Giorno: 27 ottobre 2009

27 ottobre 2009 0

La casa di Halloween è a Caira ed è suggestiva

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Un’intera casa dedicata alla festa di Halloween. Ragnatele, streghe, teschi, pipistrelli e l’immancabile zucca, ma non sono solo questi gli unici elementi che caratterizzano la festa della “paura”, ci sono anche fantasmi, scheletri e mostri di ogni genere. Tutto quello che serve per la festa di Halloween decora, in questo periodo, la casa di Paolo Pallucci e della moglie Nadia Velardo. La coppia vive a Cassino (Fr) nella frazione di Caira di fronte al cimitero militare tedesco. La loro casa, in particolar modo la sera, fornisce un colpo d’occhio suggestivo. Le luci soffuse, tutte in tonalità di rosso, attirano ogni anno centinaia di curiosi. E sì, perché Paolo e Nadia preparano la loro casa ina questa maniera da alcuni anni. Non solo in occasione di halloween, ma anche in occasione del Natale. Insomma, l’attività di Paolo e della sua famiglia riscontra da anni un grosso successo calamitando le attenzioni anche di testate giornalistiche locali. Insomma, se una di queste sere non avete nulla da fare, vi consigliamo di recarvi a Cassino (Fr) nella frazione di Caira, di fronte al cimitero militare tedesco. Il colpo d’occhio è suggestivo. Ermanno Amedei

27 ottobre 2009 0

Videocon, il Governo “chiama” l’India

Di redazione

Il Governo interviene sulla questione della Videocon di Anagni (Fr) e coinvolgerà anche l’ambasciata indiana. Nell’incontro di oggi avvenuto presso il ministero della attività produttive, il sottosegretario Stefano Saglia ha assicurato un intervento diretto del Governo non solo dal punto di vista tecnico ma anche dal punto di vista politico. Nell’incontrro di oggi hanno partecipato solamente i sindacati che, insieme al sottosegretario, hanno fatto un punto della situazione. La videocon di Anagni, di proprietà di una muiltinazionale indiana, è sull’orlo della chiusura. I circa 1.300 lavoratori hanno evitato la messa in mobilità insenando vibranti proteste fino ad occupare più volte l’autostrada del Roma Napoli. Disagi enormi alla circolazione ma che hanno sortito l’effetto di “sparare” finalmente la questione sui tavoli che contano e costringere l’azienda a trattare. “Il sottosegretario – ha riferito Enzo Valente segretario provinciale della Ugl Frosinone – vuole coinvolgere nella vicenda anche l’ambasciata indiana. Il tentativo è quello di far capire agli indiani che fare impresa in Italia significa anche ascoltare le parti sociali e tener conto dei diritti che i lavoratori hanno acquisito negli anni. La proprietà – ha rendicontato Valente – si è attivata a rendicontare tutto sulle aziende che avevano manifestato interesse per acquisire stabilimento di Anagni. Entro il 17 di novembre, queste aziende dovranno concretizzare tale interesse facendo capire la loro consistenza economica e finanziaria e presentando piani industriali credibili. Devono insomma dirci dire chi sono, cosa voglio fare e come lo voglio fare ma, soprattutto, quale percentuale di livello occupazionale intendono garantire”. Er. Am.

27 ottobre 2009 0

Con una lettera Marrazzo dice addio alla Regione

Di redazione

Questo è il testo della lettera con cui Piero Marrazzo rassegna le dimissioni da presidente della Regione Lazio. Al Presidente del Consiglio Regionale Al Vice Presidente della Regione Le mie condizioni personali di sofferenza estrema non rendono più utile per i cittadini del Lazio la mia permanenza alla guida della Regione. Comunico con la presente le mie dimissioni, definitive e irrevocabili, dalla carica di Presidente della Regione Lazio. A tutti coloro che mi hanno sostenuto e a quanti mi hanno lealmente avversato voglio dire che, finché mi è stato possibile, ho operato per il bene della comunità laziale. Mi auguro che questo possa essermi riconosciuto, al di là degli errori personali che posso aver commesso nella mia vita privata. Piero Marrazzo

27 ottobre 2009 0

Piero Marrazzo si è dimesso da Governatore del Lazio

Di redazione

Dall’autosospensione alle dimissioni. Piero Marrazzo, ufficialmente non è più governatore della regione Lazio. Lo ha reso noto poco fa, con un solo rigo di testo, l’ufficio stampa de La Pisana ha annunciato: “Piero Marrazzo ha rassegnato le dimissioni da Presidente della Regione Lazio”.

27 ottobre 2009 0

Partecipa al sondaggio shock de “Il Punto”

Di redazione

Sondaggio shock, e per soli uomini, de Il Punto a Mezzogiorno. Le notizie sempre più insistenti riguardanti scandali sessuali con al centro prostituti transessuali insinuano il tarlo della curiosità e fanno pensare: ma se ci vanno in tanti, e in tanti rischiano la loro immagine, l’esperienza potrebbe valere la pena. Rispondi al sondaggio (realizzato in assoluto anonimato) o lascia un commento a questo articolo.

27 ottobre 2009 0

Lotta alla guida in stato di ebrezza, due denunce

Di redazione

I carabinieri della Compagnia di Venafro, nel decorso weekend, hanno segnalato alla competente Autorità Giudiziaria due persone ritenute responsabili di “guida sotto l’influenza di sostanze alcooliche”. Entrambi gli automobilisti, fermati durante posti di controllo e sottoposto al test alcoolemico, mediante l’apparecchiatura “Trager” in dotazione al Nucleo Radiomobile, sono risultati positivi con un tasso superiore al limite consentito. Ai suddetti è anche stata ritirata la patente di guida per la prevista sospensione e successiva visita medica. I carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Isernia hanno rintracciato un 31enne della provincia che deve scontare circa cinque mesi di carcerazione su ordine emesso dalla Procura della Repubblica di Isernia per “tentato furto aggravato” consumato a fine agosto scorso a danno di un esercizio pubblico. Nell’occasione l’Arma era intervenuta nella flagranza del reato. Nella mattinata, lo stesso dopo il rintraccio e le operazioni conseguenti è stato associato presso la casa circondariale di Isernia.

27 ottobre 2009 0

Cinque milioni di fatturato non dichiarati, denunciato un imprenditore edile

Di redazione

Avrebbe tentato di occultare il fatturato della propria azienda edile di 5 milioni di euro utilizzando lo stratagemma dei cambi di nome delle società, occultando le scritture contabili e utilizzando teste di legno. Le fiamme gialle di Anagni, però sono riusciti ugualmente a ricostruire il quadro economico della ditta denunciando l’imprenditore. Le fiamme gialle, dirette dal Comandante della Brigata Lgt Ceglie, dopo un’accurata attività d’intelligence hanno individuato e sottoposto a verifica fiscale la società edile utilizzando anche lo strumento delle indagini finanziarie e bancarie, al fine di rintracciare e ricostruire il reddito sottratto all’erario. Al termine degli accertamenti sono stati contestati ricavi non dichiarati pari a 4.991.038 euro; IVA sottratta pari a 802.100 euro e un’evasione all’IRAP di 91.868 euro. L’autore dell’evasione aveva pensato di sottrarre i prelievi fiscali sui redditi conseguiti servendosi di svariati personaggi indigenti e nullatenenti, ai quali faceva assumere in progressione temporale, la rappresentanza legale della società ed accollandosi gli obblighi tributari che mai venivano osservati. Non per ultimo, l’autore aveva pensato di sottrarre le scritture contabili obbligatorie e dichiarare continue variazioni di sedi legali in realtà inesistenti. Per tale situazioni sono state effettuate anche due comunicazioni all’Autorità Giudiziaria per occultamento delle scritture contabile e per omessa dichiarazioni d’imposta. Intanto l’amministratore è stato denunciato.

27 ottobre 2009 0

Marrazzo a Montecassino, l’abbazia (per ora) smentisce

Di redazione

L’abbazia di Montecassino sembra essere la meta in cui Piero Marrazzo arriverà in giornata per trascorrere in serenenità, lontano dai riflettori, un lungo periodo di tempo. Il Governatore del Lazio, attualmente autosospeso in seguito allo scandalo sessuale che lo ha travolto, potrebbe arrivare in giornata ma in nessuna maniera è stato possibile trovare una conferma ufficiale a questa ipotesi. Dal millenario monastero invece arriva una smentita. In una nota l’Ufficio Comunicazioni Sociali Montecassino scrive: “In merito alle voci che si sono andate diffondendo in queste ore, che identificano con Montecassino l’Istituto religioso presso il quale si troverebbe in questo momento il Governatore Marrazzo, si comunica che in realtà il dr. Piero Marrazzo non è attualmente ospite presso l’abbazia di Montecassino, anche se – come tutti ben sanno – la foresteria del monastero è sempre aperta a tutti”. Sembra voler dire che al momento nella struttura religiosa Marrazzo non sia presente, ma ciò non toglie che possa arrivare. Intanto fuori dal monatero sono assiepate decine di telecamere inviate da emittenti locali e nazionali. Ermanno Amedei

27 ottobre 2009 1

Caso Marrazzo, spunti di riflessione

Di redazione

In questi giorni il “caso Marrazzo” ha tenuto banco non solo su tutti i media, ma anche nei discorsi della gente comune, e si è andato sempre più arricchendo di dettagli, scatenando riflessioni di ogni sorta. Riflessioni che abbiamo voluto riproporvi su Il Punto di Vista. Pare, infatti, che il dato relativo al numero di uomini comuni, con normali famiglie alle spalle, e che frequentino regolarmente i trans sia a dir poco sconcertante; se ciò fosse vero, e non c’è motivo di pensare al contrario, significherebbe che molti insospettabili tra noi non siano molto diversi da Marrazzo, seppur abbiano dimostrato stupore e ribrezzo di fronte al recente susseguirsi di notizie. E poi, 5.000 € a prestazione. Cosa si può fare per cinquemilaeuro a prestazione? Vieni a leggere su Il Punto di Vista le riflessioni di una moglie e, se vuoi, lascia pure un tuo gradito commento! Oltre a pubblicarlo, ci realizzeremo un articolo..

27 ottobre 2009 1

Dove c’è gusto non c’è perdenza. Ovvero ..SESSO COL TRANS

Di redazione

Dimentichiamo (a riuscirci!) per un attimo che a letto col trans ci sia andato il Governatore della Regione Lazio che, tra l’altro, pare abbia già provveduto a rinchiudersi in un convento per espiare le sue colpe ..e amen. Ciò che, piuttosto, mi sta levando il sonno in questi giorni sono due fatti: l’intervista a China, una delle trans coinvolte nel caso Marrazzo, e i 5.000 € del costo della prestazione. Partendo da una umile presa di coscienza, io non credo, come moglie, che le donne di uomini che intrattengono sistematicamente rapporti con trans siano più “distratte” di me, per cui temo che, a questo punto, anche mio marito potrebbe essere un assiduo frequentatore di quelle case. Certo, quando ho provato a parlargli di questo mio punto di vista me ne ha dette di tutti i colori, anche sfoggiando tutta la sua virilità al fine di scongiurare ogni possibile mio dubbio; dubbio che, però, permane, perchè credo che anche un uomo come Marrazzo avrebbe avuto la stessa reazione se la moglie gli avesse paventato un simile sospetto. Voglio dire.. quanti degli uomini che ci vivono attorno hanno questa …propensione? Si parla di una ..tendenza.. molto diffusa, pare che quelle case lì siano un vero viavai di insospettabili: di quanti di quelli che ci circondano non sospetteremmo mai e poi mai? Sarò franca: se non ho alcun dubbio in merito al fatto che mio maito possa avere questo “vizietto” è solo perchè dal bilancio familiare me ne accorgerei se mancassero 5.000 €. CINQUEMILA EURO. E questo è il secondo mio tormento: cosa si fa per cinquemilaeuro? China, nell’intervista, ha detto che un uomo ricorre alle amorevoli cure di un trans perchè questi non lo diletta solo col sesso, ma è capace di ascoltarlo, di accogliere tutti i suoi sfoghi lavorativi, o delle sue litigate con sua moglie. Oh, allora mi dico: e io moglie che, invece, con lui ci litigo, cioè che sono la diretta protagonista, non dovrei meritare  quantomeno una quota? Se proprio non merito cinquemilaeuro tondi, per uttte le volte che lo ascolto, mio marito, almeno un decimo, un 500 €, me li meriterò pure, no? E il cucinare, il lavare e stirare, il tenere pulita una casa, non conta niente? Nessuna retribuzione? Senza contare che qualche prestazione sessuale, normalmente, una moglie la concede.. Ma per cinquemilaeuro, è chiaro che deve trattarsi di una prestazione moooolto particolare. Allora, mi chiedo: ma questi trans non potrebbero impartirci qualche lezione (a pagamento, s’intende) per insegnarci ad ascoltare meglio i nostri mariti e, soprattutto, a fare …qualchenumerochelamiafantasianonriesceneppureadimmaginareesucuimisto tormentandodagiornirendendomiagitatoilsonno? Morale della favola: voglio imparare a fare sesso come solo un trans sa fare, così caso mai a mio marito dovesse venir voglia ..quantomeno gli farei pagare un pò meno. Un modo come un altro per salvaguardare il bilancio familiare, visti i tempi!

Vittoria