Giorno: 28 novembre 2009

28 novembre 2009 0

Cassino Calcio, i convocati per la gara contro il Barletta

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Il tecnico azzurro Maurizio Pellegrino ha diramato l’elenco dei calciatori convocati per la gara contro il Barletta, valida per il quindicesimo turno di campionato, in programma domani domenica 29 novembre 2009 alle ore 14.30 sul terreno del “Cosimo Puttilli”. Diciotto gli uomini che il trainer azzurro ha scelto per il match; out lo squalificato Kone e gli infortunati Conti e Scappaticci. Portieri: Amadio, Indiveri. Difensori: Agius, Bica Badan, Bianciardi, Martinelli, Merli Sala, Sfanò. Centrocampisti: Bonacquisti, Camorani, Gemmiti, Giannone, Romanelli, Romeo. Attaccanti: Bardeggia, Croce, Frisenda, Mezgour.

28 novembre 2009 0

Il cane Quarto trova la cocaina, mamma 36enne in manette

Di redazione

Durante le prime ora del mattino, in seno ad un’operazione finalizzata a contrastare il dilagante fenomento di spaccio di sostanze stupefacenti, militari del Nucleuo Operativo della Compagnia carabinieri di Lanciano, coordinati dal Ten. Palma Lavecchia, e coadiuvati dall’unità cinofila antidroga del Nucleo di Chieti e dal loro cane di nome “Quanto”, hanno effettuato, all’interno di un’abitazione, una perquisizione a carico di una nomade, De Rosa Rosanna, 36 anni, nata in Casalbordino ma residente a Lanciano, pregiudicata. La donna, vedova e madre di due figli adolescenti, nonostante la presenza dei minori, aveva fatto della sua casa il quartier generale dello spaccio, dove molti giovani locali, approfittando anche di un doppio ingresso del palazzo e della possibilità, quindi, di sfuggire al controllo delle forze dell’ordine, andavano a rifornirsi. Al termine della perquisizione, sono stati sequestrati un bilancino di precisione, due buste da cui erano stati ritagliati gli involti per il confezionamento di piccole dosi e 4 ovuli di cocaina pura, per un peso complessivo di 70 gr. Gli ovuli erano confezionati in involti contenenti due di essi ciascuno, e risultavano sigillati con nastro adesivo nero, la cui forma a banana fa presumere che il trasporto sia stato effettuato attraverso introduzione degli involti nei genitali. La donna è stata dunque, tratta in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti ed associata al carcere femminile di Chieti. Ancora una volta si richiama l’attenzione sull’importanza della collaborazione della gente comune con le forze di polizia, collaborazione che rende possibile l’attuazione di un efficace contrasto al dilagante fenomeno dello spaccio di stupefacenti.

28 novembre 2009 0

Le proposte di Confartigianato per superare la crisi

Di redazione

Da confindustri artigianaoto riceviamo e pubblichiamo: “C´è ancora la crisi? Quando finirà? Cosa fare per uscirne quanto prima? Per rispondere a questi interrogativi Confartigianato imprese Frosinone giovedì sera ha incontrato i membri del direttivo in un incontro allargato anche ai collaboratori, per cercare insieme le mosse necessarie per lasciarci alle spalle un periodo buio come quello che le imprese della provincia stanno attraversando in questo momento. Lo testimoniano anche i dati nazionali dell’indagine di Confartigianato che colloca la provincia di Frosinone all’80esimo posto per “qualità della vita delle imprese”. La crisi, infatti, da quello che è emerso dalle testimonianze di giovedì, tranne qualche rara eccezione, è ancora nel suo pieno fervore, e la piccola e micro impresa sono quelle che ne subiscono le conseguenze più pesanti, anche non direttamente ad esse imputabili. “Paghiamo la crisi creata dagli altri” è il concetto che è emerso più volte giovedì, e lo dimostrano anche i dati di Confartigianato sulla qualità della vita delle imprese. La classifica redatta valuta le condizioni offerte alle imprese dai territori per investire e produrre, sulla base di 39 indicatori di diverso genere come la densità imprenditoriale, il mercato del lavoro, burocrazia, credito. Ebbene in questo scenario la provincia di Frosinone risulta all’ultimo posto del Lazio. Tale statistica che ci attesta anche agli ultimi posti – all’80esimo per la precisione – nella classifica nazionale, testimonia, come è emerso anche nella riunione di giovedì, quanto siano ancor più pesantemente penalizzate le imprese che operano nel nostro territorio. Penalizzazioni che frenano molto gli investimenti, di per sé già bloccati dalla forte crisi, e allontanano ulteriormente quanti volessero venire ad investire in Ciociaria. La carenza di infrastrutture, di aree specifiche per la piccola impresa che necessità di ampliare la propria attività, la presenza della burocrazia che strangola e frena, della pressione fiscale eccessiva appesantita dalle imposte locali, dello scarso accesso al credito, sono tutte cose che Confartigianato proclama da tempo, confermato dai dati statistici nazionali e quindi necessitano interventi urgenti a favore della piccola impresa del frusinate affinché si eviti ulteriormente l´allontanamento dal territorio o la chiusura di molti siti che non riusciranno a reggere a seguito delle carenze evidenziate. Confartigianato, quindi, cerca soluzioni: gli spunti arrivati giovedì sono molti. Innanzitutto una presenza sempre più costante e vicina, anche, se necessario, a domicilio alle imprese associate, con servizi, sempre più ampi e professionali, di assistenza dal punto di vista legale, fiscale e burocratico, che possano essere recapitati al singolo imprenditore. Poi sensibilizzazione della politica, tramite la creazione di tavoli di lavoro appositi, come quelli messi in piedi qualche tempo fa dalla Provincia, su richiesta di Confartigianato, la cui attività però si è poi fermata, e tramite la continua opera di stimolo e pungolo per arrivare finalmente allo snellimento dei processi burocratici, all’incentivazione agli investimenti e ad una riduzione drastica della pressione fiscale sia per le imprese che per i cittadini. Poi, e questo è un appello alle imprese, far prevalere lo spirito di aggregazione a sistemi associativi, proclamato più volte da Confartigianato e dal sottoscritto: lo spirito dello stare insieme, anziché avventurarsi in iniziative singole, risulta essere il percorso necessario per uscire dalla crisi. E poi formazione, formazione e formazione. Formazione interna alle strutture e ai collaboratori, ma anche esterna, aperti, tramite corsi di più svariato genere, al mondo imprenditoriale ma anche alla società civile, in modo da costruirsi tutti spalle più forti per affrontare le difficoltà di questi mesi, che significa poi ritrovarci già belli temprati per ripartire alla grande, quando dal tunnel saremo usciti”. Augusto Cestra – Presidente Confartigianato Frosinone

28 novembre 2009 0

Forzano il posto di controllo e tentano di investire un carabiniere

Di redazione

Hanno forzato il posto di controllo tentando di investire un carabiniere. ma sono stati inseguiti ed arrestati. Il fatto è accaduto a Sora, sulla strada a scorrimento veloce Sora-Cassino, dove i militari della hanno tratto in arresto nella flagranza di reato per “ricettazione e resistenza a pubblico ufficiale in concorso” il 23enne Giuseppe Sodano ed il 22enne Sabato Sabatino, entrambi della provincia di Napoli. I giovani viaggiavano a bordo di un’autovettura quando, giunti della zona di Casalvieri, una pattuglia ha intimato loro l’alt provocando la reazione dei due napoletani che, per sottrarsi al controllo, hanno tentato di investire i militari che solo grazie alla prontezza di riflessi sono riusciti ad evitare l’impatto. Gli stessi militari si ponevano immediatamente al loro inseguimento allertando contemporaneamente la propria centrale operativa. sono state quindi convogliate in zona altre pattuglie al fine di bloccare ogni via di fuga ai malviventi in quanto era stato anche accertato che l’auto fuggitiva era provento di furto ed in un secondo posto di blocco, attuato da una pattuglia del NORM in direzione dell’Abruzzo, i fuggitivi hanno tentato nuovamente la fuga ma sono stati bloccati e tratti in arresto. La successiva perquisizione personale e veicolare ha consentito il recupero di alcuni grammi di marijuana con la conseguente segnalazione amministrativa per detenzione di stupefacente per uso personale. Inoltre, Sodano, trovato alla guida della vettura, poiché manifestava sintomi correlati all’assunzione di sostanze stupefacenti, è stato sottoposto ad accertamenti sanitari che stabilivano uno stato di alterazione psico-fisica dovuto all’assunzione di marijuana, è stato anche deferito in stato di libertà per tale reato. L’autovettura recuperata, risultata rubata in provincia di Modena, è stata restituita al legittimo proprietario mentre gli arrestati sono stati associati presso la Casa Circondariale di Cassino a disposizione dell’A.G.

28 novembre 2009 0

Alzheimer, Cassino al fianco dei “care giver”

Di admin

Promuovere l’informazione sulla malattia, favorire la diagnosi precoce, creare una rete di supporto per i pazienti e i loro familiari, incentivare il ricorso all’uso delle terapie farmacologiche più efficaci. Sono gli obiettivi della campagna nazionale Una città per l’Alzheimer, ospitata a Cassino in questi giorni. La campagna, realizzata con il contributo di Novartis, e con la consulenza scientifica del Gruppo di Ricerca Geriatrica di Brescia, sta impegnando i volontari del Centro UVA (Unità Valutativa Alzheimer) di Aquino in attività di informazione sulla malattia attraverso il gazebo allestito nel sottopasso che collega Piazza Diamare a Piazza Labriola. Clou della campagna, l’incontro pubblico che si è svolto oggi alle ore 16, presso la Sala Restagno del Palazzo Comunale (Piazza Alcide De Gasperi) e con l’obiettivo di sostenere e offrire un supporto ai care giver, fornendo loro tutte le informazioni utili sulla malattia di Alzheimer. Sono circa 80.000 ogni anno i nuovi casi di Alzheimer, la forma di demenza più diffusa in tutti i Paesi occidentali, che colpisce attualmente in Italia circa 520.000 persone. Le stime dicono che il Lazio è al quarto posto tra le regioni italiane per il numero di casi, numero destinato ad aumentare nei prossimi anni a causa del progressivo invecchiamento della popolazione. Nell’area del frusinate sono circa 4.000 le persone colpite dalla malattia, di cui la metà ultrasettantacinquenni. Le sole UVA di Cassino e Sora seguono circa 2.000 pazienti. “La malattia di Alzheimer non è una malattia acuta” – sottolinea Luigi Di Cioccio, Direttore U.O.C. di Geriatria della Asi di Frosinone – “al contrario, può durare anche 10-15 anni e sconvolge le abitudini del paziente e di tutta la famiglia. La sensibilizzazione deve essere motto alta, non solo da parte dell’opinione pubblica ma anche di tutte quelle strutture e organismi che devono sostenere una rete di servizi in favore dei pazienti e dei familiari. Fondamentale la diagnosi precoce per un intervento terapeutico tempestivo che garantisca una migliore qualità della vita dei malati e dei loro familiari. Centri diagnostici professionali e specializzati, come sono le UVA, sono in grado di farlo. “Tra i compiti dei centri UVA” – dichiara Di Cioccio – “ci sono l’informazione, la prevenzione, la diagnosi precoce e il trattamento della patologia. Diagnosi precoce significa essere in grado, alla comparsa dei primi sintomi, di fare una diagnostica differenziale: la perdita delta memoria non va mai sottovalutata perchè spesso è il campanello d’allarme di un processo molto più complesso che non necessariamente è l’Alzheimer, ma può sfociare in altri quadri di sofferenza e demenza radicata”. I dati provinciali, in linea con quelli nazionali, suggeriscono che il paziente arriva all’osservazione degli specialisti in media due anni dopo (ma in alcuni casi addirittura quattro) la comparsa dei sintomi, perdendo cosi tempo prezioso per contrastare la patologia. Una diagnosi precoce diventa quindi un’arma efficace anche per ritardare la comparsa di importanti limitazioni nelle autonomie quotidiane da parte del malato. “Oggi ci sono farmaci molto attivi’ – spiega Di Cioccio – “soprattutto nella fase lieve moderata delta patologia: più tempestiva e più precoce è la diagnosi più si riesce a classificare il disturbo della memoria”. Per rallentare il decorso della malattia e migliorare gli spazi di autonomia dei pazienti, occorre anche prendersene cura seguendo un approccio multidisciplinare: fondamentali sono il coinvolgimento attivo dei familiari, la cooperazione e la collaborazione tra i medici, i care giver e gli operatori sanitari. In un approccio multidisciplinare più professionalità convergono verso un comune interesse: dare un sostegno alla famiglia che si fa carico di gestire il paziente. “Nei centri UVA di Aquino e Sora” – sottolinea Di Cioccio – “si svolge un’intensa attività formativa, non solo degli operatori, che si occupano a diversi livelli direttamente delle problematiche dell’Alzheimer, ma anche dei care giver e dei familiari che sono a contatto con i pazienti. Da due anni si fanno corsi anche per le badanti perchè sta cambiando anche il soggetto assistenziale: non più il familiare, ma una persona di riferimento esterno alla famiglia. Abbiamo dato risposta anche a questo bisogno”.

28 novembre 2009 0

Parcometri sradicati dal centro città ritrovati in un anfratto

Di redazione

Indagando su una lunga serie di piccoli furti ai danni delle attività commerciali di Cassino (Fr), gli uomini della squadra informativa diretta dal sostituto Commissario Crescenzo Pittiglio e i poliziotti di quartiere del commissariato di Cassino, questa mattina hanno trovato, nei pressi delle terme Varroniane, due parcometri, le colonnine per pagare parcheggi all’interno della città, sradicati dal centro città, e gettati in un anfratto dopo aver sventrato la cassetta di sicurezza. Decine di migliaia di euro, questo sarebbe il valore delle due strutture rinvenute e che, dopo le necessarie indagini, saranno restituite alla società Urbania che gestisce le strisce blu. Gli investigatori hanno elementi per ritenere che gli autori del furto dei due parcometri siano gli stessi dei furti ai negozi del centro. La pista che viene battuta è quella che porterebbe a due uomini della città martire. Intanto gli stessi agenti, questa mattina, nei pressi della locale stazione ferroviaria, hanno arrestato Antonio Acunzo nato a Portici (Na), per un residuo pena di mesi cinque di reclusioni per spaccio di sostanze stupefacenti commessi in Napoli nell’anno 2008.

28 novembre 2009 0

Insediamenti Rom, la tensione resta alta

Di redazione

Le continue voci relative alla possibilità che nel Cassinate venga indivuduata un’area da destinare alla realizzazione di un campo Rom crea apprensione sull’intero territorio. Il consiglio comunale di Cassino (Fr), tra l’altro, prorpio ieri ha ritenuto necessario firmare all’unanimità un documento con cui prende una ferma posizione contro la possibilità di far arrivare dalle aree metropolitane del Napoletano o del Romano, famiglie di Rom. Tutto nel Focus

28 novembre 2009 0

Meteo, da domani peggioramento al nord e sulle regioni centrali

Di redazione

Una vasta depressione atlantica staziona sulle isole Britanniche determinerà a partire da domani domenica 29 novembre 2009 un peggioramento del quadro meteorologico ad iniziare dalle regioni nord occidentali e dalla Toscana. Il Dipartimento della Protezione Civile ha infatti emesso un avviso di avverse condizioni meteorologiche per le precipitazioni diffuse anche a carattere temporalesco di forte intensità che nel corso della giornata di domani, domenica 29 novembre, interesseranno prima le regioni nord occidentali per raggiungere anche la restante parte settentrionale del Paese. Il peggioramento delle condizioni meteorologiche interesserà, con gli stessi fenomeni, anche le regioni del medio-alto versante tirrenico. I temporali saranno accompagnati in alcuni casi da attività elettrica e forti raffiche di vento provenienti dai quadranti meridionali, con possibilità di mareggiate sulle coste. Il Dipartimento della Protezione Civile seguirà l’evolversi della situazione, anche mediante la quotidiana pubblicazione sul proprio sito (www.protezionecivile.it) dei bollettini di vigilanza meteorologica nazionale, e fornendo tutti gli aggiornamenti che si renderanno disponibili.

28 novembre 2009 0

Ricatto sessuale al prete, 29enne in manette

Di redazione

Un ricatto sessuale in piena regola basato, probabilmente, su menzogne. Un 29enne di Roccasecca (Fr) è stato arrestato per estorsione dai carabinieri della compagnia di Pontecorvo. Il giovane ha chiesto la somma di 800 euro al parroco della chiesa di un altro Comune, per non raccontare in giro di sue perversioni di tipo sessuale. Insomma, il giovane sosteneva e minacciava di diffondere la notizia ai fedeli, che il prete si sarebbe intrattenuto con persone molto giovani dando loro danaro in cambio di prestazioni sessuali. Ovviamente tutte fandonie dato che i carabinieri, ad indagini effettuate, hanno arrestato il 29enne per estorsione.