Giorno: 3 settembre 2009

3 settembre 2009 0

Pontecorvo, si è dimesso il sindaco Roscia

Di redazionecassino

Il sindaco  di Pontecorvo, sospeso dall’incarico alcuni mesi fa, Riccardo Roscia, si è dimesso con una lettera depositata alla segreteria del Comune.  Roscia è stato  condannato dal tribunale di Cassino a sei anni di reclusione per concussione e falso per una presunta tangente.  Il prossimo 24 settembre l’ex sindaco  dovrà comparire di nuovo in tribunale per un’altra vicenda giudiziaria in cui rischia  il rinvio a giudizio. L’ex sindaco ha ora 20 giorni di tempo per ritirare le dimissioni.  Si potrebbe rivotare il prossimo anno. Tra i candidati a sindaco l’avvocato Ivan Caserta, legale di Roscia.

3 settembre 2009 0

Cassino, messa in suffragio di vittime del 10 settembre 1943

Di redazionecassino

Il prossimo 10 settembre il CENTRO DOCUMENTAZIONE E STUDI CASSINATI farà celebrare una messa in suffragio delle vittime del primo bombardamento di Cassino avvenuto il 10 settembre 1943. In quel tragico giorno caddero sotto le bombe degli aerei anglo-americani oltre cento cassinati – il numero esatto non si è mai potuto appurare –. Tutto accadde quando la città era in festosa euforia per l’annunciato armistizio di due giorni prima: si riteneva che ormai la guerra sul nostro territorio fosse finita. La raccolta delle salme e dei feriti fu organizzata immediatamente dalle squadre del Comune, ma molti erano stati sepolti sotto le macerie e queste fu possibile, non rimuoverle, ma spianarle solo a guerra finita. Per questo motivo la conta delle vittime non si è mai potuta fare. Le salme raccolte furono collocate nei loculi vuoti del cimitero di S. Bartolomeo; altre furono ammucchiate nelle chiese di S. Rocco e di S. Anna, che, poi, furono letteralmente cancellate dai bombardamenti e dalla bonifica postbellica: la chiesa di S. Rocco affacciava sull’attuale via Marconi, di fronte al monumento alle vittime civili di guerra; quella di S. Anna sorgeva nell’area a monte di via Foro, attuale Vicolo S. Anna.

“Alcuni anni fa, su nostra iniziativa, dichiara lo storico Emilio Pistilli, presidente onorario del CDSC, il Comune iniziò a ricordare quella brutta data con una toccante e semplice cerimonia presso il monumento ai Caduti e con il suono di una sirena e di tutte le campane della città. Negli ultimi anni, non si comprende per quale ragione, la commemorazione è stata ignorata.

Lungi da noi ogni polemica. Tuttavia riteniamo che quelle vittime vadano comunque ricordate ed onorate. Le testimonianze di alcuni sopravvissuti parlano di oltre cento vittime in quella sola giornata, ma nella nostra ricostruzione del Martirologio di Cassino abbiamo potuto ritrovare circa 70 nomi. C’è da tener presente che nei bombardamenti della città andarono perduti tutti i registri di Stato Civile, per cui è risultato impossibile fare dei riscontri. Ad ogni modo quei nomi ora figurano nell’elenco del Muro del Martirologio assieme a tutte le altre vittime cassinati.

La data del 10 settembre 1943 va ricordata perché allora ebbe inizio il calvario di Cassino e Montecassino.

Per questa ragione, noi del CDSC, faremo celebrare una messa il prossimo 10 settembre, alle ore 17.00 presso la chiesa di S. Antonio in Cassino; ad officiarla sarà l’abate di Montecassino dom Pietro Vittorelli.

La cerimonia, durante la quale saranno chiamate per nome tutte le vittime di quel giorno di cui si ha notizia, vorrà essere austera e rivolta al raccoglimento dei familiari sopravvissuti e dei cittadini che vorranno parteciparvi.”

3 settembre 2009 0

Camorra, sequestrati beni per 150 milioni di euro

Di admin

La Direzione Investigativa Antimafia di Roma ha sequestrato  beni per oltre 150 milioni di euro a due cassinati. Si tratta di  Vincenzo e Luigi  Terenzio, rispettivamente padre e figlio, già noti per i loro rapporti con il clan dei Casalesi e la banda della Magliana. Nell’operazione sono stati   sequestrati alberghi, terreni, barche società finanziarie e alcune abitazioni nel territorio tra Cassino Frosinone e Roma.

3 settembre 2009 0

“Viaggio a Cavallo Sui Sentieri di San Benedetto”

Di redazione

Dal 7 al 13 settembre 2009 l’Associazione Cavalieri di Montagna organizza il viaggio a cavallo “Sui Sentieri di San Benedetto”, equitazione, natura e spiritualità dall’abbazia di Montecassino al monastero del Sacro Speco di Subiaco, sulle vie che San Benedetto percorse nel 529, per riscoprire le radici più profonde della cultura cristiana medioevale che dalle “Terrae Sancti Benedicti” s’irradiò in tutta l’Europa cattolica. La finalità del viaggio è anche quello di essere Messaggeri di Pace: in tale occasione sarà portata la bandiera della Pace. L’itinerario da Montecassino a Subiaco permette di scoprire e valorizzare un territorio ricchissimo eppure spesso sottovalutato dai flussi turistici principali. A cavallo, a piedi o in mountain bike, si attraverserà la storia d’Italia, dai popoli pre-romani alla Seconda guerra mondiale, passando per il medioevo e il Risorgimento. Ma si attraverserà anche una natura ancora incontaminata, dove sopravvivono antiche tradizioni di allevamento e agricoltura. I cavalieri partiranno dall’Abbazia di Montecassino e in cinque giorni di viaggio raggiungeranno il Monastero del Sacro Speco di Subiaco. L’itinerario li condurrà nelle più belle abbazie medievali Italiane, dall’Abbazia di Montecassino al Sacro Speco, passando nella terra natale di San Tommaso d’Aquino per giungere prima alla Badia di San Domenico, poi all’Abbazia cistercense di Casamari e alla Certosa di Trisulti, vero gioiello immerso nella vegetazione rigogliosa dei Monti Ernici. Lungo il percorso anche centri storici di pregio (Arpino, Sora, Subiaco), campi di battaglia della Seconda guerra mondiale (la Linea Gustav) e il Parco naturale regionale dei Monti Simbruini. L’iniziativa, promossa in collaborazione con Ciociariaturismo e Ciociariaterradicavalli.it, si svolge con il patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, Regione Lazio, UNIRE, Provincia di Frosinone, Comune di Cassino, Comune di Subiaco, FITETREC-ANTE Comitato regionale Lazio – Cosilam, Parco Naturale Regionale dei Monti Simbruini e la Banca Popolare del Cassinate. Partecipa all’iniziativa il Club Alpino Italiano Regione Lazio con un proprio rappresentante per sperimentare a piedi il percorso. Info: Associazione Cavalieri di Montagna Cell. 339/77.94.079 www.associazionecavalieridimontagna.it info@associazionecavalieridimontagna.it Info 0775.211417 numero utile 347.5311645 www.ciociariaturismo.it il portale turistico ufficiale della Ciociaria