Allarme della Cisl: “Trenta aziende sull’orlo del baratro”

30 ottobre 2009 0 Di redazione

“Ben trenta piccole aziende del Cassinate sono sull’orlo del fallimento e che rischiano, quindi di non superare la crisi”. A lanciare l’allarme è Mario Spigola, segretario provinciale della Fim Cisl di Frosinone. Il sindacalista fa riferimento a quelle aziende che ruotano nell’indotto Fiat e che hanno un numero di dipendenti inferiore alle 15 unità. “Mentre i fornitori Fiat di prima fascia, quelli cioè che hanno il contatto diretto con l’azienda madre, seguono parallelamente il destino Fiat, le piccole aziendfe dell’indotto stanno vivendo un momento drammatico. Sono molt6e quelle che rischiano la chiusura, alcune lo hanno già fatto come Iniziativa Due (90 dipendenti in mobilità perm i quali si sarebbe trovata una soluzione tampone), e Lmt. Altre come la Tekna e quelle ancora più piccole, che vivono di sola cassa integrazione. Loro – sostiene Spigola – necessitano di agevolazioni vere, di un accesso al credito facilitato, aiuti che, purtroppo, si fermano solo alle parole”.