Officina abusiva, chiesto il rinvio a giudizio

19 novembre 2009 0 Di redazione

Rinvio a giudizio per il proprietario dell’officina meccanica realizzata lungo le sponde del fiume Rapido a Cassino. La struttura è stata sequestrata a giugno in un’azione congiunta tra ispettorato Asl e personale della sezione carabinieri della procura di Cassino. Durante il controllo sarebbe emerso che l’attività era svolta in una struttura che non aveva le necessarie autorizzazioni edili tantomeno quelle che autorizzavano lo svolgimento dell’attività. Per questo gli investigatori hanno posto i sigilli e denunciato il giovane meccanico di Cassino. Per quegli abusi, in questi giorni, la procura di Cassino, ha chiesto il rinvio a giudizio.