Costato rotto ma senza segni esterni, mistero sulla morte di un 66enne

22 gennaio 2010 0 Di redazione

Il mistero sulla morte di Giovanni Di Pastena sembra potersi svelare solo dopo l’autopsia prevista per domani a Cassino. L’uomo, 66 anni, residente a Pontecorvo (Fr) e convivente con una donna, è stato trovato agonizzante ieri sulla strada che conduce a Esperia (Fr), cittadina in cui aveva comprato una casa. L’uomo trasportato in ospedale da un passante, è deceduto mentre i medici tentavano di salvarlo. Le domande senza risposte su questo caso sono tante. Una delle ipotesi è quella dell’investimento da parte di un auto che poi è fuggita, ma ci sono troppi aspetti che non coincidono come ad esempio la mancanza di ferite esterne sul corpo dell’uomo. A patre una escoriazione dietro ad un ginocchio, non vi sarebbero altre ferite. Allora, ci si chiede come possano essersi rotto il costato. Pare infatti che proprio una costola possa avergli bucato un polmone causandone il decesso. Eppure esternamente non vi sono segni. Per questo è stata disposta l’autopsia che dovrà fornire elementi necessari per stabilire se ad uccidere l’uomo sia stata un’auto pirata o se è arrivato già mortalmente ferito su quel ciglio di strada.
Ermanno Amedei