Giorno: 3 febbraio 2010

3 febbraio 2010 0

Frontale con un mezzo del soccorso stradale, muore un 40enne

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Si è schiantato frontalmente contro un carroattrezzi per il soccorso stradale e ha perso la vita. Si tratta di un 40enne di Taranto che è decuduto questa sera poco dopo le 22 in ospedale a Cassino dove era stato trasportato d’urgenza in seguito ad un terribile incidente stradale. Il sinistro è avvenuto poco dopo le 20 sulla strada provinciale che dal casello autostradale di San Vittore…

del Lazio porta in città. L’uomo viaggiava a bordo di una Hyundai insieme a un coetaneo quando, per cause al vaglio dei carabinieri la vettura si è schiantata frontalmente contro un carro attrezzi che proveniva in senso opposto. Le due persone a bordo dell’automobile sono state estratte dalle lamiere dai vigili del fuoco. L’uomo è morto in ospedale mentre gli effettuavano esami radiodiagnostici. L’altra persona è ricoverata in gravi condizioni. Ermanno Amedei

3 febbraio 2010 0

Quarantaseienne in fin di vita, si sospetta incidente sul lavoro

Di redazione

Un uomo di 46 anni è stato trasportato in gravissime condizioni in ospedale a Cassino. Un trauma cranico ha consigliato i medici del Santa Scolastica di trasportarlo d’urgenza all’Umberto Primo di Roma e, per questo, poco dopo le 18.30, un elicottero del 118 è atterrato sull’elisuperfice dell’ospedale e, dopo aver caricato il ferito è ripartito verso la Capitale. E’ mistero su come l’uomo possa essersi ferito. Pare che l’incidente sia avvenuto in piazza Restagno a Cassino ma il trasporto in ospedale è stato fatto da suoi amici. La ferita sembra essere compatibile con una caduta e si sospetta che l’uomo stesse lavorando su un ponteggio da muratori.

3 febbraio 2010 0

Cavalli misteriosi, stalle abusive e medicinali: si sospetta un giro di corse clandestine

Di redazione

Una fattoria costruita abusivamente sotto il ponte della supestrada Cassino Sora Avezzano nel territorio di Sora (Fr). A scoprirla è stato un pool coordinato della guardia di Finanza di Sora, composto da vigili urbani, polizia provinciale, personale della Asl e dell’ufficio tecnico di Sora. Architetti e realizzatori dell’opera che ospitava ben 13 cavalli sarebbero alcuni rom. I finanzieri coordinati dal capitano Vincenzo Ciccarelli ne hanno identificati quattro. Nel corso del controllo, è emerso che dei 13 equini, solo sette erano microcippati e con documenti, gli altri sei non avevano alcun tipo di certificato di provenienza. Inoltre sono state trovate numerose scatole di medicinale umano che, se somministrato ai cavalli, avrebbero avuto effetti dopanti. Una circostanza che porta gli investigatori a sospettare che dietro la presenza degli animali vi fosse un giro di corse clandestine. Per questo, animali e baracche sono state poste sotto sequestro e i quattro rom denunciati per reati di vario genere.

3 febbraio 2010 0

Meteo, da domani torna il maltempo ad iniziare dal nord

Di redazione

Dopo un inizio settimana caratterizzato da clima asciutto e rigido, con temperature ben al di sotto delle medie del periodo, dalla serata di domani è previsto l’arrivo di una perturbazione atlantica, che porterà fra l’altro temperature in rialzo. Per venerdì è atteso diffuso maltempo su tutta la penisola e, tra sabato e domenica, ancora precipitazioni al centro e al sud. Nel dettaglio dalla sera di domani, giovedì 4 febbraio, l’approssimarsi di una perturbazione proveniente dall’Atlantico porterà le prime precipitazioni al nord-ovest, a carattere nevoso fino a bassa quota sulle regioni nord-occidentali e sull’Emilia-Romagna occidentale, mentre la ventilazione meridionale favorirà un rialzo termico al centro-sud. Per venerdì 5 febbraio si prevede maltempo diffuso, con probabili temporali lungo il versante tirrenico e precipitazioni al nord, più frequenti sulle zone alpine e prealpine e sull’Appennino settentrionale, che potranno assumere carattere nevoso fino in pianura sul nord-ovest e a quote superiori ai 400-600 metri sulle restanti zone del nord. Deboli nevicate sono previste anche sull’Appennino centrale. I venti subiranno un deciso rinforzo contribuendo ad aumentare il moto ondoso dei bacini occidentali, da mossi ad agitati. Sabato 6 febbraio assisteremo ad un sensibile miglioramento al nord, mentre al centro-sud persisteranno condizioni di tempo perturbato, con rovesci o temporali sparsi e precipitazioni nevose sull’Appennino centro-meridionale, con quota neve al di sopra dei 700-900 metri. Ancora ventilazione sostenuta sulle due isole maggiori, con mari agitati o molto agitati. Secondo le previsioni attualmente disponibili, bisognerà aspettare fino a domenica per registrare un deciso miglioramento anche al centro, in particolare sui settori tirrenici, mentre sulle regioni meridionali si avranno ancora rovesci e nevicate sui rilievi appenninici, in attenuazione nella giornata di lunedì. Il Dipartimento della Protezione civile seguirà l’evolversi della situazione in contatto con le Prefetture, le Regioni e le locali strutture di protezione civile, anche attraverso l’emissione di eventuali avvisi di avverse condizioni meteorologiche laddove necessario.

3 febbraio 2010 0

Cassino Calcio / L’era dei Sanderra inizia con due amichevoli

Di redazione

Doppia seduta per la compagine di mister Stefano Sanderra. La squadra ha lavorato alacremente sia in mattinata che nel pomeriggio agli ordini del nuovo allenatore; oggi è arrivato in azzurro anche il nuovo allenatore in seconda Luca Sanderra. Intanto, si comunica il programma relativo a questo fine settimana, che vedrà la compagine cassinate cimentarsi in due amichevoli. Domani, giovedì 4 febbraio, il Cassino sfiderà in amichevole la squadra del Luco Canistro, militante in serie D. La sfida verrà giocata ad Antrosano di Massa d’Albe (AQ), presso il campo sportivo “Zambardi”. La gara avrà inizio alle ore 14.30. Sempre contro uno sparring-partner di serie D verrà disputato il match di sabato mattina. Presso lo stadio “Arnale Rosso” di Fondi, alle ore 11.00, la squadra di Sanderra affronterà la formazione locale, che tanto bene sta facendo nel raggruppamento “G”.

3 febbraio 2010 0

Regionali 2010 / Abbruzzese ai lavoratori Fiat: “Le vostre preoccupazioni sono anche le nostre preoccupazioni”

Di redazione

“Per numero di occupati, qualità dei marchi presenti sul territorio e indotto, il gruppo Fiat rappresenta per il Cassinate un realtà molto significativa. Siamo quindi molto preoccupati per ciò che sta accadendo, e chiediamo ai vertici aziendali di capire quale impatto potrà comportare il piano industriale sul futuro della nostra Provincia”. Lo ha detto il capogruppo Pdl all’Amministrazione provinciale di Frosinone, Mario Abbruzzese, a margine dello sciopero nazionale indetto dai sindacati contro il piano industriale del gruppo Fiat, che ieri mattina ha visto un centinaio di maestranze locali manifestare, dalle 10 a mezzogiorno, sotto la sede decentrata dell’Unione Industriali di via Cimarosa, a Cassino. “Le preoccupazioni dei lavoratori sono anche le nostre preoccupazioni – ha aggiunto Mario Abbruzzese, candidato al Consiglio regionale del Lazio – perchè, a fronte di un processo generale di ristrutturazione del settore industriale, vorremmo conoscere le strategie del gruppo per quanto riguarda le aziende che da decenni operano sul nostro territorio. Aziende – ha tenuto a ricordare l’esponente politico di centrodestra – che hanno un’immagine molto forte a livello internazionale, e che ancor più di altre soffrirebbero l’impatto di politiche di ridimensionamento. Senza contare le tante imprese dell’indotto, che rappresentano una realtà significativa per tutti e 91 i Comuni della Provincia di Frosinone”. Mario Abbruzzese conosce molto bene le esigenze e le problematiche che ogni giorno affrontata non solo Fiat Auto, ma tutte le piccole e medie aziende dell’indotto industriale. A margine dello sciopero di quattro ore, indetto unitariamente da tutte le sigle sindacali, contro il piano industriale del Lingotto che prevede, a partire dal 2011, la chiusura dello stabilimento di Termini Imprese, Abbruzzese ha fatti una attenta riflessione. “La Fiat – ha detto – deve accelerare la presentazione del piano industriale nel suo complesso: oltre a Termini Imerese e ai precari, c’è il problema di altre parti del gruppo, fra queste anche lo stabilimento di Piedimonte San Germano. Bisogna fare il punto sugli impegni Fiat e gli investimenti”. Poi l’esponente politico del Pdl ha fatto un passaggio sull’arrivo di altri incentivi statali. “Gli incentivi – ha spiegato Mario Abbruzzese – sono un problema che riguarda l’Europa. Normalmente quando ci sono gli incentivi c’è anche una strategia d’uscita, perchè altrimenti il saldo è troppo brusco e, quindi, va coordinato a livello europeo. Ma bisogna fare presto, perché continuando a parlare di incentivi, sì o no, si finisce che, oltre al calo stagionale, nessuno più comprerà una macchina in attesa degli incentivi statali. Bisogna parlare meno e prendere più decisioni”.

3 febbraio 2010 0

Regionali 2010 / Frosinone – L’associoazione codici non si candida ma presenta comunque un programma elettorale

Di redazione

Si è tenuta questa mattina presso la sala del Consiglio Provincia di Frosinone la conferenza stampa di presentazione del Programma Elettorale Regionali Lazio 2010. Dalla sanità ad una seria politica della casa fino alla riqualifica dei centri urbani e periferici, dalla sicurezza stradale alla sicurezza alimentare, dalla legalità alla lotta all’usura e alla criminalità organizzata, dalla tutela dell’ambiente alla difesa dei diritti degli animali, dalla semplificazione amministrativa alla tutela dei consumatori. Tra gli interventi: Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale CODICI; Primo Mastrantoni, Presidente Aduc; Italo Santarelli, Presidente Airp; Vittorio Parifi, Casa del Conumatore; Adriano Roma, Vice Coordinatore Provinciale Pdl; Fabio Forte, candidato Consiglio Regionale UDC, Stefania Martini, Ass. Attività Produttive Comune di Frosinone; Antonio Abate, Segretario Provinciale la destra. Dopo le ultime vicende che hanno visto come protagonista il dimissionario Presidente della Regione Lazio, Piero Marrazzo, la società civile avverte la necessità di avviare un tavolo di confronto con i nostri futuri amministratori. In occasione delle elezioni regionali la società civile incontra la politica per dare vita ad un nuovo “soggetto politico”che NON INTENDE CANDIDARSI, ma ha realizzato un programma frutto di un lavoro comune, in cui si sostiene che il prossimo governo regionale dovrà puntare sulla qualità e l’efficienza dei servizi, nonché sulla partecipazione come momento centrale di un recupero di democrazia all’interno della nostra Regione. Il nostro nuovo “soggetto politico” ha il compito di portare il programma all’attenzione dei partiti e dei politici che si candideranno alle prossime elezioni Regionali. Con le prossime elezioni regionali i cittadini del Lazio saranno chiamati a operare delle scelte al fine di garantire la propria libertà, salvaguardando quelle regole che sono stabilite da una costituzione adottata e condivisa dalla maggioranza. Attraverso il voto, i cittadini saranno protagonisti e allo stesso tempo artefici di un cambiamento che auspichiamo sia di recupero di quella funzione di servizio pubblico che vada a beneficio della collettività. Oggi le associazioni presentano alla stampa di Frosinone il Programma elettorale che intendono proporre ai futuri candidati. Queste saranno le emergenze di cui dovrà occuparsi il prossimo Governo Regionale: Sanità: l’esigenza di «spendere meglio» è uno dei passaggi fondamentali di qualunque programma di politica sanitaria, la spesa sociale e sanitaria devono essere programmate con rigore e serietà. L’esperienza delle Regioni più virtuose, al contrario di quelle dove si concentrano gravi disavanzi, insegna che il vero risanamento non si ottiene con tagli indiscriminati, ma con una seria programmazione sanitaria che passi senza alcuna remora per il controllo della qualità della spesa effettuata. Due sono le maggiori richieste di carattere generale: in caso di sforamento del bilancio di previsione della sanità, si deve prevedere una decurtazione automatica e progressiva sui redditi dei manager regionali e sulla dirigenza; introdurre obiettivi di qualità e di aumento della quantità dei servizi negli incarichi della dirigenza anche in previsione di un pareggio di bilancio. Piano casa: quella del piano casa è una delle problematiche sociali che necessitano del tempestivo intervento nazionale. Quattro sono i punti cardine del piano casa del Lazio che è strumento anche per reperire zone dove costruire le case popolari: semplificazione delle procedure, premio di cubatura non solo per gli edifici residenziali ma anche per le attività artigianali e produttive; interventi di demolizione-ricostruzione come freno al consumo del territorio e come strumento per il risanamento di zone pregiate dal punto di vista ambientale. Tuttavia, il problema sussiste e solo nella Capitale, allo stato attuale, mancano circa 50 mila alloggi e pur attivando gli strumenti urbanistici oggi disponibili, quali la densificazione dei Piani di zona, i cambi di destinazione d’uso, gli incentivi edificatori legati al Piano Casa e le aree pubbliche derivanti dall’attuazione del piano regolatore, non si arriverebbe a coprire neanche il 50% dell’emergenza esistente. Sicurezza stradale: nonostante sia calato il numero complessivo di incidenti stradali in Italia, è in controtendenza la stima di incidenti che hanno come unica causa l’abuso di alcol e l’assunzione di droghe, che aumenta in percentuale del 35 per cento. Si calcola, inoltre, che un incidente su tre (75 mila all’anno, oltre 200 al giorno) abbia fra i motivi l’assunzione di drink in eccesso e di sostanze stupefacenti. Nella Regione Lazio e nella Capitale la situazione è difficile, difatti ci sarebbero 564 punti pericolosi, i cosidetti Black Point tra incroci (100 casi), buche (249 vie) e segnaletiche inesistenti o invisibili (75 casi). I primi mesi del 2009 sono stati catastrofici: 1820 incidenti stradali nella Capitale con 1050 feriti. La nostra proposta è quella di considerare la strada un “servizio” al pari dell’energia elettrica, del gas, del telefono, del trasporto pubblico locale e di quello ferroviario, ecc., e prevedere quindi una legge “ad hoc” che ne disciplini l’attività e le responsabilità in ordine all’esercizio, l’istituzione di un’Autorità Garante in grado di supportarla, la realizzazione di una Carta dei Servizi della strada. Trasporti e Mobilità: in materia di trasporti, purtroppo, non vengono presi in considerazione gli interessi degli utenti, beneficiari dei servizi di mobilità. Anzitutto, è necessario prevedere percorsi di partecipazione effettiva degli utenti alla definizione dei contratti di servizio. E’ necessario, inoltre, che venga sviluppato un sistema integrato di verifica dei disservizi, come previsto dalla legge regionale sul trasporto del 2003, in collaborazione con le associazioni dei consumatori. In assenza di una autorità sui trasporti regionali, è necessario prevedere strumenti alternativi di verifica del rispetto degli obblighi assunti nei contratti di servizio, che vedano il coinvolgimento delle associazioni degli utenti. Il conseguimento degli obiettivi definiti in sede comunitaria e da ultimo ribaditi nel libro verde “Verso una nuova cultura della mobilità urbana” del settembre 2007, richiedono una incentivazione all’uso del trasporto pubblico che deve necessariamente passare per un recupero di efficienza e di qualità. La concentrazione urbana nella provincia di Roma e nella stessa Capitale impongono una revisione del sistema dei trasporti regionale. Occorre attivare un sistema di metropolitane regionali che colleghino Roma con i maggiori centri della provincia romana e con il capoluoghi provinciali. Solo in questo modo si potrà allentare la morsa urbanistica sulla capitale e utilizzare il patrimonio edilizio esistente. Inquinamento del territorio e trattamento dei rifiuti solidi urbani: gravemente attuale si presenta la problematica ambientale nella sua doppia veste di inquinamento del territorio e trattamento dei rifiuti solidi urbani. Entrambe le problematiche possono essere affrontate efficacemente con una incentivazione importante del riciclo delle materie prime e della pratica del “riutilizzo” soprattutto, quest’ultima, per quel che riguarda contenitori in vetro e plastica. Queste modalità hanno il pregio di convertire in attività e valore quello che a tutt’oggi è considerato scarto ed ingombro e che troppo spesso viene “smaltito” in discariche abusive. La raccolta rifiuti “porta a porta” costituisce una importante modalità di coinvolgimento ed educazione civica, ed è un passo imprescindibile l’attuazione della stessa su tutto il territorio romano. Siamo purtroppo anche consapevoli che in questo settore si celano gravi sacche di colpevole inefficienza e malaffare, per questo crediamo necessaria l’istituzione di una Autorità garante. Recupero e riqualifica dei centri urbani e periferici Il recupero della città esistente e quindi del centro urbano contestuale alla riqualifica e alla creazione di spazi per le periferie è un punto focale per la qualità di vita dei cittadini che necessita dell’intervento delle prossima legislatura Regionale. In questo contesto sociale il modello spaziale più adatto a rispondere alle nuove domande diventa quello policentrico e reticolare, che sa agire meglio su ambiti territoriali locali attraverso un approccio complesso, cioè in grado di utilizzare al meglio le strutture urbane esistenti e di coinvolgere i diversi attori sociali: differenti livelli di amministrazione pubblica, i privati, la società civile, le famiglie e in particolare i minori spesso lasciati allo sbando. Semplificazione Amministrativa I Fenomeni di mala amministrazione, con il devastante strascico di sprechi, illegalità e inefficienze emersi in questi anni, sono ormai lì a contraddire e a marginalizzare gli sforzi di contrasto all’interno di diversi settori amministrativi e servizi pubblici e il livello dei servizi resi nel complesso non sembra allinearsi al crescente esborso in tasse e tributi locali richiesto ai cittadini. La Pubblica Amministrazione è stata oggetto negli anni di progressive occupazioni politiche e lobbistiche che hanno stratificato un tessuto di autoreferenzialità, inamovibilità e privilegio dei funzionari dei lavoratori del pubblico impiego. Tale “Servizio” invece dovrebbe basarsi sull’efficienza e sulla capacità di rispondere alle esigenze di una Nazione in modo flessibile e rapido. E’ indispensabile, quindi, un impegno, per la razionalizzazione di Enti e agenzie regionali in linea con la riforma delle P.A. del Ministro Brunetta. Semplificare significa, anche, eliminare enti e società del tutto inutili o che si sovrappongono all’attività delle Regione, complicando gli iter burocratici, rendendo così un disservizio al cittadino. Attualmente esistono 75 Enti e Agenzie regionali alle quali vanno aggiunte Enti e societa’ di diritto privato di cui la Regione Lazio e’ azionista, tra le quali la ragnatela Sviluppo Lazio che controlla una quarantina di società e altre quali Laziomatica, Fiera di Roma, Alta Roma, Sanim, Astral e Cotral. Il sistema dei controlli non appare, complessivamente, in grado di esercitare una verifica puntuale e tecnicamente motivata della qualità e della quantità delle spese degli Enti e delle Agenzie, manca cioè un regolamento di contabilità. La spesa complessiva dei 75 Enti ammonta a 2 miliardi di euro circa. La razionalizzazione del sistema Enti e Agenzie, con una riduzione da 75 a 38, porterebbe ad un risparmio di 105 milioni di euro il che e’ circa la metà del rientro finanziario obbligatorio previsto dagli accordi con il ministero dell’Economia per la sanità. Queste e tante altre proposte sono contenute all’interno del Programma elettorale Elezioni Regionali Lazio 2010. Il nostro nuovo “soggetto politico” non intende candidarsi, ma portare il programma all’attenzione dei partiti e dei politici candidati

3 febbraio 2010 0

Regionali 2010 / Frosinone – Il 5 Febbraio Buschini ad Alatri a tutto campo su occupazione, sicurezza e sviluppo

Di redazione

Dopo il tour “Fatti Sentire”, che ha visto protagonista il segretario provinciale del Partito Democratico, Mauro Buschini, nei novantuno comuni della provincia di Frosinone, venerdì 5 febbraio, alle ore 18.00, presso il cinema teatro Politeama di Alatri, entrerà nel vivo la fase successiva della campagna elettorale per le elezioni regionali del 28 e 29 marzo 2010. In qualità di segretario provinciale del Partito Democratico spetterà a Mauro Buschini intervenire sui grandi temi dell’Occupazione, della Sicurezza, delle Politiche Sociali e dello Sviluppo Economico. «Sarà l’occasione per aprire un grande confronto sulle problematiche che riguardano il nostro territorio – dichiara Buschini – e per proporre idee innovative volte a dare nuova linfa ad una provincia che ha delle potenzialità davvero straordinarie. Il tour che si è appena concluso ha toccato tutti i 91 comuni del frusinate con l’obiettivo di dare voce alle esigenze dei cittadini. Ora, si riparte esattamente da Alatri per entrare nel vivo di una campagna elettorale che vede il Partito Democratico schierato in prima linea per la difesa dei diritti del cittadino, primo fra tutti il diritto al lavoro. La grande emergenza del territorio è l’occupazione e noi ci prepariamo alle consultazioni di marzo con la sicurezza che saremo di nuovo alla guida della Regione per dare risposte concrete ad un territorio che ha bisogno di certezze e, soprattutto, che ha voglia di crescere. L’invito a partecipare all’evento di venerdì 5 febbraio è aperto davvero a tutti, a tutti coloro che si sentono vicini al Partito Democratico, a tutti coloro che condividono le nostre idee e che insieme a noi sostengono il grande progetto di rinnovamento di questo territorio. Insomma, prendere parte all’appuntamento del 5 febbraio è un modo per “farsi sentire” e per lasciare un segno, insieme».

3 febbraio 2010 0

Regionali 2010 / Frosinone – Il tour di Abbruzzese “Fare insieme” a Campoli Appennino e Pescosolido

Di redazione

Il tour “fare insieme”, che sta portando da qualche settimana il candidato alle regionali Mario Abbruzzese in giro per l’intera Provincia di Frosinone, domani mattina (4 febbraio) condurrà l’esponente politico del Pdl in altri due centri della Ciociaria: Campoli Appennino e Pescosolido. A partire dalle ore 10, Mario Abbruzzese incontrerà, in piazza Umberto I, cittadini, amministratori locali e simpatizzanti di Campoli. A seguire, alle ore 11.30, il capogruppo provinciale del Popolo della Libertà, sarà nel Comune di Pescosolido, in via Umberto I. L’esponente del centrodestra ha le idee chiare sul da farsi: in ogni cittadina toccata dal suo giro elettorale sta raccogliendo spunti di riflessione da decine di persone che si avvicinano ai gazebo , installati dai sostenitori del candidato, per distribuire il materiale elettorale e permettere agli interessati di aderire al tesseramento del Pdl. Il tour “Fare insieme” proseguirà anche nella giornata di dopodomani (5 febbraio) nel Comune del Cassinate di Sant’Apollinare, dove Abbruzzese si recherà, a partire dalle ore 10, in piazza Risorgimento.