Giorno: 24 ottobre 2009

24 ottobre 2009 0

Ancora crolli nel cratere del sisma, nessun ferito

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Continuano a crollare le case a L’Aquila, questa volta, però, a differenza del 6 aprile, non ci sono state vittime. La palazzina che oggi pomeriggio è venuta giù a Bagno, una frazione del capologo abruzzese, era già stata dichiarata inagibile dopo il sisma. Le forti piogge di questi giorni gli hanno dato il colpo di grazia e, quindi, è crollata. Le due palazzine agibili adiacenti alla struttura crollata non hanno riportato danni mentre le famiglie che le abitano sono state allontanate a scopo precauzionale.

24 ottobre 2009 0

Tentano la rapina alle Poste, anticipati dai carabinieri

Di redazione

I Carabinieri della Stazione di Silvi Marina (Te) agli ordini del Maresciallo Antonio Tricarico, in collaborazione con i colleghi della Stazione di Pineto, hanno tratto in arresto per concorso in tentata rapina aggravata B.D. e P.V., rispettivamente di 24enne e 40enne, abitanti in Francavilla al Mare e Collecorvino. Erano quasi le ore 13.00 e l’Ufficio Postale della contrada San Silvestre di Silvi stava per chiudere, quando gli impiegati hanno notato uno scooter con due giovani transitare ripetutamente dinanzi all’ingresso. L’atteggiamento li insospettisce e come da intese con il Comandante della Stazione Carabinieri, lo hanno avvertito telefonicamente di quanto stesse accadendo. Immediatamente è scattato l’allarme e i militari si sono recati sul posto le pattuglie in servizio esterno di Silvi Marina e di Pineto. Quando i militari sono arrivati hanno visto i due giovani che stavano entrando nell’Ufficio, i quali avendo notato l’arrivo dell’autovettura dei Carabinieri, hanno abbandonato il ciclomotore e sono scappati a piedi. E’ iniziato quindi un inseguimento che dopo alcune centinaia di metri è terminata con la cattura dei due, che sono stati bloccati e tratti in arresto mentre cercavano di disfarsi di 2 taglierini e 2 calzamaglie di colore nero. Dopo le formalità di rito i due arrestati sono stati associati presso la Casa Circondariale di Teramo a disposizione della competente A.G.. Si tratta dell’ennesima rapina sventata dai Carabinieri di Silvi Marina dopo quella commessa nel mese di giugno ed agosto 2009, sempre presso lo stesso Ufficio Postale, a testimonianza della costante presenza dell’Arma locale e della proficua partecipazione della popolazione, a testimonianza della vicinanza all’Istituzione.

24 ottobre 2009 0

Cassino Calcio, i convocati della gara contro l’Igea Virtus

Di redazione

Il tecnico azzurro Maurizio Pellegrino ha diramato l’elenco dei calciatori convocati per la gara contro l’Igea Virtus, valida per il decimo turno di campionato, in programma domani Domenica 25 Ottobre 2009 alle ore 14.30 sul terreno del D’Alcontres di Barcellona Pozzo di Gotto. Il trainer cassinate ha condotto con sé per la trasferta siciliana diciannove uomini. Indisponibili il portiere Indiveri e l’esterno Scappaticci; squalificato l’ultimo acquisto Romanelli. La squadra è partita, dopo aver pranzato presso un ristorante della zona, nel primo pomeriggio alla volta di Catania da Napoli Capodichino. La carovana cassinate pernotterà presso una nota struttura ricettiva di Milazzo; domattina riunione tecnica e pranzo, mentre il rientro è previsto immediatamente dopo il match sempre con arrivo fissato presso l’aeroporto partenopeo. Portieri: Amadio, Paoletti. Difensori: Agius, Bianciardi, Bica Badan, Martinelli, Merli Sala, Poli, Sfanò. Centrocampisti: Camorani, Conti, Gemmiti Giannone, Kone, Romeo. Attaccanti: Bardeggia, Croce, Frisenda, Mezgour.

24 ottobre 2009 0

Controlli sulle strade, denunce per alcool e droga

Di redazione

La Compagnia di Cassino ha attuato un servizio coordinato a largo raggio per prevenire la commissione di furti, rapine, spaccio di stupefacenti ed altro ambito territorio ed in particolare nel centro cittadino, impegnando 12 uomini e 6 automezzi. Nell’occasione è stato denunciato F.M., 26enne del luogo per guida in stato di ebbrezza alcolica. Il giovane, controllato mentre ara alla guida della sua autovettura e sottoposto ad accertamento etilometrico, è risultato avere un tasso alcolemico superiore a quello consentito dalla legge; in quella via Garigliano, è stato fermato e controllato un 35enne di Fano (PS), già censito, il quale sottoposto a perquisizione personale e veicolare, è stato trovato in possesso di 0,5 grammi di cocaina, sottoposta a sequestro. Lo stesso, ricorrendo i presupposti di legge è stato segnalato al Prefetto e proposto per l’irrogazione del FVO; 2 giovani di Boscoreale (NA), intercettati e controllati in centro a Cassino mentre si aggiravano con fare sospetto in prossimità di locali centri commerciali sono stati allontanati con foglio di via.

24 ottobre 2009 1

Marrazzo, vittima e colpevole di una vicenda sexy, si è dimesso

Di redazione

Dopo un improbabile temtativo, per la verità appenna accennato, di nascondersi dietro il complotto, il presidente della Regione Lazio Piero Marrazzo ha ammesso le verità sullo scandalo che, in appena due giorni, ha travolto la sua amministrazione. Vittima di estorsione di quattro carabinieri che, sorprendendolo in compagnia di un trans, lo hanno filmato e ricattato estorcendogli, pare, 80mila euro; colpevole, invece, di aver pagato per mettere a tacere lo scandalo. Tutto, probabilmente, sarebbe passato inosservato se gli stessi carabinieri del Ros, non fossero intervenuti arrestando le 4 presunte mele marce. Inevitabilmente però lo scandalo è emerso portando alla ribalta della cronaca le vicende personali del Governatore che, oggi pomeriggio, si è autosospeso lasciando il timone della sua amministrazione all’assessore Montino. In primavera si sarebbe dovuto tornare alle urne per il rinnovo delle cariche regionali e questo sembra un duro colpo al centrosinistra. Ermanno Amedei

24 ottobre 2009 0

Marrazzo : “Mie debolezze inerenti alla mia sfera privata”

Di redazione

Piero Marrazzo dimettendosi dalla carica di presidente della Regione Lazio ha detto: “Ho detto la verità ai magistrati prima che l’intera vicenda fosse di pubblico dominio. L’inchiesta sta procedendo speditamente anche grazie a quelle dichiarazioni, che sono state improntate dall’inizio alla massima trasparenza. Si tratta di una vicenda personale in cui sono entrate in gioco mie debolezze inerenti alla mia sfera privata, e in cui ho sempre agito da solo. Nelle condizioni di vittima in cui mi sono trovato ho sempre avuto come obiettivo principale quello di tutelare la mia famiglia e i miei affetti più cari; gli errori che ho compiuto non hanno in alcun modo interferito nella mia attività politica e di governo. Sono tuttavia consapevole che la situazione ha ora assunto un rilievo pubblico di tali dimensioni da rendere oggettivamente e soggettivamente inopportuna la mia permanenza alla guida della Regione, anche al fine di evitare nel giudizio dell’opinione pubblica la sovrapposizione tra la valutazione delle vicende personali e quella sull’esperienza politico-amministrativa. Ho quindi deciso di autosospendermi immediatamente e a tal fine ho conferito al vicepresidente la delega ad assumere la provvisoria responsabilità di governo e di rappresentanza ai sensi della normativa vigente, rinunciando a ogni indennità e beneficio connessi alla carica. In considerazione degli importanti provvedimenti di governo e legislativi che nell’immediato dovranno essere assunti, in virtù della particolare congiuntura economica e anche in relazione alle funzioni che svolgo in qualità di commissario di Governo, ho deciso di aprire un percorso che porti alle mie dimissioni dalla carica di presidente della Regione”.

24 ottobre 2009 0

Tentano il furto di slot machine, arrestati tre rumeni

Di redazione

Ladri di slot machine arrestati dai carabinieri. Si tratta di tre rumeni che i militari di Aquino (Fr) coordinati sul campo dal maresciallo santino Messore, ma comandatio dal capitano Pierfrancesco Di Carlo, hanno tratto in arresto, per “furto aggravato in concorso”, i seguenti cittadini rumeni in Italia senza fissa dimora: Ionut Daniel C., 22 anni; Costantin Marian R., 20 anni e Iulian V., 27 anni. I giovani sono stati sosrpresi all’interno di un bar di Aquino, dove mediante effrazione di macchinette cambia monete stavano asportando la somma in contanti di 880 euro. La refurtiva interamente recuperata veniva restituita all’avente diritto, mentre gli attrezzi atti allo scasso venivano posti sotto sequestro. Gli arrestati, espletate le formalità di rito, sono stati associati presso la Casa Circondariale di Cassino.

24 ottobre 2009 0

Utilizzavano la figlia minore per spacciare droga. Arrestati due conviventi

Di redazione

Usavano una babina per spacciare dorga, ma l’ignobile stratagemma non è servito loro per evitare l’arresto. Continuano senza sosta le indagini dei Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Giulianova finalizzate a stroncare lo spaccio di sostanze stupefacenti che avviene nella città di Roseto degli Abruzzi. In 24 ore sono stati 4 gli arresti operati, due denunce a piede libero e numerosissime le segnalazioni amministrative per uso personale. Dopo l’arresto di due giovani operato nella serata del 22.10.2009, ieri sera sono stati arresti in flagranza Franco C. e Maria S., conviventi rispettivamente di 48 e 45 anni. I due sono proprietari di un ristorante a Roseto degli Abruzzi nelle immediate vicinanze del palazzetto dello sport. Le indagini relative allo spaccio degli stupefacenti avevano indirizzato i Carabinieri verso quel locale, ma i militari non pensavano si trattasse dei due coniugi incensurati. E’ stata effettuata un’azione ininterrotta di osservazione, nel corso della quale i Carabinieri hanno notato che la figlia minore dei due coniugi, entrava ed usciva dal locale per poi incontrarsi con altri giovani del luogo. Nel corso di uno di questi “strani” movimenti della minore, è scattato il bliz durante il quale la ragazza, che si trovava in compagnia del fidanzato di Giulianova, è stata trovata in possesso di alcune dosi di sostanza stupefacente del tipo haschish e marijuana. Immediatamente si è proceduto ad un controllo del locale. Quando i militari sono entrati nella cucina del ristorante hanno trovato i due coniugi i quali colti di sorpresa non hanno potuto far nulla. All’occhio degli inquirenti è subito balzata la presenza di un bilancino di precisione, posizionato su una credenza, troppo piccolo per essere utilizzato per il peso di alimenti. Nel corso della perquisizione sono stati rinvenuti celati in diversi posti tipo pacchetti di sigarette, contenitori di sale e zucchero ecc., numerosi dosi di sostanze stupefacenti del tipo haschish, marijuana e cocaina, nonché la somma contante di € 7.000 circa. La perquisizione è continuata anche presso l’abitazione dei due conviventi ed anche qui sono stati rinvenuti altre dosi delle medesime sostanze. Al termine i militari conteranno circa 100 grammi di marijuana, 20 grammi di cocaina, 30 di haschish, nr.2 bilancini di precisione e materiale per il confezionamento dello stupefacente, tutto sottoposto a sequestro. I due conviventi sono stati arrestati e tradotti presso la Casa Circondariale di Teramo a disposizione della competente autorità Giudiziaria, mentre la figlia ed il fidanzato sono stati denunciati a piede libero. La ricostruzione operata dai Carabinieri ha permesso di accertare che i due arrestati utilizzassero la figlia minore per spacciare al dettaglio lo stupefacente del tipo haschish e marijuana, nel giro dei giovanissimi di Roseto degli Abruzzi, mentre loro si occupavano dello spaccio della cocaina. Quest’ultimo stupefacente è stato rinvenuto in dosi differenti per grandezza e ciò per gli inquirenti sta ad indicare i diversi destinatari, che nel caso delle dosi più grandi potrebbero identificarsi in personaggi facoltosi del luogo ovvero destinate a “festini” di gruppo. I militari sono convinti di aver individuato un filone di indagini che nei prossimi giorni potrebbe portare a nuovi sviluppi.

24 ottobre 2009 0

“Ascolta la Ciociaria” torna a Frosinone

Di redazione

Dopo il grande successo conseguito a Roma presso l’Università di Tor Vergata, la rassegna “Ascolta la Ciociaria” propone un altro concerto lunedì 26 ottobre, ore 17.30, presso il Salone di Rappresentanza della Prefettura di Frosinone. Oltre alla Capitale anche la città di Milano mostra interesse nei confronti delle iniziative del compositore Francesco Marino che unitamente al Prof. Angelo Mantovani, Presidente dell’Ass.ne “Il Clavicembalo Verde” di Milano, hanno concretizzato un sodalizio artistico tra le due realtà culturali. Notevole la soddisfazione dell’Ass.re Abbate: “Grazie all’ottimo lavoro svolto dal Direttore Francesco Marino, la rassegna Ascolta la Ciociaria è ormai una manifestazione conosciuta e apprezzata anche in altre città italiane, basti pensare che l’ultimo concerto in Università di Tor Vergata è stato inserito come stage della facoltà di Ingegneria. Questi sono i risultati che ci auspichiamo per la vera promozione culturale del nostro territorio. Interessante il programma proposto dall’Experience Composit Ensemble formata da musicisti di spessore internazionale come Hong Eun Young, soprano – Romolo Tisano, tenore Stefano Ligoratti, pianoforte – Giovanni Mantovani, violino Valentina Lo Surdo, introduzione alle arie d’opera”. Il programma: Ruggero Leoncavallo: da Pagliacci “Vesti la giubba”, Vincenzo Bellini:da Norma “Casta diva” Giacomo Puccini: da Tosca “Recondita armonia”- da La Bohème “Quando me’n vo’ soletta” – “Che gelida manina” – “Si. Mi chiamano Mimì” – “O soave fanciulla” Angelo Mantovani: Colonna sonora Giuseppe Verdi: da Rigoletto “La donna è mobile” da Traviata “Libiamo ne’ lieti calici” Francesco Marino: Silenzio (prima esecuzione assoluta nazionale) Gaetano Donizetti: da Elisir d’amore “Una furtiva lacrima”. Ingresso libero, altre informazioni sul sito www.francesco-marino.it

24 ottobre 2009 0

Seicento chili di sigarette di contrabbando sequestrate, due arrestii

Di redazione

Le Fiamme Gialle del Gruppo di Aversa hanno sequestrato, in corrispondenza della barriera autostradale di “Caserta Sud”, circa 600 kg di tabacchi lavorati esteri introdotti in contrabbando dall’Ucraina, nonché tratto in arresto due soggetti originari dell’Est europeo. In particolare, nell’ambito dei consueti controlli che vengono effettuati lungo le arterie stradali di tutta la provincia di Caserta, sono state sottoposte a controllo due autovetture, una Volkswagen Passat ed una Audi 100, a bordo delle quali viaggiavano due cittadini di nazionalità Ucraina. I successivi accertamenti hanno permesso di rinvenire il tabacco di lavorazione estero. occultato all’interno dei bagagliai delle vetture e in un doppio fondo ricavato sotto il pianale dei mezzi. Le bionde, marca Chesterfild rosse e blu, erano destinate al mercato dell’agro aversano e del litorale domitio, ove nell’ultimo periodo sono tornate particolarmente in voga le sigarette provenienti dall’estero. I due cittadini ucraini, G.O. di anni 29 e H.A. di anni 25, sono stati tratti in arresto e associati presso la Casa Circondariale di Santa Maria Capua Vetere, a disposizione dell’A.G. inquirente. Si tratta dell’ennesimo duro colpo sferrato dai Baschi Verdi del Gruppo di Aversa, che dall’inizio dell’anno hanno sottoposto a sequestro più di 12 tonnellate di t.l.e. introdotto illegalmente nel territorio italiano, segno di una recrudescenza del fenomeno.