Operazione “Luci Rosse”, non solo prostituzione, ma anche botte ai rivali in amore

3 dicembre 2009 0 Di redazione

A margine della operazione “Luci Rosse” nel corso della quale, oggi, i carabinieri della compagnia di Cassino hanno arrestato tre persone e notificato ad altre sei la misura cautelare di obblighi di dimora, oltre alla principale accusa di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione, c’è anche quella, solo per alcuni, di violenza privata. Infatti in un contesto fatto di amicizie, affari e sesso un sessantenne di Alatri, uno dei sei a cui è stato notificato l’obbligo di dimora, avrebbe commissionato a Giancarlo Fusciello, uno dei tre arrestati, di “convincere” il nuovo fidanzato della sua ex donna che quell’amore era per lui fonte di dolore fisico. Insomma, attraverso l’intermediazione di Diana, un altro agli arresti, il giovane innamorato sarebbe stato minacciato telefonicamente ed anche picchiato fino a “convincerlo” a lasciare la donna. Obiettivo raggiunto ma a distanza di un anno, gli investigatori dell’Arma coordinati dal capitano Francesco Maceroni, hanno ricostruito gli episodi di cui gli indagati dovranno rispondere, oltre alle altre accuse legate alla prostituzione che la procura di Cassino ha mosso loro. Insomma, non solo prostituzione, ma anche servizi di particolare consulenza amorosa.
Ermanno Amedei