Mese: novembre 2009

30 novembre 2009 0

Mistero sul decesso di una 92enne morta dissanguata

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

E’ mistero sulla morte di una donna di 92 anni trovata nel suo letto in una casa di riposo, completamente dissanguata. Maria Addolorata L. di Rocca D’Arce (Fr), si stava sottoponendo ad un ciclo di dialisi quando i dipendenti della struttura l’hanno trovata in una pozza di sangue. Pert lei non c’era più nulla da fare. Il sangue le era fuoriuscito dalla cannula della dialisi trovata recisa o comunque strappata. Proprio su questo aspetto si stanno concentrando le indagini dei carabinieri allertati dai parenti della 92enne. Inoltre la procura della repubblica di Cassino ha disposto l’autopsia che si è svolta proprio oggi pomeriggio a Cassino. Se dalle indagini la cannula risultasse strappata sarebbe facile ipotizzare che possa essere stata la stessa donna a farlo. Se invece si tratta di un taglio, allora le responsabilità vanno cercate altrove.

30 novembre 2009 0

Terremoto, una scossa di magnitudo 2.9 scuote L’Aquila

Di redazione

Una scossa sismica è stata lievemente avvertita questa mattina dalla popolazione della provincia dell’Aquila. Le località prossime all’epicentro sono Ocre, Fossa e Collimento. Dalle verifiche effettuate dalla Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile non risultano danni a persone o cose. Secondo i rilievi registrati dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia l’evento sismico si è verificato alle ore 09.43 con magnitudo 2.9.

30 novembre 2009 0

Conosce una minorenne su facebook e la sequestra

Di redazione

Una indagine lampo svolta dai carabinieri della compagnia di Pontecorvo ha permesso di liberare una minorenne sequetrata dal un 19enne. I due si erano conosciuti sul popolarissimo social forum facebook e lui era riuscito a carpirne la fiducia a tal punto da farsi dire l’indirizzo in cui la giovane abita ad Arce (Fr) con la madre. I due, entrambi rumeni, ma lui, M. E. B. di 19 anni, è residente a Grottaferrata. Domenica sera, il giovane, conoscendo l’indirizzo della ragazza, si è recato ad Arce e dopo averla attirata con la forza nella sua macchina, l’ha rapita portandola a Grottaferrata. I carabinieri al comando del capitano Pier Francesco Di Carlo, allertati dalla madre della ragazza, sono riusciti con i pochi elementi a loro disposizione ad individuare l’appartamento del 19enne e, con l’ausilio di un connazionale, sono riusciti a farsi aprire il portone dove teneva segregata la ragazza e ad irrompere liberando la giovane.

30 novembre 2009 0

ABRUZZO Volley femminile / Tralfo Arabona – BLS D’Autilio Lanciano 3-1

Di redazione

Secondo capitombolo in campionato per le azzurre della D’Autilio BLS, contro l’Arabona di Manoppello le lancianesi sprecano molto ed alla fine cedono alle avversarie che meritano di prevalere. Il primo parziale è il più equilibrato e sarà quello sul quale le frentane dovranno recriminare, poichè lo hanno condotto sin dall’inizio, anche con un vantaggio di 5 punti e nel finale cedono con una serie di errori (ma anche in forza di un caparbio recupero delle padrone di casa) facendosi superare sul 23 pari. Nel secondo set reazione orgogliosa della D’Autlio BLS che non si fa recuperare il bottino di punti preso ad inizio del parziale; anzi si avvantaggia nel corso del set grazie ad una buona propensione al servizio che non spezza la costruzione del gioco dell’Arabona, comunque la fatica in attacco delle lancianesi è a tratti palpabile, dovuta anche all’attenta difesa, crrelata ad un buon muro, che a tratti le padrone di casa riescono a esprimere, quindi è pareggio. Ma nei due set successivi l’Arabona non accusa il colpo, anzi migliora i suoi standard al servizo ed in ricezione, mentre Lanciano sembra non avere più l’approccio mentale giusto, molti errori in attacco ed in ricezione spuntano le armi delle frentane, solo Dalerci resiste in maniera costante, però nel finale di gara c’è molta Arabona e poco Lanciano. Sabato prossimo al Palavolley di via Masciangelo la Robur Pescara, dopo 2 gare esterne ed un turno di riposo le ragazze di Litterio tornano tra le mura amiche.

30 novembre 2009 1

ABRUZZO VOLLEY / Jurassic Chieti – Dimonte B&B Lanciano 3-0

Di redazione

Prima sconfitta stagionale per la Di Monte B&B Lanciano, al quarto impegno i frentani si scontrano con i “dinosauri” di Chieti ed escono battuti dal Palateate. Si immaginava un incontro difficile, visto il tasso tecnico della formazione chietina (si tratta di elementi caratterizzati da un glorioso passato pallavolistico ad alto livello – dalla serie A alla B – un pò avanti con gli anni ma capaci di porre in campo tutta l’esperienza acquisita col tempo) ed effettivamente i ragazzi di Dalerci hanno sofferto in modo particolare il servizio dei padroni di casa, non riuscendo a ricevere in modo costante e quindi non creando grosse difficoltà alla difesa ed al muro avversari. Pure l’inizio dei set era favorevole all Di Monte B&B, soprattutto nel primo riuscivano a portarsi sul 4 – 8, poi veniva fuori l’esperienza dei jurassici del Chieti che recuperavano e si distanziavano. Forse la compagine lancianese avrebbe dovuto rischiare di più il servizio e mettere difficoltà nella costruzione del gioco del Chieti, ma indubbiamente fuori casa, nella tana delle vecchie volpi teatine non è stato possibile, se non a tratti, imporre un gioco tale da impensierire la formazione del Jurassic, tuttora imbattuta in campionato. Nel finale di gara infortunio, speriamo non serio, alla caviglia di Grossi; domenica prossima a Lanciano è attesa un’altra formazione da zone alte di classifica, il MilleSport Scerni, che testerà se le ambizioni dei lancianesi saranno ancora intatte, lancianesi che non si devono lasciar scoraggiare da una gara condotta in modo molto onorevole anche se parduta e che deve restare un episodio in un campionato ancora lungo da giocare.

30 novembre 2009 0

Meteo, vento forte e pioggia al centro

Di redazione

Insiste il maltempo sulla nostra penisola per le correnti fortemente instabili legate ad una depressione di origine atlantica che, nelle prossime ore, porterà un peggioramento del tempo su tutta l’Italia, con precipitazioni diffuse e venti forti. Sulla base dei modelli disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un ulteriore avviso di avverse condizioni meteorologiche che integra ed estende quello già diffuso e che prevede dalla serata di oggi, domenica 29 novembre, venti forti con raffiche di burrasca su tutta la penisola e le due isole maggiori con mareggiate lungo le coste esposte. Il persistere di precipitazioni diffuse sulle regioni settentrionali e sull’alta Toscana. Nevicate localmente abbondanti sulle alpi e prealpi al di sopra dei 1400-1700 metri. Dalla mattinata di domani, lunedì 30 novembre, le precipitazioni interesseranno prima la Sardegna e le regioni centrali tirreniche e dal pomeriggio anche la Campania. I temporali potrebbero essere accompagnati da attività elettrica e forti raffiche di vento. Il Dipartimento della Protezione civile continuerà a seguire l’evolversi della situazione in contatto con le Prefetture, le Regioni e le locali strutture di protezione civile.

29 novembre 2009 0

Calcio, il Cassino vince a Barletta 2-0

Di redazionecassino

Con una rete per tempo il Cassino viola l’imbattibilità stagionale del Barletta  ed arresta a sei il numero dei risultati utili consecutivi conseguiti dalla compagine biancorossa. A decidere il match la rete siglata da Merli Sala al 14′ del primo tempo e la realizzazione di Bardeggia, giunta al 28′ della ripresa. Tra le due reti tante palle da gol sciupate dai biancorossi barlettani. Con questa vittoria il Cassino sale al quinto posto in classifica, in piena zona playoff. Domenica il Cassino ospiterà la Juve Stabia che ha battuto il Siracusa.

29 novembre 2009 0

ANAGNI: CENSURA VLADIMIR LUXURIA. IL SINDACO: ‘I TRANS? MALATI’

Di redazionecassino1

Il comune di Anagni censura Vladimir Luxuria. Il sindaco del comune ciociaro, infatti, ha deciso di negare l’utilizzo dell’Auditorium cittadino per la presentazione del libro dell’ex deputata transgender. Il primo cittadino ritiene che “i transessuali sono persone malate” e ha deciso di non concedere l’Auditorium, inoltre, perchè il libro di Luxuria, “Le favole non dette”, tratta “argomenti inadatti e diseducativi”. La denuncia, a questo grave atto di limitazione al diritto di libertà di espressione, di chiara intolleranza e di omofobia, è arrivata dall’associazione “La guerra di Piero” che aveva deciso di organizzare ad Anagni l’incontro con Luxuria. Mario Michelangeli, segretario del Pdci del Lazio, ha definito l’episodio “un grave atto di omofobia”. Intanto il presidente dell’Arcigay del Lazio ha chiesto un incontro con il sindaco di Anagni.. Gli organizzatori, tuttavia, hanno già annunciato che l’evento si terrà ugualmente in un’altra sede il 4 dicembre prossimo.

29 novembre 2009 2

Ticket sui farmaci, regione che vai ticket che trovi. Il Lazio la regione più cara

Di redazionecassino1

Il costo dei medicinali mutuabili, nelle farmacie italiane, varia da regione a regione e varia notevolmente. L’Osservatorio Salute&Diritti del Movimento Difesa del Cittadino (MDC) ha realizzato un dossier “Le gabbie sanitarie” proprio per fare il punto su questa situazione. Il Lazio è la regione in cui il cittadino non esente paga di più il ticket (4 euro per i farmaci che costano più di 5 euro e 2,50 per quelli che costano meno). Esistono poi alcuni casi paradossali: è il caso della Cardioaspirin, acido acetilsalicilico a basso dosaggio usato come antiaggregante piastrinico. Il suo costo è di 2,32 euro. In Calabria e Lazio, il ticket per una confezione costa più del farmaco stesso acquistato senza SSN.D’altra parte, in Valle d’Aosta, Provincia di Trento, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Marche, Basilicata e Sardegna l’assistito non paga nulla.Chi non beneficia di particolari esenzioni e abita in Sicilia, Lombardia, Piemonte, Liguria, Provincia Autonoma di Bolzano, Veneto e Puglia, deve invece pagare un ticket di 2 euro per ogni confezione, indipendentemente dal prezzo del farmaco. A seguire, l’Abruzzo – che fa pagare ai non esenti 2 euro a confezione e 50 centesimi per quelli sotto i 5 euro – la Calabria – in cui i non esenti pagano 1 euro a ricetta e 2 euro a confezione – la Campania (1,50 euro a confezione) e il Molise (1 euro a confezione, 0,50 euro per i generici, gratis i farmaci inferiori a 5 euro). Le differenze da regione a regione si registrano anche per le esenzioni (per malattia, reddito e invalidità). In questo grande caos, di quali strumenti dispone il cittadino? Secondo Silvia Lo Iacono – responsabile dell’Osservatorio Salute&Diritti del Movimento Difesa del Cittadino, che ha curato il dossier – deve “informarsi se può beneficiare di una particolare esenzione e, anche in questo caso, potrebbe convenire una tipologia rispetto a un’altra (es. nel Lazio, se si è in possesso di un’esenzione per patologia e anche di un’esenzione per reddito, economicamente è più conveniente farsi indicare la seconda); in secondo luogo, per risparmiare il più possibile, può farsi prescrivere dal medico un farmaco generico corrispondente a quello di marca, che costa di più e cui va aggiunta, nella maggior parte dei casi, la differenza tra il farmaco generico e quello di marca e il ticket (in alcune regioni)”. Per Federfarma, nel primo bimestre del 2009, la spesa farmaceutica netta a carico del SSN è scesa del 4,3% rispetto allo stesso periodo del 2008, ma è aumentata quella a carico del cittadino, con notevoli differenze da Nord a Sud. Ciò è dovuto soprattutto alla reintroduzione (Lazio, Abruzzo e Campania) o all’appesantimento (Sicilia) dei ticket, al pagamento della differenza di prezzo con i farmaci generici e alle limitazioni prescrittive. F.P.

29 novembre 2009 0

Va a spasso con un fucile e forza un posto di controllo, 24enne in manette

Di redazione

I carabinieri della stazione di Esperia (Fr) hanno proceduto al fermo di B.A. 24enne del posto, perché ritenuto responsabile di “porto illegale di arma comune da sparo” e “ricettazione”. Il predetto, a bordo di una Renault Clio, non ha ottemperato all’alt intimatogli dai militari e si è dato alla fuga. Gli operanti, dopo un breve inseguimento sono riusciti a bloccare il fuggitivo e a seguito di accurata perquisizione lo hanno trovato in possesso di un fucile sovrapposto calibro 12 risultato rubato a Caserta nel 2003. L’autovettura e l’arma sono stati posti sotto sequestro. L’arrestato dopo le formalità di rito è stato sottoposto al regime degli arresti domiciliari presso la propria abitazione.