Aggressione davanti ad un bar, in due, cacciati dalla Regione

22 gennaio 2010 0 Di redazione

Avrebbero picchiato selvaggiamente un uomo davanti ad un bar di Vasto (Ch) per futili motivi e a conclusione delle indagini svolte dai carabinieri della locale Compagnia, comandate dal capitano Giuseppe Loschiavo e dal tenente Emanuela Cervellera, il Tribunale di Vasto (Ch) ha emesso un’ordinanza applicativa della misura cautelare a carico dei presunti responsabili, entrambi di Vasto: T. A., 40enne, disoccupato; S. A., 31enne, commerciante; consistente nel divieto di dimora in Abruzzo e Molise. Vittima dell’aggressione, che ha riportato gravi lesioni, è M.S., 41enne di Vasto preso a calci e pugni. Le indicazioni fornite dal malcapitato e gli indizi raccolti sul posto, hanno consentito ai militari di dare un volto ai presunti aggressori.
Nella circostanza, M.S. (duramente colpito a calci e pugni, al volto, al torace e all’addome, da due individui che lo lasciarono sanguinante a terra, dandosi poi alla fuga facendo perdere le loro tracce), accompagnato da alcuni passanti presso il locale ospedale, venne medicato e dimesso con una prognosi di 50 giorni per le lesioni riportate.
Ieri pomeriggio, i due, fermati dai carabinieri per la notifica del provvedimento dell’Autorità Giudiziaria, dopo le formalità di rito, hanno dovuto lasciare le loro abitazioni in Vasto per raggiungere un’altra località lontana dall’Abruzzo e dal Molise.