Maxi sequestro di droga, chiuso il “canale” dell’Albania

19 dicembre 2009 0 Di redazione

Sette chili e mezzo di eroina, tre chilogrammi di hashish e quattro albanesi arrestati è il bilancio di una vasta operazione condotta dai carabinieri di Chieti per sgominare una rete dedita allo spaccio di sostanze stupefacenti. Le manette sono scattate per Algert Biba 22 anni, residente a Viadana (Mantova), Bilal Plaku 30 anni residente a Torrevecchia Teatina (Ch), Kelmed Gjeli 25 anni, residente a Pieve Porto Morone (Pv) e Agron Keci 39 anni residente a Pieve Emanuele (Mi). Una indagine innescata dalle segnalazini di cittadini e che hanno portato i carabinieri del colonnello Giuseppe Cavallari ad appostarsi all’interno della Villa comunale. Hanno quindi notato due vetture con entrambe due uomini a bordo e un sospetto scambio di buste. I militari sono quindi intervenuti e hanno scoperto che lo scambio consisteva nel passaggio di mano di eroina e hashish. Per questo sono scattate le manette e la droga è stata sequestrata. Si ritiene che lo stupefacente, pòroveniente dall’albania, fosse destinato al nord Italia.