Giorno: 11 novembre 2009

11 novembre 2009 0

Cassino, dall’opposizione una interrogazione sull’organico

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

I Consiglieri Comunali di opposizione del Comune di Cassino Marino Fardelli – Attilio Perna – Vincenzo Vittorelli – Anna Teresa Formisano hanno presentato una interrogazione a risposta scritta a proposito della dotazione organica. Nel testo si legge: I sottoscritti consiglieri comunali: Preso atto che il Tribunale del Lavoro di Cassino con sentenza n. 2888/09 ha accolto il ricorso presentato dal Sindacato DICCAP avverso la Delibera di G.M. n. 348 del 14.10.2008 (dotazione organica e piano triennale delle assunzioni) ed ha dichiarato il Comune colpevole di condotta antisindacale per non aver informato il predetto sindacato della trattativa in atto e per aver impedito la sua partecipazione al procedimento di concertazione sindacale sul tema in discussione; Interrogano le SS. In indirizzo, ciascuno per quanto di competenza, per sapere: 1)Come intendono risolvere la situazione in merito alla delibera di G.M. adottata dal Comune ed annullata dal Tribunale del Lavoro di Cassino; 2)Quali azioni ed attività intendono mettere in campo per risolvere il vuoto amministrativo creatosi a seguito della sentenza; 3)Se si è prodotto danno erariale e chi ne deve rispondere;

11 novembre 2009 0

Fichera: “Polo logistico Fiat di Cassino è asset strategico per lo sviluppo produttivo del Lazio”

Di admin

“In questo frangente di crisi economica, l’impegno delle Istituzioni per aiutare il sistema produttivo a uscirne presto e bene è più che giustificato. La Regione Lazio sta intervenendo con forza per potenziare la filiera industriale lungo lo strategico corridoio autostradale e ferroviario che attraversa da nord a sud il nostro territorio”. Lo ha dichiarato oggi l’Assessore alla Piccola e Media Impresa della Regione Lazio, Daniele Fichera, a margine di un sopralluogo ai cantieri del Polo logistico Fiat di Cassino, alla presenza dell’Assessore regionale al Demanio e Patrimonio, Francesco Scalia, del consigliere regionale Ettore Urbano, di Mario Abbruzzese e Antonio Gargano, rispettivamente presidente e vice presidente del Co.SI.La.M, il consorzio che promuove e gestisce il progetto finanziato dalla Regione Lazio. “Lo sviluppo del Polo logistico Fiat di Cassino – conclude l’assessore Fichera – è un intervento concreto, fondato su un modello di relazioni produttive che fa sistema, non la solita cattedrale nel deserto”.

11 novembre 2009 0

Va con la zia per imparare il mestiere del ladro

Di redazione

Una zia che forse stava tentando di insegnare al nipote un mestiere, quello del ladro, è stata arrestata oggi dai carabinieri della compagnia di Cassino (Fr). Gli uomini al comando del capitano Adolfo Grimaldi e del capitano Francesco Maceroni hanno fermato P.S. 20 anni di Napoli, mentre, accompaganta dal nipote minorenne, stava tentando di forzare la porta di un appartamenteno del centro. Cacciaviti e piedi di porco, i due avevano tutto l’occorrente per scardinare iol portone. Per questo, la ragazza è stata tratta in arresto con l’accusa di Tentato furto con scasso, mentre il minorenne è stato consegnato ai genitori.

11 novembre 2009 2

Un comitato per mantenere il terremoto sotto controllo

Di redazione

L’associazione Verde Liri terrà domenica prossima 15 novembre dalle 16 presso la sala del centro sociale anziani “Gnore Peppe” in Via E. Zincone una prima riunione organizzativa dove si parlerà di terremoti e si getteranno le basi per la costituzione di un comitato aperto a tutti che dovrà arrivare all’installazione di strumenti di rilevamento sismico nel nostro territorio, nel territorio della valle Comino e Roveto. Si invitano tutti coloro che sono interessati a partecipare. All’iniziativa ha aderito il Comune di Sora.

11 novembre 2009 0

Accordo tra Protezione civile e Banca Mondiale con l’obiettivo di ridurre le catastrofi

Di redazione

La Banca Mondiale e il Dipartimento Protezione Civile Italiano (DPC) hanno firmato oggi un Accordo per unire i propri sforzi nella realizzazione di iniziative per la riduzione del rischio disastri, la ripresa sostenibile, e la ricostruzione nei Paesi in via di sviluppo inclini al disastro. La firma dell’Accordo è avvenuta al Comando e Direzione di Controllo della Protezione Civile de L’Aquila in occasione di una cerimonia ospitata da Guido Bertolaso, Capo della Protezione Civile Italiana – Presidenza del Consiglio dei Ministri. “La Banca Mondiale è onorata di avere come partner il Dipartimento di Protezione Civile Italiano,” ha detto Katherine Sierra, Vice President Banca Mondiale per lo Sviluppo Sostenibile, che ha firmato l’Accordo per la Banca Mondiale. “Le autorità Italiane hanno intrapreso misure esemplari nella gestione dell’emergenza terremoto in occasione del sisma che ha colpito L’Aquila lo scorso aprile e l’Accordo vuol consentire ad altri Paesi di beneficiare di tale esperienza”. Nei giorni successivi al terremoto, il Global Facility for Disaster Reduction and Recovery – GFDRR ‐ la struttura della Banca Mondiale preposta alla Riduzione dei Disastri e alla Ricostruzione – ha predisposto una Missione di scambio tecnico a L’Aquila di un gruppo di esperti della Banca Mondiale in materia di Gestione del Rischio Disastri. Tale Missione, in collaborazione con l’Ufficio del Direttore Esecutivo per l’Italia, si è concentrata sullo scambio di esperienze sul livello di preparazione e di mobilitazione e intervento in caso di emergenza predisposto dall’Italia, da un lato, e della ripresa e ricostruzione post‐sismica posta in essere dalla Banca Mondiale in occasione dei recenti terremoti in Turchia, Pakistan e Cina, dall’altro. La Missione, aumentando la cooperazione tra la Banca Mondiale e le autorità Italiane, ha consentito al Dipartimento di Protezione Civile Italiano di addestrare oltre 1,2 milioni di volontari ad azioni di emergenza, recupero, preparazione e prevenzione. Il DPC ha altresì collaborato alla stesura di una pubblicazione della Banca Mondiale di prossima uscita, sostenuta dal GFDRR; un manuale di edilizia e ricostruzione dal titolo “Case più sicure, comunità più forti: la ricostruzione dopo il disastro,” con un riferimento all’esperienza Italiana nelle soluzioni abitative post‐terremoto adottate a L’Aquila. L’Accordo firmato oggi segna ancor maggiormente questi continui sforzi di collaborazione chiedendo l’ostensione e la diffusione della risposta post‐sismica e dell’esperienza di ricostruzione a L’Aquila, con un occhio particolare al sistema di protezione civile Italiana e al suo operato in occasione del terremoto. L’Accordo mira anche ad un più stretto coordinamento dell’assistenza esterna fornita dall’Italia e dei programmi sostenuti dalla Banca Mondiale per la riduzione del rischio e la ricostruzione specificatamente nei Balcani Occidentali e nei Paesi del Mediterraneo. La Protezione Civile e la Banca Mondiale beneficeranno reciprocamente dello scambio di informazioni fra Autorità Italiane, personale della Banca Mondiale, e funzionari di organismi internazionali, funzionari governativi, ONG, e rappresentanti di organizzazioni del settore privato, come anche della più stretta cooperazione sulla gestione del rischio disastri Euro‐Mediterranea, anche alla luce della possibile creazione di un pool assicurativo Euro‐Mediterraneo in caso di eventi sismici. Il Global Facility for Disaster Reduction and Recovery ‐ GFDRR , la struttura della Banca Mondiale preposta alla Riduzione dei Disastri e alla Ricostruzione – (Global Facility for Disaster Reduction and Recovery ‐ GFDRR), nasce dall’impegno di 21 Paesi, il Segretariato PCA, la Commissione Europea, l’UNISDR, e la Banca Mondiale, ad aiutare Paesi e aree geografiche a rischio disastro a ridurre la propria vulnerabilità agli eventi naturali e ad adattarsi ai mutamenti climatici. Il GFDRR promuove l’assistenza tecnica e finanziaria ai Paesi a basso‐medio reddito ad alto rischio basandosi su un modello aziendale di supporto ex‐ante, per canalizzare la riduzione del rischio nelle strategie di sviluppo e investimento, e di assistenza ex post, per una ricostruzione sostenibile. In ragione del suo mandato, il GFDRR promuove lo scambio di conoscenze e di esperienze significative, sostiene iniziative atte ad intensificare la cooperazione mondiale ed interregionale, e una più ampia cooperazione Sud‐Sud nella riduzione del rischio disastro. Ulteriori dettagli disponibili su www.gfdrr.org.

11 novembre 2009 0

L’ex capo della procura di Cassino approda alla procura di Nocera (Sa)

Di redazione

L’ex capo della procura di Cassino, Gianfranco Izzo, è stato nominato capo della procura di Nocera (Sa). La notizia è trapelata oggi in via informale ma non ha tardato a diffondersi nella procura campana. Izzo, dopo l’avvicendamento avvenuto a Cassino ad inizio anno con il procuratore Mario Mercone, era tornato a fare il sopstituto procuratore presso la procura generale di Roma. A Nocera trova un ambiente particolarmente effervescente e un team composto da nove sostituti procuratori.

11 novembre 2009 0

Omicidio in strada, ucciso a calci e pugni da tre rom

Di redazione

Terribile fatto di sangue, la scorsa notte, ad Alba Adriatica (Te). Una discussione tra tre nomadi ed un commerciante di 37anni, iniziata in un locale e culminata in strada a calci e pugni, ha visto il 30enne, Emanuele Fadani morire sotto i colpi scagliati dai tre che si sono dileguati. I testimoni hanno quindi chiamato un’ambulanza e i carabinieri. L’uomo è deceduto durante il trasporto in ospedale. Si ignorano al momento le cause del diverbio che pare sia nato da uno scambio di battute divenuto poi litigio e poi ancora rissa. Immediate le ricerche dei carabinieri che hanno permesso di identificare i tre rom, ma rintracciarne due nei confronti dei quali la procura ha emesso un provvedimento di fermo giudiziario ipotizzando il reato di concorso in omicidio volontario. Sui sta inoltre cercando il terzo uomo.

11 novembre 2009 0

Chiarezza sulla distribuzione delle ore di straordinario. Lo chiedono i lavoratori del tribunale

Di redazione

Un’assemblea sindacale per chiedere maggiore trasparenza nella gestione delle ore di straordinario. L’hanno richiesta i rappresentanti delle sigle sindacali della Cisl, RdB, Cgil e Uil. Il malcontento cova tra i settanta dipendenti del tribunale di Cassino. A rendere inquieti gli animi sono le ripartizioni del monte ore dello straordinario. I lavoratori chiedono di capire in che maniera vengono assegnati anche in vista delle prossime elezioni quando il lavoro, per loro, crescerà ed anche il numero delle ore di lavoro straordinario. Stesso discorso di chiarezza intendono fare per l’indennità di reperibilità. Per questo hanno chiesto al presidente del tribunale, Giuseppe De Carolis di Prossedi, sensibile per altro al problema dei lavoratori, l’utilizzo, il 12 novembre, di un’aula delle udienze per svolgere un’assemblea sindacale.

11 novembre 2009 0

Ultimo spettacolo della VI edizione de “Il Teatro e le Voci”

Di redazione

La VI Edizione del Festival “Il Teatro e le Voci”, promosso ed organizzato dalla “Compagnia Teatro dell’Appeso” diretta da Amedeo di Sora, con il patrocinio ed il contributo degli Assessorati alla Cultura della Regione Lazio e della Provincia di Frosinone ed in collaborazione con gli Assessorati alla Cultura e al Tempo Libero del Comune di Frosinone, iniziato il 7 ottobre e continuato nell’arco di un mese e mezzo di attività spettacolare e seminariale riscuotendo un lusinghiero riscontro di critica e di presenze, si conclude domenica 15 novembre 2009, alle ore 21:00, presso il Mattatoio Casa della Cultura di Frosinone, con lo spettacolo “Luoghi ed erranze del desiderio” di e con: Amedeo di Sora, Maria Del Gesso, Stefania Maciocia, Patrizia Minatta. Alle luci e al suono: Mina di Sora, Luigi Di Tofano. Regia: Amedeo di Sora. Lo spettacolo, prodotto dalla “Compagnia Teatro dell’Appeso”, in prima assoluta a Frosinone, attraverso labirintici percorsi verbo-vocali di vari autori italiani e stranieri contemporanei, giocando scenicamente la seduzione di parole diversamente innamorate, si propone di attraversare luoghi e di abitare erranze del Desiderio che si fa voce e sangue, assenza e urgenza, spirito e corpo, identità e differenza. Con la complicità del tango, che fa da costante contrappunto alle voci recitanti, lo spettatore potrà “godere” e “patire” momenti di teatro, prosa e poesia, che attraversano diversi registri interpretativi. Il costo del biglietto è di 7,00 euro. E’ previsto un biglietto ridotto di 5,00 euro per under 18 e over 65.