Giorno: 10 gennaio 2010

10 gennaio 2010 0

Gamba schiacciata in cartiera, ferito operaio 42enne

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Ha rischiato la gamba destra l’operaio 42enne del cassinate rimasto ferito, questa mattina, nella cartiera di Aquino (Fr). L’incidente sul lavoro è avvenuto poco dopo le 9 all’interno dello stabilimento cartaio quando, per cause ancora al vaglio degli ispettori della Asl, ha riportato un preoccupante trauma da schiacciamento della gamba destra. Inizialmente è stato chiesta anche l’attivazione dell’elicottero del 118 ma le avverse condizioni meteo ne hanno impedito l’utilizzo. Il 42enne, quindi, è stato trasportato in ospedale a Cassino dove resta ricoverato. Pare sia stata scongiurata la possibilità che l’uomo potesse perdere l’arto.

10 gennaio 2010 0

Lanciano Volley Maschile, Inizio faticoso ma con vittoria per la prima del girone di ritorno

Di redazione

DI MONTE B & B LANCIANO-ASD PALLAVOLO S. SALVO 3-2 Inizio girone di ritorno per la prima divisione maschile e prima gara del 2010 per i ragazzi della Di Monte Bocchio & Bocchio, con inizio in salita e gran recupero finale. In effetti la partita si era messa male per i lancianesi poiché il San Salvo si era portato sullo 0 a 2 e poi anche il terzo set era stato salvato sul filo di lana. Saranno stati i panettoni smaltiti da non molto ma i frentani faticavano ad entrare in partita, perdevano il primo parziale e nel secondo, pur avendone l’occasione, sciupavano la possibilità di impattare, i blu di Dalerci si trovavano così a dover recuperare un passivo non facile contro una squadra esperta e fino ad allora poco incline all’errore. I blu lancianesi erano entrati in campo un po’ tesi invece e sbagliavano un po’ più del dovuto in servizio ed in attacco, pur avendo una discreta ricezione; il concitato ed equilibrato finale di terzo set li rincuorava e dava loro morale, tant’è che il quarto parziale, che consente il pareggio viene vinto di slancio, ed è soprattutto aver ritrovato un servizio convincente a creare i presupposti migliori per scardinare il gioco del San Salvo, poi la maggiore convinzione acquisita dalla squadra lancianese consente qualche difesa in più e qualche migliore giocata offensiva, ma è la ritrovata consapevolezza dei propri mezzi a dare più tranquillità e maggior ordine al gioco della Di Monte B&B. Alla fine un successo corale che ha consentito alle varie individualità di emergere a tratti nel corso del match. Così come era successo all’andata i boys di Dalerci prevalgono di misura ma vincono e ribaltano un risultato a loro sfavorevole e continuano la loro permanenza nelle zone alte della classifica. Prossima gara in trasferta ad Atessa contro il Tornareccio. DI MONTE B&B LANCIANO: Milano, Staniscia, Di Monte, Cappellaro, Grossi, Sciorilli, Cericola, Martelli, Colacioppo, Micucci, Grossi All.: Dalerci ASD PALLAVOLO S. SALVO: Ciavatta, Cordisco, D’Astuto, Di Cino, Di Pinto, Fortunato, Ialacci, Iannucci, Monaco, Rosato All: Paglione I parziali: 21/25 (23’) 24/26 (24’) 28/26 (27’) 25/15 (17’) 15/12 (15’)

10 gennaio 2010 0

Danni da maltempo, la Coldiretti pronta a chiedere lo stato di calamitàa

Di redazione

“Invitiamo tutti i comuni a verificare i danni che si sono registrati a causa del maltempo di questi giorni per verificare se sussistano i presupposti per attivare le procedure di richiesta dello stato di calamità naturale”. A parlare è il direttore della Coldiretti di Frosinone, Gianni Lisi che ha aggiunto: “Da moltissime zone della provincia dalla zona della Valle di Comino a quella più nord e anche a sud del nostro territorio abbiamo ricevuto in queste ore segnalazioni di danni ingenti e stiamo mappando la situazione che preoccupa e non poco anche in zone dove per esempio insistono le serre tra le campagne di Pofi. Se necessario, attiveremo di concerto con la nostra sede regionale, le procedure nei confronti del Governo per ottenere la dichiarazione dello stato di calamita’. I danni sono davvero ingenti e forse sarà il caso anche di verificare eventuali stanziamenti di adeguate risorse straordinarie per quanti avranno ripercussioni negative al proprio reddito. “E’ necessario – sottolinea ancora Lisi – elaborare rapidamente un piano complessivo che definisca gli interventi a favore di tutti i settori ed i territori colpiti nelle aree rurali. Le alluvioni di questi giorni, causa di ingenti danni all’agricoltura e all’intero comparto produttivo, hanno aggravato la crisi di un settore già penalizzato da una serie di congiunture negative. Occorre adottare provvedimenti straordinari per il ripristino delle strutture danneggiate e per venire incontro alle esigenze delle imprese interessate. Sul piano strutturale, le abbondanti piogge, oltre ad allagare i suoli, hanno provocato altri numerosi danni alle colture, procurato mini-frane, smottamenti, cedimento di muri a secco e di contenimento realizzati per il terrazzamento dei terreni, inondazioni, impraticabilità di alcune strade rurali e di penetrazione agricola, nonché il danneggiamento di fabbricati rurali e strutture aziendali. Alla eventuale richiesta dello stato di calamità naturale dovranno seguire interventi straordinari per mettere le imprese nelle condizioni di superare le difficoltà derivanti dalle avverse condizioni climatiche, ha concluso Lisi. Come Coldiretti siamo impegnati in programmi di tutela, salvaguardia e manutenzione del patrimonio ambientale, agricolo e strutturale grazie alle nostre azioni inserite nel piano di filiera di un’agricoltura tutta italiana. Invitiamo gli Enti preposti a fronteggiare gli eventi calamitosi anche mediante fondi necessari a realizzare azioni utili al rispetto del sistema eco-ambientale e idro-geologico, intervenendo con tempestività e costanza”.

10 gennaio 2010 0

Guida in stato di ebbrezza, 9 patenti ritirate in 10 giorni

Di redazione

Salgono a nove le patenti ritirate dall’inizio dell’anno per guida in stato di ebbrezza dai carabinieri della compagnia di Lanciano (Ch). I militari al comando del capitano Geremia Lugibello, nel fine settimana hanno intensificato i controlli. P.A. 22enne di Lanciano, N.N.P. 20enne di San Vito e F.M. 23enne di Foggia sono stati sorpresi alla guida di autovetture in stato di ebbrezza alcolica. Per loro è scattata la denuncia alla Procura della repubblica ed il ritiro della patente di guida. A Castel Frentano (Ch), invece, i militari della locale stazione hanno tratto in arresto De Titta 35enne perchè doveva scontare 2 mesi e venti giorni di carcere per danneggiamento aggravato.

10 gennaio 2010 0

Guida ubriaco e causa incidente, due uomini denunciati

Di redazione

Ieri mattinata i carabinieri della compagnia di Cassino (Fr) hanno deferito in stato di libertà M.S. 37enne napoletano, sorpreso alla guida di un’autovettura con un tasso alcolemico superiore a quello consentito. A Ferentino invece i carabinieri sono dovuti intervenire a seguito di un sinistro e hanno sottoposto ad etilometro C.A. 32enne di Ferentino (Fr). L’uomo è risultato positivo ed è stato denunciato in stato di libertà, mentre la sua autovettura è stata sottoposta a fermo amministrativo per giorni 90.

10 gennaio 2010 0

Terremoto, due forti scosse ad Ascoli Piceno

Di redazione

Due scosse di terremoto hanno fatto tremare oggi le Marche. La prima è stata avvertita dalla popolazione tra le province di Macerata e Ascoli Piceno. Le località prossime all’epicentro sono Ripe San Ginesio, Sant’Angelo in Pontano, Loro Piceno (MC) e Massa Fermana (AP). Dalle verifiche effettuate dalla Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile non risultano danni a persone o cose. Secondo i rilievi registrati dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia l’evento sismico si è verificato alle ore 9.33 con magnitudo 3.9. La replica si è verificato alle ore 13.37 con magnitudo 3.0.

10 gennaio 2010 0

Calcio, il Cassino sconfitto a Catanzaro

Di redazionecassino

II DIVISIONE- GIRONE C- CATANZARO-CASSINO 2-1

CATANZARO (3-4-3): Vono; Gimmelli, Di Maio, Ciano; Di Cuonzo, Bruno, Corapi, Benincasa; Longoni (78′ Basile), Mosciaro, Caputo (72′ Montella).A disposizione: De Vona, Ferrara, Basile, Forgione, Capicotto, De Franco. Allenatore: Gaetano Auteri. CASSINO (4-3-3): Amadio; Bica Badan, Merli Sala, Bianciardi, Sfanò; Conti, Konè, Giannone (80′ Frisenda); Bardeggia (64′ Romeo), Croce, Romanelli. A disposizione: Mataluna, Oliva, Bonacquisti, Gemmiti, Pettrone. Allenatore: Bruno Federici (Pellegrino squalificato)

Marcatori: 46′ Bardeggia (Cas), 59′ Longoni (Cat), 66′ Corapi (Cat)

Arbitro: Ceccarelli di Terni Assistenti: Calò (Molfetta) – Delle Foglie (Bari) Ammoniti: Mosciaro (Cat), Conti (Cas), Merli (Cas) Corner: 7-5 in favore del Catanzaro Recupero: 0′ pt; 3′ st Note: Giornata fredda e variabile; terreno in discrete condizioni; spettatori 1000 circa con una piccola rappresentanza di tifosi ospiti.

SCHEMA TATTICO – Mister Auteri opta per l’ormai collaudato 3-4-3 con il tridente offensivo Caputo-Longoni-Mosciaro e Montella che parte dalla panchina; a centrocampo, sulla fascia sinistra gioca Benincasa, mentre Corapi in mediana sostituisce l’infortunato Lodi. In porta conferma per Vono con il nuovo acquisto De Vona che siede in panchina al posto di Mancinelli. Dalla parte opposta mister Pellegrino (squalificato), che deve fare a meno del marocchino Mezgour e di capitan Martinelli fermati per due turni dal Giudice Sportivo, si affida ad un 4-3-3 molto coperto con l’ex giallorosso Giannone e Konè confermati a centrocampo e con il tridente Croce, Romanelli e l’argentino Bardeggia in avanti; in porta gioca Amadio che sostituisce Indiveri, oramai prossimo alla cessione mentre l’altro ex Frisenda parte dalla panchina. Catanzaro in campo con la consueta casacca giallorossa, Cassino in maglia blu.

PORTA STREGATA – Pronti via e Catanzaro pericoloso per ben due volte nel giro di due minuti: prima è Caputo a farsi ribattere sulla linea da Bianciardi la sua conclusione diretta nel sette, poi è Longoni con un potente diagonale a fare la barba al palo. Partita che prosegue con il Catanzaro in avanti e il Cassino a difendersi. Al 22′ è Mosciaro con una gran botta a mettere paura ad Amadio, ma la sfera si spegne sul fondo. Dieci minuti più tardi Amadio compie un miracolo su un tiro a botta sicura di Di Maio, salvando la propria porta; Amadio che si esalta ancora al minuto 38 quando para una conclusione di Corapi da posizione invitante e al 43′ su Mosciaro che già pregustava la rete. È questa l’ultima occasione di un primo tempo dominato dal Catanzaro che però ha trovato un grande Amadio sulla propria strada. RIMONTA GIALLOROSSA – Seconda frazione di gioco che inizia con gli stessi ventidue in campo e con il Cassino che passa alla sua prima occasione della gara. Calcio d’angolo battuto da Giannone, mischia in area e Bardeggia porta in vantaggio la propria squadra battendo Vono con un potente diagonale. Poco dopo l’estremo difensore giallorosso evita il raddoppio laziale salvando su Croce per ben due volte. Ma nel suo momento peggiore il Catanzaro trova la meritata rete del pareggio al 59’ con Lucas Longoni che dai 28 metri batte Amadio con una conclusione imprendibile. Subita la rete del pareggio, mister Federici si copre inserendo un centrocampista Romeo per l’attaccante Bardeggia, autore della rete del vantaggio laziale. Ma poco dopo, nonostante la sostituzione, il Catanzaro ribalta la gara con una nuova prodezza balistica, questa volta di Corapi, che con un tiro a giro batte Amadio per la seconda volta. Al 72′ mister Auteri fa uscire uno stremato Caputo per Montella. All’80’ il Cassino inserisce Frisenda per Giannone tentando il tutto per tutto, mentre precedentemente Basile aveva sostituito Longoni. Dopo 3 minuti di recupero, sotto il diluvio, termina una gara in cui il Catanzaro ha ampiamente meritato la vittoria. Migliori in campo: Longoni (Catanzaro) – Amadio (Cassino)