Il sindaco di Cassino relaziona il suo operato e guarda avanti

1 gennaio 2010 1 Di redazione

Dai problemi dell’amministrazione alla politica regionale, il sindaco di Cassino Bruno Scittarelli affida alla relazione di fine anno, quanto fatto e quanto ancora da fare.
“Questa Amministrazione, negli anni scorsi, ha concentrato i suoi sforzi sul risanamento finanziario comunque salvaguardando le fasce più deboli e senza ridurre i servizi erogati dal Comune.
Il 2009, poteva e doveva essere negli intendimenti di questa Amministrazione, un anno di particolare impegno su opere e progetti ma la restrizione dei trasferimenti finanziari ai Comuni imposta dall’indifferibile politica di rientro del debito pubblico da parte dello Stato, ha rallentato tale proposito; non solo, a causa della crisi economica globale, sono aumentate le fasce sociali più deboli: in particolare i cassintegrati, coloro che hanno perso il posto di lavoro, quelli che sono alla ricerca dell’occupazione e migranti.
Ciò ha aumentato il numero delle persone che necessitano di sostegno accrescendo le responsabilità del Comune.
Tale situazione impone a noi amministratori l’individuazione strategica degli interventi possibili e, soprattutto, l’obbligo di andare a scovare la povertà vera e non quella che appare, cioè quella che spesso riduce le possibilità di interventi concreti.
In questo anno particolarmente difficile per le famiglie in generale e per le fasce sociali più deboli in particolare, la nostra azione, pur con le ben note ristrettezze finanziarie, è stata decisa e incisiva.
Già nella primavera scorsa, tenendo conto delle difficoltà in cui si trovavano molte famiglie, abbiamo deliberato la riduzione delle tariffe riguardanti il 1° e 2° scaglione di eccedenza delle utenze domestiche di tipo “A” e di tipo “C”.
Ma il nostro concreto segnale di attenzione, in questo settore, per un’Amministrazione che comunque gestisce risorse non proprie, è stata l’istituzione di un Fondo di Solidarietà di 100.000 euro, attraverso il quale abbiamo inteso dare un sostegno concreto alle famiglie in difficoltà .
Un sostegno che si concretizza con agevolazioni e riduzioni tariffarie a favore delle fasce economicamente più deboli nei tributi TARSU, per 50.000 euro, per il servizio Acquedotto, altri 50.000 euro, da utilizzare per il rimborso con riferimento al “Ruolo” eccedenze idriche 2008.
La riduzione dei trasferimenti finanziari, i debiti fuori bilancio, le sentenze che passano ogni giorno in giudicato, impongono una stretta decisa sulla spesa dell’Ente e, al tempo stesso, un’azione incisiva per il recupero dell’evasione tributaria relativa ad I.C.I., TARSU, Acquedotto, TOSAP e Pubblicità, ovvero una concreta politica finanziaria delle entrate.
Con quest’azione si stima un’entrata per ICI degli anni pregressi di oltre due milioni e mezzo di euro.
Per il solo ruolo Tarsu 2003 sono in via di recupero circa 375.000 euro, mentre per evasioni ed eccedenze idriche relative agli anni pregressi si conta di introitare circa 1.600.000 euro.
Per quanto concerne la Tosap e la Pubblicità sono stati intensificati controlli, verifiche e sopralluoghi che hanno determinato un maggior rispetto delle regole e maggiori introiti.
Un capillare censimento sul territorio comunale, ha determinato l’emissione di avvisi di accertamento e ruoli coattivi in corso di predisposizione pari a circa € 770.000,00.
Inoltre sono stati effettuati continui controlli al mercato settimanale con significativi recuperi di evasione del tributo Tosap.
Il vento della crisi finanziaria internazionale che ha colpito pesantemente le economie nazionali, ha avuto ricadute significative anche a Cassino.
La nostra economia fortemente dipendente dall’industria dell’auto e del suo indotto ha subito pesanti ridimensionamenti. Il forte ricorso alla Cassa Integrazione ne è purtroppo una testimonianza con tutto ciò che ne ha conseguito sul bilancio delle famiglie.
Di fronte a questa situazione, nello scorso mese di luglio la Consulta dei Sindaci del Lazio Meridionale, da me presieduta, ha attivato una vasta mobilitazione aderendo anche all’iniziativa del sindaco di Torino Chiamparino, Presidente nazionale dell’ANCI, per un coinvolgimento di tutti gli Enti locali, sede di siti FIAT al fine di seguire da vicino gli esiti del tavolo di concertazione presso il Ministero dell’Industria.
Ancora nei giorni scorsi ho visitato aziende del comparto industriale dell’auto e i suoi lavoratori. per assicurare l’impegno di questa Amministrazione, come già fatto sinora, per il massimo sostegno possibile, nei limiti delle proprie competenze.
Abbiamo infatti realizzato opere di urbanizzazione nella Zona Artigianale, infrastrutture nella Zona ASI e sono in corso lavori di realizzazione di infrastrutture primarie nell’agglomerato ASI e del Centro servizi Forum della Ricerca.
L’azione del Governo e del Ministro Scajola e le aperture dell’amministratore delegato Fiat Marchionne ci lasciano cautamente ottimisti.
Tuttavia le mutate condizioni di mercato, la concorrenza, anche sleale, di Stati esteri dove si producono componenti importanti, impongono a politici ed Istituzioni di favorire la ripresa perseguendo tre importanti obiettivi:
1) difendere e tutelare l’attuale base produttiva rafforzando le infrastrutture necessarie al miglior posizionamento concorrenziale delle nostre aziende. In questo senso la grande intuizione della Legge 46, attraverso la giusta sinergia Regione-Comune, si è rivelata giusta stimolandoci a proseguire su questa strada;

2) favorire un nuovo modello di sviluppo per il nostro territorio valorizzando le sue risorse naturali e specifiche ,come il turismo ambientale e religioso e quello legato agli eventi bellici.
3) consolidare la professionalità delle maestranze, della politica e delle Istituzioni al fine di rilanciare la ripresa e rafforzare la nostra economia.
Ciò nonostante, sono proprio di queste ore due notizie altamente positive:
1. la ripresa economica in Italia è più veloce ed accentuata che negli altri Paesi;
2. lo stabilimento Fiat di Cassino non subirà ridimensionamenti ed anzi verrà potenziato.
Infatti, la settimana scorsa l’Amministratore Delegato Sergio Marchionne ha annunciato che il nostro stabilimento non solo continuerà a produrre vetture ma alla costruzione degli attuali modelli si aggiungerà anche la nuova Giulietta.
Anche lo stabilimento SKF ha trovato nuovo slancio grazie all’acquisizione di commesse precedentemente in carico ad uno stabilimento francese.
E’ la conferma che il nostro territorio è stato capace di coniugare know how e professionalità del management e delle maestranze.
La qualità della vita di una città si misura attraverso varie componenti, tra le più importanti quella dei servizi sanitari prestati ai cittadini.
Purtroppo non possiamo dire che da questo punto di vista le cose vadano per il meglio, come conferma anche il rapporto 2009 del Censis, secondo il quale nella nostra provincia un cittadino su cinque rinuncia alle prestazioni sanitarie per motivi economici.
Ed invece il compito della politica, la nostra politica, deve essere quello di assicurare ad ogni cittadino il diritto alla salute.
Purtroppo nonostante abbiamo ora una struttura ospedaliera di primo livello e buone professionalità, l’affermazione di logiche perverse ha fatto prevalere convenienze politiche anziché necessità gestionali improntate a capacità, rigore, meritocrazia.
Il 50% del deficit sanitario italiano è del Lazio e produce pesanti oneri in termini di tasse per i cittadini che potrebbero addirittura aumentare il prossimo anno.
I Sindaci della nostra provincia sono stati chiamati ad assumersi la responsabilità di condividere un piano di riordino della rete ospedaliera romano-centrico contro il quale la Consulta del Lazio Meridionale ha avanzato proposte concrete a salvaguardia della rete territoriale, dell’offerta sanitaria, delle professionalità e dei parametri di legge.
Mentre il deficit finanziario regionale continua a dilatarsi, restano le difficoltà e l’impossibilità a garantire la funzionalità dell’Ospedale e dei servizi territoriali.
Grave appare, in quest’ottica, il ridimensionamento della sanità privata che non è più in grado di svolgere quel ruolo complementare non compensato dal sistema sanitario pubblico.
Questa Amministrazione, anche insieme alla Consulta dei sindaci, è stata sempre in prima fila, dando il massimo, ma non è bastato.
Occorre quindi dare un segnale ancora più forte anche a livello regionale per favorire la tendenza al risanamento e alla qualificazione dell’offerta sanitaria pubblica nella nostra provincia.
Un altro argomento di stretta attualità e di interesse territoriale è la gestione del Servizio Idrico, anche alla luce degli ultimi provvedimenti governativi di cui dobbiamo tener conto, senza però rinunciare alla difesa dei diritti ed interessi legittimi dei nostri cittadini.
La gestione delle acque, sia ad uso civile che industriale, deve trovare razionalità ed equità.
Non è possibile, ad esempio, che una cartiera rischi di chiudere per carenza idrica.
Nel settore domestico, invece, il Comune di Cassino, che ha particolari peculiarità in questa materia, ha concretamente tenuto sempre ben presente l’interesse primario della popolazione.
Con la costituzione degli Ambiti territoriali ottimali, i cosiddetti ATO, la gestione è stata assegnata all’ACEA che ha assorbito il Consorzio Acquedotti Riuniti degli Aurunci.
A Cassino, l’Acea gestisce la rete periferica ed il Comune quella del centro cittadino, nelle more di un contenzioso da noi attivato per tutelare i cittadini e la qualità del servizio.
Siamo soddisfatti di aver effettuato questa scelta, ed i risultati sono sotto gli occhi di tutti: efficienza e tariffe sostenibili, addirittura la metà di quelle praticate da Acea: fino alla prima eccedenza: un metro cubo di acqua erogata dal comune costa 0,37 centesimi di euro contro gli 0,88 dell’ACEA.
Ne siamo fieri perché abbiamo potuto dimostrare con i fatti come, attraverso una corretta gestione, si può portare avanti una politica tariffaria in linea con i bisogni sociali della popolazione anche attraverso una manutenzione tempestiva.
I positivi risultati sono stati determinati dai continui interventi manutentori contingenti e di ammodernamento della rete di distribuzione.
Accolgo con favore la decisione di costituire, anche se solo ora, un Comitato di salvaguardia dell’acqua pubblica, dopo anni di battaglie dell’Amministrazione Comunale, spesso politicamente osteggiate.
Non ci sta bene che una azienda privata, l’ACEA, dopo essersi aggiudicata la gestione dei servizi idrici con il preciso impegno di fare investimenti preventivamente quantificati, abbia regolarmente disatteso questa clausola contrattuale.
Non ci sta bene che le tariffe praticate non tengono conto dei bisogni sociali della gente e delle precise norme e leggi in materia.
Non si può giustificare l’aumento delle tariffe con il pareggio di gestione che invece dovrebbe essere perseguito riducendo spese ed ottimizzando la rete.
Noi da sempre abbiamo assunto una posizione critica e speriamo che la battaglia sia vinta non solo per tutte le famiglie della provincia ma anche e soprattutto per le famiglie di Cassino che in un domani prossimo potranno essere costretti a pagare tariffe più del doppio di quelle pagate all’acquedotto comunale.
Ciò premesso, anche alla luce della legislazione vigente, resta imprescindibile un confronto costruttivo con l’ACEA al fine di garantire ai cittadini una gestione idrica che assicuri qualità del servizio e congruità delle tariffe.
La gestione della politica della casa è un altro delicato aspetto legato alla condizione delle famiglie in stato di particolare disagio.
Con urgenza occorre una migliore sistemazione logistica dell’ufficio per far fronte alle varie incombenze proprie di un settore così delicato.
Nonostante tutto si è riusciti, a far fronte a situazioni di grave emergenza abitativa sistemando alcuni nuclei familiari in alloggi di edilizia residenziale.
Sono state inoltre perfezionate e concluse alcune procedure per l’assegnazione in sanatoria di alloggi di Edilizi Residenziale Pubblica.
Sempre nel campo del sostegno ai nuclei familiari e delle persone esposte al rischio esclusione perché impossibilitate a provvedere per cause di varia natura al mantenimento proprio e dei figli, intensa è stata l’attività del settore Servizi Sociali.
Tra le misure più importanti, il rimborso parziale o totale delle spese sostenute per libri di testo e materiale scolastico; il bando di un concorso per alunni meritevoli e residenti cui verrà concessa una borsa di studio di € 500,00; contributi straordinari ed “una tantum” a persone bisognose; l’indizione di un bando inteso a promuovere iniziative di abbattimento dei costi dei servizi per le famiglie con numero di figli minori pari o superiore a 4; l’adesione al progetto “bonus bebè” a sostegno della genitorialità rivolto a donne che hanno partorito nell’anno 2008.
Particolare attenzione, l’Amministrazione ha profuso verso i diversamente abili, sostenendo le attività del Centro socio-educativo in Caira attivando anche un corso estivo di attività ricreative in piscina e pubblicando un bando per il sostegno alle famiglie in cui è presente un soggetto portatore di handicap.
All’interno della popolazione italiana è in crescita il numero delle persone anziane, grazie alle migliorate condizioni di vita generale.
Ad esse, anche in senso di rispetto per quanto hanno fatto per le generazioni successive, diverse le iniziative dedicate, in particolare: un apprezzatissimo soggiorno estivo a Vieste di dodici giorni, per più di 200 anziani, un corso di “ginnastica dolce” per circa trecento , è stato riproposto il bando per l’integrazione del canone di locazione e sono stati attivati due progetti finanziati dalla Regione Lazio, rispettivamente denominati “Adulti in recupero” e “Inserimento lavorativo“, che vedono impegnate 20 unità complessive in disagiate condizioni sociali.
Per favorire ed incentivare la socializzazione, l’Amministrazione sostiene l’attività dei centri anziani di via Bembo, S. Bartolomeo e S. Pasquale, ove sono regolarmente attivi i rispettivi comitati di gestione.
Tra le emergenze della nostra società non bisogna trascurare quella legata ai migranti.
La nostra città può essere assunta a simbolo dell’accoglienza e della solidarietà avendo praticato efficacemente questi sentimenti nel corso della sua storia.
Come affermato recentemente dal Consiglio Comunale all’unanimità, Cassino è la città che si impegna nella realizzazione di progetti di integrazione multietnica, certificata dalla numerosa presenza straniera, non dimenticando anche i rifugiati politici, a favore dei quali stiamo gestendo con successo da anni un Programma di integrazione ed assistenza in stretta e proficua collaborazione con l’Alto Commissariato dell’ONU.
Cassino è la città che già decenni fa ha saputo accogliere una numerosissima comunità Rom, che, pur con difficoltà, ora è perfettamente integrata nel nostro tessuto sociale e alla quale abbiamo dato case, lavoro, e sono destinatari dei nostri progetti di sostegno portati avanti dal settore Servizi Sociali.
E’ un fiore all’occhiello di questa Amministrazione il progetto “Ac-cogliamo i diritti a Cassino”, rivolto ai richiedenti asilo politico, rifugiati e beneficiari di protezione umanitaria.
Nell’ambito dell’assetto del territorio l’anno 2009 è stato caratterizzato dall’approvazione di un piano di riqualificazione urbanistico ambientale nell’area sita tra Via Arigni e Via Vagni che consentirà, terminato l’iter presso la Regione Lazio, di acquisire un’ampia area l’attualmente occupata dall’industria marmifera.
Questo intervento consentirà ai cittadini di usufruire di una delle ville comunali più ampie e prestigiose oggi presenti nel territorio laziale.
Al tempo stesso saranno salvaguardate le acque e l’ambiente circostante di un vero e proprio invidiabile polmone verde all’interno della città.
Inoltre l’anno in corso è stato dedicato a seguire l’iter presso la Regione Lazio della variante generale al P.R.G. che nei primi mesi del 2010 verrà sottoposto al comitato tecnico per l’approvazione.
Il 4 dicembre 2009 il Consiglio Comunale nella sua interezza ha recepito il Piano Casa pur nelle ristrettezze imposte dalla Regione Lazio rispetto agli indirizzi legislativi del governo, per consentire ai nostri cittadini l’ampliamento della propria abitazione, nel rispetto della norma.
Nell’ambito delle commissioni preposte è in corso la predisposizione del “Piano Colore” con la collaborazione di tutti i gruppi consiliari al fine di fornire ai cittadini un’occasione di recupero del patrimonio immobiliare usufruendo degli incentivi fiscali e favorendo la ripresa economica.
In attesa dell’adozione prossima del nuovo Piano di E.R.P. in ampliamento nel quartiere San Bartolomeo, e dell’approvazione dell’unico Piano Particolareggiato previsto nella variante generale al P.R.G. già in corso di redazione, quello di via Sferracavalli, l’azione dell’Amministrazione Comunale è stata sollecita nel rilascio dei permessi di sanatoria e nelle denunce di inizio attività (DIA).
L’approvazione di tale piano insieme con gli altri interventi sarà sicuramente uno stimolo per la nostra città che sempre di più si pone al centro dell’attenzione per lo sviluppo economico di una vasta area.
Oltre ai numerosi interventi sulla viabilità urbana e periferica, l’attività del settore LLPP dell’Amministrazione comunale si è concentrata sulla funzionalità dello stadio Salveti e del campo Caira e degli altri impianti sportivi cittadini, dando risposta al Cassino Calcio che milita nella Seconda Divisione, al suo settore giovanile, alla squadra di basket e a tutte le società che praticano le varie discipline sportive nella nostra città conseguendo risultati prestigiosi.
Particolarmente intensa l’attività nel settore dell’edilizia scolastica dove, anche a causa di eventi imprevisti, si è reso necessario intervenire nella scuola elementare e materna di Caira, nella scuola media Conte, senza dimenticare la ristrutturazione del settore Tributi, che ha dato dignità e ospitalità ad una parte della Casa Comunale molto frequentata dai cittadini.
Significativo è stato il completamento e del Teatro Comunale che, dopo i lavori di ultimazione del secondo lotto e l’installazione dell’impianto scenico, è adesso pronto per restituire alla nostra città la funzione storica e di alto livello culturale del vecchio e blasonato Teatro Manzoni, distrutto dagli eventi bellici.
Ma il 2009 è stato anche l’anno della definizione di un altro grande progetto di riqualificazione urbana meglio noto come Parchi Tematici, a breve cantierabile.
Si tratta di un progetto attraverso il quale, oltre la messa in sicurezza della parte boschiva di Montecassino con impianto permanente antincendio, puntiamo a valorizzare la città in generale, recuperando a verde attrezzato l’area dell’ex Campo Boario, favorendo lo sviluppo turistico interno e quindi salvaguardando anche il commercio storico dalla concorrenza dei centri commerciali periferici.
Particolarmente impegnativo il compito dell’Ente nell’ambito della manutenzione del patrimonio pubblico di una città divenuta grande e dalle molteplici esigenze.
La manutenzione del verde pubblico, quest’anno, non si è limitata alla regolare rasatura, pulizia e bonifica di tutti i giardini comunali, aree cimiteriali e cortili annessi alle scuole ma ha riguardato anche il taglio, doloroso ma necessario, dei maestosi quanto pericolosi pini posti lungo via De Nicola, via Lombardia e via Pagano, che saranno presto sostituiti da specie arboree più adatte all’ambiente urbano.
Il taglio dei pini ha reso possibile l’avvio del rifacimento dei marciapiedi, danneggiati dalle radici superficiali che creavano pericoli alla pubblica incolumità e al livellamento dell’asfalto.
Particolare attenzione è rivolto al settore dello smaltimento dei RSU.
Il servizio di spazzamento raccolta e trasporto a discarica è stato svolto con sufficiente regolarità. Resta purtroppo a livelli troppo bassi la raccolta differenziata che va incrementata. In tale ottica è necessario attivare la raccolta porta a porta, in quanto è intenzione dell’amministrazione istituire isole ecologiche facilmente raggiungibili dai cittadini, un progetto per il quale occorre l’attuazione del Piano operativo provinciale.
A seguito della mappatura delle discariche abusive sono stati appaltati i lavori di bonifica della ex Marini.
Il fenomeno del randagismo è stato concretamente affrontato. Tra l’altro è stata deliberata l’istituzione di un ambulatorio veterinario convenzionato presso il quale gli animali saranno sterilizzati e micro cippati ed i cani di proprietà potranno essere trattati a prezzo ridotto.
Un tema che sta molto a cuore ai cittadini è la sicurezza pubblica.
Su questo tipo di problematiche la nostra amministrazione si è spesa molto attraverso varie iniziative portate avanti di concerto con la Prefettura di Frosinone.
Diverse anche le misure operative messe in campo: maggior controllo del territorio in ordine alle attività commerciali soprattutto quelle legate alla somministrazione degli alcolici.
Potenziamento dell’illuminazione pubblica. Contrasto alle attività di commercio illegale di prodotti di dubbia provenienza. Iniziative di educazione alla legalità nelle scuole.
Sulle tematiche più specificamente legate alla criminalità organizzata che ha caratterizzato parte del dibattito politico nella nostra città, ritengo utile richiamare l’importante convegno della CISL e sindacati della Polizia cui hanno partecipato le più alte cariche della Polizia e il vice ministro dell’Interno.
In quella occasione ho avuto modo di dire che ogni qualvolta i problemi della criminalità vengono utilizzati per ragioni di propaganda o comunque di speculazione politica, si indebolisce automaticamente l’efficacia del contrasto alle azioni criminose.
Questo concetto voglio ribadirlo ancora oggi, anche se va aggiunto la consapevolezza di aver assistito nel nostro territorio a una stringente attività investigativa da parte delle forze di Polizia, che hanno portato a importanti risultati sia in termini di contrasto alla criminalità sia in termini della sicurezza percepita dai cittadini.
In occasione del convegno richiamato, il vice ministro Mantovano e i gli alti dirigenti nazionali della Polizia hanno confermato con dati alla mano che le attività criminali nel nostro territorio sono in calo.
Di questo non possiamo che essere felici e essere grati allo Stato per tutte le forze messe in campo, ma resta inderogabile la necessità di mantenere alta la guardia anche attraverso la sensibilizzazione dei cittadini.
Questo perché essendo il nostro territorio di frontiera, ogni muro che si alza contro l’illegalità, è un tassello importante per mantenere ed estendere i livelli di vivibilità e serenità dei nostri cittadini.
In quest’ottica sono stati molto significativi ed efficaci i corsi scolastici di educazione alla legalità, inseriti nel Progetto Sicurezza, durante i quali sono stati affrontati argomenti importanti come il bullismo, l’inciviltà urbana, il senso civico ed i rischi derivanti dall’uso di alcolici.
Tale progetto prevede anche l’installazione del sistema di videosorveglianza urbana che consentirà a breve di monitorare le zone cittadine più sensibili della città.
Il commercio è particolarmente presente nella nostra città, e questo impone un notevole impegno da parte dell’assessorato alle Attività Economiche e Produttive, in particolare per fronteggiare, d’intesa con il corpo della Polizia Locale ed i Tributi, l’abusivismo che nell’ultimo periodo si è molto accentuato per varie ragioni.
Per questo è stato costituito in via sperimentale un organismo intersettoriale per la verifica ed il controllo del mercato settimanale.
I risultati del lavoro svolto dal detto organismo, sono statti immediati ma sarebbe opportuno un controllo sistematico ed un suo definitivo riassetto per ridare splendore al nostro mercato settimanale, che per grandezza e tradizione e uno dei primi mercati della provincia.
Con questo obiettivo è allo studio un regolamento commerciale, sia per il commercio fisso che ambulante. Sono in fase esecutiva alcuni progetti avviati nel 2008: il Progetto SEAN, già citato, il progetto LABOMARK 1, consistente in una rete di elaborazione urbana di marketing territoriale, ed Progetto Centro Commerciale Naturale” attraverso il quale l’Amministrazione si propone di predisporre interventi integrati che vede coinvolti diversi attori della vita economica sociale della città, con l’obiettivo di creare sviluppo economico ma anche di innalzare il livello della vita della stessa area.
Particolarmente soddisfacente il riconoscimento assegnato alla Protezione Civile dalla Direzione di Protezione Civile della Regione Lazio, sia dagli organi Provinciali, sia di quelli delle Istituzioni presenti sul territorio quali Corpo Forestale dello Stato e Comando VV.FF. per il grosso impegno dal punto di vista operativo svolto nel supportare attività istituzionali, nella campagna antincendio boschivo, e, sopratutto in occasione del terremoto dell’Abruzzo e della visita in città del Santo Padre Benedetto XVI.
Per l’attività amministrativa, si è continuato con la politica di avvicinare il più possibile la casa comunale, i suoi uffici, i suoi dipendenti e i suoi amministratori, alla gente, ai suoi cittadini e utenti, invitando quest’ultimi a segnalarci eventuali malfunzionamenti, disfunzioni e carenze.
Ci si è dotati di caselle di posta elettronica certificata, una delle quali è rilevabile, così come impone la legge, sul sito internet del Comune di Cassino.
Si stanno ultimando le procedure per digitalizzare le sedute del consiglio comunale e istituire l’albo pretorio on-line.
La normativa sulla sanatoria delle Badanti straniere, il Pacchetto Sicurezza emanato dal Governo con Legge 15/07/2009 n. 94 e l’attribuzione ai Comuni del compito di redigere le attestazioni di regolarità del soggiorno per i cittadini comunitari ha causato un onere lavorativo importante per il Servizio Anagrafe.
L’amministrazione comunale di Cassino ha organizzato una tra le più importanti giornate di formazione per gli ufficiali di Stato Civile e di Anagrafe, a cui hanno partecipato con interesse oltre 70 operatori del settore provenienti da tutti i comuni del cassinate.
Continua la collaborazione tra il Comune di Cassino, l’ANCI Lazio e l’Università degli Studi di Cassino per far fronte all’impegno assunto con la convenzione firmata il 16 gennaio 2004 con la quale si stabiliva di organizzare il “ Primo corso di
perfezionamento in materia urbanistica” rivolto al personale dell’area tecnica ed amministrativa degli enti locali oltre agli amministratori e consiglieri dei medesimi enti.
Il primo corso tenutosi a Cassino della durata di cinque mesi,del tutto sperimentale, ha suscitato un interesse sorprendente avendo avuto circa 321 iscritti ed 88 comuni interessati.
Vista la grande attenzione rivolta a questo tipo di formazione si è reso necessario organizzare un ” Secondo corso di approfondimento e specializzazione sull’edilizia” ben più articolato rispetto al primo e della durata di circa 1 anno.
Nel mese di Ottobre 2006 è stato istituito presso il 1° Settore del Comune di Cassino l’Ufficio U.R.S.A.L. che cura i rapporti con il Sistema delle Autonomie Locali, all’interno dello stesso è attivo l’Ufficio C.I.L.O. – C.O.L. ( Centro di Orientamento al Lavoro ed alla Formazione Professionale) il quale è specializzato nell’orientamento e nella formazione ed ha oltre 2400 iscritti in banca dati. Nello stesso anno il sopracitato ufficio ha organizzato il terzo “ Corso universitario di approfondimento e specializzazione sui contratti pubblici ”.
A grande richiesta da parte dei dipendenti pubblici, il comune l’Anci Lazio e l’Università nel 2008 hanno organizzato il 4° corso di “specializzazione sul procedimento amministrativo negli enti locali ” che ha superato le 400 iscrizioni.
Quest’anno, considerate le novità apportate dalla “Riforma Brunetta”, si è reso necessario organizzare un 5° corso di “Specializzazione Universitaria in materia di pubblico impiego” con grande interesse tra i dipendenti pubblici di tutta la Regione Lazio. E’ nata per l’occasione la rivista “ Gazzetta Amministrativa” una raccolta di quesiti, pareri, assistenza agli atti amministrativi, un manuale aggiornato e molto utile per i dipendenti degli enti locali. Dall’esperienza acquisita nel corso degli anni e dal numero( circa 1400 )di persone formate in 5 corsi di specializzazione è nato il nuovo corso di LAUREA TRIENNALE “ Operatore Giuridico per le Organizzazioni Complesse” presso la facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Cassino.
Per agevolare i corsisti l’Anci Lazio ha stipulato una convenzione con l’Università degli Studi di Cassino per il riconoscimento dei crediti formativi per i dipendenti dei comuni del lazio e per i dipendenti della Regione Lazio, le iscrizioni ad oggi superano le 300 unità. Il 30 ottobre si è tenuta l’assemblea congressuale dell’Anci Lazio nella quale è stato eletto Presidente dell’ANCILAZIO il consigliere Comunale Fabio Fiorillo al quale riconosciamo il gran lavoro svolto sul territorio e al quale formuliamo i nostri migliori auguri.
L’Amministrazione, per l’anno scolastico 2009/2010, ha permesso l’ammissione di n. 60 bambini alla frequenza dell’asilo nido comunale di via Botticelli, provvedendo a potenziare il personale educativo in base alle effettive presenze dei frequentanti, al fine di migliorare lo standard qualitativo e funzionale del servizio di asilo nido. Anche presso il Nido il servizio mensa viene assicurato in sede.
Intensa l’attività culturale dell’amministrazione comunale che svolge da molti anni una preziosa e insostituibile opera di promozione culturale su un vasto territorio, comprendente Lazio Meridionale, Terra di Lavoro, Sud Pontino e alcune zone del Molise.
Oltre a porre in essere proprie iniziative culturali, rivolge la propria attenzione a tutte le Associazioni Culturali del Territorio, patrocinandone le attività più meritevoli e di interesse per la cittadinanza tutta. Particolare attenzione è rivolta alle iniziative culturali proposte dagli Istituti Scolastici locali che mirano a stimolare le attività letterarie e a valorizzare e far emergere le capacità individuali degli studenti. Tali sono i due premi letterari più famosi “ Un autore da riscoprire “ proposto e curato dal Liceo Classico G. Carducci e “Premio Letterario G. Pellecchia” allestito dal Liceo Scientifico G. Pellecchia.
Sempre più importante è l’impegno di questa amministrazione nella realizzazione del prestigioso premio letterario “Letterature dal Fronte” che, quest’anno, ha conferito il proprio riconoscimento allo scrittore croato Miljenko Jercovic.
Importantissima l’iniziativa che ha visto coinvolti, dal 26 al 30 aprile un centinaio di studenti della nostra città in un viaggio di studio in Croazia per incontrare gli autori dei testi selezionati come finalisti dell’edizione 2009. I giovani sono stati coinvolti nel percorso di conoscenza e di approfondimento di un periodo doloroso della recente storia dell’Europa, attraverso le pagine di 4 romanzi che esprimono la creatività e l’essenza culturale e politica di una giovane nazione.
Tra le altre attività proposte sicuramente il Teatro ha riscosso grande successo, visto che diverse compagnie amatoriali operano sul territorio, provenienti sia dal mondo della Scuola, che dalle Associazioni.
Ha tagliato felicemente il traguardo la IX edizione della stagione estiva di “CASSINOARTE”.
Il calendario proposto, grazie alla ricchezza e alla varietà delle singole iniziative, si è dimostrato in grado di soddisfare le richieste più esigenti di un vastissimo pubblico, che, nella sola Edizione 2009, ha superato le 30.000 presenze grazie ad un cartellone con spettacoli di eccezionale spessore e interesse, che spaziano dalla musica al teatro, al balletto al cinema.
La cerimonia di assegnazione del Premio Internazionale “Solidarity and Peace”, organizzato dal Comune di Cassino ha ormai varcato i confini cittadini e regionali. Il Premio ha l’ambizione di inserirsi nel contesto delle maggiori iniziative a carattere internazionale, quale momento significativo per affermare e ribadire l’importanza indifferibile dei più nobili ideali di pace e fratellanza fra gli uomini, nella consapevolezza che occorra adoperarsi, oggi più che mai, affinché questi valori vengano tenuti alti con tenacia e spirito di abnegazione.
L’ambito riconoscimento consiste in una artistica riproduzione del Monumento alla Pace opera del M° Umberto Mastroianni, posto alle pendici di Montecassino.
Importante è la funzione della Biblioteca Comunale sempre più centro di promozione culturale, è frequentata da una media giornaliera di 30 utenti in costante anche se lenta crescita, parte dei quali studenti universitari che vi trovano l’ambiente adatto per favorire la necessaria concentrazione.

La Biblioteca Comunale nel corso dell’anno 2008 ha consolidato e potenziato la serie di rapporti e fruttuose collaborazioni intessute con altri Enti e/o Istituzioni della Città venendo così a costituire punto di riferimento per manifestazioni, convegni, giornate di studio.
Le attività culturali promosse dalla Biblioteca riscontrano una interessante novità costituita dalla proiezione di film d’autore. Tale rassegna, iniziata a novembre con una serie di film sul neorealismo, si è protratta fino a tutto il mese di maggio 2009 .
La Biblioteca è stata sede anche di attività concertistiche di riguardo organizzate dalla Biblioteca stessa e da privati e con la realizzazione di dodici eventi ha cercato di dare il suo contributo alla diffusione della conoscenza della musica colta.
La Biblioteca ha ricevuto dalla Regione Lazio gli strumenti operativi per la catalogazione informatizzata già avviata che consentirà di avere il catalogo OPAC della biblioteca in quello SBN (Servizio Bibliotecario Nazionale) e quindi disponibile tramite collegamento Internet.
Numerose sono state le iniziative sportive e di interesse turistico supportate o organizzate dall’amministrazione comunale che hanno avuto il merito di essere un utile momento di aggregazione e che hanno consentito ai giovani della città di ritrovarsi in momenti di sana competizione sportiva.
Particolare rilievo e successo hanno avuto le manifestazioni svoltesi durante il periodo estivo come la manifestazione nazionale di tiro con l’arco “XVI edizione del Trofeo Arcadia” tenutosi all’interno dello stadio comunale “G. Salveti” che ha richiamato nella nostra città arcieri da ogni parte d’Italia o come la 4° manifestazione motoristica Cotek 8 tenutasi nell’ex campo Miranda ed il “4° Raduno Quod del basso Lazio” oramai divenuto un importante appuntamento degli appassionati di questo sport tenutosi anch’esso nell’ex campo Miranda o come la “6° giornata nazionale dello sport” organizzata in collaborazione con il CONI che ha visto ogni angolo di piazza Labriola , per una giornata intera, occupata da atleti di ogni disciplina sportiva, dalla scherma alla ginnastica, alla danza, alla pallavolo, al basket oltre a tanti ragazzi tra i 5 ed i 18 anni che si sono cimentati nel provare le varie attività.
Di particolare rilievo ed importanza è stato il 2° Torneo di calcio “I Paesi della Battaglia” organizzato in collaborazione con l’Associazione Polisportiva Dilettantistica Sporting Club 1965 e che ha visto la partecipazione di circa 30 comuni ricadenti nel territorio della “Linea Gustav”. Il torneo nato per dare un giusto risalto al ricordo della liberazione di Montecassino e di tutti i Paesi attraversati dalla citata “Linea Gustav”, era riservato al calcio dilettantistico giovanile ed ogni Comune ha potuto allestire formazioni proprie, oppure con altri Comuni vicini, con calciatori delle categorie juniors, allievi e giovanissimi.
Importante momento di aggregazione sono stati gli spettacoli che si sono tenuti durante il periodo estivo sul nostro territorio e precisamente: il concerto di “Marco Carta”; Cassino Jazz 2009; il concerto di Pino Daniele.
Di particolare rilevanza il consueto appuntamento con l’evento “Cassino con Telethon”, importante momento di solidarietà, che si è svolto tra il 7 ed il 12 dicembre e che ha previsto una partita di calcio tra una rappresentativa di ex calciatori di serie A ed una rappresentativa di calciatori locali, nonché una serata di spettacolo presso il teatro “A. Manzoni”.
Durante il periodo delle festività natalizie , in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura, è stato allestito un programma di manifestazioni varie che vanno dalla realizzazione di un concerto di Natale a rappresentazioni teatrali che si terranno presso il teatro “A. Manzoni”a cura delle locali associazioni culturali.
Attualmente di concerto con l’Associazione Pro-Loco di Cassino, con l’Assessorato al Turismo della Regione Lazio e l’A.P.T. di Frosinone, è in corso di predisposizione l’allestimento di un punto di informazione con proprio Stand presso la Borsa Italiana del Turismo (BIT) di Milano, per l’edizione 2010, con proprio materiale informativo e la partecipazione di una rappresentanza di operatori turistici locali. L’iniziativa è finalizzata alla promozione turistica del territorio cassinate, della attività commerciali e dei prodotti tipici ciociari.
Anche l’anno in corso ha visto innumerevoli iniziative relativamente alla politica per la pace.
Sappiano però, che per raggiungere la pace bisogna conoscere la storia anche se dolorosa ed è per questo che abbiamo onorato la memoria di quanti sono caduti e delle vittime della atrocità della guerra, con cerimonie commemorative come: La Giornata della Memoria, delle Foibe, del 65° Anniversario della Distruzione della Città di Cassino e dello Sfondamento della Linea Gustav.
Il mese di Maggio la Città di Cassino ha accolto i veterani, provenienti dalle nazioni che parteciparono alla Battaglia di Cassino, che insieme ai loro familiari ed i loro colleghi italiani hanno potuto assistere alle cerimonie che si sono svolte in onore dei propri caduti. Particolare e suggestiva è stata la cerimonia che si è svolta presso il Cimitero Militare Polacco di Montecassino a cui oltre le centinaia di partecipanti ha visto la presenza del Presidente della Repubblica di Polonia Lech Kaczynski al quale è stata espressa profonda gratitudine per il sacrificio dei soldati polacchi nella riconquista della libertà.
Importanti sono state anche le iniziative realizzate nell’ambito della politica dei gemellaggi con cui quest’anno abbiamo voluto tracciare un ulteriore solco verso la fratellanza con altri popoli. Infatti abbiamo sottoscritto un “Patto di Collaborazione” con la Città Polacca di Kolbuszowa che vedrà iniziative culturali con i giovani di Cassino e Kolbuszowa.
Con la Città di Berlin Steglitz Zehlendorf abbiamo celebrato il 2 di Ottobre il 40° Anniversario del gemellaggio alla presenza della delegazione ufficiale guidata dal Sindaco Norbert Kopp unitamente ai giovani partecipanti all’annuale scambio. In tale circostanza è stato organizzato un incontro del sindaco tedesco con i giovani della città in occasione del 20° Anniversario della Caduta del Muro di Berlino. Momento particolare che ha destato grande interesse e notevole successo.
Con la città gemella maltese di Isla vi sono state due importanti iniziative.
Dapprima, nel mese di agosto, il viaggio studio che ha visto coinvolto un gruppo di 20 giovani i quali durante il loro soggiorno hanno potuto frequentare un corso di lingua inglese. Poi la partecipazione di una delegazione comunale insieme ai Presidenti del Lions Club e del Rotary Club di Cassino al Meeting delle Città Gemellate tenutosi nei primi giorni del mese di Novembre ove sono stati allacciati nuovi rapporti con città italiane ed estere.
L’anno in corso è stato caratterizzato da un evento straordinario. La nostra Città ha avuto il privilegio della visita di Sua Santità Benedetto XVI, recando grande gioia alle popolazioni che abitano questa nostra Terra di San Benedetto così ricca di fede cristiana.
La visita ha rafforzato ancor di più, per la nostra città, quel ruolo di città messaggera di pace nel mondo che Cassino interpreta dopo le sofferenze i lutti e le distruzioni patite.
Cassino, l’Abbazia di Montecassino, continuano ad essere un baluardo costante a difesa della pace e della solidarietà, quella solidarietà che sarà più concreta anche grazie all’attivazione di una Casa della Carità, fortemente voluta dal nostro carissimo Padre Abate ed inaugurata dal Santo Padre. Per tutto ciò desidero rinnovare un particolare ringraziamento al Padre Abate di Montecassino, Pietro Vittorelli, che ha profuso tutte le Sue energie affinché questa visita si concretizzasse.
Un sentimento di apprezzamento rinnovo a tutti coloro che si sono adoperati affinché l’evento si svolgesse nel modo migliore possibile, senza intralci e con sicurezza e tranquillità.
Sulle attività amministrative dell’anno che sta per concludersi, come sempre, il giudizio definitivo spetta ai cittadini.
Noi per parte nostra, possiamo testimoniare di avercela messa tutta. Per questo dobbiamo ringraziare in particolar modo i gruppi consiliari che sostengono la maggioranza amministrativa.
Ma mi sia consentito esprimere un particolare apprezzamento anche per i gruppi consiliari di minoranza che, soprattutto in questi ultimi mesi, hanno testimoniato un impegno istituzionale improntato maggiormente alla opposizione costruttiva e collaborativi senza mortificare le identità politiche.
Il clima di collaborazione che si è instaurato non significa annullamento delle identità politiche.
Siamo portati a ritenere che esso sia l’inaugurazione di una nuova stagione del modo di far politica nell’interesse dei cittadini.
Se questo nuovo clima si consoliderà, come noi auspichiamo, sarà più agevole affrontare le nuove ed impegnative sfide a cui tutti siamo chiamati.
L’analisi demografica della nostra città, al pari di quella italiana, evidenzia la riduzione delle nascite, imponendo l’attivazione ulteriore di strumenti di crescita dei giovani favorendone sempre più l’inserimento nel mondo del lavoro.
Infatti una comunità senza giovani non ha futuro, e le famiglie, che sono sempre più ridotte di numero, evidentemente incerte sul futuro, devono poter guardare ad esso con maggiore fiducia.
Questo è il grande problema che dovrà essere maggiormente all’attenzione della politica e delle Istituzioni a tutti i livelli.
Per quanto attiene più direttamente alle nostre responsabilità locali, dobbiamo essere consapevoli che gli effetti dei nuovi scenari degli assetti produttivi ed economici in atto rischiano di impoverire il nostro territorio. Lo sviluppo economico attivato dalle grandi delocalizzazioni industriali degli anni ‘70, ha pressoché esaurito i suoi effetti.
Necessitano nuove strategie e nuovi interventi che saranno tanto più incisivi e tempestivi quanto più saremo capaci di mettere in campo le giuste sinergie sia a livello istituzionale che politico.
Ma non sarà ininfluente la giusta attenzione dei cittadini e delle forze sociali.
E, a questo proposito, mi sia consentito evidenziare e sottolineare la grande maturità dimostrata in questi mesi dalle organizzazioni sindacali e dalle maestranze dei nostri siti produttivi che con il loro atteggiamento di grande responsabilità e professionalità hanno posto le giuste premesse affinché il nostro territorio possa continuare a svolgere un ruolo importante nell’economia locale e internazionale.
E’ mia convinzione, maturata attraverso le esperienze di trincea come tale è l’Ente Comune, che il futuro che noi possiamo assicurare ai giovani passa necessariamente attraverso una rigorosa selezione degli obiettivi da raggiungere oltre che una attenta gestione delle risorse che non sono affatto inesauribili.
Questo significa che bisogna abbandonare il vezzo di rivendicare sempre tutto dimenticando talvolta anche i propri doveri.
Se sapremo prendere esempio dai sacrifici che giornalmente fanno i lavoratori nelle nostre aziende avremo posto le giuste premesse per accrescere il livello qualitativo della vita dei nostri concittadini.
Con l’arrivo del nuovo anno, si avvicina anche un appuntamento importante quale le elezioni per il rinnovo del Consiglio regionale del Lazio.
Per Cassino è una occasione importante per ribadire le sue necessità in ordine al ruolo che essa svolge nel territorio come città più grande dopo il capoluogo.
Troppo spesso abbiamo dovuto assistere a elargizione di fondi che hanno visto penalizzato il nostro territorio e questo non è più tollerabile.
Ma questo importante appuntamento dovrà essere anche un momento di svolta nei rapporti tra Roma capitale e il resto del territorio regionale.
Siamo convinti che la Regione non può crescere in maniera acefala.
La crescita e la giusta distribuzione delle risorse anche verso territori lontani come il Lazio meridionale è nell’interesse anche della città di Roma.
Sono profondamente convinto che questo tipo di impostazione possa essere condiviso da tutte le forze politiche che si apprestano a competere per eleggere la nuova leadership alla Regione Lazio.
Al termine di questo intervento rivolgo un vivo ringraziamento, a tutti i Sindaci della Consulta, che con il loro prezioso contributo consentono di tutelare e valorizzare le risorse nel nostro territorio.
Ringrazio, infine,
– i Consiglieri Comunali ed in special modo il Presidente Mignanelli per la constante attenzione e disponibilità;
– gli Assessori per l’impegno profuso nell’esercizio delle deleghe loro conferite;
– il Segretario Generale dott. Fragnoli;
– i miei collaboratori ed in maniera particolare il dott. Lena,
– i dirigenti e dipendenti comunali tutti.
Formulo dunque, con tutto il cuore ai cittadini di Cassino e a voi qui presenti i più fervidi auguri per il nuovo anno, foriero di serenità e prosperità”.
Dott. Bruno Vincenzo Scittarelli