Giorno: 1 ottobre 2009

1 ottobre 2009 1

A 53 anni muore di infarto aspettando l’elicottero

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Si svolgerà, probabilmente domani mattina nell’obitorio di Cassino (Fr), il riscontro diagnostico sul corpo di un uomo di 53 anni di Pontecorvo morto ieri mattina in ospedale a Cassino. La vicenda ha avuto inizio ieri alle 10 circa quando dall’ospedale di Pontecorvo, il 53enne è stato trasportato d’urgenza al Santa scolastica della città martire per via di un infarto. Le sue condizioni erano gravi ed era necessario trasportarlo d’urgenza a Roma. Dopo qualche ora l’uomo è deceduto mentre aspettava l’elicottero. L’esame previsto per domani sembra essere stato disposto per tentare di capire se un trasferimento celere avesse impedito il decesso. Pare che a quell’ora i velivoli della flotta del 118 fossero impegnati in altri interventi classificati come codice rosso e l’elicottero sarebbe tornato disponibile quando ormai era troppo tardi. Er. Am.

1 ottobre 2009 0

La Cgil a Roma per difendere la libertà di stampa. Dì la tua

Di redazione

La libertà di stampa è in pericolo? di la tua scrivendo a redazione@ilpuntoamezzogiorno.it Questa la posizione della Cgil per bocca di Benedetto Truppa “Per una informazione davvero libera, indipendente da qualunque potere. Ma anche contro le censure, le minacce, le intimidazioni di ogni genere che hanno colpito negli ultimi mesi importanti testate giornalistiche nazionali e trasmissioni delle reti pubbliche, e decine di giornalisti, di uomini e donne della cultura e dello spettacolo. La CGIL dice no all’informazione al guinzaglio, e con forte convinzione aderisce alla manifestazione per la libertà di informazione e di espressione indetta dalla Federazione Nazionale della Stampa Italiana che si terrà a Roma alle ore 16,00 in Piazza del Popolo. L’impressionante escalation di iniziative contro il ruolo di una informazione libera e plurale richiede una reazione adeguata ed immediata ed una continuità di mobilitazione. La CGIL intende partecipare a questa mobilitazione a sostegno dell’articolo 21 della Costituzione, chiama i lavoratori ed i cittadini ad un impegno straordinario affinché si respinga l’autoritarismo in atto nel nostro paese e si tutelino i diritti fondamentali della democrazia figli della resistenza e delle lotte sociali che il sindacato e le forze politiche sane hanno preservato negli anni pagando a caro prezzo anche con il sangue. Tutti coloro che vogliono adire e partecipare alla manifestazione di Roma possono contattare la CGIL di Cassino 0776.325471- 3480045041. I pullmans partiranno alle ore 13,30 da Piazza Green. Benedetto Truppa CGIL Cassino

1 ottobre 2009 2

Banda di rumeni inventa uno strumento per svuotare le slot

Di redazione

Un congegno ingegnoso per svuotare le cassette di sicurezza delle slot machine. A inventarlo, e chissà se non lo hanno anche brevettato, sono stati alcuni rumeni che, in poco tempo, sono diventati l’incubo dei gestori delle sale giochi di Cassino (Fr). Più di qualcuno, tra i baristi, ha segnalato alla polizia del commissariato cittadino circostanze simili per modalità di intervento. A compiere il furto sono in quattro, stranieri ma residenti in un comune del cassinate. Si avvicinano alla macchina, slot machine o video poker che sia e inseriscono la loro “invenzine” nella fessura da cui vengono erogate le vincite. Iniziano quindi a giocare e, il loro sistema, fa in modo che, non appena il giocatore vince anche la piccolissima somma di un euro comunque sufficiente ad aprire la cassetta, il sistema di chiusura rimane bloccato e, invece di far uscire solamente la piccola somma vinta, svuota completamente il contenitore. Insomma, “sbancano” in continuazione. Sarebbe già un centinaio gli apparecchi colpiti ma alle forze dell’ordine sono arrivate solo segnalazioni. In una circostanza, tgli agenti chiamati sono riusciti a recuperare uno degli strumenti per capirne il funzionamento. Intanto la caccia continua per tentare di coglierli con le mani… nella fessura. Er. Am.

1 ottobre 2009 0

Cocaina in casa, arrestato un 36enne

Di redazione

A Castelliri (Fr), i carabinieri della Compagnia di Sora, nel corso di predisposto servizio, finalizzato al contrasto dei reati in materia di stupefacenti, hanno tratto in arresto V.R. 36 enne originario del Napoletano ma da tempo domiciliato in Castelliri, per aver detenuto, ai fini di spaccio, la sostanza stupefacente del tipo “cocaina”. L’uomo, ad un controllo dei militari è stato sorpreso con tre involucri contenente qualche grammo di stupefacente. Visto ciò, gli stessi militari hanno proceduto alla perquisizione domiciliare, rinvenendo altra cocaina per un totale di grammi 15, due bilancine di precisione e materiale vario per il taglio ed il confezionamento della droga. Il 36enne è stato quindi arrestato.

1 ottobre 2009 0

Magazzino dello spaccio a casa della madre

Di redazione

Gestiva il magazzino della sua attività di spaccio direttamente dalla casa della madre senza che la donna si accorgesse di nulla. Grossi quantitativi di droga e molti soldi transitavano in quell’appartamento e la squadra mobile di Teramo è riuscita ad inchiodare alle proprie responsabilità il giovane che gestiva l’attività illecita. Renzo D.G. disoccupato 29enne di Canzano (Te) è stato quindi arrestato. Nella perquisizione domiciliare gli agenti al comando del primo dirigente Gennaro Capasso hanno trovato circa 100 grammi di eroina, un bilancino di precisione e circa 15mila euro in contanti frutto, evidentemente, dello spaccio. La droga era nascosta nei tubolari delle sponde del letto nella camera del giovane. Ovviamente la droga è stata sequestrata.

1 ottobre 2009 0

Gli “rubano” la casa e rischia di finire sotto un ponte

Di redazione

Sono quasi due anni che ad Antonio M. hanno letteralmente “rubato” l’alloggio popolare. Era dicembre quando l’uomo, una mattina, è tornato nel suo alloggio nel quartiere colosseo a Cassino (Fr) e lo ha trovato occupato da una famiglia. Non solo ha perso la casa, ma anche il mobilio. Una situazione grottesca che, a distanza di quasi due anni non trova una soluzione. Era il periodo, quello, in cui glui anziani rifiutavano il ricovero in ospedale per paura che la propria casa venisse occupata da terzi,. Il pugno duro della Procura ha fatto si che il fenomeno si ridimensionasse ma alcuni casi, come quello di antonio, è rimasto in bilico. Adesso lui vive a casa della sua compagna con cui, per via delle necessità economiche, aveva intenzione di lasciare la casa di lei che era in affitto, e trasferirsi insieme nell’alloggio che l’uomo occupava legittimamente da anni. Quella mattina di dicembre del 2007 però, la casa gli è stata occupata per cui il progetto è saltato. A nulla è valso appellarsi all’Ater, e adesso che la sua storia con la donna sta finendo, l’uomo rischia di andare a vivere sotto un ponte. “In quella casa – ha detto l’uomo – ci sono ancora i miei mobili. Quello che sto vivendo è un incubo”. Ermanno Amedei

1 ottobre 2009 0

Arriva in città la delegazione della “gemellata” Berlino

Di redazione

Giunta questa mattina in città, per celebrare il 40ennale della firma del Patto di gemellaggio con Cassino, la delegazione del municipio di Berlino Steglitz- Zehlendorf (il sindaco Norbert Kopp, il consigliere comunale Barbara Loth, il presidente del consiglio René Rogner Francke, il vice presidente Detlev Ronnisch e Gerhard Harms, dell’associazione Sister city) è stata ricevuta in municipio dal sindaco Bruno Vincenzo Scittarelli e dai rappresentanti della Giunta (il vice sindaco Nardone e gli assessori Evangelista, La Norcia, Palombo e Papa) e del Consiglio Comunale (Canessa, Grossi e Tescione). Nel pomeriggio la delegazione farà visita all’abbazia di Montecassino e al cimitero tedesco di Caira. Domani, come da programma, nell’aula Di Biasio, alle ore 10.00, si terrà il consiglio comunale straordinario durante il quale, dopo i discorsi dei sindaci delle due città, sarà sottoscritto il documento celebrativo del 40° anniversario del gemellaggio. Subito dopo, alle ore 11.00, nell’aula Pacis del Rettorato seguirà l’incontro del sindaco di Berlino Steglitz-Zhelendorf con gli studenti, a vent’anni dalla caduta del muro.

1 ottobre 2009 0

Maltempo, da domani vento forte e piogge a sud e sulle isole

Di redazione

Un fronte perturbato proveniente dalle Baleari sta interessando le nostre regioni centrali tirreniche e domani si approfondirà su quelle ioniche. Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un ulteriore avviso di avverse condizioni meteorologiche che integra ed estende quello diffuso nella giornata di ieri e che prevede da domani, venerdì 2 ottobre, precipitazioni sparse, a prevalente carattere di rovescio o temporale anche di forte intensità, su tutte le regioni meridionali, in particolare sulle zone ioniche. I fenomeni temporaleschi saranno accompagnati da forti raffiche di vento ed attività elettrica. E’ previsto inoltre vento forte dai quadranti occidentali sulle isole maggiori in estensione alla Calabria, con possibili mareggiate lungo le coste esposte. Il Dipartimento della Protezione civile continuerà a seguire l’evolversi della situazione in contatto con le Prefetture, le Regioni e le locali strutture di protezione civile.

1 ottobre 2009 0

Serra in appartamento, coppia di “narco agricoltori” in manette

Di redazione

Avevano trasformato una stanza del loro appartamento di Lanciano (Ch) in una serra in cui coltivare droga in tutta tranquillità, o per lo meno così credevano. La coppia di narcoagricoltori è stata scoperta ed arrestata questa mattina dai carabinieri della compagnia di Lanciano. Si tratta di Gaetano A., 28 anni, originario di Avellino, la sua fidanzata C.D. 27 anni, entrambi residenti a Lanciano. Quando i militari al comando del capitano Geremia Lugibello sono entrati nell’appartamento hanno trovato solamente la donna che dormiva dopo aver svolto il lavoro notturno. I militari hanno quindi aperto la porta chiusa della stanza-serra ed hanno trovato cinque vasi con piante di marijuana in fiore, altre piante essiccate, semi acquistati via internet, fertilizzanti e tutto l’occorrente per far funzionare la serra realizzata in modo, tra l’altro, molto ingegnoso utilizzando un asse da stiro e dei tiranti sugli armadi. La donna si è detta subito estranea a quella coltura sostenendo che la porta rimaneva sempre chiusa. Poco dopo è rientrato anche il compagno e le manette sono scattate per entrambi.

1 ottobre 2009 0

Tradiva la moglie e ostentava l’infedelta, condannato a 2,6 anni di carcere

Di redazione

Non si può tradire la propria moglie esibendo alla stessa le prove del tradimento per renderlo ancora più duro. Lo ha sancito la Suprema corte di Cassazione confermando la condanna a due anni e sei mesi di reclusione a Albino P., un 72enne originario di Pescosolido (Fr) ma residente in provincia di Como. L’uomo era stato già condannato in primo grado perché insultava la moglie e la maltrattava fino, addirittura, a chiuderla fuori casa al ritorno da un periodo di ricovero in ospedale. Tra i reati di cui l’uomo è stato ritenuto colpevole dalla Cassazione, anche quello di “ostentazione delle infedeltà”, Il 72enne, infatti, dopo il tradimento, non esitava a “ostentarlo” come maltrattamento alla coniuge costringendo la donna ad una condizione di vita costantemente dolorosa e avvilente che integra il reato di maltrattamenti tradizionale. Insomma attenzione ad osteggiare il tradimento perché se se a punire non è la moglie ci pensa, con la galera, la Cassazione e non è escluso che ci possano pensare entrambe. Er. Am.