Terremoto, la paura nei commenti dei lettori

8 ottobre 2009 2 Di redazione

A torto o a ragione, la gente è fortemente preoccupata per lo sciame sismico che sta interessando il Sorano ed il Cassiante. Molti temano che si possano ricreare le stesse condizioni dell’aquila, quando, prima della scossa del 6 aprile, l’aquilano era stato interessato da un continuo susseguirsi di scosse di basso magnitudo. Intendiamoci: non siamo noi a poter affermare che ci sia pericolo o meno; non è il nostro compito. Noi riportiamo solo la cronaca delle scosse di terremoto che, lo ricordiamo, da quando è iniziata con insistenza martedì sera, non ha fatto danni, e la preoccupazione della gente che lascia in calce agli articoli relativi ai terremoti, i propri commenti. Alex stamattina ha scritto (inviato il 08/10/2009 alle 8:23:15) “Nel giro di una settimana le scosse sono state 129 tutte localizzate nella zona di Campoli Appennino. Al di là della semplice cronaca sarebbe opportuno che gli Enti preposti si preoccupassero di informare correttamente la popolazione con il compito primario di proteggerne l’incolumità, anche a costo di farla dormire in tenda se non si è in grado di prevedere l’evoluzione, benigna o maligna, di questo sciame sismico. L’Aquila non ha insegnato ancora niente? Grazie e distinti saluti”.
Massimo invece: (inviato il 08/10/2009 alle 9:57:01): “condivido pienamente l’analisi di alex. le lacrime del giorno dopo non servono a nessuno (vedi anche messina)”.
Poi Marco: (Inviato il 08/10/2009 alle 10:17:05) “E’ impossibile sapere se vi sarà un’evoluzione benigna dello sciame (come a Sulmona) oppure maligna (come all’Aquila).
Il fatto preoccupante è che la terra trema ad intervalli di 8 ore tra una scossa o coppia di scosse. Vi è come la sensazione che la terra si carichi per 8 ore e poi si scarichi. Il rischio è che faccia una scossa potente, non neghiamo. Sono d’accordo sull’opportunità di installare tende per far dormire la gente.
Non dimentichiamo che Sora e dintorni è zona ultra sismica, e che il terremoto del 1915 di Gioia-Avezzano la colpì duramente, vi furono migliaia di morti a Sora. Lo sciame non va sottovalutato”.
A seguire Emilia di Sora : (inviato il 08/10/2009 alle 10:37:59) “MIA FIGLIA MARTINA VIVA DAL CENTRO DELL’AQUILA TERREMOTATA. OGGI MI CHIEDO NESSUNO CI SPIEGA QUELLO CHE STA SUCCEDENDO E COME DOVREMO COMPORTARCI PERCHE’ LE ISTITUZIONI NON SPIEGANO AI CITTADINI? STANOTTE SU FACEBOOK DUE RAGAZZI IN CONTATTO: PREPARIAMOCI AD ALLESTIRE TENDOPOLI A SORA”.
L’ultimo commento è di Martina: (inviato il 08/10/2009 alle 12:42:47) “Adesso fate la stessa cosa dell aquila tranquillizzate i cittadini dicendo ” è uno sciame sismico”…. uno sciame sismico che ha fatto 300 morti e una città distrutta…..Sora è una zona sismica, vorrei pregare GLI ENTI interessati di prendere più seriamente il terremoto e con esso le vite umane…Il terremoto è un evento imprevedibile ,è vero, ma non è MAI giusto tranquillizzare in presenza di esso proprio perchè è tanto imprevedibile. Condivido pienamente ciò che dice alex è opportuno informare correttamente la popolazione”. Insomma, la paura è tanta e forse qualche informazione istituzionale in più sarebbe necessaria.