Giorno: 2 ottobre 2009

2 ottobre 2009 1

Poligono di tiro abusivo sequestrato dai carabinieri

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Il poligono di tiro di Pontecorvo (Fr) è stato sequestrato dai carabinieri per gravi irregolarità autorizzative. Un poliziotto che si stava esercitando, ieri, è rimasto ferito accidentalmente ad una mano. Un fatto questo che ha consigliato agli uomini del capitano Pierfrancesco Di Carlo, comandante della compagnia carabinieri di Pontecorvo, di effettuare controlli alla struttura che è stata sequestrata in quanto mancava l’agibilità rilasciata dal Comando Infrastrutture dell’Esercito Italiano e il regolamento per l’uso del poligono. Inoltre i militari hanno deferito per concorso in “falsità materiale commessa dal privato”, “falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico” ed “abuso d’ufficio” T. D.S., amministratore del comune di Pontecorvo, D.N.M., e D.A.G., classe 1929, rispettivamente presidente e segretario del poligono di tiro, S.A. professionista di fiducia dei responsabili del poligono: tutti residenti a Pontecorvo. Dalla verifica è emerso che il presidente ed il segretario del poligono, presentando una falsa dichiarazione di agibilità prodotta da S.A., hanno ottenuto il nulla osta provvisorio del comune di Pontecorvo ai fini dell’apertura del predetto poligono di tiro. Tale provvedimento, di esclusiva attribuzione del Comando Infrastrutture dell’Esercito, è risultato quindi essere stato emesso da un’ autorità che non ha nessuna competenza in materia.

2 ottobre 2009 0

Assaltano la banca ma rapinano solo una cliente

Di redazione

Con passamontagna sulla testa e armati di taglierini, due 30enni, questa mattina poco dopo le 12, hanno fatto irruzione nella filiale della Unicredit Banca di Roma a Pontecorvo (Fr). Tutto sembrava andare secondo i loro piani fino a quando i dipendenti non hanno aperto le casse e hanno tirato fuori appena 50 euro. Cioè, se fossero campani, il bottino non sarebbe stato neanche sufficente per il rimborso della benzina e dell’autostrada. Un bottino troppo magro per accettarlo, quindi si sono guardati intorno e, adocchiata una cliente della banca, l’hanno obbligata a consegnare il portafogli che conteneva ben duemila euro. Certamente non quello che loro speravano dal colpo, ma comunque si sono accontentatio e sono fuggiti per le strade del centro. Addirittura, testimoni avrebbero sostenuto che fossero fuggiti con un’ambulanza. Un aspetto questo non confermato dai carabinieri della compagnia di Pontecoprvo che si sono messi sulle loro tracce. Gli uomini del capitano Pierfrancesco Di Carlo li hanno cercati a lungo ed hanno avviato anche un’indagine per tentare di risalire alle loro identità. Er. Am.

2 ottobre 2009 1

Sismologi, il terremoto non può essere previsto. Intanto la terra continua a tremare

Di redazione

Mentre i massimi esponenti della sismologia si interrogano a L’Aquila sulla possibilità di prevedere i terremoti, quasi come una beffa, la terra continua a tremare. Alle 19,06 di oggi la scossa è stata di magnitudo 2,3 con epicentro tra L’Aquila, Pizzoli e Barete. Intanto oggi, alla conferenza stampa seguita ai tre giorni di studio di una commissione formata da nove scienziati, specializzati in sismologia e geofisica, gli esperti dell’istituto nazionale di Geofisica e sismologia hanno riferito che non esistono sistemi per prevedere terremoti ma che tale possibilità rientra solo nel campo della previsione probabilistica. Inoltre, proprio secondo questo sistema, è stato riscontrato che dopo uuna forte scossa, aumentano le probabilità di terremoto nell’hinterland della stessa.

2 ottobre 2009 0

Droga non pagata, casa in fiamme per vendetta

Di redazione

E’ un dipendente sospeso delle Agenzie delle entrate di Foggi, il 40enne arrestato dalla polizia di Vasto (Ch) per il reato di estorsione, incendio doloso e minacce aggravate. Davide P., secondo gli investigatori, avrebbe prima messo a soqquadro l’abitazione di un 34 enne residente in via Bontempi a Vasto, poi, non trovando i soldi che cercava, pare circa 400 euro per una cessione di stupefacente, avrebbe appiccare il fuoco causando gravi danni all’appartamento. Quando si dice amicizie sbagliate. I due pare fossero diventati amici in una comunità di tossicodipendenza a Bologna frequentata da entrambi nel tentativo, evidentemente vano, di disintossicarsi.

2 ottobre 2009 0

Rubano un’auto ma escono di strada, fermati tre minorenni

Di redazione

Hanno rubato un’auto ma, non sapendola guidare perché minorenni, sono finiti in un fosso. Una rocambolesca circostanza accaduta a Lanciano (Ch) che ha visto tre giovanissimi rumeni di 12, 16 e 17 anni, tutti residenti in Abruzzo, due a Lanciano e uno a L’Aquila. Ad allertare i carabinieri è stato un passante che ha notato i tre giovani uscire di strada con l’auto e abbandonarla. La loro età ha insospettito l’uomo che ha allertato gli uomini della locale compagnia comandata dal capitano Geremia Lugibello. I carabinieri, giunti sul posto nei pressi del comune di Frisa (Ch), hanno prima trovato l’auto, poi i tre ragazzini che si allontanavano a piedi. Poco ci hanno impiegato i militari a scoprire che l’auto era stata rubata poco prima ad un uomo di Lanciano. Nella perquisizione dei minorenni terribili, i militari hanno rinvenuto radioline per parlare tra di loro mentre mettevano a segno i colpi. Il 12enne se l’è cavata con una ramanzina dato che non è imputabile, gli altri due sono stati associati al centro di prima accoglienza di Ancona.

2 ottobre 2009 0

Presto sarà inaugurato il campo sportivo ristrutturato

Di redazione

Lo stadio comunale di San Giovanni Incarico si rifà il look l’amministrazione annuncia l’imminente apertura della struttura sportiva chiusa per ristrutturazione a fine stagione 2008/2009. L’ assessore allo Sport Antonio Carnevale rispetta così l’impegno di una attenta promozione della pratica sportiva ad ogni livello, convinto “della necessità della cura del corpo in funzione del benessere fisico e mentale, ma anche del fatto che lo sport rappresenti – ha detto – un veicolo di aggregazione, di crescita e di sviluppo”. “A nome di tutta l’ amministrazione comunale – hanno affermato il sindaco Salvati e l’assessore Carnevale – vogliamo ringraziare chi ha collaborato per raggiungere questo risultato”.

2 ottobre 2009 0

Va a rubare ma lascia “la traccia” su facebook, arrestato 26enne

Di redazione

Passione per facebook galeotta quella che ha permesso di arrestare un ladro di appartamento. Si tratta di un 26enne di Albano Laziale (Rm) arrestato questa mattina in esecuzione di ordine di custodia cautelare eseguita dai carabinieri. Dalle indagini è emerso che il 26 enne, nel mese di aprile, mentre rubava a casa di un 50enne del posto, non ha resistito alla tentazione di comunicare con i suoi amici tramite il social forum. Il computer lasciato accese nell’appartamento in cui stava rubando, è stato un richiamo troppo forte. Una connesisone che ha permesso agli investigatori di risalire alla sua e-mali, poi all’identità ed anche all’abitazione in cui è stata trovata parte della refurtiva.

2 ottobre 2009 0

Morto aspettando l’elicottero, oggi il riscontro diagnostico

Di redazione

Sarà trasferito all’obitorio di Frosinone il corpo di Giovanni F., 53enne di Pontecorvo, deceduto mercoledì in ospedale a Cassino a causa di un infarto. Alle 10 circa, a bordo di un’ambulanza, l’uomo era stato trasportato da Pontecorvo a Cassino per un trasferimento d’urgenza a Roma. Pare che i velivoli del 118 fossero tutti impegnati in altri soccorsi di emergenza e, quando se ne è liberato uno dopo molto tempo, pare due ore, l’uomo era ormai morto. I medici della Asl hanno disposto quindi un riscontro diagnostico per accertare le cause del decesso e, l’esame, si svolgerà in giornata presso l’ospedale di Frosinone. Er. Am.

2 ottobre 2009 0

Tragedia maltempo a Messina, partita la colonna mobile dei vigili del fuoco

Di redazione

Diretta in Sicilia, alle 6 di questa mattina, una colonna mobile dei vigili del fuoco è partita dal comando prvinciale di Frosinone. Nove persone e cinque mezzi sono in viaggio per unirsi agli altri soccorritori delle popolazioni colpite dal maltempo che questa notte, in particolare nel Messinese, ha causato anche tragici crolli di palazzine. al seguito non ci sono mezzi per rimozione terra dato che quelli in ausilio ai vigili del fuoco di Frosinone sono, in larga parte, dislocati per la gestione dell’emergenza in abruzzo. La colonna mobile costituisce i rinforzi che arrivano ai vigili del fuoco locali dalle altre Regioni. Si tratta di un dispositivo stabilito quotidianamente autosufficiente in tutto. Ogni giorno anche se non ci sono emergenze, viene stabilito una lista del personale e dei mezzi che faranno parte dell’eventuale colonna mobile. Da Frosinone sono partiti 9 uomini e tutto il necessario per lavorare e riposare senza gravare su risorse locali. Er. Am.

2 ottobre 2009 0

Maltempo, drammatica notte in Sicilia. Messina isolata, morti e dispersi

Di redazione

Le devastazioni provocate dall’acqua non arrivano solo con i maremoti. La Sicilia, questa notte, è stata messa in ginocchio da un violenta precipitazione temporalesca che ha causato, addirittura crolli di palazzi e ha reso isolate città come Messina. Autostrade, strade provinciali e rete ferroviaria, interrotti. I soccorritori, nel corso della notte, si sono dovuti muove anche a piedi. In uno scenario simile, non potevano non registrarsi vittime che sembrano essere quattro ma, ancora si scava nel fango alla ricerca di dispersi. Il bilancio quindi è destinato a salire. E’ emergenza nazionale e nella regione sicula sono arrivate le colonne mobili dei vigili del fuoco, un sistema che fa parte del protocollo di protezione civile che scatta in casi di gravi calamità come quella in corso. Scaletta Zanclea, Giampilieri, e Santo Stefano Briga sono i centri più colpiti dove si sono registrati anche crolli di palazzine. Convogli ferroviari, autobus e autovetture, nel corso della notte, si sono fermati chi in stazioni chi in aree di sosta sicure. Alcune auto sono state trasportare via dalla corrente di torrenti verso il mare e la capitaneria di porto è impegnata nelle ricerche degli automobilisti. La protezione civile fa sapere che in alcune zone sono caduti tra i 220 e i 230 millimetri di pioggia in poche ore. L’emergenza è scattata prima di mezzanotte quando già erano decine gli sfollati che si sono rifugiati nelle caserme dei carabinieri o nelle scuole. Ermanno Amedei