Giorno: 4 settembre 2009

4 settembre 2009 0

Perde il fucile sulla strada, denunciato il cacciatore

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Una dimenticanza che glie è costata bla denuncia del fucile e il sequestro dello stesso. I carabinieri di Alatri (Fr) al termine di un’attività info-investigativa, intrapresa a seguito del rinvenimento sul ciglio di una strada di un fucile da caccia, hanno denunciato il proprietario F.C., 37enne di Frosinone, per omessa custodia di armi. L’uomo, dopo aver trascorso la giornata a caccia, è ripartito con la sua autovettura dimenticando il fucile sul tettuccio. Successivamente ne ha denunciato lo smarrimento presso la Questura di Frosinone. L’arma è stata sequestrata. Er. Am.

4 settembre 2009 0

Bollettino incendi, 25 i roghi nel Lazio

Di redazione

Oggi la Protezione civile regionale è stata attiva su 25 roghi nel territorio del Lazio. Un solo incendio boschivo ha interessato la regione e si è verificato nel comune di Capena, in provincia di Roma. Qui la Protezione civile ha operato in collaborazione con il Corpo Forestale dello Stato impiegando 20 volontari provenienti da 4 associazioni, dotati di pick-up attrezzati per lo spegnimento dei fuochi. Un altro incendio, verificatosi sulle strada Macchia grande nel comune di Latina, ha richiesto l’intervento di due elicotteri (uno appartenente alla flotta regionale e uno del Corpo Forestale dello Stato). L’incendio ha impegnato 25 volontari provenienti da 3 associazioni di volontariato che hanno utilizzato 3 pick-up e 2 autobotti. Questa la situazione nelle diverse province: sono stati 11 i roghi a Latina, mentre se ne sono verificati 10 in provincia di Roma. Le province di Frosinone e Viterbo e sono state interessate rispettivamente da uno e 3 incendi. Complessivamente hanno operato 35 associazioni per un totale di circa 100 volontari. Per ogni segnalazione resta attivo 24 ore su 24 il numero verde della Protezione civile 803 555.

4 settembre 2009 0

Un convegno su Don Ramiro Marcone, Abate di Montevergine

Di redazione

L’Associazione culturale “Ad Flexum” e l’Associazione culturale “Oikìa” stanno organizzando per domani, sabato 5 settembre 2009, un importante Convegno dal titolo “Don Giuseppe Ramiro Marcone Abate di Montevergine, che si terrà a San Pietro Infine, nella chiesa di San Nicola Vescovo. All’importante evento parteciperanno numerose e illustri personalità religiose, politiche e militari. Al termine, in piazza Mercato, che per l’occasione sarà intitolata all’Abate Marcone, verrà scoperto un bassorilievo in bronzo dedicato all’Alto Prelato. La scultura-targa, voluta dai familiari dell’Abate, è opera dal bravo artista sampietrese Rosario Parisi. Nello stesso giorno sarà distribuita la ristampa anastatica del volume “L’Abbazia di Montevergine durante il governo dell’Abate Marcone (1918-1953)” del compianto P. Giovanni Moncelli. Scheda su Don Giuseppe Ramiro Marcone Don Ramiro Giuseppe Marcone nasce a San Pietro Infine (CE) il 15 marzo 1882. Inizia il suo cammino monastico nell’abbazia di S. Giuliano d’Albaro in Genova, dove il 30 novembre 1898, sedicenne, professa il triplice voto di “povertà”, “castità” e “obbedienza”. Mandato a perfezionarsi nelle discipline filosofiche e teologiche nel collegio internazionale di S. Anselmo in Roma, consegue la laurea di dottore in Filosofia. Finiti gli studi nel luglio del 1907, nell’ottobre dello stesso anno torna a S. Anselmo per intraprendere l’insegnamento di storia della filosofia. Per la sua fama di eccellente professore e per la pubblicazione di un’opera di storia della filosofia, è annoverato tra i soci dell’Accademia filosofica di S. Tommaso d’Aquino. Nell’anno 1915, giovane professore e vice-rettore dell’Ateneo di S. Anselmo, viene chiamato alle armi col grado di tenente di complemento. Mons. Marcone, oltre ad essere un monaco esemplare, un valente professore, si dimostra anche un prode soldato, meritando encomi solenni per atti di valore nell’esercitare con zelo l’ufficio di cappellano. L’11 marzo 1918, viene nominato dal Santo Padre Benedetto XV abate ordinario dell’Abbazia Nullius di Montevergine. Regge la Congregazione per ben 36 anni, dal 1918 al 1952. In questo lungo lasso di tempo il suo impegno non si limita a quello di monaco, padre e maestro, ma con la sua tenacia ed intraprendenza dà impulso alla rinascita spirituale e religiosa della Congregazione, cura la ristrutturazione del Santuario e dell’Abbazia, si dedica ad attività sociali e di apostolato, da buon diplomatico intensifica i rapporti con le varie cariche ecclesiastiche, istituzionali e con Casa Savoia, porta a compimento la strada rotabile per Montevergine, dà incremento alla costruzione della funicolare, al bar-ristortante-albergo “Romito”, costruisce l’orfanotrofio femminile dipendente dalla Congregazione e fonda la Congregazione delle Suore Benedettine. Nel periodo della seconda guerra mondiale ospita nel palazzo di Loreto gli abissini e durante il bombardamento del 14 settembre ad Avellino offre un sicuro rifugio agli sfollati. Per oltre sette anni, dal 1939 al 1946, custodisce segretamente presso l’Abbazia di Montevergine, su incarico del re Vittorio Emanuele III e del Papa, la Sacra Sindone. PROGRAMMA DEL CONVEGNO “Don Giuseppe Ramiro Marcone: Abate di Montevergine” Chiesa di San Nicola Vescovo – San Pietro Infine (CE) Sabato, 5 settembre 2009, ore 16,00 Organizzato da: Associazione Culturale “Ad Flexum” si San Pietro Infine (CE) Associazione Culturale “Oikìa” Con il patrocinio di: Regione Campania, Provincia di Caserta, Comunità Montana Monte Santa Croce, Comune di San Pietro Infine, Abbazia di Montecassino (FR), Abbazia di Montevergine (AV). Ore 16,00 – Saluti del Presidente dell’Ass. Ad Flexum: Maurizio Zambardi Saluti del Presidente dell’Ass. Oikìa: Roberto Campanile. Saluti del Sindaco di San Pietro Infine: Fabio Vecchiarino. Saluti del Presidente della Comunità Montana Monte Santa Croce: Pietro Delle Donne. Saluti dell’Abate di Montecassino: S. E. Dom Pietro Vittorelli. Saluti dell’Abate di Montevergine: S. E. Dom Beda Paluzzi. Moderatore Padre Riccardo Guariglia Interventi: Ore 16,45 – Dom Faustino Avagliano: “Rapporti tra l’Abbazia di Montecassino e l’Abbazia di Montevergine agli inizi del ‘900”. Ore 17,00 – Aldo Zito: “L’Abate Marcone filosofo”. Ore 17,15 – Mons. Lucio Marandola: “Pastorali dell’Abate Marcone nella sua diocesi”. Ore 17,30 – Dom Andrea Cardin: “L’Abate Marcone e i rapporti con Casa Savoia”. Ore 17,45 – Federico Marcone: “L’Abate Marcone: Il periodo Croato” Ore 18,00 – Lucia Marcone: “Le opere edilizie dell’Abate Marcone”. Ore 18,15 – Maurizio Zambardi: “L’abate Marcone, custode della Sacra Sindone. Ore 18,30 – Bernardo Pirollo: “L’Abate Marcone nei ricordi della famiglia”. Consegna della ristampa anastatica del volume: “L’Abbazia di Montevergine durante il governo dell’Abate Marcone (1918-1953)” di Giovanni Mongelli O.S.B. Ore 20,00 – La cerimonia continuerà in Piazza Mercato con lo scoprimento di un bassorilievo in bronzo, dono della famiglia Marcone, realizzato dall’artista Rosario Parisi e intitolazione all’Abate della piazza. Ore 20,30 – Rinfresco. Nell’occasione sarà allestita una “Mostra fotografica inerente l’Abate Marcone”, a cura della Comunità Benedettina di Montevergine.

4 settembre 2009 0

Ruba un escavatore a Venezia, lo arrestano a Pontecorvo

Di redazione

Ladro di mini escavatore arrestato dai carabinieri di Pontecorvo (Fr). I militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia comandata dal capitano Pierfrancesco Di Carlo, hanno arrestato Maurizio B. 37enne di Napoli, per furto aggravato. L’uomo, mentre transitava a bordo di un autocarro sul tratto dell’A1 compreso tra le uscite di Ceprano e Pontecorvo, ha insospettito una pattuglia dei carabinieri che hanno deciso di seguirlo e, giunti nei pressi dell’uscita autostradale di Santa Maria Capua Vetere, di sottoporlo al controllo. A seguito di perquisizione veicolare, i militari operanti hanno rinvenuto nel vano di carico un escavatore rubato in un cantiere di Santo Stino di Livenza (Ve). L’escavatore è stato quindi restituito alla società proprietaria. L’arrestato invece è stato associato presso la Casa Circondariale di Santa Maria Capua Vetere.

4 settembre 2009 0

Appena maggiorenni estorcevano denaro ai compagni, arrestati

Di redazione

Giovani estorsori arrestati dai carabinieri. E’ accaduto a Sora che i militari della compagnia, dopo attente indagini, hanno tratto in arresto un 19enne e un 18enne che avevano minacciato un minorenne per ottenere i pochi euro che aveva in tasca. Il 17enne aveva chiesto la restituzione del telefonino che i due bulli gli avevano sottratto in precedenza. I due, per effettuare lo scambio, pretendevano appunto i soldi. Sono quindi intervenuti i carabinieri arrestando i due per estorsione in concorso. Er. Am.

4 settembre 2009 0

Multiservizi, 84 posti di lavoro in bilico

Di redazione

Benedetto Truppa di Cgil Frosinone, per nome e per conto di tutte le sigle sindacali, in un comunicato scrive: “Nell’incontro del 03.09.2009 svoltosi alla Federlazio l’Amministratore Delegato della Multiservizi Frosinone spa, il Dott. Carlo De Dominicis, ha comunicato alle scriventi OO.SS, le determinazioni che intende assumere a seguito delle mancate risposte che l’Amministrazione Provinciale di Frosinone ed al mancato pagamento del servizio di manutenzione stradale. L’Amministratore Delegato della Multiservizi ha comunicato alle OO.SS. di aver diffidato il 23 luglio l’Amministrazione Provinciale ad adempiere agli impegni assunti con il conferimento dei servizi, e di aver ulteriormente sollecitato il 6 agosto al rispetto degli adempimenti contrattuali che addirittura prevedono la liquidazione anticipata di 3 mensilità. Ha precisato che, in assenza di un immediato riscontro degli adempimenti da parte dall’Amministrazione Provinciale si vedrà costretto ad aprire le procedure di mobilità e quindi a licenziare gli 84 lavoratori dipendenti assunti in giugno, addetti al servizio di manutenzione stradale, servizio che comunque viene finanziato con fondi regionali. Da tutte le OO.SS. presenti all’incontro è stata manifestata la preoccupazione per il licenziamento degli 84 lavoratori e per le conseguenze che tale decisione potrà avere sulla società Multiservizi Frosinone spa. Gli 84 lavoratori a seguito della scelta politica dell’Amministrazione Provinciale di non pagare le fatture, sono ancora in attesa di ricevere il pagamento delle retribuzioni dei mesi di luglio ed agosto. Nonostante tale inadempienza gli stessi stanno garantendo, in una situazione di forte precarietà e incertezza, un servizio di sicura importanza per la collettività quale è quello della manutenzione delle strade provinciali. Per sollecitare l’Amministrazione Provinciale di Frosinone ad affrontare e risolvere il problema, le OO.SS. hanno da giorni chiesto un incontro al Presidente Iannarilli, convocazione che però tarda ad arrivare. Al fine di concordare con i lavoratori le azioni di lotta per risolvere la vertenza è stato deciso, da tutte le sigle presenti all’incontro, di convocare per mercoledì 9 settembre dalle ore 9.00 alle ore 11.00 presso il salone della Provincia l’assemblea dei dipendenti della Multiservizi Frosinone spa Ci preme ricordare che soltanto qualche mese fa e con molte difficoltà si è riusciti ad individuare un percorso condiviso a livello regionale per garantire la continuità lavorativa della Multiservizi con gli attuali livelli occupazionali. In quella sede sono stati assunti impegni in tal senso da tutti gli enti azionisti (Regione Lazio, Comune di Frosinone, Comune di Alatri e Provincia di Frosinone). Le dichiarazioni del Presidente Iannarilli riportate dalla stampa, se vere, sembrerebbero rimettere in discussione la prosecuzione della vita della Multiservizi Frosinone spa, per questo motivo è necessario un confronto chiaro e immediato per dare certezze a tutti i lavoratori della società, iniziando con il garantire gli 84 lavoratori”.

4 settembre 2009 0

Presentato il 31° Rally di Pico

Di redazione

Davanti ad una platea davvero delle grandi occasioni, è stato scoperto il velo circa il contenuto della manifestazione che prenderà il via domani sabato 5 settembre 2009. Parterre molto folto anche per quanto riguarda gli amministratori del comprensorio che hanno voluto intervenire alla conferenza: tutti hanno sottolineato l’importanza della corsa picana nella storia sportiva della provincia ma anche quale possibilità di sviluppo economico per l’intero territorio. Un buon risultato aveva anche raggiunto, nel pomeriggio, il debuttante “Raduno delle Mini”: un’esperienza sicuramente interessante che l’organizzazione vorrà ripetere nelle prossime edizioni. Poche ore quindi alla discesa in pista delle supercar che attireranno migliaia e migliaia di appassionati sulle strade del Rally per assistere alle 11 prove speciali che comporranno la magica nottata tra sabato e domenica: importante sottolineare l’appello, rivolto da tutti i personaggi intervenuti sul palco, per il rispetto di ogni regola, in pista e fuori, e per il conseguente vantaggio in termini di sicurezza che ne scaturirà per gli astanti.

4 settembre 2009 0

Cinema e turismo, un asse Frosinone-Irlanda del nord

Di redazionecassino

Finale di anno interessante per l’associazione CiociariaInCelluloide  con partecipazioni a  ottobre ’09 – Festa del Cinema di Roma; Iª Edizione del Premio Colosseo; presentazione del Festival del CineTurismo e della Borsa Internazionale delle Location Cinematografiche 2010. Il 2008 è stato  un anno ricco di soddisfazioni per l’iniziativa di CineTurismo denominata CiociariaInCelluloide, a partire dal conferimento di un premio in occasione della III Edizione di “San Donato Cinema” (in Valcomino), per l’impegno profuso sul versante del Cinema come volano per il territorio, a partire dalla realizzazione di un reportage/diario di viaggio di questo vastissimo set naturale! Un riconoscimento che ha dato il via, solo pochi mesi dopo, ad una collaborazione tra il Salotto Letterario “Gli Atomi”, presieduto da Giovanna Caridei e Peter Bolan, ricercatore presso la School of Hospitality and Tourism Management della University of Ulster (Irlanda del Nord). Un 2009, dunque, scandito da una sinergia tesa ad indagare l’originalissimo case history frusinate (già presentato in altri contesti internazionali), in cui si assiste alla commistione – in un unico, immenso e variegato set naturale – di location cinematografiche e paesi natali di alcuni dei più grossi nomi del cinema di ieri e di oggi. Un binomio che già da tempo suscita grande curiosità/apprezzamento da parte di viaggiatori desiderosi di ri/vivere, attraverso l’esperienza immersiva del MovieTour (direttamente nei luoghi in cui è stato girato il film), le emozioni e le suggestioni provate al cinema. Ed è proprio di questo nuovo orientamento che si è parlato quest’estate alla VIIª Edizione dell’Ischia Film Festival, nonché Vª della BILC (Borsa Internazionale delle Location e del CineTurismo) e IIª del Product Placement & Location Festival. Ricco di spunti interessanti il VII Convegno Nazionale, “Diversificare col Cineturismo per superare la crisi”, che ha visto la partecipazione, tra gli altri, dell’ungherese Anna Irimiás del Tourism Institute, Kodolányi János – University College, Székesfehérvár, che ha illustrato come la città di Budapest si sia spesso prestata a rappresentare, in pellicole del calibro di Evita, altre capitali mondiali, generando tuttavia un fenomeno che ha sapientemente indagato Roberto Provenzano, docente di Cinema e Audiovisivi presso la Libera Università di Lingue e Comunicazione (IULM) di Milano, nel suo intervento “Illusioni, delusioni e verosimili prospettive”. È stata poi la volta della relazione “Sogna con il film, risvegliati in Australia” di Matteo Prato, della Tourism Australia e la sua acuta analisi dell’omonimo colossal Australia. Ma sono intervenuti anche la sceneggiatrice Carlotta Ercolino, che ha ragionato sulla strategica rilevanza di una buona sceneggiatura, affinché la location possa diventare elemento narrativo al pari di storia e personaggi, in vista della sua successiva promozione turistica; e la senatrice Irene Aderenti, con un intervento su “Turismo, cultura, territorialità, imprenditorialità, scuola: le nuove frontiere del cinema italiano”. Non sono mancati poi i momenti formativi con workshop e laboratori legati alle professioni di Cinema & Turismo; primo fra tutti il convegno “Dal Product Placement al Cineturismo: i contenuti come driver di un’esperienza”, cui hanno preso parte il regista, sceneggiatore e critico cinematografico David Grieco, nonché esponenti del product placement e di tour operator internazionali, che hanno analizzato le possibilità offerte da 2 film hollywoodiani girati nel 2009 sul territorio italiano, New Moon (secondo capitolo della saga Twilight) e Letters to Juliet.

4 settembre 2009 0

Cassino Calcio, i convocati per la gara contro il Vico Equense.

Di redazione

Il tecnico azzurro Maurizio Pellegrino ha diramato l’elenco dei calciatori convocati per la sfida contro il Vico Equense, valida per il terzo turno di campionato, in programma domani SABATO 5 Settembre 2009 sul neutro di Sant’Antonio Abate: sono 19. La gara inizierà alle ore 15. Portieri: Amadio, Indiveri. Difensori: Bianciardi, Bica Badan, Merli Sala, Poli, Sfanò. Centrocampisti: Bonacquisti, Camorani, Conti, Gemmiti, Giannone, Kone, Scappaticci, Romeo. Attaccanti: Bardeggia, Croce, Mezgour, Morello.

4 settembre 2009 0

Riassetto della Sanità, Confindustria scrive ai Sindaci

Di redazione

La Sezione Sanità Privata di Confindustria Frosinone ha inviato un documento ai Sindaci riuniti questa mattina per preparare una bozza di programma da presentare martedì prossimo a Roma in Commissione Sanità per decidere del piano di riordino della rete ospedaliera previsto per la Provincia di Frosinone. Nel documento, che fa seguito ad una intensa attività di Confindustria Frosinone al fianco degli operatori della sanità privata della provincia, finalizzata a salvaguardare il settore che costituisce una componente fondamentale del servizio sanitario regionale, la Sezione Sanità di Confindustria Frosinone analizza le problematiche relative sia alle case di cura per acuti che alle case di cura di riabilitazione ma anche le tante e delicate questioni ancora aperte per i centri ambulatoriali. Nella lettera viene sottolineata la preoccupazione per i livelli occupazionali che potranno ridursi in maniera sensibile e si evidenzia come siano stati fortemente penalizzanti per la provincia di Frosinone i provvedimenti finora emessi dall’attuale Giunta regionale nonché dal Commissario nominato per l’attuazione del piano di rientro. Le strutture sanitarie private hanno visto ridursi i posti letto mentre le reali esigenze del territorio richiedono non solo il mantenimento di quelli esistenti ma anche un loro incremento. Secondo la Sezione Sanità di Confindustria Frosinone, guidata dalla Presidente Manuela Mizzoni, la sanità privata della provincia, incide in minima parte sui costi del sistema regionale, mentre contribuisce a garantire elevati standard qualitativi ed organizzativi alle esigenze di assistenza al cittadino-utente. I tagli operati alle Case di Cura private, gestite con criteri manageriali, d’altra parte, hanno messo in grave difficoltà operative le strutture, mentre non hanno generato sostanziali benefici in termine di risparmi ai bilanci regionali che continuano a registrare deficit ingenti nei singoli ospedali che invece vengono poi ripianati a fine esercizio.