Sparò a quattro albanesi ferendone uno gravemente, 23enne in manette

19 dicembre 2009 0 Di redazione

Sparò a quattro connazionali ferendone tre alle gambe e uno in modo più grave all’addome lasciandolo in fin di vita. Autore del gesto è stato, secondo i carabinieri del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Frosinone, diretti dal maggiore Fernando Maisto, Arian Mucaj 23 anni albanese. I fatti risalgono al 23 novembre scorso quando il giovane, latitante fino ad oggi, si introdusse in un appartamento in via Capo Barile a Frosinone e ferì con colpi di pistola Deliu Erald (33enne, ancora ricoverato in prognosi riservata), Zoto Erion (35enne ferito alla gamba dx con prognosi di gg.30 s.c.), Bikaku Gentian (33enne ferito alla coscia dx con prognosi di gg.10 s.c.) e Bikaku Fation ((37enne ferito alla coscia dx con prognosi di gg.10 s.c.). Il 23enne è stato individuato presso l’Hotel Dalma in Via Morolense a Supino (Fr), dove è giunto nel corso della tarda serata di ieri. I Carabinieri dedicatisi al suo rintraccio hanno fatto irruzione nella stanza 38 ove alloggiava e lo hanno pertanto così assicurato alla giustizia. Nella circostanza è stata tratta in arresto per il reato di favoreggiamento la compagna, Rosa Coladarce, 28 anni di Fumone (Fr), già censita in banca dati per stupefacenti.