Giorno: 22 dicembre 2009

22 dicembre 2009 0

Danneggia auto e aggredisce carabiniere, rumeno in manette

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Era ubriaco e stava prendendo a calci, danneggiandone alcune, le auto in pieno centro a Lanciano (Ch). quando i carabinieri della compagnia sono arrivati suol posto, l’uomo, Florin A., 30 anni rumeno, ha inveito e aggredito anche i militari ferendone uno alla spalla. Promntamente immobilizzato, lo straniero è stato arrestato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e tradotto nel super carcere di Lanciano.

22 dicembre 2009 0

Un laboratorio di pasticceria per i detenuti del super carcere

Di redazione

Rosso come il Natale alle porte: è di questo colore il forno del nuovo laboratorio di pasticceria e panetteria che Confartigianato ieri mattina ha voluto “battezzare” nei locali del supercarcere di Paliano con il taglio del nastro, rosso anch’esso. Un nuovo locale, messo a disposizione dal carcere, un nuovo forno e nuove attrezzature, che Confartigianato Frosinone ha allestito per il laboratorio: così diversi detenuti, almeno una ventina tra i collaboratori di giustizia ospitati a Paliano, potranno imparare a sfornare le bontà tipiche locali sotto la guida dei maestri pasticceri di Alimentarti & Sapori Form, l’accademia degli alimentaristi di Confartigianato. I corsi in questione partiranno dalla fine gennaio del nuovo anno ma ieri mattina, alla presenza delle autorità locali, ha avuto luogo l’inaugurazione di un progetto, questo del laboratorio di pasticceria, che è solo l’inizio di una lunga collaborazione tra Casa di reclusione di Paliano e Confartigianato. Un percorso che porterà anche alla diffusione all’esterno dei prodotti realizzati dai detenuti e alla creazione di nuove occasioni occupazionali, dentro e fuori il carcere. Erano presenti, tra gli altri ospiti, la direttrice del carcere Nadia Cersosimo, per Confartigianato il presidente e vicepresidente, rispettivamente Augusto Cestra e Teresa Luffarelli, il segretario Marcello Bellano, il presidente e vice di “Alimentarti e Sapori Form” Ernesto Gargani e Bruno Petrucci, e poi Basilio Conflitti, collaboratore di Confartigianato che ha elaborato il progetto del laboratorio, denominato RI.USC.I.RE. Presenti poi anche il sindaco di Paliano Maurizio Sturvi, l’assessore provinciale alle attività produttive Francesco Trina in rappresentanza dei due enti – comune di Paliano e Provincia di Frosinone – che hanno concesso il patrocinio all’iniziativa. «Una nuova attività messa in cantiere – ha commentato il presidente Augusto Cestra – che coniuga la nostra vena per il sociale, la possibilità di formazione data quindi ai detenuti, e la promozione di prodotti tipici locali, quella continua ricerca e promozione del made in Italy che Confartigianato sponsorizza in ogni occasione. Adesso la prima pietra è stata posta, non resta che fare ufficialmente un appello alle autorità locali perché sostengano l’iniziativa per portarla avanti come si deve». Soddisfatta anche la direttrice: «E’ un grande giorno per il carcere di Paliano – ha commentato la Cersosimo – utile per i detenuti anche in un’ottica futura, per tutto il bagaglio culturale ed artigiano che apprenderanno e che potrà essere utilizzato all’esterno una volta che, scontata la pena, si ritroveranno nel mondo civile». Tutti i presenti, dopo il taglio del nastro e la visita ai locali, hanno festeggiato l’inaugurazione e anche le festività alle porte con un buffet ed un brindisi.

22 dicembre 2009 0

Fiamme nel garage della villa, si sospetta l’origine dolosa

Di redazione

Al ritorno a casa ha trovato le fiamme già alte e ha chiamato i vigili del fuoco di Cassino. La donna, proprietaria insieme al marito di una villa in via Melfi di Sopra a Pontecorvo (Fr) è arrivata quando ormai le fiamme avevano distrutto tre motociclette, quattro biciclette, motoseghe, tagliaerba e mobilio per giardino. L’incendio che ha distrutto il garage della villa è, probabilmente, di origine dolosa dato che la struttura non avrebbe impianti elettrici che possano giustificare un corto circuito. Il dolo, quindi, resta un’ipotesi più che attendibile considerando anche che la casa è di proprietà di un funzionario di un carcere.

22 dicembre 2009 0

Dopo sisma, inaugurato a L’Aquila il nuovo conservatorio

Di redazione

E’ stata inaugurata oggi a L’Aquila la nuova sede del Conservatorio di Musica “Alfredo Casella”. La struttura, costruita in poco più di un mese dall’inizio dei lavori, è stata ultimata secondo i programmi del Dipartimento della Protezione civile e da oggi, a seguito delle attività di trasloco degli arredi e degli strumenti dalla vecchia alla nuova sede, consentirà agli alunni e agli insegnanti di riprendere le attività didattiche e artistiche interrotte a seguito del sisma del 6 aprile scorso. Il nuovo edificio scolastico copre una superficie di circa 2.350 mq rispetto all’area occupata di circa 7.200 mq e si sviluppa sui tre livelli con superficie utile di circa 3.700 mq. Oltre alla realizzazione della struttura, sono stati sistemati circa 5.000 mq di superficie esterna con aiuole, alberi, viabilità e parcheggi. Considerando un numero di iscritti al conservatorio di circa 800 alunni e 100 insegnanti, e prevedendo una presenza di circa 300 persone per turno, sono state realizzate 42 aule, di cui un’aula orchestra di circa 220 mq, una biblioteca, 9 uffici, 18 bagni, 14 locali destinati a magazzino, archivio, deposito e locali tecnologici, 2 scale interne ed una esterna d’emergenza, un ascensore, oltre un atrio ed una corte interna con gradonata.

22 dicembre 2009 0

Droga di Natale, in manette due abruzzesi ed un sorano

Di redazione

C’è chi, in questo periodo, va a comprare regali e chi, invece, va a comprare droga. Lo sanno bene i carabinieri che hanno intensificato i controlli sulle strade. In due di questi controlli, sono stati arrestati tre uomini. Il primo a finire in manette è stato G. A. 24 anni residente a Sora (Fr) sorpreso, dai carabinieri al comando del capitano Cesaro, in possesso di 80 grammi di hashish suddivisa in dosi nonché materiale idoneo al confezionamento. L’uomo, quindi, è stato tratto in arresto e tradotto in carcere a Cassino. Stessa sorte per due abruzzesi, T. N. 37enne di Cerchio (Aq) e M.F. 50enne di Magliano dei Marsi (Aq). I carabinieri, al comando del capitano Grimaldi, hanno fermato la loro auto per controllo, Volkswagen Golf, sulla via Casilina e, in seguito alla perquisizione, sono stati trovati quattro grammi di eroina e due grammi di cocaina.

22 dicembre 2009 0

Dopo sisma, Gianni Morandi in concerto a L’Aquila

Di redazione

Gianni Morandi tornerà domani 23 dicembre 2009 a L’Aquila esibendosi nell’ambito della rassegna “Campi Sonori – prologo della rinascita” in un concerto promosso dal Dipartimento della Protezione Civile e organizzato da The Co2 Crisis Opportunity Onlus. “Sono felice di tornare a L’Aquila – afferma Morandi – perché voglio essere vicino agli aquilani in un momento in cui le famiglie si riuniscono per il Natale. Insieme, con la musica ci scambieremo gli auguri più sinceri”. L’Appuntamento è per le ore 21.00 presso l’Auditorium “Gen.S. Florio” della Scuola della Guardia di Finanza di Coppito. Il concerto è organizzato con il contributo di Ille Prefabbricati for Abruzzo e di Fondazione Roma Terzo Settore.

22 dicembre 2009 0

A Fossa (Aq) l’albero di Natale della protezione civile della Regione Lazio

Di redazione

La direzione e i volontari della protezione civile del Lazio hanno incontrato stamattina la popolazione del comune di Fossa, vicino L’Aquila, per un momento di auguri e di festa. Circa un centinaio di volontari, appartenenti alle circa 20 associazioni che hanno operato a Fossa nel corso del 2009, insieme ai dirigenti della protezione civile regionale, al sindaco di Fossa Luigi Calvisi e ai funzionari che dopo li terremoto del 6 aprile si sono alternati nel coordinamento del campo, si sono ritrovati presso il villaggio di nuove case costruito a circa due chilometri dal centro storico di Fossa. Durante l’incontro è stato inaugurato l’albero di natale collocato dalla Protezione civile regionale al centro della piazza del nuovo villaggio e sono stati distribuiti pacchi dono natalizi. L’appuntamento, oltre allo scambio di auguri tra cittadini e volontari (che in questi mesi hanno stretto nel campo un forte legame umano) sarà l’occasione per fare il punto della situazione su ricostruzione e lavori in corso. Il campo di Fossa è stato infatti completamente montato, organizzato e gestito dalla Protezione civile del Lazio. Dirigenti e volontari delle associazioni hanno montato le tende, le strutture comuni e la cucina da campo; la protezione civile regionale ha organizzato i turni dei volontari e la presenza di cuochi, inservienti e altre figure professionali necessarie alla ordinata attività del campo. Fossa è stato uno dei paesi più colpiti dal terremoto del 6 aprile in Abruzzo. Da quel giorno oltre 600 persone hanno vissuto per più di sei mesi nella tendopoli interamente allestita e gestita dalla protezione civile della Regione Lazio. Quando alla fine di novembre il campo è stato chiuso , gli abitanti di Fossa sono andati a vivere nelle casette di nuova costruzione (circa 400 persone) e in alberghi, caserme e altri edifici pubblici della zona. L’incontro di Fossa segue di pochi giorni la chiusura del COM2, il Centro Operativo Misto coordinato dalla Regione Lazio (con sede a San Demetrio né Vestini) che ha gestito la vita nel dopo-terremoto di 21 comuni della provincia dell’Aquila e ha chiuso i battenti lo scorso 14 dicembre.

22 dicembre 2009 0

Meteo: ancora neve al nord, piogge e vento al sud

Di redazione

Nella seconda parte della giornata odierna un nuovo impulso perturbato interesserà il Paese che continuerà a registrare nevicate diffuse e abbondanti al nord e piogge sui settori tirrenici centrali, con associata intensa ventilazione. Questo lo scenario meteo che, in particolare, vedrà nel pomeriggio di oggi ancora diffuse nevicate a quote basse sulle regioni settentrionali e nelle valli alpine e piogge al centro-sud che assumeranno carattere più forte sui settori tirrenici. Venti forti meridionali, inoltre, continueranno ad interessare le regioni centro-meridionali con possibili mareggiate lungo le coste esposte. Sebbene attenuati, i fenomeni persisteranno anche nella giornata di domani, mercoledì 23 dicembre, mentre dalla serata un’ulteriore perturbazione raggiungerà il nord del Paese. Per giovedì e venerdì si prevede clima mite su tutto il Paese, con piogge sparse e temporali al centro, mentre al nord si avranno precipitazioni diffuse e, grazie al rialzo dello zero termico, nevicate sui monti o solo localmente a quote collinari. A quanti dovranno, nelle prossime ore, mettersi in viaggio nelle aree interessate dalle nevicate si consiglia di continuare ad informarsi attraverso i consueti canali dedicati (Isoradio, notiziari del CCISS, siti web e call center degli esercenti dei servizi di trasporto) sulla percorribilità dell’itinerario che si intende seguire e sulla disponibilità effettiva dei collegamenti con vettori diversi dall’automobile. Si ricorda, inoltre, di viaggiare con le catene a bordo o con i pneumatici termici e comunque si raccomanda di moderare la velocità e di rispettare le distanze di sicurezza. Il Dipartimento della Protezione Civile continuerà a seguire l’evolversi della situazione in contatto con le Prefetture, le Regioni e le locali strutture di protezione civile. Sul sito www.protezionecivile.it saranno inoltre pubblicati quotidianamente i bollettini di vigilanza meteorologica nazionale e, se necessario, saranno comunicati anche eventuali avvisi di avverse condizioni meteorologiche, così da fornire tutti gli aggiornamenti che si renderanno, con il passare delle ore, disponibili.

22 dicembre 2009 0

Verso la riapertura de La Selva, lunedì prossimo verrà presentato il progetto

Di redazione

Lunedì 28 dicembre, alle ore 21.00, presso la sala del cinema Esperia, l’Amministrazione Comunale illustrerà il progetto per favorire la riapertura del parco naturale La Selva. All’incontro, al quale sono state invitate tutte le associazioni che operano nel territorio comunale, al fine di condividere il progetto-Selva, interverranno: – Dott. Vito Consoli, direttore dell’ARP (Agenzia Regionale per i Parchi della Regione Lazio) – Maurizio Sturvi, Sindaco di Paliano – Simone Marucci, Assessore al Turismo del Comune di Paliano – Vincenzo Romagnoli, coordinatore della lista civica

L’impegno per la riqualificazione dell’oasi naturalistica nata i primi anni Settanta dalla fantasia e dall’originalità di Antonello Ruffo di Calabria è l’argomento che ha convinto i soci del Movimento Azzurro a consegnare al Sindaco di Paliano, Maurizio Sturvi, il premio nazionale per l’ambiente “Gianfranco Merli”. La cerimonia di consegna del riconoscimento è avvenuta lo scorso venerdì 11 dicembre nella Sala Conferenze della Camera dei Deputati ed è stata preceduta da una conferenza sull’acqua, a dimostrazione della sensibilità degli organizzatori del premio per le risorse ambientali quali occasione di sviluppo e di progresso. “Esattamente lo spirito dell’iniziativa che ci ha animato fin dai primi giorni del nostro insediamento – dichiara il Sindaco Sturvi – per dare un’opportunità di crescita ‘eco-sostenibile’ al nostro territorio ricco già di per sé di natura e paesaggio. Serve recuperare il tempo perso per restituire ai palianesi e ai milioni di visitatori che lo hanno conosciuto ai tempi del massimo splendore un polo di attrazione turistica alterativo ai circuiti commerciali e metropolitani. L’incontro del 28 dicembre – aggiunge Sturvi – sarà l’occasione per riferire dei primi passi compiuti in tal senso”.

22 dicembre 2009 0

La città si prepara per la tradizionale “Squilla”

Di redazione

A sentirla raccontare, questa deliziosa tradizione rievoca tutto il sapore di quei valori antichi, a cui la gente di Lanciano sembra non voler rinunciare. Pare che tutto abbia avuto inizio quattro secoli fa, quando il vescovo Paolo Tasso, personaggio particolarmente caritatevole e devoto, si avviò a piedi scalzi, la sera del 23 dicembre, dal sagrato della Basilica di Lanciano fino alla piccola chiesa di Iconicella, situata a circa tre chilometri di distanza, ove accolse i suoi fedeli per infondere loro sentimenti di solidarietà e affetto in vista del Natale. Da allora, il rituale voluto dall’alto prelato tornò a ripetersi ogni anno, accompagnato, proprio come la prima volta, dal suono di una campanella. E da qui, il nome “la Squilla” attribuito a questa particolare ricorrenza. Oggi, dopo ben quattro secoli, la tradizione sembra sopravvivere indenne agli effetti, talvolta dissacranti, del tempo, che tende a farci perdere di vista quanto di buono e sano ci viene tramandato dal passato, e scegliere consuetudini più alla portata delle nostre frenetiche vite. Ma a Lanciano, la sera del 23 tutto ..ancora.. si ferma: alle 18 la campanella della piazza centrale inizia a suonare e la gente si scambia gli auguri, e un’ora dopo, quando anche le altre campane delle chiese lancianesi si uniscono al suono della campanella della torre civica, tutti vanno a riunirsi in casa del capostipite, cui la tradizione attribuisce il compito di porre nel camino un tecchio, che vi resterà fino al giorno dell’Epifania. Tutti i presenti rivolgono un ossequioso bacia mano alla persona più anziana, e questi elargisce la sua benedizione su tutta la famiglia, chiedendo che venga ripianata ogni sorta di incomprensione e contrasto. Al termine di questa piccola cerimonia, la famiglia gusta una cena semplice e si scartano i regali. Pare, poi, che da qualche tempo si sia diffusa anche la consuetudine, prima di fare rientro a casa, di andare al campo santo a salutare i parenti estinti: nell’occasione, il cimitero è pieno di luci e di colori. Probabilmente, questa usanza ha preso piede man mano che i capo famiglia più anziani andavano scomparndo e in molte famiglia non può avere inizio il Natale se non si rivolge ancora ai cari trapassati il rispettoso saluto che meritano. La “Squilla”, dunque, è una sorta di preparazione all’imminente festività, intrisa dei valori che il tempo non ha saputo cancellare e di un senso delle cose che, finchè resterà tale, varrà davvero la pena di vivere. Fino in fondo. Palma L.