Giorno: 8 gennaio 2010

8 gennaio 2010 0

Oltre 10mila sms per molestare la ex, arrestato 42enne

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Un fiume di sms; un lavoro enorme per gli investigatori che ne hanno dovuto contare ben 10 mila. Tanti, un 42enne di Lanciano (Ch), ne ha spediti alla sua ex consorte. Non proprio messaggi amorosi, ma vere e proprie minacce, ingiurie che Giovanni D. B. ha rivolto alla donna in poco più di tre mesi. Per questo, gli agenti della polizia del commissariato di Lanciano, coordinati dal commissario Claudio Di Paola, hanno ravvisato gli estremi per arrestarlo per l’accusa di stalking. Una iniziativa giudiziaria che è servita per scongiurare che le minacce proferite potessero concretizzarsi in azioni lesive per la donna. Per questo l’uomo è rinchiuso nel carcere di Lanciano.

8 gennaio 2010 0

Il Tevere fa paura, anche l’esercito si prepara a intervenire

Di redazione

In seguito agli eventi meteorologici che stanno interessando la nostra penisola ed in particolare la città di Roma, l’Esercito, in concorso alla Protezione Civile, sta conducendo con un nucleo del 6° rgt Genio “Pontieri” una ricognizione per valutare il rischio esondazione del fiume Tevere. Per quanto sopra l’Esercito ha messo in allerta alcuni reparti del 1° reggimento “Granatieri di Sardegna”, del 6° reggimento Genio “Pontieri” dell’ 8° reggimento “Lanceri di Montebello” e del Reparto Comando della brigata “Granatieri di Sardegna”. La Forza Armata allo stesso tempo è impegnata su più fronti: su quello internazionale con circa 6500 uomini nei teatri oparativi, su quello nazionale dall’emergenza rifiuti in Campania con circa 200 uomini, all’Operazione Strade Sicure con circa 4500 militari, senza considerare i moltiplici interventi di bonifica di ordigni esplosivi.

8 gennaio 2010 0

Altro che renne e scopa, Befana e Babbo Natale arrivano con il motopeschereccio

Di redazione

E’ entrato a buon titolo nelle tradizioni della città di Barletta. In qualsiasi altro posto, Babbo Natale arriva con le renne e la Befana con la scopa, nella città della disfida, i due arrivano invece a bordo del motopeschereccio Nap guidato da capitan Ruggero. L’iniziativa in questione si chiama “Babbo Natale e befana d’Amare”, seconda edizione interforze e 18esima edizione di “Operazione sorriso”. A coordinare quello che è un enorme lavoro organizzativo è il cavalier Sebastiano Lavecchia che riesce, ogni anno, a mettere insieme le sinergie di tante istituzioni e sponsor per offrire a bambini e portatori di handicap, una giornata all’insegna dello svago e della spensieratezza.

La manifestazione, tra l’altro, ha un primato nazionale, quello di essere interforze. A scortare il motopeschereccio Nap, c’erano infatti la motovedetta della Guardia Costiera, quella dell’Arma dei carabinieri, quella della polizia di Stato e il gommone della protezione civile dell’Avser. Ad attenderli, sulla banchina del porto di Barletta, c’erano oltre 500 persone, in larga parte bambini, a cui sono stati distribuiti panettoni, magliette, cappelli e portachiavi. Ad intrattenerli poi, sono state le esibizioni dell’unità cinofile dei carabinieri e i labrador anti esplosivi della polizia di Stato, ma anche i cabarettisti Nicola Pignataro e Mago Ciccio. Un successo che ha soddisfatto gli organizzatori che puntano, per il prossimo anno, all’Alto patrocinio del Presidente della Repubblica e al patrocinio, oltre del comune di Barletta, anche della neonata provincia Bat. Ermanno Amedei Foto Pino Marchisella

8 gennaio 2010 0

ARPINO (Fr) – Fabio Forte: “La famiglia torna protagonista”

Di redazione

“Con Renata Polverini e l’Udc alleato la famiglia tornerà al centro dell’attenzione”. Lo afferma il consigliere provinciale e sindaco di Arpino, Fabio Forte. “All’indomani dell’accordo in vista delle regionali di marzo – osserva l’esponente del partito di Casini – sono certo che l’istituzione famiglia sarà più considerata come pilastro fondamentale della società. Il percorso personale e sindacale della candidata alla presidenza della Regione Lazio è una garanzia della quale l’Udc non può non compiacersene. Da sempre ed a tutti i livelli il nostro partito afferma che è necessario sostenere i nuclei familiari, stare al fianco di quelli con anziani, bambini e diversamente abili con una politica più concreta, con progetti seri che sul piano pratico abbiano un effetto immediato, positivo, quotidiano. Il quoziente familiare, caro alla Polverini quanto a noi, è la soluzione giusta per mettere in pratica quelle agevolazioni tese ad aiutare le famiglie. In questo periodo di crisi generalizzata vanno create nuove opportunità perché sostenendo la famiglia si sostiene lo sviluppo ed il rilancio dell’economia. Per noi è un punto cardine del programma elettorale e per la famiglia faremo la nostra parte”.

8 gennaio 2010 0

Truffe agli anziani, l’allarme resta alto. Raggirata una 82enne

Di redazione

I truffatori sono sempre in agguato e a farne le spese, spesso, sono proprio gli anziani. Ieri sera una donna di 81 anni di Venafro (Is), è stata avvicinata da un giovane ben vestito che, spacciandosi per uno straniero, ha fatto credere all’anziana che lavorava per una associazione umanitaria e che stava raccogliendo fondi. La donna, credendogli, addirittura è andata alle poste per effettuare un prelievo e consegnare i soldi al giovane che, ovviamente è sparito senza lasciargli alcuna ricevuta. Sull’episodio stanno indagando i carabinieri di Venafro che oggi, nel corso di controlli per il ripetersi di episodi di questo genere, hanno intercettato una donna 42enne, di origine pugliese ma con domicilio in Piemonte, risultata con un nutrito curriculum di reati contro il patrimonio, che si aggirava tra il centro ed i principali esercizi commerciali cittadini. Di conseguenza, la donna è stata proposta per l’allontanamento dal territorio del comune di Venafro e rimpatriata per il luogo di origine con divieto di ritorno nel centro Molisano. I carabinieri fanno sapere, in particolar modo agli anziani, di diffidare di richieste formulate da sconosciuti che si presentano maldestramente camuffati nelle forme più svariate, negli incontri in strada o presso le abitazioni, e nelle vesti di esattori di agenzie, aziende erogatrici di servizi, di entri pubblici e di associazioni comunque costituite. Il consiglio è quello di non aderire a nessuna richiesta, anche quando si paventano sventure o ripercussioni di danni economici nei confronti di famigliari, di non far entrare mai in casa alcuna persona sconosciuta e al verificarsi del contatto da parte dei suddetti sconosciuti, bisogna chiamare subito il “112” dell’Arma, senza alcun timore, magari ove possibile avendo cura di prelevare il numero di targa dell’auto con la quale le persone si presentano e fornendo una descrizione sommaria degli individui.

8 gennaio 2010 0

Meteo, neve e venti forti a centro sud

Di redazione

Persisterà anche nelle prossime ore, così come preannunciato dall’avviso meteo diramato ieri dal Dipartimento della Protezione Civile, l’ondata di maltempo che da giorni sta interessando la penisola con diffuse precipitazioni al centro sud e nevicate anche a bassa quota sull’Italia nord-orientale. Da domani, infatti, si avranno venti forti e nevicate in graduale estensione sulle regioni centro-meridionali del Paese. Sulla base dei modelli disponibili il Dipartimento della Protezione Civile, ha emesso un ulteriore avviso di avverse condizioni meteorologiche che integra quello emesso ieri e che prevede dalle prime ore della giornata di domani, sabato 9 gennaio, venti forti o molto forti dai quadranti occidentali su tutto il centro sud e sulle due isole maggiori, con forti mareggiate lungo le coste esposte, in particolare su quelle di ponente e su quelle ioniche. Dalla tarda mattinata di domani, inoltre, moderate nevicate interesseranno le regioni centrali e la Sardegna, con quota neve in progressivo calo sino a 400-700 metri, e le regioni meridionali con quota neve in progressivo calo sino a 600-900 metri. Il Dipartimento della Protezione civile continuerà a seguire l’evolversi della situazione in contatto con le Prefetture, le Regioni e le locali strutture di protezione civile, anche attraverso l’emissione di eventuali avvisi di avverse condizioni meteorologiche laddove necessario.

8 gennaio 2010 0

Pastore fugge nel bosco dopo aver tentato di stuprare una donna

Di redazione

Tenta di stuprare una donna, poi, per fuggire ai carabinieri, si nasconde inutilmente in un bosco. Si tratta di un pastore 37enne rumeno che, ieri sera in via Fontanelle ad Arce (Fr), ha tentato di violentare una residente per poi, quando la donna è riuscita a svincolarsi e a dare l’allarme, nascondersi in un bosco. Immediatamente i militari della stazione di Arce, unitamente a quelli del nucleo operativo di Pontecorvo, sotto il coordinamento del capitano Pier Francesco Di Carlo, hanno dato il via alle indagini e alle ricerche che, in poco tempo, hanno permesso di individuare e arrestare il pastore ipotizzando il reato di violenza sessuale. Per questo il pastore è stato rinchiuso nel carcere di Cassino.

8 gennaio 2010 0

Rischio esondazioni: Tevere e Aniene, sorvegliati speciali

Di redazione

La Protezione Civile Regionale del Lazio ha messo in allerta tutti i Comuni e le associazioni di volontari del bacino del Tevere e dell’Aniene. Le copiose piogge precipitate in Umbria hanno ingrossato l’affluente Paglia e la diga di Corbara. Attualmente la piena del Tevere è di 11 metri all’idrometro di Ripetta ed è previsto un aumento dovuto alle abbondanti precipitazioni in atto nella regione. Tutti i mezzi sono mobilitati per il monitoraggio del territorio e per far fronte alle eventuali esigenze che si presenteranno.

8 gennaio 2010 0

Crisi del commercio, Buffardi: “La speranza si chiama centro commerciale naturale”

Di redazione

“L’unica speranza di traghettare il commercio cassinate fuori dalla crisi in cui si dimena è affidato al progetto Centri Commerciali Naturali”. Lo afferma il vice presidente della Conf Commercio di Frosinone e presidente dell’Azienda Innova, Florindo Buffardi, che proprio ieri, dal nostro giornale, ha lanciato un allarme sullo stato di declino del settore commercio. Solo nella provincia di Frosinone, nei primi nove mesi del 2009, sono cessate circa 500 attività commerciali. “I saldi – sostiene Buffardi – sono una boccata d’ossigeno dopo tanti mesi di difficoltà per i commercianti”. Il vice di Confcommercio ben conosce il tessuto cassiante proprio per essere a sua volta commerciante. “L’unica speranza per gli operatori di Cassino, di sopravvivere alle grosse strutture, è il centro commerciale naturale, un progetto finanziato dalla regione Lazio a cui hanno già aderito circa 60 attività del centro città ed altre ancora possono farlo. Il commerciante paga una quota di adesione simbolica e partecipa alla gestione della società ‘PromoCassino consorzio del turismo e del commercio’ presieduta da Carla Cascella. Il progetto centro commerciale naturale consiste nel trasformare una parte del centro città, quella che comprende i negozi che hanno aderito al progetto, in una sorta di centro commerciale che consorzia servizi e vantaggi per la clientela. Si individueranno quattro varchi, un sito internet fornirà tutte le informazioni su negozi, merce, parcheggi, servizi ed attrazioni. Prevista una ludoteca e, addirittura, una pista ciclabile. Non mancherà certamente una “fidelity card” unica per tutti i negozi associati, per permettere alla clientela di accumulare punti e risparmio. Lo studio del progetto è stato effettuato dall’università di Cassino. “E’ una iniziativa, questa – Buffardi ne è convinto – capace di incrementare le vendite nel cassinate dal 15 al 20% e se il commercio a Cassino vuole riprendersi, deve aggrapparsi ad iniziative come questa”. Ermanno Amedei

8 gennaio 2010 0

Vandali a scuola, in una notte danneggiano bagni e classi

Di redazione

I vandali vanno a scuola, non per imparare, ma per distruggere. Lo hanno fatto questa notte all’interno dell’istituto Magistrale di Sora (Fr) in via Passionisti. Si sono introdotti all’interno del plesso dopo aver sfondato la finestra di un bagnio al piano terra. Una volta dentro, non hanno risparmiato né i bagni né le classi. Quando il personale ha aperto il portone questa mattina alle sette, ha trovato nei corridoi, gli estintori svuotati, scritte sui muri, carta igienica srotolata e, nelle classi, i banchi accatastati come castelli. Le lezioni sono quindi state sospese per permettere al personale di pulire i locali. Sull’accaduto indagano i carabinieri di Sora.