagliandi fosse andata in porto, le casse dell’erario sarebbero state danneggiate per un valore di circa 2 milioni di euro. La lotteria istantanea in questione, che come quella nazionale adopera tagliandi “gratta e vinci”, aggirerebbe la necessaria autorizzazione dei Monopoli dello Stato. Tagliandi la cui messa in vendita consentirebbe scopi promozionali, in abbinamento ad alcune cartoline artistiche. I tagliandi, però, venivano venduti distintamente dalle cartoline.

30 settembre 2009 0

“Donne e Guerra”, i ruoli del gentil sesso nei conflitti analizzati in un libro

Di redazione

Il libro “Donne e Guerra. Dire, fare, subire” sarà presentato, giovedì 8 ottobre 2009, alle ore 16,30, presso la Biblioteca Comunale P. Malatesta in via del Carmine a Cassino. L’ultimo lavoro letterario di Florenza Taricone, presidente del Comitato Pari Opportunità di Cassino, analizza dall’antichità alla contemporaneità i ruoli attivi e passivi di tipo militare e paramilitare assunti dalle donne nel corso di epoche, scenari culturali e luoghi geografici diversi: nell’antichità, nei racconti mitologici, nelle opere letterarie, nel Medio Evo e Rinascimento e via via attraverso il Seicento, il secolo delle rivoluzioni, del Romanticismo, delle due Guerre Mondiali, fino alla Resistenza e al secondo dopoguerra, con la recente legge sul volontariato femminile militare. Le pagine sono efficacemente illustrate da fonti iconografiche diverse ed eterogenee, che rendono visivamente l’idea di quanto le sommosse, le guerre, le invasioni, le rivoluzioni, non siano affatto state estranee alle donne; anzi hanno fatto parte della loro vita e delle loro scelte, sia quando ne sono state vittime, sia quando ne sono state in un certo modo protagoniste consapevoli. Il titolo del libro, Dire, fare, subire sta appunto ad indicare una molteplicità di modi nel vivere il complesso fenomeno bellico, e il suo corredo di violenza di pertinenza maschile; un mondo da cui le donne sono state escluse per l’originaria divisione sessuale dei ruoli, quindi messe al riparo, ma contemporaneamente esposte come popolazione civile, come madri, sorelle, figlie, amanti.