Servizi sociali in balia di un folle. Costretti a difendersi con le scope

5 novembre 2009 0 Di redazione

Aggrediti e malmenati gli assitenti sociali e l’assessore del settore servizi sociali di Cassino (Fr). Una vicenda che ha dell’assurdo e, a cui, né le forze dell’ordine, tantomeno i vigili urbani della città martire, riescono a porre rimedio. Un solo uomo, spesso fuori di se per via probabilmente della droga, mantiene in scacco un intero assessorato, dai dipendenti allo stesso assessore. Continuamente il 36 enne di Cassino si reca negli uffici comunali chiedendo di incontrare la figlia della quale gli assitenti sociali sono tutori. A qualsiasi ora, anche e soprattutto fuori dagli orari consentiti. Quando non ottiene ciò che chiede, va in escandescenza, minaccia, manda tutto all’aria e aggredisce il personale. Tra ieri e oggi l’escalation della sua reazione: ieri ha aggredito l’assessore Ciro Rivieccio, oggi l’assistente sociale Aldo Matera. Poi si è recato all’esterno danneggiando anche le auto dei dipendnti parcheggiate nel piazzale antistante il comune. Non contento sarebbe tornato dentro gli uffici ma, nel frattempo, sono arrivati i vigili urbani che hanno tentato di non farlo entrare difendendosi addirittura utilizzando i manici delle ramazze. Una situazione paradossale, di assoluta impotenza delle istituzioni, per la quale l’assessore Ciro Rivieccio avrebbe minacciato di recarsi presso il tribunale dei minori e rinunciare all’incarico di tutore della minorenne in questione.
Ermanno Amedei