Giorno: 25 febbraio 2010

25 febbraio 2010 0

Ad Alatri il Campionato regionale di tiro con l’arco Indor

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Ufficializzato il programma dei prossimi Campionati Regionali Indoor 2010, che si disputeranno il 27/28 febbraio p.v. presso il Palazzo dello Sport di Tecchiena di Alatri (Fr) in via S. Cecilia. Il Consiglio Regionale, ha stabilito che il periodo utile per la qualificazione, decorre dal Campionato Regionale 2009 al 14 febbraio 2010, questo per dare ampio margine di qualificazione agli Atleti del Lazio. A distanza di un anno, gennaio 2009, ritorna ancora nella provincia di Frosinone questo grande appuntamento per gli arcieri laziali, vista la disponibilità degli impianti e la grande professionalità delle società nell’organizzare con grande autorevolezza queste manifestazioni. Il Comitato Regionale FITARCO ha assegnato alla ZAC Archery di Alatri l’organizzazione dell’evento grazie alla disponibilità del Palazzetto dello Sport di Tecchiena di Alatri. Bella e adeguata struttura, ci consentirà nei due giorni di gara di ospitare circa 240 arcieri di tutta la Regione Lazio che nelle varie divisioni del Tiro con l’Arco si sfideranno per la conquista del titolo regionale sia singolari che a squadre. L’idea di promuovere e confermare il campionato regionale nella provincia di Frosinone ricade sul fatto di potersi avvalere di strutture moderne e capienti per poter ospitare un grande numero di atleti, con assenza totale di barriere architettoniche in modo da agevolare al massimo la partecipazione di quegli atleti diversamente abili che competono, nel nostro sport, alla pari con i normodotati. Ed infine la grande disponibilità mostrata dal Coni in tutte le nostre gare siano esse state Campionati Regionali o gare di calendario. La manifestazione si articolerà in tre turni di gara, sabato pomeriggio 27 febbraio prenderanno parte alla gara le divisioni dell’Arco Nudo e Compound, domenica mattina 28 febbraio tutta dedicata al settore giovanile, dove gareggeranno dai giovanissimi agli juniores, e domenica pomeriggio infine è il turno della divisione Olimpica. La gara si svolgerà alla distanza dei 18 mt. con 20 volèè da tre frecce per determinare una classifica ed al termine i primi otto prenderanno parte agli scontri diretti per l’assegnazione dei titoli assoluti. La manifestazione si articolerà secondo il seguente programma: Sabato 27 febbraio 2010: DIVISIONE ARCO NUDO e COMPOUND Accreditamento ore 13,30 – cerimonia d’apertura ore 14,15 – inizio tiri ore 14,30 Al termine di ogni turno di tiri si disputeranno le fasi eliminatorie per i titoli assoluti individuali (partendo dai quarti di finale) e le fasi eliminatorie a squadre partendo dalle semifinali. Domenica 28 febbraio 2010:

CLASSI GIOVANILI ( tutte le classi e divisioni ) Accreditamento ore 08,30 – inizio tiri ore 09,15

DIVISIONE OLIMPICA ( Seniores e Master) Accreditamento ore 13,30 – inizio tiri ore 14,00 Al termine di ogni turno di tiri si disputeranno le fasi eliminatorie per i titoli assoluti individuali (partendo dai quarti di finale) e le fasi eliminatorie a squadre partendo dalle semifinali. Le premiazioni, con la proclamazione dei Campioni Regionali di Classe e Assoluti, avranno luogo dopo ogni turno di tiro di ogni divisione. Al termine della manifestazione si celebrerà la cerimonia di chiusura.

25 febbraio 2010 0

Fiamme nel capannone, 36enne muore per salvare il trattore

Di redazione

Erano circa le ore 12.30 quando in Atri (Te) e precisamente alla C.da Sant’Ilario Gino Colleluori, 36enne, ha perso la vita nell’incendio di un capannone utilizzato come rimessa agricola. Secondo una prima ricostruzione fatta dai Carabinieri di Atri e dai Vigili del Fuoco di Roseto degli Abruzzi, intervenuti sul posto, al momento dell’incendio l’uomo si trovava nella sua abitazione. Accortosi della fiamme ha tentato di salvare gli attrezzi da lavoro. Così si è precipitato nella rimessa e tra le fiamme riusciva a tirar fuori un primo trattore. Quindi rientrava nuovamente nel tentativo di salvare un secondo trattore, ma questo secondo gesto gli è stato fatale. I Carabinieri lo hanno trovato a circa 2 metri dall’ingresso della rimessa, disteso per terra e con il corpo ustionato al 90%. I sanitari del 118 intervenuti sul posto non hanno potuto far nulla, se non constatare l’avvenuto decesso. La Procura della Repubblica di Teramo, nella persona del Sostituto Procuratore Dott.ssa Greta Aloisi, ha disposto il sequestro del capannone per verificare quale sia stata la causa che ha generato le fiamme.

25 febbraio 2010 0

CASSINO CALCIO / Pareggio nell’amichevole contro il Morolo

Di redazione

Cassino – Morolo 2-2. CASSINO – Pari e patta nel galoppo del giovedì tra Cassino e Morolo, compagine di serie D. Sanderra e Castiello ne hanno approfittato per mischiare le carte, specialmente nella ripresa quando si è rivelato impossibile seguire il conto dei subentrati. Ne è scaturita una gara viva e contraddistinta da ben quattro reti. Ad aprire il conto la marcatura dei biancorossi, realizzata con freddezza da Francesco Pistolesi. Gli azzurri tentavano di reagire e prima della fine del tempo coglievano una traversa grazie ad un calcio piazzato di Giannone. Dalla reazione derivava il pari: Bardeggia si inseriva in area e al termine di un’azione ribattuta trovava il tiro in grado di superare Catracchia. Il secondo tempo si apre con la consueta girandola di sostituzioni. Sanderra adopera la situazione per gettare nella mischia i giovanissimi Di Baia (’92) e Palumbo (’93), difensori della Berretti: giocheranno tutta la seconda frazione. Gran gol quello realizzato da Morello al 76’: l’attaccante riceveva da Mezgour e dalla distanza scagliava il tiro che terminava nel sacco. A riportare in parità la bilancia era il rigore di Blaiotta a sette minuti dal triplice fischio. Hanno lavorato a parte Cafiero, Lolli e Sfanò. Non si è allenato Lorusso. Domani allenamento pomeridiano al “Salveti”. CASSINO MOROLO 2-2 CASSINO: Indiveri; Bica Badan, Goisis, Merli Sala, Bianciardi; Conti, Kone, Giannone; Vigna, Bardeggia, Romeo. Sono entrati nella ripresa: Paoletti, Di Baia, Palumbo, Suarino, Morello, Berardi, Bonacquisti, Bracaletti, Martinelli, Mezgour, Jefferson, Amadio. All.: Sanderra. MOROLO: Catracchia, Fasani, Trossi, Empoli, Baylon, Savastano, Provaroni, Capuano, Pistolesi, Hasa, Fratini. Sono entrati nella ripresa: Chimenti, Romiri, Ferretti, Nave, De Angelis, Blaiotta, Buonanno, Mari, Manni, Ambrifi, Felici. All.: Castiello. MARCATORI: pt 28’ Pistolesi (M), 44’ Bardeggia (C); st 31’ Morello (C), 38’ Blaiotta rig. (M).

25 febbraio 2010 0

Un Requiem in ricordo del giovane percussionista Alviti

Di redazione

Grande l’emozione del pubblico per l’esecuzione del Requiem di Mozart, martedì 23 febbraio, giorni anniversario della morte di Francesco Alviti, il giovane percussionista scomparso dopo una strenue lotta contro la malattia. Ad eseguire la partitura mozartiana nella Collegiata di S. Giovanni Battista, riempita da un pubblico attento e partecipe, in Ceccano, sono stati il soprano Vittoria D’Annibale, il mezzosoprano Fabiola Mastrogiacomo, il tenore Enrico Talocco, il basso Adriano Scaccia, accompagnati dall’Orchestra Sinfonica Francesco Alviti, al suo debutto, e dal coro Josquin Des Pres, il tutto diretto da Mauro Gizzi. Il concerto di S. Giovanni è stato il primo di una serie dedicata al ricordo dei giovani musicisti scomparsi inq uest’anno. La scelta dell’opera mozartiana è piena di significato. Il grande musicista salisburghese infatti scrisse la partitura sapendo che stava per morire. La sua è dunque la rappresentazione della lotta dell’uomo contro la morte e della vittoria su di questa ottenuta dalla fede in Cristo Gesù. Grandi applausi al termine dell’esecuzione. Il Requiem sarà presentato il 5 marzo a Monte S. Giovanni Campano, il 21 a Colleferro, il 27 a S. Giovanni Rotondo, il 28 a Frosinone.

25 febbraio 2010 0

Attivato uno sportello di assistenza per gli immigrati

Di redazione

Con l’attivazione dello “sportello immigrati” il Comune di Serrone (Fr) offre un ulteriore servizio di riferimento per l’intero territorio. Attivato dal Distretto Socio-Assistenziale A e dal Comune, in collaborazione con la Cooperativa Sociale “In Movimento” di Ferentino, lo Sportello Immigrati svolge funzioni di informazione e consulenza ai cittadini stranieri, fornendo un servizio gratuito di assistenza per le pratiche relative allo status dei cittadini stranieri e per tutti gli aspetti relativi ai permessi di soggiorno, ricongiungimento familiare, alla cittadinanza e ai rapporti con le istituzioni e i pubblici uffici. Ogni martedì, dalle 15.30 alle 17.30, al piano terra della sede comunale di via Alcide De Gasperi, operatori qualificato sono a disposizione non solo dei cittadini stranieri ma anche degli operatori dei servizi, dei rappresentanti di enti e associazioni e di chiunque voglia avere assistenza o informazioni sul complesso sistema di procedure e norme che riguardano l’immigrazione e sull’accesso ai servizi presenti sul territorio. “Un punto di riferimento – spiega il sindaco Maurizio Proietto – per tutto il territorio che consentirà di dare risposte alle esigenze dei molti cittadini stranieri che vivono in questa zona, guidandoli nella fruizione di servizi e dando loro assistenza nella composizione delle pratiche”. “Stando vicini agli stranieri – aggiunge l’assessore ai servizi sociali, Natale Nucheli – possiamo essere più presenti sull’insorgere di eventuali criticità da affrontare e risolvere in tempi brevi e prima che si arrivi a situazioni più delicate”.

SEDE: Comune di Serrone, Via Alcide De Gasperi ORARIO: Martedì dalle ore 15:30 alle ore 17:30 TELEFONO: 0775-523064 FAX 0775-523271

Obiettivi  Facilitare l’utenza straniera nella conoscenza delle procedure e norme vigenti in Italia e guidarli nell’accesso ai servizi del territorio anche grazie alla presenza di mediatori di lingua madre i lingua veicolare;  Collaborare col personale comunale, in particolare con le assistenti sociali e servizi anagrafici;  Favorire il lavoro di rete con le forze del volontariato e la circolazione delle informazioni;  Monitorare il fenomeno migratorio con particolare attenzione all’integrazione dei minori e delle nuove famiglie nel nostro territorio;

Cosa offre  Accoglienza, orientamento ed accompagnamento ai servizi offerti dal territorio;  Assistenza alla compilazione di domande per il rilascio, rinnovo, aggiornamento dei permessi/carte di soggiorno e monitoraggio delle procedure;  Informazioni su tutte le procedure riguardanti l’immigrazione (ricongiungimento familiare, flussi migratori, visti, contratti di soggiorno, equipollenza dei titoli di studio, ecc.).

A chi si rivolge: – a cittadini stranieri e italiani; – a operatori dei servizi; – a rappresentanti di enti ed associazioni; – a tutti coloro che sono in contatto con il mondo dell’immigrazione e vogliono saperne di più.

25 febbraio 2010 0

Regionali 2010 / Buschini, nuovi linguaggi per rinnovare la politica

Di admin

«Comunicare attraverso nuovi linguaggi, per rinnovare la politica». E’ questo l’obiettivo del nuovo strumento di comunicazione utilizzato da Mauro Buschini, una videolettera settimanale veicolata ogni venerdì attraverso i social network Facebook e Youtube ed il sito internet www.maurobuschini.it. Un mezzo innovativo che sfrutta internet, «strumento altamente democratico», come ama definirlo Buschini, tra i primi in provincia di Frosinone ad aver utilizzato la rete per avvicinare la politica alla gente comune, per vagliare nuove ipotesi comunicative e stabilire un contatto costante con le persone. Un’iniziativa davvero originale quella dell’aspirante consigliere regionale e che sta riscuotendo un enorme successo soprattutto tra i giovani ciociari, destinatari ideali per Buschini, come non poteva essere altrimenti data la sua giovane età. «E’ il momento che la politica si rivolga ai giovani, discuta delle loro problematiche e ascolti le loro istanze», si “legge” nel primo video di Buschini che nel filmato ribadisce i suoi punti fermi: «Affrontare l’emergenza lavoro, investire su settori innovativi per creare nuova occupazione e dare prospettive più certe ai giovani, ai cittadini». Serve innovazione, vagliare altre ipotesi di sviluppo e non aggrapparsi alle strade già tracciate sottolinea il giovane candidato che, nel video a “tu per tu”, invita l’utente a rivolgere domande e ad esigere risposte scrivendo all’indirizzo maurobuschini@live.it. Domani, come ogni venerdì, in rete una nova videolettera dove il candidato al consiglio regionale risponde alle domande dei cittadini.

25 febbraio 2010 2

Il carro allegorico “arrestato” dalla Stradale e la rabbia degli organizzatori

Di redazione

E’ polemica sul carro allegorico sequestrato domenica scorsa dalla polizia stradale di Cassino. La struttura di cartapesta era stata realizzata da alcuni gruppi di Cervaro (Fr) per farlo sfilare a Cassino insieme ad altri carri. Alle tre, però, due pattuglie della Polizia Stradale lo hanno fermato e sequestrato. A commento della notizia, il presidente dell’associazione “NOI AMICI”, Andrea Palumbo che ha realizzato il carro insieme alle associazioni, VDS Cassino (sezione di protezione civile) e Maestri infioratori pro loco di Cervaro, ha scritto le sue perplessità che noi riceviamo e riportiamo ancora non riescono a spiegarsi perchè l’accanimnento nei loro confronti. “Innanzitutto premetto che siamo stati raggiunti da ben due pattuglie della Polizia Stradale, come se il nostro carro fosse realizzato da persone pericolose appartenenti ad una pericolosa famiglia criminale. Una volta che ci hanno raggiunto ci hanno scortati fino al parcheggio del cimitero di Cassino dove hanno effettuto i doverosi controlli, ed e lì risultato che il rimorchio non era immatricolato e quindi privo di asssicurazione; risultato… due verbali abbastanza pesanti da pagare, sfilata annullata solo per il nostro carro e bambini che hanno pianto per tutto il pomeriggio perchè avevano tanta voglia di andare a festeggiare il carnevale insieme ai loro coetanei. Ora vi porgo una domanda, qualcuno ha notato che a Cassino sono arrivati diversi carri da San Giorgio a Liri e Sant’Apollinare ed hanno sfilato regolarmente senza che nessuno ponesse loro alcun controllo, anzi la sfilata è stata scortata da diversi uomini appartenenti alle forze dell’ordine. I nostri occhi e anche quelli di numerosissime persone presenti alla sfilata, hanno notato che diversi carri (rimorchi – ndr) erano forse anche peggio del nostro perchè costruiti a mano. Da una ricerca effettuta dalla nostra associazione, neanche a Viareggio vengono usati rimorchi omologati alla circolazione stradale perchè praticamente impossibile. Ora la domanda che vi poniamo e che abbiamo posto a diverse personalità, Ministro dell’interno compreso, è la seguente: Perchè il nostro carro è stato l’unico ad incappare in un vero e proprio blitz della Polizia Stradale? Noi ammettamo che eravamo in difetto, ma lo sono anche tutti i carri che sfilano in tutte le feste di carnevale al mondo, allora se volevate porre un freno a tale tradizione perchè non farlo anche agli altri? Noi forse abbiamo dato fasidio a qualche personaggio grosso? Perchè impegnare due pattuglie per bloccare un carro di bambini che viaggiava a circa 10 Km orari? Queste sono alcune delle domande che si pongono tutte le persone che hanno lavorato giorno e notte per la realizzazione del suddetto carro e che ora sono “incazzatissime” perchè la loro opera è buttata in un parcheggio di camion”.

25 febbraio 2010 2

Costretto a prendere la figlia disabile in braccio perché gli scivoli erano tutti occupati dalle auto

Di redazionecassino1

Ennesima disavventura per un disabile a Cassino. Un genitore costretto a prendere in braccio la figlia, disabile, perché impossibile usare la sedia a rotelle. Motivo? Il parcheggio selvaggio che sembra essere ormai divenuto una prassi a Cassino. Tutti gli scivoli di piazza Santa Scolastica, dove la ragazza doveva effettuare una visita medica, erano infatti occupati dalle auto in sosta. L’uomo sconfortato ha chiesto aiuto ai poliziotti di quartiere che hanno provveduto a rimuovere le auto e a sanzionare gli automobilisti incivili. Auto lasciate in sosta davanti alle rampe dei marciapiedi, quelle che i disabili usano per attraversare. Ma non è stato l’unico episodio. La situazione si è ripetuta in piazza Labriola, auto parcheggiate nei posti riservati ai disabili. Come se non bastasse, persino la rampa di accesso al Tribunale era occupata dalle auto in sosta. Risultato dell’operazione: cinque verbali stilati e altrettante auto rimosse. Ma è una goccia in un mare di indifferenza da parte della Polizia Municipale e soprattutto degli automobilisti incivili. Mancano i controlli, mancano i mezzi, ma soprattutto manca la volontà di risolvere il problema. Un problema che nei mesi scorsi è stato troppe volte all’ordine del giorno. Tutte le volte sempre lo stesso copione: sanzioni e rimozione delle auto, poi tutto torna nella quotidianità. Tutto torna nel dimenticatoio. Maggiore responsabile di questa situazione sicuramente la Polizia Municipale di Cassino. Troppo spesso si sorvola sulla indisciplina degli automobilisti, soprattutto quando questa nuoce a chi ha già abbastanza problemi per proprio conto. Occorre un intervento concreto, definitivo. La situazione è divenuta intollerabile. E’ per questo motivo che l’argomento sarà all’ordine del giorno della seduta del Tavolo tecnico per l’abbattimento delle barriere architettoniche in città, fissato per il prossimo 12 marzo. Occorrerà discutere seriamente sul problema, realizzando delle convenzioni con ditte specializzate nella rimozione delle auto in sosta vietata e d’intralcio alla circolazione. Adottare una linea di fermezza, in altre parole ‘tolleranza zero’ verso gli automobilisti indisciplinati. Prevedere inoltre un numero verde collegato al comando della Polizia municipale a cui i cittadini possa rivolgersi, nel rispetto dell’anonimato, per denunciare gli abusi e ottenere il pronto intervento dell’automezzo per la rimozione.

Felice Pensabene

25 febbraio 2010 0

A Frosinone le delegazioni dei giovani imprenditori del mediterraneo, Africa e Medio Oriente

Di redazione

I giovani di Confindustria Frosinone saranno protagonisti di un progetto di respiro internazionale: la Conferenza per la costituzione del Network dei Giovani Imprenditori per l’Africa, il Mediterraneo ed il Medio Oriente, che si terrà il 25 ed il 26 febbraio nell’ambito del 2° Forum Economico del Mediterraneo, presso la sede di Confindustria, a Roma. Saranno presenti alla conferenza le delegazioni provenienti dall’Albania, Etiopia, Cameroon, Ghana, Libano, Marocco, Mozambico, Sud Africa, Tunisia, Kosovo, Siria, Kuwait, Senegal, Turchia, Egitto, Israele, Angola, Lesotho, Italia, Grecia. L’obiettivo del Network è promuovere e sviluppare il dialogo tra i diversi rappresentanti del mondo imprenditoriale dei paesi interessati sui temi organizzativi ed associativi, strumenti a supporto dell’imprenditoria, creazione di tavoli di confronto con le istituzioni nazionali ed estere, partecipazione congiunta a programmi internazionali, nonché impulso per l’internazionalizzazione dell’impresa. Il flusso d’informazione favorirà la creazione di nuovi rapporti economici e culturali. Tale progetto risponde alle esigenze scaturite durante il G8 Young Business Summit di Stresa e durante il convegno tenutosi a Capri il 30 ottobre 2009 proprio sul Mediterraneo. Il 25 Febbraio si svolgerà l’incontro tra i partner nazionali ed internazionali per la definizione della struttura del Network, il giorno successivo ci sarà una conferenza e la sottoscrizione di un documento di intenti. Il 27 Febbraio la delegazione internazionale si sposterà in provincia di Frosinone dove sarà ospite del Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Frosinone, che ha realizzato l’iniziativa grazie anche ad un contributo dell’Aspin, Azienda Speciale della Camera di Commercio di Frosinone. I partecipanti visiteranno due aziende locali: la Marangoni Tyre di Anagni e la Marmi Zola di Ausonia. Dopo il pranzo a Villa Euchelia, si terrà un incontro conclusivo dell’evento per scambiarsi opinioni e considerazioni sulla “‘tre giorni” italiana. “Ospitare questa delegazione nel nostro territorio – dichiara il Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Frosinone, Giovanni Turriziani – significa portare nuovo fermento al tessuto economico ed industriale, sbocchi su mercati emergenti e nuove collaborazioni. Ci sono paesi interessati ai nostri prodotti e soprattutto al nostro know-how industriale, incontrarli sarà una grande opportunità di crescita imprenditoriale”.