Giorno: 9 settembre 2009

9 settembre 2009 0

Incendi, bruciano i boschi del cassinate

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

[flashvideo file=http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/wp-content/uploads/2009/09/incendi9-9.flv /]

9 settembre 2009 0

Coltivava marijuana in giardino, arrestato un 22enne

Di redazione

Invece dei gerani, nel giardino, coltivava marijuana. lo hanno scoperto i carabinieri di Frosinone che hanno arrestato per coltivazione e detenzione illecita di sostanze stupefacenti F.D., 22enne di Amaseno (Fr). Nel corso della perquisizione venivano rinvenute nel terreno di pertinenza del domicilio del giovane 6 piante di marijuana alte circa 250 centimetri, sottoposte a sequestro. L’arrestato è stato tradotto in carcere a Frosinone.

9 settembre 2009 0

Test di ingresso per scienze delle Comunicazioni

Di redazione

Il giorno 15 settembre 2009 alle ore 10:00, presso l’Aula Magna del Polo didattico di Sora, si terrà il Test d’ingresso per il Corso di laurea in Scienze della Comunicazione. La prova consisterà in un test a risposta multipla, relativo alle seguenti materie: – Lingua italiana – Cultura generale – Lingua inglese La prova, anche se non selettiva, è obbligatoria per tutti gli immatricolati escluso coloro che abbiano una precedente carriera universitaria e/o un riconoscimento crediti. E’ richiesta la prenotazione, da effettuare on line, collegandoti al sito www.unicas.it e cliccando sul banner “Iscrizioni On Line”. Apparirà una interfaccia in cui sarà richiesto, solo la prima volta, la registrazione al Portale di Ateneo, attraverso l’inserimento di dati e la scelta di due chiavi di accesso. Una volta effettuata la registrazione, per gli accessi successivi, sarà necessario solo identificarsi, semplicemente digitando il nome utente e la password. Si raccomanda di presentarsi al test muniti di un documento di riconoscimento. L’anno accademico è organizzato in semestri, al termine dei quali si svolgeranno le prove di verifica, relative ai corsi attivati in quel semestre. Nei mesi di luglio e settembre sono previsti degli appelli di recupero per tutti i moduli didattici. Il 15 settembre 2009, presso il Polo didattico di Sora, si terrà una giornata di orientamento per gli studenti interessati all’iscrizione al Corso di laurea in Scienze della comunicazione. La laurea in Scienze della comunicazione fornirà: – le competenze di base e le abilità specifiche per lavorare nei settori dei mezzi di comunicazione e nei diversi apparati delle industrie culturali; – le abilità relative alle nuove tecnologie della comunicazione e dell’informazione; – specifiche conoscenze relative alle politiche operative della comunicazione e dell’informazione, anche sotto il profilo istituzionale; – capacità redazionali e capacità di produzione di testi per l’industria culturale. – Possibilità i lavorare nel settore giornalistico e dell’audiovisivo. I laureati in Scienze della comunicazione, inoltre, potranno svolgere attività professionali nelle organizzazioni pubbliche e private, nazionali ed internazionali, in qualità di addetti stampa, comunicatori pubblici, esperti di gestione di aziende editoriali, esperti multimediali, esperti d’istruzione a distanza, pubblicitari.

9 settembre 2009 0

Sanità e livelli occupazionali, beni da difendere

Di redazione

Taglia alla sanità nelle cliniche private, licenziamneti anche per gli ausiliari del traffico. Sulla questione interviene l’assessore di Cassino Carmelo Palombo “Tra i beni primari di una società, ai primi posti vi sono la garanzia di un servizio sanitario efficiente e la conservazione e la crescita dei livelli occupazionali. I segnali di ripresa economica, seppure timidi, provenienti anche da autorevoli esponenti europei, rappresentano un ulteriore impegno, anche morale, per la salvaguardia dei livelli occupazionali nel Cassinate. Questi segnali, a mio avviso, devono costituire elemento di positiva riflessione per le aziende che hanno deciso di procedere alla riduzione del lavoro e, di conseguenza, della manodopera impiegata. Ciò vale anche per aziende come il San Raffaele, che ha deciso di licenziare oltre trenta lavoratori, seppure con motivazioni diverse, riconducibili alla riduzione di accreditamenti pubblici da parte della Regione Lazio nell’ambito del Piano di rientro sanitario curato dal commissario Piero Marrazzo. Fermo restando l’impegno delle istituzioni, in primis il Comune di Cassino e la Consulta dei Sindaci del Lazio Meridionale, che sono molto attive per evitare che il Piano penalizzi quasi esclusivamente questo territorio, soprattutto l’azienda deve dare un chiaro segnale di disponibilità in favore dell’occupazione di un territorio e di una città disponibile e collaborativi. Sono convinto che sia necessario continuare questa battaglia di diritti a tutela, ma anche a garanzia, della qualità del servizio sanitario nel Cassinate, un territorio che già in presenza di livelli di assistenza ridotti rispetto alle altre province laziali, ora registra ulteriori penalizzazioni gravi sia nel settore pubblico che in quello privato: l’ospedale Santa Scolastica scade giornalmente in quantità di servizi erogati mentre le cliniche S. Anna, Villa Serena e San Raffaele sono state ridimensionate. Naturalmente la salvaguardia dei livelli occupazionali attuali deve riguardare anche il Consorzio Urbania, la società che gestisce il servizio di sosta a pagamento in città, che ha deciso di licenziare alcuni dei suoi dipendenti nonostante gli accordi assunti. L’Amministrazione comunale, su questi fronti, farà la sua parte e farà altrettanto anche per dare ai nostri giovani le giuste condizioni di crescita sociale in città. In quest’ottica bene ha fatto il sindaco ad evidenziare la problematica legata al negozio Alkemico la cui attività costituisce certamente un aspetto poco educativo nei confronti delle giovani generazioni che possono essere facilitate nel consumo di sostanze dannose per la loro salute e possibili incentivanti a comportamenti ancora più pericolosi”.

9 settembre 2009 0

Trasporto pubblico esteso fino alla zona univesitaria della Folcara

Di redazione

A partire da metà settembre il servizio di trasporto pubblico urbano sarà esteso fino al Polo Didattico della Folcara. Lo annuncia l’assessore ai trasporti del Comune di Cassino, l’architetto Giulio Mastronardi, dopo l’incontro avuto a Roma con l’assessore regionale ai trasporti Franco Dalia alla presenza dell’assessore provinciale ai trasporti Gabriele Picano. Durante l’incontro Mastronardi e Picano hanno evidenziato la crescente domanda di trasporto pubblico verso il Polo Didattico della Folcara che nei prossimi giorni vedrà accrescere notevolmente la popolazione scolastica quando sarà formalizzato il trasferimento anche del Liceo Scientifico Pellecchia, che conta oltre mille presenze tra studenti, personale docente e non docente. “La Regione – afferma Mastronardi – si impegnata ad incrementare il chilometraggio delle linee urbane in occasione della delibera di pianificazione del trasporto pubblico locale che sarà adottata nei prossimi giorni. Ormai il Polo Folcara è una realtà ed è destinato ancora a crescere, per questo il potenziamento dei collegamenti pubblici con la città e l’apertura, speriamo a breve, del nuovo svincolo sulla SS 630 costituiscono due risposte importanti per le popolazioni scolastiche interessate e cioè Università, Istituto per Geometra, Liceo Scientifico, Itis. Con l’occasione, insieme al collega Picano, abbiamo esposto altre esigenze e problematiche legate all’ottimizzazione del nostro TPL che presto dovrebbero costituire tema di confronto in un tavolo tecnico tra Comune di Cassino, Amministrazione Provinciale di Frosinone e Regione Lazio”.

9 settembre 2009 0

Coldiretti “lancia la volata” al fagiolo Cannellino di Atina

Di redazione

“E’ certamente importante lavorare per far conquistare alla nostra agricoltura sempre maggior spazio. E’ altresì importante implementare azioni e progetti con i quali far crescere marchi per le nostre eccellenze”. A parlare è Gianni Lisi, direttore provinciale della Coldiretti che aggiunge.“Partendo da queste brevi considerazioni è quindi sicuramente valido il percorso che è stato ipotizzato per lanciare le fasi per arrivare alla dop e, nello specifico, per il fagiolo cannellino di Atina. Non mi sembra valida, al contrario, la modalità che è stata scelta, almeno sino ad oggi, che penalizza fenomeni quali la concertazione e la sinergia con il nostro settore, quello delle associazioni di categoria. Ho atteso più di qualche settimana per intervenire sull’argomento per una serie di motivi ma credo che sia giusto, anche alla luce delle ultime notizie apprese dalla stampa locale, intervenire e non certo per fare polemica, d’altronde chi mi conosce sa che non è un esercizio che mi appartiene, ma poiché ritengo sia giusto fare alcuni riflessioni con le quali, ripeto, non intendo innescare polemiche ma verificare, semmai, se nel percorso intrapreso è ancora possibile inserire qualche tappa che ritengo basilare. Molti dei produttori che sono stati interessati ed hanno partecipato alle riunioni che si sono svolte hanno chiesto al sottoscritto di intervenire poiché nostri associati. Orbene credo che il mondo delle associazioni agricole, e della Coldiretti in particolare, possa dare un valido contributo in termini organizzativi, tecnici e anche dal punto di vista squisitamente progettuale. L’invito quindi che faccio a quanti con determinazione stanno seguendo questo progetto – conclude Lisi – che venga in qualche modo rivisto quanto sino ad oggi è stato pianificato non tanto dal punto di vista del programma delle azioni da mandare avanti ma nella direzione di un sinergia la nostra organizzazione che, tanto per esser chiari, è sin d’ora disponibile, per cogliere un importante ed atteso risultato con il quale offrire al settore agricolo provinciale un ulteriore palcoscenico per farsi valere e per dare soddisfazione al lavoro e al sacrificio dei nostri tanti soci imprenditori. D’altronde la Coldiretti rappresenta la prima organizzazione agricola della nostra Penisola, del Lazio e della Ciociaria e molti dei produttori attivi fanno riferimento alla nostra struttura”.

9 settembre 2009 1

Danneggiata la casa di Santa Scolastica, cantiere bloccato

Di redazione

Cantiere bloccato a Villa Santa Lucia, dalla Sovrintendenza Archeologica Lazio. I funzionari hanno accertato che nel costruire un’abit5azione, un privato avrebbe irrimediabilmente danneggiato la casa di Santa Scolastica nella frazione di Piumarola. I lavori sono stati eseguiti all’interno del “Castrum di Plumbarola” che sorgeva lungo la via Latina, fondato su un precedente statio romana e fortificata completamente nel IX d. C. Per realizzare l’abitazione sarebbe stata demolita la porzione di un fabbricato riconducibile alle mura interne della piazza d’Armi. Inoltre è stato effettuato lo sbancamento per realizzare le fondazioni della nuova casa, compromettendo totalmente l’integrità degli strati archeologici. Piumarola, un tempo Plumbarola, proprio perché sorgeva sulla via Latina fungeva da emporio commerciale e punto di sosta per commercianti, viandanti e pellegrini. Al suo interno, inoltre, Santa Scolastica, sorella di San Benedetto, aveva fondato il suo monastero. La struttura in questione quindi ricopriva un ruolo importantissimo per l’epoca ed in particolare nelle dispute medievali tra il monastero benedettino di Montecassino e i potentissimo Conti di Aquino. I lavori sarebbero stati effettuati senza che le sovrintendenze ai beni archeologici e architettonici fossero informate così come deve avvenire per ogni tipo di lavoro in zone di interesse storico come, appunto, Piumarola. Al momento il cantiere è stato bloccato e l’ispettore della Sovrintendenza Alessandro Betori, che ha competenze sulla zona del cassinate, ha avviato un’indaginbe archeologica per stabilire l’entità del danno. Ermanno Amedei

9 settembre 2009 0

Controlli alle sale giochi, multe e sequestri dalle fiamme gialle

Di redazione

Nel corso delle ispezioni, effettuate dalla guardia di Finanza all’interno di bar e sale gioco di Sora, sono emerse diverse irregolarità, che hanno portato anche al sequestro amministrativo di un apparecchio da gioco, con la conseguente contestazione della sanzione di 2.300 euro, nei confronti del gestore dei giochi, dell’esercente e del concessionario e contestuale segnalazione, alla locale autorità giudiziaria, del titolare dell’esercizio commerciale per violazione all’art. 110 del t.u.l.p.s.. Le violazioni, in particolare, attengono al fatto che l’apparecchio non era collegato alla rete telematica dell’amministrazione autonoma dei monopoli dello Stato, che permette la quantificazione degli introiti dovuti all’erario, ed alla mancata esibizione del previsto nulla osta per la messa in esercizio. I servizi in materia svolti dalla guardia di finanza, oltre a tutelare l’erario statale dalle evasioni fiscali, assumono anche forti contenuti sociali, in quanto costituiscono una risposta alle sempre più accorate richieste di intervento di tante mogli e madri che vedono mariti e figli rovinarsi con il gioco d’azzardo. Lo stringente controllo di polizia nel settore dei videogiochi è doveroso non soltanto per verificare l’impatto ambientale del loro smaltimento, ma anche ai fini di pubblica sicurezza (l’uso dei videogiochi è infatti regolato dal testo unico delle leggi di pubblica sicurezza), ai fini fiscali (in quanto è enorme il gettito che tali macchine producono allo Stato, con i relativi rischi di frode), ed ai fini sociali (in quanto vengono segnalati sempre più casi di persone che, in provincia di Frosinone, spendono intere pensioni e stipendi nei giochi, riducendosi sul lastrico).

9 settembre 2009 0

Discariche di slot machine, denunciato il titolare di un’azienda

Di redazione

Le discariche di slot-machine sembravano spuntare come funghi da un giorno all’altro. Un “rifiuto”, quello dei video poker, che ormai si trovava dovunque: sulle rive dei fiumi, sui cigli delle strade o negli anfratti. Ma i videogiochi hanno una particolarità, quella di avere numeri di serie. Proprio indagando siu questi numeri di serie la guardia di finanza è riuscita a individuare una società di Cassino proprietaria di almeno uno dei video poker. Non è stato facile per gli uomini del capitano Vincenzo Ciccarelli dato che tutti gli apparecchi elettronici avevano il numero abraso tranne che in un caso. Quella slot machine ha permesso di risalire, quindi, alla ditta di Cassino che non ha potuto fornire la documentazione che attestava il corretto smaltimento dell’apparecchio. E’ quindi scattata la denuncia al titolare dell’azienda per abbandono incontrollato di rifiuti. Tutte le slot-machine sono state sottoposte a sequestro probatorio da parte della guardia di finanza. Le indagini continuano per accertare se altri soggetti siano coinvolti nell’illecito traffico.

9 settembre 2009 0

Calcio, il Cassino prepara la gara con il Noicattaro

Di redazionecassino

Il Cassino, dopo il  pareggio di sabato scorso  sul campo del Vico Equense, ha ripreso la preparazione in vista dell’incontro casalingo con il Noicattaro, ultimo in classifica e a zero punti. Il tecnico Maurizio Pellegrino recupera i difensori Agius, Bica Badan e Martinelli ma perde, per squalifica, Mezgour. Durante la settimana la squadra dovrà lavorare parecchio per migliorare l’affiatamento e l’intesa fra i vari reparti. Sono ancora diversi i nei da eliminare nella formazione azzurra. Il tecnico,però, è fiducioso perché il campionato è appena all’inizio  e questi problemi  rientrano nella normalità soprattutto in una squadra quasi del tutto rinnovata e ampliata dalla presenza di giovani. Intanto il  pareggio esterno  ha fatto salire il morale ai giocatori, importante per affrontare le prossime gare.  In merito alla gara con il Vico Equense Pellegrino dichiara:“Potevamo fare di più, però, il risultato è giusto. Un punto fuori casa non si deve mai disprezzare, specie in Campania.Dobbiamo lavorare ancora molto perché il campionato è lungo.”  Per il tecnico adesso bisognerà vincere in casa:”E’ necessario incassare risultati positivi al Salveti  per poter affrontare poi la trasferta nella giusta misura. In casa non dobbiamo più lasciare punti come è accaduto con il Catanzaro  e con il Noicattaro bisognerà invertire la rotta. La squadra dovrà lottare ogni domenica per raggiungere gli obiettivi della società”. D.TOR.