Giorno: 7 ottobre 2009

7 ottobre 2009 0

Seminario internazionale sulle “Mura Poligonali”

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Ieri, presso Palazzo Conti Gentili in Piazza Santa Maria Maggiore ad Alatri (Fr), si è aperto il IV Seminario Internazionale di Studi sulle Mura Poligonali, evento promosso dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Alatri, patrocinato dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio, dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana, dall’Assessorato alla Cultura della Regione Lazio e dalla Provincia di Frosinone. Nel discorso inaugurale – alla presenza del Sindaco di Alatri dott. Costantino Magliocca, dell’Assessore alla Cultura della Provincia di Frosinone dott. Antonio Abate, dell’Assessore al Turismo della Provincia di Frosinone dott. Massimo Ruspandini – il dott. Luca Attenni, Direttore del Museo Civico di Alatri e curatore del convegno, ha motivato la realizzazione di questo seminario nell’anno in corso poiché, proprio nel 2009, ricorre il bicentenario dalla pubblicazione del volume dell’archeologa ante litteram Marianna Candidi Dionigi “Viaggi in alcune città del Lazio che diconsi fondate dal re Saturno”. L’opera, frutto dei preziosi studi archeologici effettuati dalla Dionigi in alcuni importanti centri di area laziale – Anagni, Ferentino, Alatri, Atina e Arpino – riporta le “faticose misurazioni”, compiute dalla studiosa, dei giganteschi massi che formano in più punti del Lazio le mura ciclopiche. La Dionigi, eclettica erudita vissuta tra la seconda metà del Settecento e il primo venticinquennio dell’Ottocento, era nota per il suo frequentato salotto culturale presso Palazzo Verospi in via del Corso a Roma, grazie al quale ebbe modo di entrare in contatto con illustri eruditi del suo tempo; conobbe, infatti, sicuramente Louis Petit-Radel e Edward Dodwell, che furono tra i primi teorizzatori dell’origine pelasgica delle mura poligonali, oggetto di questo convegno. A riprova dell’importanza dell’insigne studiosa nel suddetto seminario, il Maestro Romano Orgiti ha coniato una splendida medaglia in bronzo raffigurante sul dritto un noto ritratto di Marianna Dionigi e sul rovescio la Porta dei Falli delle Mura di Alatri sormontata dal Villino Candidi Dionigi di Lanuvio, ultima dimora della studiosa. A ricordo del convegno, l’Amministrazione di Alatri ha donato riproduzioni di questa splendida opera, in scala minore, ai relatori la cui adesione, in questa edizione, è stata massiccia: infatti ben settantasette studiosi – tra archeologi stranieri, funzionari delle Soprintendenze per il Lazio e la Toscana, architetti, ricercatori e divulgatori – si sono riuniti presso Palazzo Conti Gentili per confrontarsi sulla complessa tematica delle mura poligonali. Grande soddisfazione hanno espresso gli organizzatori della manifestazione anche per il considerevole afflusso di pubblico già durante la prima giornata di studio, a testimonianza del gradimento della comunità tutta alla prestigiosa iniziativa culturale. Il dott. Attenni ha, infine, reso nota la volontà dell’Amministrazione di ritenere il convegno in questione solo il primo di una serie di eventi che porteranno sempre più spesso a parlare della città di Alatri e a considerarla, finalmente, il polo culturale che merita di essere. Per il prossimo giugno, infatti, è già in programma il V Seminario di Studi sulle Mura Poligonali – che mira a divenire un appuntamento annuale – nel quale si prenderanno in esame le evidenze archeologiche relative a Molise, Abruzzo, Campania e, per il Lazio, specificamente la realtà di Alatri che avrà la giusta attenzione grazie alla presentazione di una serie di studi ora in corso di pubblicazione.

7 ottobre 2009 0

Discarica di rifiuti pericolosi sequestrata dalla finanza

Di redazione

Circa tre tonnellate di rifiuti erano ammassati su un appezzamento di terra nel comune di Lentella (Ch). Il sindaco dello stesso Comune ha informato la guardia di Finanza di Vasto che è intervenuta ed ha posto sotto sequestro la discarica. Ammortizzatori, paraurti ed altri pezzi di automobili, lasciano ipotizzare che la discarica sia il frutto di scarti di lavorazione metalmeccanica. Da una prima indagine fatta pare che i rifiuti siano stati scaricati da camion provenienti dalla Campania. Inoltre si teme per la pericolosità degli agenti inquinanti rilasciati nell’aria dai rifiuti. I finanzieri comandati dal colonnello Paolo D’Amata e coordinati sul campo dal capitano Luigi Mennitti, hanno informata la procura di Vasto (Ch).

7 ottobre 2009 1

Sette scosse di terremoto in meno di 24 ore, paura tra la gente

Di redazione

Salgono a sette le scosse di terremoto registrate in meno di 24 ore tra il Cassinate ed il Sorano. Lo sciame sismico iniziato ieri sera alle 21, ha ciontinuato, oggi pomeriggio a scuotere la provincia di Frosinone. L’ultima scossa alle 18,35 ed ha avuto magnitudo pari a 2,5. In precedenza, alle 17,47, akltre due scosse sono state registrate a 20 secondi l’una dall’altra. Il magnitudo e stato di 3 e l’epicentro sembra essere stato localizzato, anche in questo caso, tra Campoli Appennino, Pescosolido e Posta Fibreno. Dalle verifiche effettuate dalla Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile non risultano danni a persone o cose. Nella notte precedente, alte 4 scosse sono state registrate dai sismografi dell’istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia. Ermanno Amedei

7 ottobre 2009 0

Maxi sequestro di “coca” in operazione internazionale tra Italia e Brasile

Di redazione

Duro colpo inferto alle locali organizzazioni criminali dai Baschi Verdi del Gruppo di Aversa che hanno individuato e segnalato alle Autorità brasiliane un corriere di nazionalità spagnola in procinto di partire dallo scalo aeroportuale di San Paolo con 2.500 grammi di cocaina purissima destinata in Italia. L’attività posta in essere ha permesso di individuare J.E.F.A., cittadino spagnolo di 24 anni, usato come “mulos”, termine utilizzato dalle organizzazioni sudamericane per indicare i corrieri di sostanza stupefacente, per far giungere in Italia la sostanza stupefacente. Una volta individuato il corriere, i finanzieri del Gruppo di Aversa, avvalendosi degli ottimi rapporti con le varie polizie internazionali, hanno comunicato il nominativo ai colleghi brasiliani che, individuato il soggetto, lo hanno sottoposto immediatamente a controllo, rinvenendo, suddiviso in 6 panetti, all’interno di un “bermuda artigianale”, indossato sotto i normali pantaloni, il citato quantitativo di droga, cocaina purissima, che, immesso sul mercato, avrebbe fruttato oltre 500 mila euro. Si tratta dell’ennesimo duro colpo inferto dalle Fiamme Gialle di Aversa ai sodalizi criminali coinvolti nel traffico internazionale di droga. Infatti, già nel mese di agosto i Baschi verdi di Aversa avevano rinvenuto e sequestrato, presso lo scalo aeroportuale di Capodichino, circa 7,500 Kg. di cocaina. In questa occasione le Fiamme gialle hanno deciso di attivare il collaterale estero anche al fine di consolidare i rapporti internazionali per una futura proficua collaborazione. Resta alto il livello di attenzione della Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Caserta che continua imperterrita nell’azione di contrasto ai traffici illeciti perpetrati dai locali sodalizi criminali.

7 ottobre 2009 0

Ruba oro in un appartamento ma, all’uscita, trova i carabinieri

Di redazione

Approfitta dell’assenza dei proprietari, entra in una casa a Ceprano (Fr) casa e ruba monili d’oro per un valore di 2 mila euro. Per sua sfortuna, però, Ramona S. 18 anni originaria della ex Jugoslavia, all’uscita dell’appartamento ha trovato i carabinieri della locale stazione. alla vista dei militari comandati dal capitano Pierfrancesco Di Carlo, la giovane ha tentato la fuga dopo aver gettato la refurtiva. I carabinieri, però, l’hanno inseguita e fermata. Recuperata la refurtiva, è stata restituita ai legittimi proprietari mentre la giovane è stata arrestata con l’accusa di furto aggravato e tradotta nel carcere romano di Rebibbia.

7 ottobre 2009 0

Cassintegrato arrotonda stipendio coltivando droga

Di redazione

Ottobre, è tempo di funghi e di… canapa indiana. Lo sanno bene i carabinieri della compagnia di Lanciano (Ch) comandata dal capitano Geremia Lugibello che, ieri, coordinati sul campo dal comandate del nucleo operativo e radiomobile, il tenente Palma Lavecchia, ha effettuato l’ennesimo arresto per coltivazione illegale di sostanze stupefacenti. A finire in manette è stato un 47 anni residente a Frisa (Ch) operaio in cassa integrazione che, secondo gli investigatori “arrotondava” lo stipendio con la coltivazione della droga. L’”agricoltore” ha sostenuto che la canapa fosse per uso personale ma il quantitativo di stupefacente ha indotto i militari a sostenere una tesi diversa. Infatti, nella sua proprietà, i carabinieri hanno sequestrato 10 chilogrammi di cannabis da essiccare e 150 grammi di foglie di marijuana già essiccate.

7 ottobre 2009 0

Bonificata la discarica provvisoria di Facciano. Lo ha annunciato la Saf

Di redazione

Da anni era oggetto di polemiche per via della lentezza con cui i sovvalli venivano trasportati a Colfelice (Fr). Oggi però, la Saf Spa Società Ambiente Frosinone ham annunciato di aver ultimato la bonifica della discarica provinciale di Facciano a Pignataro Interamna (Fr). L’area era stata utilizzata per alcuni mesi, intorno all’anno 2000, come discarica provinciale con la quale fare fronte all’emergenza rifiuti nella provincia di Frosinone; lì inoltre vennero accatastati provvisoriamente i sovvalli di lavorazione delle immondizie. “Dopo varie vicissitudini – si legge in una nota stampa – legate alla bonifica del sito (che hanno riguardato altre imprese aggiudicatarie della gara) , recentemente S.A.F. Spa è stata incaricata di procedere allo sgombero dei rifiuti. All’esito dell’incarico ricevuto, il presidente Cesare Fardelli ha comunicato alla Regione Lazio – Dipartimento Territorio – Direzione Regionale Energia e Rifiuti di avere ultimato i lavori e che, pertanto, l’ex discarica comunale di località Facciano è adesso pienamente disponibile. La Regione Lazio ha ringraziato SAF Spa per la fattiva collaborazione dimostrata e la tempestività dell’intervento effettuato, nel rispetto delle attese emerse nel corso degli incontri all’uopo tenutisi presso la Regione Lazio”.

7 ottobre 2009 0

Cinque milioni per riqualificare alberghi, campeggi e b&b

Di redazione

Su proposta dell’assessore al Turismo della Regione Lazio, Claudio Mancini, la giunta Marrazzo ha approvato il “Programma di intervento per la qualificazione e lo sviluppo delle attività ricettive”, finanziato con un totale di 5 milioni di euro. Va così a destinazione l’investimento che era stato programmato nel 2007 – e per il quale le strutture ricettive del Lazio avevano già presentato le domande di finanziamento – ma che era rimasto in sospeso, in quanto subordinato all’entrata in vigore dei regolamenti regionali per la classificazione di hotel, strutture extralberghiere e campeggi. “In tempi rapidissimi per una amministrazione pubblica – spiega l’assessore Claudio Mancini – la Regione ha varato i regolamenti di disciplina per le strutture ricettive del Lazio, con norme omogenee che il territorio non aveva mai avuto e che gli operatori del settore aspettavano da molto. Dopo l’approvazione delle nuove norme, tese a incrementare la qualità del nostro sistema dell’accoglienza, procediamo ora con questo intervento, rivolto a sostenere concretamente le imprese alberghiere ed extralberghiere nelle opere di miglioramento e di riqualificazione”. Il fondo di 5 milioni è infatti destinato ad alberghi, campeggi, villaggi turistici, affittacamere e bed & breakfast del territorio regionale che nella prima metà del 2007 avevano già richiesto il contributo, che sarà utilizzato per ampliare, migliorare o acquistare nuove attrezzature per le strutture ricettive. Beneficiarie dei finanziamenti sono 44 strutture ricettive in provincia di Roma, 7 in quella di Rieti, 21 a Frosinone, 6 a Viterbo e 10 a Latina, alle quali sarà concesso un contributo al massimo del 50% rispetto alla spesa complessiva necessaria per le opere di miglioramento, entro un tetto di 200 mila euro per ciascuna.

7 ottobre 2009 0

A caccia di acqua sulla Luna, venerdì altro tentativo

Di redazione

A caccia di acqua sulla luna. Il prossimo esperimento si svolgerà venerdì a migliaia di chilometri d’altezza dalla Terra dove la Nasa ha messo in orbita la sonda Lcross. Sarà proprio da quella sonda che verrà sparato, alle 13.30 (ora italiana) un proiettile all’interno di un cratere lunare non illuminata dal sole. L’oggetto scagliato contro il corpo celeste ha il solo compito di far innalzare più detriti possibili per permettere agli strumenti della Lcross di analizzarli e cercare tracce di ghiaccio, quindi, di acqua. La ricerca del prezioso liquido sul corpo celeste più vicino alla Terra sembra essere diventata la nuova frontiera dell’esplorazione spaziale. Già gli indiani vantano però di averla scoperta con la loro sonda, la Chandrayaan-1.

7 ottobre 2009 0

Fino in Sardegna per spacciar droga, arrestata coppia di pontini

Di redazione

In Sardegna con 70 grammi di cocaina nascosti nelle parti intime. Si tratta di due giovani di Minturno (Lt), arrestati dalla squadra mobile di Oristano. Si tratta di una giovanissima coppia di Pontini, lei I. T. 20 anni originaria di Gaeta (Lt) e I. S. 19 anni originario di Roma. Erano sbarcati a Cagliari e, in sella ad una moto diretta ad Oristano, sono stati fermati e perquisiti. Negli slip, lei aveva ben 70 grammi di cocaina. Fermati e denunciati anche 4 giovani del posto che li precedevano a bordo di un’auto. I due, sostengono gli investigatori, sono arrivati in Sardegna per vacanza e per spacciare droga.