Giorno: 7 novembre 2009

7 novembre 2009 0

Inseguimento tra le bancarelle del mercato, fermati due stranieri

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Inseguimento a piedi, questa mattina, tra le bancarelle del mercato. Sotto gli occhi dei passanti e dei commercianti ambulanti, due senegalesi, alle 11 circa, hanno tentato la fuga inseguiti dai finanzieri. I due stranieri avevano messo su, poco avanti l’ingresso di piazza Campo Miranda che da su piazza Green, una bancarella con decine di occhiali da sole dalle griffe taroccate. I militari del capitano Vincenzo Ciccarelli si sono presentati in borghese e, dopo aver fatto alcune domande fingendosi acquirenti, si sono presentati chiedendo loro di seguirli in caserma. A quel punto i due senegalesi hanno tentato la fuga tra le bancarelle. Inseguiti ed inseguitori hanno corso all’impazzata fino a quando, alcune centinai di metri dopo, i due senegalesi sono stati fermati, immobilizzati e costretti a seguirli presso il comando di compagnia della guardia di finanza di Cassino.

7 novembre 2009 0

Controlli sulle strade, un arresto e una denuncia

Di redazione

Nell’ambito dei controlli effettuati: I carabinieri della stazione di Colli al Volturno (Is) hanno rintracciato e tratto in arresto un pregiudicato rumeno 26enne. Il giovane era destinatario di un ordine di esecuzione per la carcerazione, emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma, per “furto aggravato in concorso”. Per il giovane sono così scattate le manette e dopo le formalità di rito è stato condotto presso la locale Casa Circondariale a disposizione dell’Autorità Giudiziaria ordinante. I militari del Nucleo Operativo e Radiomobile di Isernia, invece, nella nottata tra ieri e oggi, hanno controllato un autoveicolo condotto da un giovane del casertano. Lo stesso è stato segnalato alla competente Autorità Giudiziaria perché ritenuto responsabile di “guida sotto l’influenza di sostanze alcooliche” in quanto il test alcoolemico effettuato mediante l’apparecchiatura in dotazione, ha evidenziato un risultato positivo con un valore superiore al limite consentito.

7 novembre 2009 0

Kit per narcoagricoltori, la Finanza indaga sugli acquirenti

Di redazione

Continuano le indagini svolte dalla guardia di finanza di Cassino in seguito al sequestro dei kit che, presumibilmente, servivano per coltivare droga, presso il negozio Alkemico di Cassino (Fr). Gli appostamenti hanno permesso agli uomini del capitano Vincenzo Ciccarelli di costruirsi un vasto archivio di giovani, e non solo giovani, appassionati del genere. Insomma, potenziali narcoagricoltori che, muniti del kit, secondo gli investigatori della Finanza, avrebbero potuto cimentarsi nella coltivazione della marijuana o di funghi allucinogeni. E’ su questo archivio che i finanzieri stanno lavorando e su quanti di loro possano in realtà aver messo su una piantagione di droga.

7 novembre 2009 0

Pane, vino e Ciociaria: la festa del gusto itinerante

Di redazione

Dopo l’apertura della manifestazione avvenuta a Fiuggi sarà Atina domenica 8 novembre ad ospitare la giornata conclusiva della kermesse voluta dalla Camera di Commercio di Frosinone e denominata “Pane, vino e… Ciociaria”. Infatti, nello scenario del palazzo Ducale, alle ore 11.00, è in programma la conferenza dal tema “Il fagiolino cannellino di Atina”, presentazione del primo prodotto D.O.P. esclusivamente ciociaro. Alle ore 12.00, in piazza Guglielmo Marconi si terrà la proiezione del video documentario dedicato al progetto “Pane, Vino e…Ciociaria”. Mezzora più tardi, alle ore 12 e 30, partirà la degustazione negli appositi stand eno-gastronomici con banchi di assaggio di vini e prodotti rigorosamente della nostra terra con intrattenimento musicale affidato ad un gruppo folkloristico locale. Alle ore 15.00 saranno illustrate le fasi della lavorazione di olio e formaggi mentre un ulteriore momento musicale concluderà la kermesse. “Con l’intento di promuovere il territorio – ha rimarcato il presidente della CCIAA Mario Papetti- abbiamo voluto organizzare questo evento che ha coinvolto oltre 100 tra ristoranti ed agriturismo che nel weekend dei sapori hanno voluto dare in tutta la Ciociaria, sia come immagine, ma soprattutto come offerta enogastronomia, spazio agli obiettivi della manifestazione che mirano alla tipicità della nostra cucina quale elemento indissolubile di autenticità, tradizione, gusto e qualità. La cultura dei saperi che fa parte delle nostre origini rende davvero unica la nostra offerta ed il successo di attenzioni e di pubblico durante questa rassegna ci obbliga a continuare nel percorso intrapreso e voluto dalla giunta camerale per rilanciare, anche mediante il nostro patrimonio eno-gastronomico, l’economia ciociara”.

7 novembre 2009 0

Maltempo, persistono temporali e venti forti sull’intera penisola

Di redazione

Insiste il maltempo sulla nostra penisola per la discesa di fronte perturbato di origine atlantica che, nelle prossime ore, porterà un nuovo peggioramento del tempo sui versanti tirrenici e sulla Sardegna, con precipitazioni intense e venti forti. Sulla base dei modelli disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un ulteriore avviso di avverse condizioni meteorologiche che integra ed estende quello già diffuso e che prevede dalla serata di oggi, sabato 07 novembre, precipitazioni, anche a carattere di rovescio o temporale di forte intensità, sui versanti tirrenici del Paese, sulla Sardegna e sulle regioni meridionali. Le precipitazioni saranno accompagnate da attività elettrica e da forti raffiche di vento che interesseranno, in particolare, le due isole maggiori e le regioni centro-meridionali, con possibili mareggiate lungo le coste esposte. Il Dipartimento della Protezione civile continuerà a seguire l’evolversi della situazione in contatto con le Prefetture, le Regioni e le locali strutture di protezione civile.

7 novembre 2009 0

Sentenza esemplare, condannato il Comune per il licenziamento senza concertazione

Di redazione

Una sentenza destinata a fare giurisprudenza è stata emessa oggi dal tribunale del lavoro di Cassino. Si tratta di un caso di mobilità collettivo attuato da un ente pubblico. Sono solo tre i casi del genere in Italia e la decisione del tribunaole della città martire era molto atteso. Il giudice ha dato ragione ad alcuni lavoratori messi in mobilità dal comune di Pignataro Interamna (Fr). Il 5 novembre 2007, undici persone sono state collocate nelle liste di mobilità perché il Comune, in dissesto economico, ha dovuto tagliare l’organico. Un provvedimento sostanzialmente leggittimo ma effettuato senza i dovuti criteri, o almeno così sostenevano i lavoratori cha hanno impugnato quel privvedimento. Si tratta per lo più di assistenti sociali e altri dipendenti tra cui un vigile urbano. I loro avvocati e i sindacati avevano più volte tentato di sensibilizzare l’amministrazione comunale di Pignataro sostenendo che per una apertura di mobilità era necessaria una concertazione sindacale. Richieste inascoltate per cui, i lavoratori, assistiti dall’avvocato Renato Ciamarra del foro di Cassino, hanno impugnato il provvedimento arrivando alla sentenza di oggi che riguarda, però, solamente un assistente sociale e il vigile urbano. Il giudice ha accolto il loro ricorso sostenendo appunto la cecessità della concertazione con i sindacati ed ha condannato l’amministrazione comunale a integrare il 20% dello stipendio che manca allo stipendio della mobilità, inoltre al pagamento dei contributi previdenziali come se il personale avesse lavorato ininterrottamente e, ovviamente, al pagamento delle spese processuali. Ermanno Amedei

7 novembre 2009 0

La finanza sequestra una “Santa Barbara” di gas

Di redazione

I Finanzieri della Compagnia di Marcianise hanno sottoposto a sequestro complessivamente circa 6.000 kg. di gpl contenuti in bombole e circa n. 9.000 recipienti detenuti presso due distinti depositi facenti capo a due attività commerciali con sedi operative in Sessa Aurunca e Marcianise. In particolare, la costante attività di controllo economico del territorio ha consentito di accertare che, all’interno del centro abitato, in un deposito sito in Marcianise, autorizzato a detenere un massimo di kg. 1000, erano presenti kg. 4.576 di gpl, mentre in un deposito sito in Sessa Aurunca, autorizzato a detenere un massimo di kg. 500, erano presenti kg. 2.420 di gpl, in violazione alle norme relative alla sicurezza e alla detenzione di materiale esplosivo o infiammabile. Pertanto, i Finanzieri, complessivamente, hanno rinvenuto e sottoposto a sequestro 5.496 chili di gpl illecitamente detenuti; 8.731 recipienti (bombole); 2 serbatoi di capacità rispettivamente pari a litri 1.000 e litri 500. oltre alla denuncia alla competente Autorità Giudiziaria di due responsabili.

7 novembre 2009 0

La truffa delle casette di legno, denunciato un 50enne di Chieti

Di redazione

I carabinieri della stazione di Isernia a conclusione di una attività di indagine hanno denunciato alla competente Autorità Giudiziaria un 50enne della provincia di Chieti per truffa in danno di una azienda del Casertano leader e specializzata nella produzione di casette di legno. L’uomo presentandosi a nome e per conto di una impresa commerciale della provincia di Isernia che ha cessato l’attività, nei mesi scorsi si è fatto consegnare due unità abitative in legno, tipo piccole baite da seconda casa per le vacanze, che poi non pagava facendo perdere le proprie tracce. I militari dopo una laboriosa ricostruzione dei fatti hanno scovato il destinatario finale della merce ove sono state reperite le due unità abitative del costo di oltre ventimila euro.

7 novembre 2009 0

Stalking all’ex: prima allontanato, poi arrestato

Di redazione

Pedinamenti, molestie telefoniche, minacce scritte e verbali da parte dell’ex convivemnte le avevano causato uno stato di angoscia e paura. La vittima, una 33enne di Silvi, già nel mese di ottobre 2009, aveva presentato denuncia per “stalking” nei confronti dell’ex convivente Michele L., 47enne di Foggia, già noto per fatti di giustizia, che dalla scorsa estate aveva reiterato condotte minacciose nei suoi confronti, sia telefonicamente che di persona, attraverso messaggi scritti, continui pedinamenti e molestie, che le avevano cagionato un perdurare stato di paura ed ansia. Dopo tale denuncia, il G.I.P. del Tribunale di Teramo aveva disposto l’applicazione nei confronti dell’uomo del “divieto di dimora nel Comune di Silvi”. Ciò nonostante l’interessato (come da successiva denuncia presentata sempre dalla vittima), aveva reiteratamente violato le prescrizioni impostegli, presentandosi più volte sotto l’abitazione della ex compagna, inviandole anche una serie di SMS dal contenuto minaccioso. Per questo motivo, poiché il comportamento posto in essere dall’uomo costituiva una minaccia progressivamente crescente per la donna e, in ogni caso, in palese e totale violazione delle prescrizione impostegli precedentemente dal Giudice, apparendo evidente l’inadeguatezza della misura del divieto di dimora, il G.I.P. del Tribunale, accogliendo la richiesta del P.M. titolare del fascicolo processuale, ha disposto nei confronti del 47enne la revoca della misura cautelare in atto del divieto di dimora, con quella degli arresti domiciliari in Foggia. Il provvedimento è stato eseguito nella serata di ieri 5 novembre 2009 e l’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato tradotto presso la sua abitazione in Foggia, a disposizione dell’A.G. mandante. I Carabinieri invitano tutte le donne che sono sottoposte a questo tipo di atti persecutori e di sofferenza a denunciare gli aggressori.

7 novembre 2009 0

Dissequestrato il poligono di tiro

Di redazione

Il Tribunale di Frosinone ha disposto il dissequestro di tutto il Poligono di Pontecorvo. La decisione è stata notificata nella mattinata del 4 novembre, a seguito del ricorso presentato dai legali del Poligono gli avvocati Ivan e Giuseppe Santopietro. La struttura, infatti, era stata posta sotto sequestro dai Carabinieri di Pontecorvo in un primo momento a causa della presunta mancanza di agibilità della struttura e successivamente destinataria di un secondo decreto di sequestro per l’ipotesi di reato di lesioni personali colpose. I legali del Poligono hanno proposto inizialmente il ricorso avverso il primo sequestro, ottenendo dai Giudici del Riesame il dissequestro di parte della struttura. Successivamente è stato proposto ricorso anche avverso il secondo decreto di sequestro, inerente il reato di lesioni personali colpose, ottenendo il dissequestro totale della struttura, nonché la materiale restituzione dell’impianto. “Secondo il Tribunale – fanno sapere gli avvocati Santopietro – il ricorso merita accoglimento in quanto il secondo sequestro (relativo all’ipotesi di reato di lesioni colpose) viola il principio del ne bis in idem, non essendo legittimo un secondo sequestro su un bene già oggetto di analogo provvedimento”. Non vi sarebbe inoltre correlazione tra l’incidente e la struttura del poligono che, anche se fosse stata dotata di tutte le strutture di sicurezza, non avrebbe impedito il verificarsi dell’evento. L’avvocato Giuseppe Santopietro, soddisfatto del risultato ottenuto, dichiara: “l’operato dei vertici della Sezione TSN è sempre stato rispettoso delle leggi. La tesi difensiva era ed è fondata come dimostrano i due provvedimenti di dissequestro ottenuti. Ciò nonostante, proseguiremo nelle azioni legali a tutela della Sezione TSN di Pontecorvo, nella speranza che le indagini siano più approfondite e puntuali di quelle fin qui svolte, in quanto vi sono aspetti relativi alle precedenti gestioni sezionali che, seppur denunciate da diverso tempo, ancora non sono state oggetto di chiarezza”.